La 1047 "trans" non c' è piú.

La zona 1047 nel sud del Sole con la macchia a polaritá invertita, per essendo ancora presente, non ha piú sunspot.

La 1045 é in fase di forte calo e solo la 1046 sembra in crescita.

Come dice ALE le macchie sembrano crescere solo in uno spicchio del Sole, quello che lui ha chiamato recinto di Carrington, e poi cominciano a diminuire.

Oggi vorrei aggiungere anche questo continuum per paragonare la grandezza del Sole con Terra e Giove.

Nel Behind ancora zone attive in approssimazione ma solo nella parte settentrionale del Sole!

Sembrano per ora piú delle plage che aree con sunspot, ma sará che quando entrano nella parte verso la Terra si sveglieranno anche loro?

Infine ecco i dati del vento solare.

Il NOAA tanto per non perdere il vizio, pur con la 1047 ormai senza macchie ci spara un bellissimo 47 !! con due sole regioni attive! Cioé il NOAA vede all’ interno delle zone 27 sunspot!!

http://www.swpc.noaa.gov/alerts/solar_indices.html
http://web.ct.astro.it/sun/draw.jpg

Oggi CT, che ha sempre l´occhio di falco, aveva visto solo 13 sunspot essendo tutte le altre dei semplici pore. A questo punto, dato che lo stesso si é ripetuto nei giorni passati, penso che il NOAA stia contando macchie, pore, ombre e anche l´idea di una possibile sunspot.

Intanto segnaliamo che la NASA ha lanciato oggi un satellite Solar Dynamics Observatory (SDO) per studiare la variabilitá del Sole e del suo campo magnetico.
Ne avevamo parlato a suo tempo:

http://daltonsminima.wordpress.com/2009/12/16/la-nasa-lancia-un-satellite-per-studiare-la-diminuita-luminosita-del-sole/

A breve un articolo su questo nuovo strumento di ricerca sulla natura della nostra stella.
UPDATE: NOAA non si accontenta e spara ancora piú grosso! adesso dice che ci sono 34 sunspot nelle due aree!!!
Sand-rio

Hatena Bookmark - La 1047 "trans" non c' è piú.
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

71 pensieri su “La 1047 "trans" non c' è piú.

  1. Per CT la 1045 ha 2 susnspot e 3 pore
    la 1046 ha 7 sunspot e 9 pore.
    Per SIDC oggi addirittura siamo con un SSN di 24 su 2 aree cioè ci sono solo 4 sunspot.
    http://sidc.be/products/meu/index.php
    http://web.ct.astro.it/sun/draw.jpg

    Scommetto che il NOAA conterá tutto compreso i pore e quindi non sará meno di 41, ma siccome loro ormai contano anche i pixel bruciati, i tentativi di sunspot e le immaginazioni notturne metteranno + di 50!

      (Quote)  (Reply)

  2. Come dicevamo una nuova area ha approcciato l´earthside ed é solo una plage, vedremo se anche questa quando entrerá nel recinto comincerá a svegliarsi con sunspot e flare.

      (Quote)  (Reply)

  3. Simon e’ stato un po’ criptico….
    Io ho pronto il secondo sulle misure della temperatura…
    Dategli un’occhiata nelle bozze…

    Fa fine… Non impegna… 8)
    e riempie la pagina 🙂
    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  4. Un ottimo articolo, ho già in mente un commento. L’unica cosa: temo che il titolo, in un ambiente vasto ed etorogeneo come la rete, possa innescare commenti da avanspettacolo. Vedi tu se è il caso di precisare meglio…
    In ogni caso, penso tu sia il naturale sostituto gestore del NIA (se simon è d’accordo) quindi, se puoi e se ti va, fa pure tu da riferimento per decidere la pubblicazione, altrimenti l’autogestione diventa complicata.
    Ciao!

      (Quote)  (Reply)

  5. Mancano appena 142 giorni al grande allineamento planetario,dove i grandi giganti gassosi Giove e Urano da una parte e Saturno dall”altra con la loro strapotenza gravitazionale terranno sotto scacco il nostro astro,deviando il centro di massa solare e inibendo la normale attivita magnetica.Resta fuori dal gioco di competizione solo un piccolo spicchio di Sole che poco a poco giorno dopo giorno da qui al 4 luglio andra lentamente e inesorabilmente inglobato nello “strattonamento”planetario.Oggi come 357 anni fa siamo alla vigilia di un grandissimo evento che ci condurra come si sostiene da piu parti ad un grande minimo che una volta per tutte mettera a tacere chi ancora sostiene che il genere umano e” capace di modificare in modo sostanziale il nostro clima.Giorno per giorno potremo verificare con i nostri stessi occhi se la teoria di Ale illustrata qui si NIA il giorno 9 gennaio corrisponde alla realta.Se cosi fosse Ale diventerebbe l”eroe di questo bellissimo ed entusiasmante blog.

