Eccola qui la regione 1028 numerata dal NOAA col sistema Layman&NIA's count!

1Qui abbiamo la mitica regione 1028, che tra l’altro è durata pochissime ore, quindi non solo hanno contato una non macchia, ma pure un qualcosa che ha avuto la durata di qualche ora!

E questa è la prova col metodo di conteggio di NIA:

30 pixel , 0 area e 0 macchie! (notate che gli indici sono affidabili in quanto l’osservatorio di Catania stesso metteva ieri un’area di 000.50, praticamente 0!)

Da oggi in poi si andrà avanti così, come da tempo stanno facendo i nostri amici Geoff e Robert!

Non c’è da aggiungere nient’altro, le immagini parlano chiaro!

Simon

Hatena Bookmark - Eccola qui la regione 1028 numerata dal NOAA col sistema Layman&NIA's count!
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

29 pensieri su “Eccola qui la regione 1028 numerata dal NOAA col sistema Layman&NIA's count!

  1. X Simon: scrivo qualcosa sul calcolo degli spotless degli anni precedenti, prendendo come base statistica il 2009, ma secondo me, il ragionamento sta in piedi, ma non è scientifico.

      (Quote)  (Reply)

  2. X Simon: sarebbe bene mettere nella zona Dati Sole in diretta il link per poter scaricare il programma di Laymann, notevolmente migliorato dal “nostro” Luca Nitopi. Cosí ognuno potrá fare le proprie esperienze e condividerle su NIA con tutti quelli che si appassionano all´argomento sole.

      (Quote)  (Reply)

  3. il ink per scaricare il sistema di nitopi bisogna che ve lo dia lui…

    poi lo si può mettere dove si vuole…

    Cmq Luca sta cercando di perfezionarlo ulteriormente.

    Ho letto il messaggio dell’utente Toti…informerò luca della tua prorosta di aiuto.

    😉

      (Quote)  (Reply)

  4. Pensandoci un problema c’e’.
    Questo metodo e’ basato sui conteggi delle immagini di soho.
    Quando il satellite viene ruotato ci perdiamo sempre una quindicina di giorni….
    ci verrebbe una seconda fonte (a oanche una terza..) per backup, con un conteggio scalato…

    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  5. Salve a tutti, riguardo l’ ultimo scandaloso “conteggio” del NOAA devo dire che questa volta sono tutti d’ accordo sul fatto che l’ Ente americano abbia esagerato nel considerare macchia quella “cosetta”. E pensare che il NOAA ha (aveva?) una regola che stabilisce il limite inferiore al di sotto del quale una macchia non deve “andare” per essere considerata tale, ossia una spot non “deve” possedere un’ area inferiore a 0.25 gradi quadrati (sulla “superficie” solare). Ora, visto che la macchia coinvolta nell’ ultimo conteggio del NOAA e’ molto ma molto inferiore al suddetto valore limite, bisogna concludere che l’ ente americano abbia ignorato deliberatamente tale “regola” e sicuramente non e’ la prima volta.

      (Quote)  (Reply)

  6. Scusate, in riferimento al mio intervento precedente, devo correggere il valore del limite inferiore dell’ area-macchie adottato (???) dal NOAA. Il valore corretto è di 1/25 di grado quadrato, ossia una macchia, per essere considerata tale, non deve avere un’ area inferiore a tale valore.

    Cordiali saluti :-))

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.