Per il SIDC gennaio chiude a 1.5

http://sidc.oma.be/products/ri_hemispheric/

Solita differenza tra i 2 principali centri mondiali di osservazione solare, basati sul fatto che il centro belga usa ancora parametri di conteggio il più possibile attinenti col passato, se non fosse stato per la macchia di agosto, davvero sarebbe stato 2 spanne sopra il Noaa. (la responsabilità è comunque dovuta ad altri centri tipo Catania, anche se poi a mio avviso il centro belga sarebbe dovuto rintervenire come da prassi per risistemare le cose, ma non lo fece, ed è lì che ha sbagliato!)

Comunque i giorni con macchie sono stati gli stessi del Noaa, cioè ricordiamolo 6 su 31!

Mettendo a raffronto il gennaio 1913 con quello 2009, vediamo come il primo chiuse con 9 giorni con macchie su 31 ed un RI di 2.3. Quindi al momento siamo addirittura in vantaggio rispetto il 1913, anche se è bene dirlo quell’anno lì nel suo proseguo ebbe 2 mesi e mezzo di fila spotless! Febbraio è partito bene, anche oggi salvo improvvise sorprese dell’ultimo istante, siamo spotless e precisamente al 14° giorno di fila!

Stay tuned, Simon

Hatena Bookmark - Per il SIDC gennaio chiude a 1.5
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

1 pensiero su “Per il SIDC gennaio chiude a 1.5

  1. Confrontare il primo ciclo solare del 21° secolo con un ciclo solare del 19° secolo non è corretto. C’è un abisso, tecnologicamente parlando, fra gli strumenti di osservazione impiegati .Gli spotless odierni, secondo me, hanno un valore doppio rispetto al passato. Quindi sorrido, anche se malinconicamente, alla pignoleria di Catania e di altri centri similari.
    Piera

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.