Uscito il dato ufficiale dell'AMO di marzo

http://www.cdc.noaa.gov/Correlation/amon.us.data

-0.114, febbraio aveva chiuso a -o.112. Si conferma quindi il trend in diminuzione delle SSTA nord atlantiche, non sarà il valore provvisorio di -0.153 di cui si parlava qualche giorno fa, ma resta comunque un valore di tutto rispetto.

Va altresì detto che prima di fare possibili corelazioni col minimo solare in corso, il trend in decrescita dovrebbe continuare ancora per qualche mese, anche se comunque è già possibile ora stilare qualche possibile ipotesi, coadiuvati anche dai valori sempre costantemente negativi della PDO e dell’Enso.

Simon

Hatena Bookmark - Uscito il dato ufficiale dell'AMO di marzo
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

9 pensieri su “Uscito il dato ufficiale dell'AMO di marzo

  1. La ENSO è per ora neutra o leggermente negativa,si prevede un episodio debole di EL NINO,ma staremo a vedere,ciao.STEFANO

      (Quote)  (Reply)

  2. faccio notare come dal 1995, quando l’AMO è girata in territorio positivo, soltanto in altre 2 occasioni si sono avuti 3 mesi consecutivi con valori negativi: nel maggio-giugno-luglio del 1996 (che forse però rappresenta un “lascito freddo” della precedente fase) e nello stesso trimestre del 2002, ma entrambe le volte non con valori così decisamente negativi come a febbraio e marzo di quest’anno. Se l’indice dovesse confermarsi su valori negativi anche nei prossimi mesi che portano all’estate, la cosa sarebbe sicuramente anomala, poichè l’oscillazione di lungo periodo (che è alquanto variabile, ma di solito si considera compresa tra 25 e 50 anni) non prevederebbe un ritorno stabile in territorio negativo almeno fino alla fine del decennio prossimo venturo.

      (Quote)  (Reply)

  3. Ma quel valore si riferisce alla AMO detrended? perchè se è così ci potrebbe essere una sottovalutazione del valore reale. Il “trend” globale è ormai in discesa, quindi non vorrei che sia un valore “fittizio”.

      (Quote)  (Reply)

  4. Penso di si, è detrendizzato perchè se uno plotta il valore dalla metà dell800 ad oggi non vede trend evidenti che ci sarebbero se il dato non fosse detrendizzato. Questo significa che l’anomalia negativa va vista solo nel contesto attuale di temperatura globale. Vuol dire forse anche un’altra cosa. Che gli effetti climatici di una amo negativa poniamo di -0.15 attuale son diversi rispetto a quelli di una AMO negativa dello stesso valore di fine ottocento e non sono paragonabili. Dico questo perchè forse la AMO diventa un potente driver climatico con eventuali switch delle dinamiche atmosferiche e della corrente a getto per certi valori soglia di temperatura dell’oceano, in una direzione o in un altra. In pratica malgrado l’anomalia apparentemente negativa di -0.15 di questi ultimi mesi, l’oceano è in realtà persino più caldo in loco di quanto non lo fosse, poniamo, in un periodo di AMO positiva di fine 800, sicchè certi feedback positivi dovuti al cambiam delle dinamiche atmosferiche non possono essere attivati…almeno per il momento si intende!

      (Quote)  (Reply)

  5. Ciao Sergio,
    si potrebbe approfondire la questione, perchè io non ho ben capito :-). Magari puoi linkare qualche sito o qualche grafico che spieghi la cosa? Che significa che è detrendizzato? E i dati NOOA linkati da Simon nel post sono tutti detrendizzati?
    Grazie 🙂

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.