Anomalie Temperature e Precipitazione Italia – Dati CNR Dicembre 2009

Prima di postare le immagini dico subito che queste mappe non godono di una buona precisione, quindi non lamentatevi se nelle vostre zone le anomalie sono diverse da quelle reali.

Il CNR fa uso delle stesse stazioni di rilevamento dal 1800, questo per creare una serie temporale abbastanza lunga da poter aver dei confronti con il passato.

Le stazioni ovviamente non coprono tutto il territorio italiano, ma anche nel 1800 era così, quindi aumentare il numero di stazioni sarebbe sbagliato ( giusto per dire, la NASA e il NOAA le hanno invece diminuite ).

Anomalia Temperature:

Il mese chiude con una anomalia di +0.49°C ed è il 54° mese di Dicembre più caldo dal 1800.

Il record spetta al Dicembre 1825 con un’anomalia di +2.76°C

Anomalie Precipitazioni:

Il mese chiude con un surplus del 55% ed è il 36° mese di Dicembre più piovoso dal 1800.

Il Record spetta al Dicembre 1825 con un deficit del 232%

Interessante notare come il record per il mese di Dicembre più piovoso e più caldo appartengano entrambi a quello del 1825 che deve essere stato una specie di Ott-Nov prolungato.

Ora passiamo al resoconto dell’anno appena passato, il 2009

Anomalia Temperature:

L’anno si chiude con una anomalia di +1.15°C ed è il 5° Anno più caldo dal 1800.

Il record spetta al 2003 con un’anomalia di +1.55°C

Infine questo è il grafico delle anomalie termiche Annuali dal 1800:

Anomalia Precipitazioni:

L’anno si chiude con un surplus dell’11% ed è il 58° Anno più piovoso dal 1800.

Il record spetta al 1826 con un surplus del 41%

Infine questo è il grafico delle anomalie precipitative Annuali dal 1800:

FABIO

Hatena Bookmark - Anomalie Temperature e Precipitazione Italia – Dati CNR Dicembre 2009
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

43 pensieri su “Anomalie Temperature e Precipitazione Italia – Dati CNR Dicembre 2009

  1. Scusate a tutti, ma temo m ristia venendo un’altra volta una specie di influenza…sn rimasto a letto fino adesso..sepro di ripremdermi presto…

    Da come vedo Nintendo è inervenuto ed ha detto la sua (aveva problemi cn internet), quando mi sentirò meglio ci parlerò in pvt…

    Prego tutti gli altri di finirla qui di condannare..

    I messaggi in moderazione sn ristati tolti…
    se ne compariranno altri gratuitamente offensivi verso il Blog o qualsiasi utente, sarò costretto a bannare.

    Se con civiltà le persone in causa vorranno chiarirsi, questo è lo spazio che vi lascio…lasciate perdere il post aperto sopra…

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  2. Ciao Emanule, sacrosanto quello che dici…

    Anzi, io ho sempre detto che chiunque voglia contribuire a scrivere articoli è il ben venuto…

    Ho proprio fondato il segreto di NIA sui collaboratori fin dall’inizio, ben conscio che da solo nn sarei andato da nessuna parte!

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  3. Figurati, nintendo, non mi interessa dover credere a qualcuno… non è mica un problema.. ma siccome non sono matto so di averlo scritto. Si sarà perso… che te devo dì? amen.. era solo una risposta a luca bo, niente di che…
    X quanto mi riguarda continuo a seguire NIA perchè penso che tratti un argomento molto importante e perchè mi sembra che il materiale portato e le spiegazioni siano di buon livello per uno come me che è si laureato e ha una discreta intelligenza, ma è solo appassionato e non studioso di clima, meteo e sole, etc… questo blog mi ha fatto imparare cose che non sapevo. alcune le conoscevo altre no… e poi è sempre sul pezzo ad ogni mossa del sole o se esce qualche articolo interessante… insomma segue l’attualità del minimo e cerca di capire se ci potranno essere delle conseguenze x noi… e questa è la cosa che mi affascina di più!

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.