LA LEZIONE CECA – COME L’ATTIVITA’ GEOMAGNETICA DEL SOLE INFLUENZA IL CLIMA

Il nostro ALE ci parla spesso della scuola astrofisica russa rivelandoci studi interessantissimi e colgo l’occasione per ringraziarlo ancora una volta.

Da parte mia, invece, vorrei segnalare i progressi della scuola ceca. Mi sembrano siano andati molto avanti su parecchi temi inerenti la relazione tra attività geomagnetica solare ed il clima terrestre

Vi riporto due studi provenienti da Università di Praga.

Nel primo, i ricercatori H. Davidkovova, J. Bochnicek, (Istituto di Geofisica),P. Hejda, R. Huth (Istituto di fisica dell’atmosfera) nell’articolo “The Possible Effect of Geomagnetic Activity on Stratospheric Major Mid-Winter Warmings: a Case Study” descrivono il processo che lega l’incremento dell’attività geomagnetica alla stabilità e intensità del vortice polare (VP). Tanto per fare un esempio , per noi europei un vortice polare stabile e forte (indice AO positivo) produce inverni meno rigidi (mi scuso con i meteorologi per l’eccessiva semplificazione). Riassumendo:

aumento dell’attività geomagnetica –> VP stabile (AO+) –> inverno mite

diminuzione dell’attività geomagnetica –> VP instabile (AO-) –>inverno rigido

Naturalmente la relazione non è così stretta, nel senso che insiame all’indice AO (Artic Oscillation), vanno considerati gli altri vari indici tele connettivi a partire dal NAO (North Atlantic Oscillation). Però un indice AO molto basso, da solo è già sintomo di un probabile split del vortice polare, con conseguenza discesa del freddo artico .

Lo studio continua mostrando come il cosiddetto strat-warming (fenomeno attraverso il quale il centro del vortice polare si spinge a sud fino a 6O° gradi N) sia legato all’attività geomagnetica solare.

Questo lavoro è stato presentato a marzo 2009. Ebbene, anche chi non è meteorologo, può andare in giro per la rete alla ricerca di siti meteo che propongono editoriali (il NIA stesso riporta dei link) e verificare come quasi tutti mettano in risalto come questo inverno sia segnato da split polari, centro del vortice che si spinge a sud, e strat-warming ripetuti, fino ad un prossimo probabile major strat-warming. E, a volte, ipotizzano, proprio che questa peculiarità sia indotta dal minimo solare.

Nel secondo (Common oscillatory modes in solar/geomagnetic activity and climate

variability and their relations) i ricercatori M. Palus (Istituto di Scienze del computer), D. Novotna (Istituto di Fisica del’Atmosfera) mostrano come l’oscillazione mensile dell’attività geomagnetica solare sia statisticamente legata con l’oscillazione dell’indice NAO. Ricordo che l’indice NAO è assai importante per il clima in Europa. Ad esempio, in teoria, un NAO positivo in estate apre le porte all’alta africana. Ma, di nuovo, i meteorologi saranno certo più precisi di me.

Di nuovo, abbiamo evidenza di come l’attività geomagnetica del sole influenzi il nostro clima, anche se, sottolineo, parliamo di oscillazioni, non di intensità.

Rispetto alla TSI, che è quasi una costante, l’attività geomagnetica del sole è variabile ed è considerevolmente aumentata, in media, negli ultimi cento anni. Viceversa, anche grazie a NIA, osserviamo come a partire da questo profondo minimo sia considerevolmente diminuita.

Provo ad indovinare una domanda dei lettori NIA: quanto dobbiamo aspettare prima che tale diminuzione provochi delle modifiche a livello di temperatura? Anche qui, c’è uno studio (On the response of the European climate to the solar/geomagnetic long-term activity) di un’Università dell’Est che ci aiuta a rispondere. I ricercatori V. Dobrica, C. Demetrescu, G. Maris (Istituto geofisica di Bucarest) hanno stimato che il lag temporale tra variazione attività geomagnetica e temperature (almeno in Europa) varia dai 5 ai 9 anni.

Rispetto ai modelli sul clima, che effettuano la loro attività predittiva su un periodo multidecadale, mi sembra che questo tipo di lavori abbia almeno un vantaggio: non è necessario aspettare venti trent’anni per verificarne la correttezza. Insomma, per controllare se le ipotesi riportate sono vere, non dobbiamo attendere la pensione (semmai ne avremo una): possiamo osservare gli strat-warming, la copertura di nubi basse (teoria di Svensmark sui GCR, galactic cosmic rays) e, tra qualche anno, l’eventuale diminuzione delle temperature.

Sì, viviamo proprio in tempi interessanti…

Nota: tutti gli articoli summenzionati sono stati presentati al “Third International Symposium on Space Climate”

Agrimensore g

Hatena Bookmark - LA LEZIONE CECA – COME L’ATTIVITA’ GEOMAGNETICA DEL SOLE INFLUENZA IL CLIMA
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

29 pensieri su “LA LEZIONE CECA – COME L’ATTIVITA’ GEOMAGNETICA DEL SOLE INFLUENZA IL CLIMA

  1. Giorgio Giorgio…crescerà ancora questo iclo 24, anche se nn tanto e per molto…ma nn è ncora ora per decretarne il suo massimo…

    ciao 😉

      (Quote)  (Reply)

  2. so che il solar flux non ha niente a che vedere con i titoli e i cambi.Pero studiare i grafici e le tendenze e” stato sempre il mio lavoro preferito,se ci becco e solo fortuna.

      (Quote)  (Reply)

  3. Vai tranquillo Giorgio…che la perdi…nn mi piace vincere facile…

    Il ciclo 24 ancora crescerà, sarà un ciclo debole molto debole, ma i suoi 40 di SSN (simile al dalton) li beccherà…ora siamo ancora lontani anni luce…

    se tu avessi ragione vorrebbe dire che il ciclo 24 ha abortito…sarebbe l’apoteosi scientifica, una bomba ad orologeria che farebbe saltare una volta per tutte i guru dell’ipcc…

      (Quote)  (Reply)

  4. dai che mi si metto anche io…
    ecco le mie spannoprevisioni…..

    Media sui 50 con qualche picco chearriva a 70….

    Ciaooo
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  5. Il GISS del mitico J. Hansen? quello che nel 1988 aveva predetto che per il 2008 saremmo andati arrosto con un incremento di “alcuni gradi”?
    Credo che ultimamente sia perdendo un po’ di credibilità….
    Sarà anche una strana nemesi storica, ma nei paesi dell’Est fanno un sacco di ricerca seria senza pontificare troppo e cercando di restare con i piedi per terra; forse avendo pochi $$ non hanno i supercomputer con cui giocare…
    Mi permetto di richiamare (sorry ma non ho + il link sottomano) gli studi fatti x conto della FAO (che tra l’altro fa capo all’ONU come l’IPCC, ma “non sappia la mano destra quel che fa la mano sinistra”) da uno studioso russo che evidenzia la correlazione tra indici climatici e il parametro astronomico LOD (lenght of day, lunghezza del giorno), funzione di ciclicità ed oscillazioni nell’orbita terrestre, e (a fine anni 90, quindi “in tempi non sospetti”) aveva previsto il rallentamento del “riscaldamento” che è poi avvenuto nei primi anni del XXI secolo…

      (Quote)  (Reply)

  6. Grazie lo stesso,mi basta anche solo il nome.
    Ora mi farò qualche ricerca,nel frattempo Elio magnetica o Geomagnetica credo sia solo questione di punti di vista,nel frattempo ci sentiamo.
    Ciao

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.