      (Quote)  (Reply)

  6. Guarda Giorgio non è per minimizzare il lavoro di ALE.
    Ne quello di Livigston&Penn….
    Ne quello di Landscheidt..
    ma queste cose si son sempre sapute…
    Se scavi scavi nella storia dell’umanità….
    L’unica differenza rispetto a prima e che quando l’uomo antico
    (usciva dal proprio posto lavoro), prendeva e andava a meditare
    osservando le stelle e un bel tramonto..
    Adesso invece deve correre..correre altrimenti perde il Bus..
    che lo deve riportar a casa!

      (Quote)  (Reply)

  7. Finalmente tra qualche mese potremo verificare se effettivamente Giove e Saturno hanno degli effetti visibili sull’attività del Sole, oppure se si tratta di una delle tante teorie senza fondamento……sono proprio curioso…..

      (Quote)  (Reply)

  8. Ancora un nuovo record del ciclo 24: brillamento di classe M8!!
    SSN 64
    le ultime previsioni non davano un sole cosi’ in forma a gennaio e febbraio..
    sta andando oltre le aspettative!!
    io sono convinto che non sara’ un ciclo esplosivo..pero’ se va avanti cosi’..non si sa mai.

      (Quote)  (Reply)

  9. Se va avanti cosí si conferma che i signori del Sole ne sanno meno di noi!
    E si conferma che il Sole sta dando manifestazioni da massimo o quasi del ciclo.
    Forza cosí verso il massimo!
    Grazie Bora per sottolineare questi record (tu hai una mania con i record 🙂 ) che ci avvicinano a quanto dico io: che stiamo avvicinandoci al max entro fine 2010 inizio 2011.

      (Quote)  (Reply)

  10. Buona sera a tutti…devo dire che sono rimasto molto affascinato dalla teoria dell’allineamento cosiderando le possibili ripercussioni che questo potrebbe determinare….cosi’ dando un’occhiata ho potuto constatare che in tutte le occasioni di minimo rilevante si è avuto un allineamento(o quasi)..soprattutto ho fatto caso alle dislocazioni relative al 1855 e al 1913..praticamente uguali…

      (Quote)  (Reply)

  11. Sand.volevo con il mio OT darvi uno spunto per impostare se volete nei prossimi giorni un articolo qui su NIA con tanto di grafica e descrizioni ben dettagliate su cio che sta per accadere nei prossimi mesi,in relazione a cio che ha espresso ALE,rendendo cosi la cosa comprensibile a tutti i lettori.Ciao Giorgio

      (Quote)  (Reply)

  12. È un articolo che solo ALE potrebbe scrivere date le sue conoscenze.
    Intanto é bene osservare come il solar flux é completamente fuori scala con quello previsto.
    http://www.swpc.noaa.gov/SolarCycle/f10.gif
    Mentre “pompano” le sunspot per adeguarle alle loro previsioni;
    http://www.swpc.noaa.gov/SolarCycle/sunspot.gif

    Con tutto questo ´pompaggio da parte del NOAA le differenze di conteggio tra SIDC e NOAA questo mese sareanno assurde.

      (Quote)  (Reply)

  13. “la Cina è vicina !” (il mago di Milano a Zelig…) 😉

    Sarà anche se si avvicina il massimo solare, ma di solito in quel periodo le macchie sono molto basse di latitudine, sull’equatore o giù di li, non tutte ma una buona parte, cosa che anche qui è stata sottolineata spesso, ed amplificata ogni qual volta una piccola “plage” del ciclo 24 fosse un pò troppo bassina, auspicando cicli abortiti e massimi in corso con livelli da minimi già più di 1 anno fà.
    Non penso che le macchie “caleranno” magicamente nel giro di qualche mese o settimana, per adesso sono tutte molto alte, niente a che spartire con un massimo solare.

    Si, il massimo si avvicina, e tra non molto (10 mesi e qualche giorno) è Natale. 🙂

      (Quote)  (Reply)

  14. Sei un poco fuori strada. Le macchie durante il massimo sono proprio a quelle latitudini è dopo il massimo che cominciano a scendere verso l´equatore.
    Quindi macchie a quelle latitudini sono perfettamente compatibili col MAX!
    Le macchie all´equatore si presentano durante la transizione tra un ciclo e l´altro quando contemporaneamente iniziano ad alte latitudini le macchie del nuovo ciclo.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.