Nowcasting probabile regione 1026

Dunque vediamo come è messa la bestiolina oggi con gli ultimi aggiornamenti dello Stereo Behind:

1Qui invece la situazione Far-Gong aggiiornata alle 12 di ieri: (quindi l’ultima disponibile):

Dal Far, si vede che in teoria alle 12 di ieri le macchie non ci sono. Però avendo avuto modo di seguire giorno per giorno gli aggiornamenti, è già capitato che 12 ore prima davano macchie con probalità sempre attorno al 80-89%2, e 12 ore dopo tutto riscompariva come in questo ultimo caso. Da prendere con le pinze insomma.

Volendo invece dare un parere sulla situazione dello Stereo Behind, qui si nota che la regione è ancora ben presente, anche se onestamente devo riconoscere che rispetto ai giorni passati, mi sembra si stia sfaldando leggermente. Ma anche qui il condizionale è d’obbligo.

Qui sotto sempre lo Stereo Behind autoaggiornante in modo da poter fare dei paragoni con l’immagine salvata sopra:

PS. Con oggi abbiamo raggiunto il 18° giorno spotless conscutivo, non ci resta che attendere l’arrivo della suddetta regione, sperando di arrivare almeno ai 20 giorni di fila, non sarebbe male davvero!

Simon

Hatena Bookmark - Nowcasting probabile regione 1026
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

67 pensieri su “Nowcasting probabile regione 1026

  1. IO ricordo che a fine anni ’80 c’era stato un altro grande allineamento , sfruttato dalle sode pioneer per essere fiondate da Giove a Saturno e da Saturno … verso l’infinito ed oltre 🙂

    Ciao

      (Quote)  (Reply)

  2. Intendo dire che, al momento, un incremento da 69 a 71 non è significativo.
    Se però, ad esempio, fra 3 mesi il solar flux, continuando a salire, arrivasse, poniamo, a 85-90, allora sarebbe un segnale chiaro di termine della fase di minimo, purchè accompagnato da numerose macchie e dall’incremento di altri parametri come il vento solare.

      (Quote)  (Reply)

  3. Ti ringrazio.
    Da quanto ho letto, si tratta di ragionamenti puramente statistici, correlazioni tra periodo dell’orbita di Giove e comportamento del Sole. Non ho riscontrato alcunchè relativo alla fisica del fenomeno, almeno a livello “macro”.
    Beninteso, ciò non esclude che in futuro si possa trovare una spiegazione fisica a quanto Niroma afferma.
    Per il momento, però, sarebbe importante verificare quanto riportato al link che mi hai suggerito, cioè ad esempio che dal 2010 inizierebbe un lungo periodo di raffreddamento.
    Vediamo……..

      (Quote)  (Reply)

  4. Comunque piano piano il solar flux aggiustato muta rispetto a quello calcolato…
    Domani dovrebbe essere esattamente lo stesso, e da allora in poi l’aggiustato sarà minore di quello misurato…

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.