Groenlandia e Islanda unite dal ghiaccio?

Abbiamo visto in questi giorni in cui il freddo gelido polare ha imperversato nell´Europa nell´America del nord e in Asia come il ghiaccio, che si sta formando nella parte Est della Groenlandia sia arrivato a sole 13 miglia marine dalle coste nord dell´Islanda.
Guardiamo questa immagine del 13 gennaio:

Se si verificasse che i ghiacci della Groenlandia arrivassero fino alle coste islandesi sarebbe un avvenimento che non si ricorda a memoria d´uomo o almeno nel secolo scorso ció non é mai avvenuto.
La spiegazione é che attraverso lo Stretto della Danimarca che separa Groenlandia e Islanda passa l´importante corrente della Groenlandia orientale. È una corrente fredda, che nasce nel Mar Glaciale Artico e scende verso Sud circondando tutta la Groenlandia, é una corrente con poca salinitá marina ma che si unisce nella parte nord delle coste occidentali islandesi, alla calda Corrente Nord Atlantica e l´aumento della salinitá e l´incontro con la corrente piú calda ha evitato sempre la formazione di ghiaccio nello stretto di Danimarca.

Quello che sta succedendo in questi giorni é a dir poco inconsueto perché solo alla fine di marzo, quando le estensioni dei ghiacci artici raggiunge la sua massima estensione , questi si sono avvicinati al nord dell´Islanda. Lo possiamo notare in questa immagine del marzo del 2005:

Se sta accadendo a gennaio la spiegazione puó essere che la corrente nord Atlantica che come sappiamo é un braccio della corrente del Golfo é indebolita e si unisce alla corrente alla Corrente della Groenlandia molto piú a Sud, in pratica nella parte sud della Groenlandia e ció favorisce lo scorrimento della fredda corrente della Groenlandia fino a latitudini piú meridionali favorendo la formazione del ghiaccio nella parte orientale della Groenlandia.

Che ció sia possibile lo si puó anche notare per come le coste della Groenlandia occidentali siano molto piú libere dal ghiaccio rispetto agli anni passati, e ció puó solo voler dire che quando la corrente gira verso le sue coste riceve lí la corrente calda nord Atlantica e che permette che le coste occidentali siano piú libere dal ghiaccio rispetto agli anni scorsi. Abbiamo giá visto come a fine dicembre come parte della corrente Nord Atlantica deviasse il suo corso verso il Labrador invece di proseguire il suo cammino verso est.

Un´altra spiegazione possibile é che la corrente della Groenlandia ha molta piú acqua dolce rispetto al passato e ció potrebbe essere causato dallo scioglimento dei ghiacci che si é avuto negli anni passati. Se cosí fosse sarebbe una prova che lo scioglimento dei ghiacci artici e del permafrost della groenlandia e del Canadá potrebbero provocare il blocco della corrente del Golfo con le conseguenze che tutti conosciamo. Tale eventualitá viene chiamata “effetto artico”.

Per ultimo una immagine dell´emifesfero Nord che mostra la situazione attuale dei ghiacci.

SAND-RIO

Hatena Bookmark - Groenlandia e Islanda unite dal ghiaccio?
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

44 pensieri su “Groenlandia e Islanda unite dal ghiaccio?

  1. x Andreabont
    ma che discorsi sono questi??
    La teoria del GW non sostiene che dappertutto e sempre farà caldo, che ogni anno sarà più caldo di quello passato, che ogni mese sarà sempre sopra media, poiché singole variazioni sono assolutamente normali e in linea con la comprensione fisica del sistema climatico (incluso il rapporto gas serra/temperatura che non può essere sempre perfettamente lineare). Ciò che conta in un ragionamento climatico è il trend delle temperature, valutabile solo nel lungo periodo.
    Il problema è che il rapido aumento delle temperature osservato dopo il 1980, con un tasso di crescita sconosciuto almeno nell’ultimo millennio, non può essere attribuito solo alla variabilità solare e alle altre cause naturali.

    x ice2020
    non ti fidi dei dati?.ok..il miglior termometro sono i ghiacciai..
    come sono rispetto a 30 anni fa?
    sei mi andato a fare un giretto sui nostri ghiacciai alpini?

      (Quote)  (Reply)

  2. Luca ammiro la tua conoscenza e la tua preparazione.Ti confesso sinceramente che io ero un AGW sfigatato come te anche se in questo blog nessuno lo sapeva.Poi all”improvviso quasi come un lampo uno studio dell”IPCC stesso mi ha fatto capire che era tutta una montatura.Ora ti spiego meglio.L”IPCC sostiene che la co2 porta ad un aumento di 2W per mq l”energia assorbita dal pianeta.Bene a questo punto dato che tu stesso sostieni le sue tesi non puoi certo smentirle ora altrimenti perdi di credibilita.La co2 attuale e di 388PMM contro a 280PMM dell”era ante industriale.Ammesso che tutta la co2 in eccesso sia dovuta a noi esseri umani,cosa che io dubito vivamente quanti W X Mq ha creato di energia in piu l”uomo?0,6W x mq.Questa e matematica inopinabile.Ora passiamo ai dati della NASA (ente molto vicino all”IPCC).La TSI attuale e” di 1360,8 w x MQ con un calo dal 2003 di ben 1,3w X MQ.e cioe piu del doppio di quella dovuta al maggior assorbimento terrestreOra caro mio Luca rispondi.Conta di piu l”irradiazione solare o l”attivita” umana?

      (Quote)  (Reply)

  3. la prima voce del verbo dare si può scrivere anche dò…alcuni vocabolari come il Devoto Oli lo prevedono; e anche la crusca non lo segnala come errore, visto che potrebbe confondersi con do, nota musicale.

    lo stesso dicasi per fà…

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.