Interviene Archibald sul sito di A.Watts: Finalmente anche la Nasa ammette la possibilità che stiamo andando incontro ad un nuovo minimo di Dalton

David Hathaway della NASA ha modificato le sue previsioni sul ciclo solare 24 verso il basso. Egli è citato sul New York Times (qui) dove nello specifico ha affermato:

“Tuttavia, qualcosa di molto simile al Minimo di Dalton – due cicli solari nei primi anni del 1800 che hanno avuto un picco massimo di circa 50 SSN – si trova oggi come oggi nel campo delle possibilità.”

La NASA ha fatto sua la mia previsione (parla il dottor Archibald), che già feci ad inizio 2006, che un nuovo minimo di Dalton possa ripetersi, quindi, per un periodo di tre anni, ho avuto una migliore performance di previsione solare della NASA.

Hathaway-NYT

Nel grafico sopra sono raffigurate tutte le previsioni del ciclo 24 dei principali esperti mondiali eseguite nel 2006, compresa quella di Archibald ovviamente.

Passiamo ora ad esaminare un altro successo delle mie previsioni (a parlare è sempre Archibald).

Nel mese di marzo 2008 in occasione della prima conferenza sul clima “Heartland” a New York, avevo previsto che il ciclo solare 24 avrebbe significato che non sarebbe stato un buon momento per essere un agricoltore di grano in Canada. Ed ecco infatti che il raccolto di grano canadese è calato del 20% questo anno a causa di una primavera fredda e dei campi di coltivazione aridi. La Storia la potete vedere qui.

Gli oceani stanno perdendo calore, provocando un clima canadese freddo e asciutto in modo direttamente proprozionale alla progressione del ciclo solare 24. Come ha recentemente affermato Mark Steyn, nessun giovane di età inferiore a 29 anni ha esperienza riguardo il riscaldamento globale. Se si verificasse un nuovo Minimo di Dalton, vorrà dire che dovranno aspettare l’età di 54 anni prima di risperimentare una tendenza al riscaldamento.

Dove siamo diretti ora?

Il flusso solare continua ad oscillare. Noi non possiamo sapere per quanto tempo durerà questo periodo di quiete prima che l’attività solare salirà di nuovo. Quindi, decidere quale sia il mese del minimo, sarebbe come tirare ad indovinare.

Il Dr. Hathaway dice che non siamo in un minimo di Maunder, e io sono d’accordo con lui. Recentemente sono stato contattato da un signore che ha un ottimo modello di previsione dell’ attività solare. Esso ha “indovinato” il 20 ° secolo quasi alla perfezione, così anch’io ho un sacco di fede per quella che è la previsione per il 21 ° secolo, che sarà dato da un paio di cicli molto deboli e poi si ritornerà alla normalità. Ritengo che il suo modello sia un importante passo avanti nella scienza solare.

Per finire, quello che sto esaminando ultimamente, è la possibilità che non vi sia un inversione magnetica dei poli durante il massimo del ciclo 24.

David Archibald

Fonte originale articolo: http://wattsupwiththat.com/2009/07/28/nasa-now-saying-that-a-dalton-minimum-repeat-is-possible/

Tradotto da Simon

N.B.: PER CHI VOLESSE SEGUIRE GIORNO PER GIORNO I DATI PRINCIPALI DEL SOLE, HO INSERITO UNA NUOVA PAGINA IN ALTO DOVE C’è ANCHE IL FORUM E CONOSCENZE BASE DEL SOLE, CORRIPSONDENTE A QUESTO LINK: http://daltonsminima.wordpress.com/dati-sole-in-diretta/

Hatena Bookmark - Interviene Archibald sul sito di A.Watts: Finalmente anche la Nasa ammette la possibilità che stiamo andando incontro ad un nuovo minimo di Dalton
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

71 pensieri su “Interviene Archibald sul sito di A.Watts: Finalmente anche la Nasa ammette la possibilità che stiamo andando incontro ad un nuovo minimo di Dalton

  1. Si Simon in effetti tutto può essere, ma mi sento di rimanere sulle mie idee in quanto le somiglianze con l’inizio del minimo Dalton sono davvero troppe e, anche il normale succedersi dei cicli sembra essersi inceppato troppo poche sono state le macchie del nuovo ciclo per avere una ripresa tangibile del sole a breve o per, quanto meno ipotizzarla, dovremmo essere su un valore di sunspot tra i 5 e i 10 mensili e anche come flusso dovremmo essere almeno stabilmente intorno o sopra i 75 invece non ci siamo e poi cosa dire delle influenze di Giove e del suo campo magnetico sul sole in quanto si sta avvicinando al punto di minima distanza da esso e questo ha sempre coinciso con un forte minimo solare nel passato e correggimi se sbaglio ma io rimango su un nuovo super minimo ora sono curioso di vedere come andrà l’autunno ma li non mi sento di sbilanciarmi però un’idea ce l’ho…

      (Quote)  (Reply)

  2. l’avevo già consultato prima. Magari mi è sfuggito , ma non mi pare sia scritto come si determina l’inizio del minimo solare. E’ spiegato come si determina la data del minimo ma non quella dell’inizio della fase di minimo solare. In altre parole, Fabio Campanalle nel suo sito indica che la durata del minimo attuale, sinora, è di 3,6 anni. Quindi l’inizio di questo minimo sarebbe posizionato a gennaio 2006. Questo perchè ?

      (Quote)  (Reply)

  3. Allora luigi…l’inizio di un minimo solare di solito è dato dal primo giorno spotless, che nel nostro caso coincise con fine gennaio 2004(credo il 27 o il 28)…

    poi ci sn altri metodi, quello usato nel sito di F.Campanella credo si rifeirsca ad un minimo iniziato con un SSN inferiore a…nn lo so nenach’io, infatti avrei voluto sempre chiederglielo, ma mi sn sempre dimenticato…

    magari se ci legge ci può finire la risposta

    Ciao

      (Quote)  (Reply)

  4. x emanuele..certamente, condivido la tua prima parte..
    ma il mio pensiero voleva essere solo riferito al fatto che per dei cambiamenti notevoli, i tempi saranno sicuramente maggiori..e poi bisognerà forse anche valutare le sue ripercussioni. Ho letto che la temperatura più alta mai registrata finora sulla Terra da una stazione a norma è stata di 53,9° presa nella Death Valley durante uno degli ultimi minimi importanti…con noi non centrerà niente, essendo un posto abbastanza estremo….però

    Ciao

      (Quote)  (Reply)

  5. Concordo ragazzi la cosa si fa interessantissima…aspettiamo di vedere le mosse della Natura nei prossimi mesi/anni e valutiamo i primi effetti del minimo solare che credo ci saranno, come è sempre stato…
    Una cosa pero’ e’ da valutare soprattutto nella tempistica di questi che potrebbe essere piu’ o meno lunga e nn a breve termine (intendo per cose grosse e generalizzate e nn locali) 😉

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine