Ghiacci Marini Antartici – Situazione Agosto 2009

Estensione:

Anomalia Concentrazione:

Area:

Trend Anomalia Estensione:

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 0.3milioni di kmq di estensione in più e 0.2 in più di area

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 0.9milioni di kmq di estensione in più e 0.4 in più di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 0.5milioni di kmq di estensione in più e 0.6 in più di area

FABIO

Hatena Bookmark - Ghiacci Marini Antartici – Situazione Agosto 2009
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

34 pensieri su “Ghiacci Marini Antartici – Situazione Agosto 2009

  1. Chissà se centra qualcosa (circa l’estensione dei ghiacci) la presenza da 20-30 anni del buco dell’ozono sopra l’Antartide ?

      (Quote)  (Reply)

  2. Simon stai parlando della situazione del 31 agosto.La variazione dal 2 al 3 settembre 2009 e positiva!!!!stanno gia iniziando a recuperare mentre tutti sanno che fino al 15 20 settebre i ghiacci tendono a fondere.Bene oltre a questo dato ce ne un!altro che se confermato sarebbe eccezionale:stando alle ultime rivelazioni la forza del nino starebbe scemando e sembra che a fine anno non superi 1,5 ma io penso che dovranno ancora rettificare al ribasso in futuro.Confermi?perche purtroppo i dati del ciclo enso non sono sempre aggiornati e precisi.ciao GIORGIO

      (Quote)  (Reply)

  3. Giorgio, come hai giustamente segnalato ormai molti centri climatologici (Cile, Argentina, Cuba) stanno indicando un Niño debole con temperature superficiali che da maggio/giugno e fini ad adesso si mantengono intorno ai 0,5° di anomalia positiva. Lo sviluppo di un Niño che era dato all´80% adesso é dato al 65% per i mesi estivi. (dicembre febbraio) e comunque in rapida decrescita dopo l´estate.
    L´atmosfera sta tardando a rispondere alla nuova fase e gli alisei sono deboli nella zona del pacifico centrale.
    Tra qualche giorno usciranno i bolletini ufficiali e ne potremo sapere di piú.

    En agosto de 2009 las anomalías negativas de la temperatura de la superficie del mar se mantuvieron en el Pacífico tropical pero algo debilitadas respecto de los valores observados en julio. La última semana de agosto re registraron anomalías positivas puntuales intensas en la zona El Niño. Desde mayo de 2009 se observaron anomalías positivas de temperatura de la superficie del mar el Pacífico tropical y desde junio los valores superaron 0,5ºC. Aparentemente se trataría de un Niño débil. El agua subsuperficial presenta anomalías positivas en el Pacífico central y oriental pero no demasiado significativas. La atmósfera está tardando en responder a esta nueva fase cálida por lo que el SOI muestra gran variabilidad. Los alisios están debilitados en la zona del Pacífico Central.
    http://www.cima.fcen.uba.ar/~gonzalez/sclima/index.htm

      (Quote)  (Reply)

  4. Si, noi siamo piccoli piccoli, per fortuna incidiamo ben poco sui cambiamenti climatici! Quelli del GW tra qualche anno si convertiranno e allarmeranno il mondo intero affermando che il sole non ha più macchie perchè usiamo troppe creme solari! Prepariamoci!!!

      (Quote)  (Reply)

  5. credo sia insito nella natura umana la tendenza ad uniformare tutto quello che accade in qualcosa di preformato, tabelle, modelli meteoclimatici, cicli solari.
    Non si tratta di essere pro o contro questa o quella teoria ma di essere dei semplici spettatori di quello che la natura, il nostro pianeta, il sole stesso fanno quotidianamente.

    Intanto solar wind stazionario intorno ai 360 mi pare e solar flux a 69 non aggiustato.

      (Quote)  (Reply)

  6. La retorica sul GW è funzionale all’incentivazione di nuove e non inquinanti fonti energetiche, allo studio e all’uso di ulteriori fonti energetiche.

    Qui potrebbe essere l’inghippo: nuove fonti energetiche da affiancare e aggiungere alle consuete per supplire alle enormi esigenze che avremo in futuro per riscaldarci.

    Potrebbe essere questa la chiave di lettura del can can mediatico sull’inquinamento: non possono dire all’umanità che tra 10-20-30….anni l’europa la russia il nord/sud america…. saranno coperte dai ghiacci per molti mesi all’anno in conseguenza della PEG prossima ventura.

    Si scatenerebbe la lotta all’accapparramento di energia, fonti alimentari, posti temperati…..con gravissime tensioni sociali e politiche; pensate solo al crollo della produzione cerearicola di stati uniti brasile e argentina.

    E’ un’ipotesi ma se l’arrivo di una PEG pare sempre più plausibile a noi pare strano che Loro non sappiano.
    Ciao
    Marcello

      (Quote)  (Reply)

  7. Condivido la tua sensazione circa una delle ragioni del silenzio su questo minimo. E, tutto sommato, potrei anche considerarla una retorica con un fondo “etico”, se non fosse che qualcuno ci sta già guadagnando alla grande.
    L’altra ragione, mi sembra, è che il mondo scientifico non sa ancora davvero che piega prenderà questo minimo.
    Magari qualcuno lo sospetta, ha più informazioni di noi e magari fa finta di niente.
    In tutta sincerità, però, l’impressione che ho ricavato in questi mesi dalla lettura dell’enorme mole di documenti riportati in NIA, in wattsupwiththat ed altri siti è quella di un gran numero di ipotesi, un certo numero di indizi, ma soprattutto di dubbi di fondo irrisolti.

    Insomma, alla fine penso sarà il Sole a risolvere i dubbi del mondo scientifico, nei prossimi 12 mesi, in un senso o nell’altro, e non gli studiosi a prevederne il comportamento in anticipo.

      (Quote)  (Reply)

  8. E, a tale proposito, sottoscrivo pienamente una frase di Leif Svalgaard, riportata nella discussione in wattsupwiththat.com qualche giorno fa, in cui dice testualmente “One should be particularly suspicious of people ‘in the know’ that proclaim to have the truth”. Ecco, quando qualcuno (chiunque sia) mi dice che certe cose, tra mesi o tra anni, andranno SICURAMENTE in un certo modo, mi insospettisco e prima di convincermi devono essere presentate prove più che solide e tali da dissipare dubbi ed ambiguità. E questo è esattamente ciò che manca, a proposito dell’attuale minimo.

      (Quote)  (Reply)

  9. Se l’Antartico sta lievemente aumentando, l’Artico sta diminuendo in maniera molto più sensibile….. Sommando i due poli siamo in forte deficit …CAPITO!!!!!!

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.