E' spuntata anche la 1048, tutte regioni più vicine ad un massimo che ad un uscita di un minimo!

Vista la loro latitudine…vediamo come si comporterà la famosa legge del recinto di Carrington che vede le macchie crescere dopo alcuni giorni che sono spuntate dal limbo orientale del sole e a ridiminuire una volta che ne sono uscite come sta accadendo alla stessa 1045 in netta fase di decadenza!

Per il resto l’attività solare oggi è tornata bassa, sia col vento solare che con l’ap-index (unico parametro mai decollato sinora comunque) ed X-flare.

Dal Behind di nota il ritorno della 1041, ennesima AR che sta riuscendo nell’impresa di compiere un giro di stella, caratteristicha questa che per bocca dello stesso Hathaway e come noi stiamo ripetendo ormai da diverso tempo, più da massimo (o comunque pre-massimo) che da uscita di un minimo.

Simon

Hatena Bookmark - E' spuntata anche la 1048, tutte regioni più vicine ad un massimo che ad un uscita di un minimo!
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

49 pensieri su “E' spuntata anche la 1048, tutte regioni più vicine ad un massimo che ad un uscita di un minimo!

  1. Grazie per le risposte.

    Interessante sapere che a novembre 1998 ci fossero ancora ben presenti macchie del ciclo 22, in pratica a 2 anni dall’inizio del ciclo 23.

    Ripeto, per un “neofita”, o perlomeno per me, è molto importante sapere “la storia” di una cosa, perchè oggi ormai tutti gridano “anomalo”, “record”, per il clima, per il sole, etc. e credo non ci sia cosa migliore che capire se certi fenomeni sono esistiti anche nel passato, come spesso succede per il clima, si parla di temperature “record” che invece non lo so, ma leggermente fuori dalla norma (che è altra cosa).

    Tutto qua.

    Personalmente, per il poco che conosco, credo che le preveisioni della NASA per un massimo nel 2013 con un livello medio di macchie di 90, siano errate.
    O il massimo avverà prima, non per forza domani, ma magari a fine 2011/12, oppure potrà essere anche nel 2013 ma con un picco più alto di quello previsto, altrimenti i conti non tornano… soprattutto dopo quello visto nelle ultime settimane.

    Vediamo.

      (Quote)  (Reply)

  2. sì e no 🙂

    nel senso che è vero che vista la ripartenza sprint degli ultimi 2 mesi, da qui al 2013, se la crescita fosse continua, ci ritroveremmo con un’attività bestiale….ma allo stesso tempo sappiamo che cicli più lunghi corrispondono a cicli più deboli, per cui un allungamento dei tempi dovrebbe in teoria portare ad un’attività più bassa…

    la tua considerazione mette appunto in evidenza l’attuale incongruenza: se come pensavano un pò tutti, NASA&Co, i cicli si stanno allungando, portando ad un max di bassa intensità nel 2013, perchè questa partenza a razzo dove in un mese siamo passati da condizioni di minimo, alla scomparsa pressochè totale degli spotless day??

    Come sottolinea Sand, tutti tacciono, perchè ormai nessuno ci capisce più niente 🙂
    questo trapasso 23-24 non assomiglia a niente di già visto, nè ad un dalton, nè ad un maunder, nè ad un damon, anche se presenta alcune caratteristiche che potrebbero essere ricondotte ad ognuno dei 3…ma potrebbe trattarsi solo di una breve fase transitoria, per poi riallinearsi su binari più conosciuti…non ci resta che aspettare qualche mese/anno 😉

      (Quote)  (Reply)

  3. A mio avviso, non è poi cosi importante, ora come ora, capire quanto siamo già prossimi al max o meno, ma se l’allinemanto dei pianeti gassosi sarà relamente in grado di far abortire il ciclo e catapultarci in un super minimo come è già accaduto in passato…

      (Quote)  (Reply)

  4. Da quello che capisco anche per me non è molto importante capire quanto manchi realmente ad approcciare al massimo, ma è molto più importante capire se davvero ci possa essere un’alterazione tra i vari pianeti del nostro sistema solare, che a quanto pare potrebbero portarci ad una attività molto bassa e con tutte le conseuenze…daccordo anche sul fatto che in astrofisica un paio d’anni siano tempi irrisori e che le stelle non seguano leggi imposte dalla nostra breve conoscenza. Dunque per me un ciclo che è più lungo di qualche mese o un anno rispetto ad un altro non significa che debbe essere per forza più debole.

      (Quote)  (Reply)

  5. Anche 300 anni sono tempi IRRISORI e i DATI di FATTO sono 2:
    1) Un nuovo Maunder è Possibile e anche molto probabile;
    2) La Terra vive NORMALMENTE in periodi Glaciali, gli interglaciali sono brevi parentesi nella vita del nostro Pianeta;
    Poi una domanda ironica:
    Ma tra le 1000 Acrobazie previsionali (PAROLE DEL Col. Guidi non mie) di NOAA e NASA quando dovrebbe essere il MAX ? Mel tardo 2013… Dunque tra 3 anni e mezzo NON 2!!!!
    Ma cambieranno ancora queste previsioni ragazzi, è palese la netta inversione di tendenza dei Giorni Spotless, si sono DRASTICAMENTE Ridotti, quasi spariti in meno di 3 mesi! Il Fattore di Rampa nella crescita del SSN si è fatto oltremodo ripido, molto più di quanto NOAA e NASA pensavano, è successo infatti a fine Gennaio che Sottostimassero il numero di macchie di alcune AR rispetto al classico: “Gonfiamo l’SSn come un canotto!”.
    Io personalmente seguo giornalmente il Sito di Astrofisica Solare NASA e non ho più sentito l’illustre parere del Prof. Hathaway da un po di tempo ormai!!!
    ALE

      (Quote)  (Reply)

  6. Giustissimo Ale!

    E’ quello che penso anch’io!

    pensa che su solar cycle dicevo queste cose nel mio td e me l’hanno addirittura cancellato, nemmeno chiiuso…

    lasciamo perdere gli americani e quel blog al servizio di sua maesta noaa e nasa e proseguiamo per la nostra strada

    Simon

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.