La crescita "esponenziale" della banchisa artica…Primo segno del minimo solare?

Come si evince bene dal grafico, l’andamento dell’estensione dei ghiacci artici nel 2008 presenta 2 caratteristiche importanti. La prima che pur partendo con l’eredità del disastroso 2007, ha recuperato bene nei mesi invernali e a settembre, quando si raggiunge la minore superficie dell’anno, nn abbiamo replicato il brutto risultato del settembre scorso, la seconda, ancora più importante e che davvero ha dell’eccezionale (se almeno la paragoniamo agli anni presenti nel grafico), è che c’è stata una crescita esponenziale ( concedetemi il termine) della superficie artica rispetto gli anni precedenti!

Un aumento rapido e deciso quindi, il tutto concentrato in poche settimane di settembre, in controtendenza con i dati satellitari della low troposfera e quelli giss delle anomalie di superficie, che vedono invece un settembre in leggera ripresa G-W. Ma sembra che per il polo nord questa volta sia stato un discorso a parte! Diviene ora legittimo chiedersi il perchè…

Non nascondo di aspettare con ansia e curiosità i prossimi dati di crescita dei ghiacci di ottobre, per vedere se il trend esponenziale di settembre risia confermato, per avere quindi più dati su cui riflettere. Siamo sicuri che questi non siano i primi effetti di questo anomalo minimo solare? Leggevo a tal proposito uno studio che riteneva che i primi effetti di un raffreddamento Globale prima di un eventuale era glaciale, li avremmo avuti proprio ai nostri poli!

Il dado l’ho lanciato, sarà forse solo un caso, ma trovatemi altre possibili spiegazioni… Alla prossima

Hatena Bookmark - La crescita "esponenziale" della banchisa artica…Primo segno del minimo solare?
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

7 pensieri su “La crescita "esponenziale" della banchisa artica…Primo segno del minimo solare?

  1. non credo che un avanzamento dei ghiacci possa essere un segnale, anche l’anno scorso, dai -3 di ottobre ai -1 di novembre.

      (Quote)  (Reply)

  2. nn parlavo tanto dell’avanzamento del ghiaccio in quanto ad estensione, ma alla velocità esponenziale in cui è avvenuto

    ciao

      (Quote)  (Reply)

  3. Mi piacerebbe poterlo pensare ma, a mente fredda, direi che è un dato assolutamente insufficiente per petr avvalorare una simile ipotesi; veniamo pur sempre dal 2° anno peggiore di “sempre”

      (Quote)  (Reply)

  4. ho visto che nel giro di una settimana la ripresa è stata notevolissima.
    Da che dipende non lo so, può anche essere tutto normale(probabile), ma di sicuro in barba a tutte le profezie serriste-gufiste rivelatesi spazzatura non c’è nessun polo libero dai ghiacci e anzi sembra voglia fare sul serio….

      (Quote)  (Reply)

  5. Bisogna dire però che la crescita esponenziale di questi giorni è data a mio avviso da un AO negativa che permette al vp di girare piuttosto velocemente e soprattutto di concentrare il freddo al polo limitando le discese fredde verso le latitudini più basse. Magari il minimo solare sta contribuendo a raffreddare la stratosfera, che a sua volta alimenta il vp ma al livello della bassa troposfera mi sembra ancora presto affinchè il minimo possa dare un raffreddamento così importante da giustificare la forte crescita artica.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.