A META' ESTATE COMINCIAMO A FARCI UN’IDEA SULL’INVERNO

È da poco passata la metà dell’estate meteorologica e già si cominciano a tracciare le prime tendenze per l’inverno. Analizziamo intanto i primi indici sui quali abbiamo una certezza quasi totale: ENSO, QBO, minimo solare. Questi gli indici teleconnettivi che decideranno il nostro inverno.

Partiamo dall’ENSO: Questo indice, ben conosciuto da tutti è quello che ci indica la presenza di “El Nino” o “La nina”. Quest’inverno lo vedremo a valori decisamente alti il che ci indica la presenza di El nino di intensità moderato/strong. Questa situazione ci sarà decisamente a sfavore nel periodo autunnale e forse all’inizio dell’inverno perché farà si che gli HP subtropicali si gonfino in modo esagerato e permettano che i mesi di ottobre e novembre siano molto sopramedia termica e sottomedia pluviometrica. Però va detto che un azzorre forte può tornare utile nel periodo invernale (vedi QBO).

QBO e minimo solare: Partendo dal presupposto che il minimo non abbia effetti immediati sulle temperature vediamo gli effetti che ha su questo indice molto importante in inverno. Questo inverno avremo una QBO- che associata a minimo solare significa una forte prevalenza di correnti antizonali (da est verso ovest) e quindi inibisce l’effetto di portare forti correnti zonali che ha un nino forte, ciò significa che avremo un rapido raffreddamento della Russia europea a causa del risveglio dell’anticiclone russo-siberiano che si spingerà eccezionalmente a ovest. Questa situazione è paragonabile al 1987 quanto ENSO+ con QBO- con minimo solare portarono un gennaio freddo e nevoso. Infatti avere l’HP delle azzorre forte e l’HP russo ad ovest voleva dire frequenti ponti di Weikoff con altrettanto frequenti episodi di burian.

Diciamo che se volessimo illustrare i mesi a venire avremo questa tendenza:

AGOSTO 2009:

1

SETTEMBRE 2009:

2

OTTOBRE 2009:

1

NOVEMBRE 2009:

1

DICEMBRE 2009:

1

GENNAIO 2010:

1NB.: Ho scelto carte dell’inverno 86/87 perchè hanno indici telleconnettivi che più di qualunque altro anno si avvicinano a quelli di questo.

MICHELE (RN)

Hatena Bookmark - A META' ESTATE COMINCIAMO A FARCI UN’IDEA SULL’INVERNO
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

52 pensieri su “A META' ESTATE COMINCIAMO A FARCI UN’IDEA SULL’INVERNO

  1. ciao ragazzi..sentite nessuno di voi conosce siti vari che trattano di metereologia nei suoi piu svariati aspetti? magari mi inserite dei link ma anche consigli di libri ..ve ne sarei infinitamente grato..eh fatemi sapere…beh per il momento vi saluto e vi auguro una piacevole giornata

      (Quote)  (Reply)

  2. Preferisco nn rispondere all’autore…

    chiari i segnali di riferimento..

    l’unica cosa che gli chiederei, sarebbe questa: il 30 luglio c’è stata una macchia???????????????????

    si quella vista solo da Catania…

    lasciamo perdere vah, e andiamo avanti per la nostra strada

      (Quote)  (Reply)

  3. Simon, mettiti il cuore inpace. Piú questo blog diventa importante e autorevole grazie a te a tutti gli articolisti, (in primis ALE) piú denigratori troverai sulla tua strada.
    Continua cosí, chi conosce questo blog lo apprezza.

      (Quote)  (Reply)

  4. Infatti.
    Penso sia inutile e forse persino dannoso polemizzare con altri siti ed i loro articolisti.
    Meglio perseguire la propria linea, con chiarezza e determinazione, senza farsi influenzare dalle critiche altrui, che non sono sempre disinteressate. Il pubblico che bazzica in Internet valuterà e sceglierà, come sempre

      (Quote)  (Reply)

  5. per i ghiacci artici, ho già spedito a simon il riassunto di Luglio 09, entro qualche giorno sarà pubblicato, seguito anche da quello dei ghiacci antartici che sono sempre in buona forma.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.