Continua la quiete solare!

Con oggi i giorni spotless di fila sono 5, e non si intravvedono regioni degne di nota nè nel lato visibile nè in quello Behind:

Si riaffaccia la possibilità che anche novembre possa chiudere sotto i 5 per il Sidc, per quanto mi concerne davvero inaspettata questa mini (per ora) pausa solare!

Inoltre sempre per il sidc con oggi siamo a 250 giorni spotless totali nel corso del 2009, a meno 15 dal raggiungimento dei 265 giorni senza macchie del 2008:

http://daltonsminima.wordpress.com/dati-sole-in-diretta/

Lasciatemi dire che io non mi aspetto niente di importante per il proseguo di questa serie spotless, rimango convinto che il sole si sia riacceso anche se in modo molto blando, ma in generale nessuna illusione da parte mia che la serie possa continuare e divenire qualcosa di eclatante!

Certo, dovesse risuperare i 10 giorni spotless ancora una volta o addirittura i 20, come già scrissi giorni fa, il sottoscritto rimarrebbe sempre più sorpreso!

Non ci resta che viverla giorno per giorno…ed attaccarci al nostro talismano Apuano 70

Stay tuned, Simon

Hatena Bookmark - Continua la quiete solare!
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

29 pensieri su “Continua la quiete solare!

  1. Sand tu puoi confermarmi ufficialmente questa notizia?

    nn l’ho scritto, ma il solar flux di ieri era sembrato alquanto strano anche a me…

    tira giù un articolo

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  2. Ho salvato le pagine, ma probabilmente é un errore del NOAA che ha segnato per sbaglio due 75 di seguito, quello delle 20,00 e quello delle 22,00.
    Il dato ufficiale resta quello delle 20,00 come ben sai. Quindi sarebbe un errore ininfluente per i conteggi.

      (Quote)  (Reply)

  3. Titolo dell´articolo potrebbe essere:
    QUOQUE TU, NOAA, FILI MI !!
    Ma non mi sembra interessante, per ora…. ma se i conteggi continuassero ad essere errati, allora sarebbe un´altra storia.

      (Quote)  (Reply)

  4. Ragazzi siamo alle soglie di una nuova lunga serie spotless che ci porterà a superare il record di giorni spotless dell’anno scorso e inoltre volevo segnalare che anche le lasco non danno nessun segno di attività negli ultimi 5 giorni e questo è un’altro ottimo segno

      (Quote)  (Reply)

  5. mhh…ma come è partito ( se è partito) sto ciclo 24?!?
    ..non sarebbe da escludere a sto punto una bella nuova serie spotless..anche se nei giorni scorsi qualcosa pare essere cambiato. E se il massimo del 24 fosse ancora ritardato verso circa la fine del 2011 inizi 2012 con seguente minimazzo e Sole che dal 2015 non riesce più a produrre macchie visibili come spiega la teoria pubblicata di recente

      (Quote)  (Reply)

  6. simon non so perche ma sono convinto che il 2010 fara ancora piu giorni spotles

    non dimenichiamoci che proprio nel prossimo anno avvera l’allineamento dei tre pianeti gassosi rispetto al sole

    un saluto

      (Quote)  (Reply)

  7. Simon, come ho detto , credo, altre volte , non è che i radioamatori con il Sole poco attivo debbano darsi all’ippica. Le radiocomunicazioni via ionosfera continuano ugualmente, basta scegliere la frequenza giusta. Per non parlare poi di quelle via troposfera, via luna, via satellite, via meteor-scatter et etc.
    Ti suggerirei, quindi, per aumentare il livello di serietà dei tuoi interventi, di smetterla di fare riferimento ai radioamatori come agli sfigati di turno per la scarsa attività solare, perchè, sperando tu ora l’abbia capito, non è proprio il caso.
    Ciao

      (Quote)  (Reply)

  8. Calma, un solo dato fuori posto potrebbe essere solo un errore hardware o software, vediamo se continua.

    Lo so che c’è stato lo scandalo climategate, ma non urliamo al complotto per un solo dato fuori posto XD

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.