Il dottor Phil Jones ammette: Nessun riscaldamento Globale dal 1995, mentre stranamente sono spariti i dati della mazza da hockey…

  • I dati di vitale importanza per sostenere il ‘grafico della mazza da hockey’ sono andati persi
  • Non c’è stato alcun riscaldamento globale a partire dal 1995
  • Periodi di riscaldamento globale sono già accaduti in passato – ma non a causa dell’uomo
Professor Phil Jones

Il professor Phil Jones (qui sopra in foto) ha ammesso che i suoi dati non sono buoni come dovrebbero essere.

Il mondo accademico al centro del caso Climategate, i cui dati grezzi sono essenziali per la teoria del cambiamento climatico, ha ammesso che ha dei problemi a rintracciare i dati.

I colleghi dicono che il motivo per cui il professor Phil Jones ha rifiutato la libertà di rendere pubbliche le informazioni è che egli può avere effettivamente perso i documenti pertinenti.

Il professor Jones ha detto qualche giorno fa alla Bbc che i colleghi hanno detto la verità e che a il suo ufficio era invaso di documenti e a lui mancava la capacità organizzativa per far si che nn venissero persi.

I dati mancanti sono fondamentali per il famoso grafico della ‘mazza da hockey’ usata dai sostenitori dell’AGW a sostegno della loro teoria.

Il professor Jones ha inoltre ammesso la possibilità che il mondo era più caldo durante l’ epoca medievale di adesso – suggerendo che il riscaldamento globale non può essere un fatto legato all’ uomo.

E ha aggiunto che negli ultimi 15 anni non vi è stato alcun riscaldamento ‘statisticamente significativo’.

Il professor Jones è entrato sotto i riflettori da quando si è dimesso da direttore della University of East Anglia Climatic Research Unit’s, dopo la fuga di e-mail che sarebbe la provasecondo gli scettici chegli scienziati pro-AGW manipolassero i dati.

Questi dati, raccolti da centinaia di stazioni meteorologiche di tutto il mondo e analizzati dalla sua unità, sono stati usati per anni per sostenere gli sforzi delle Nazioni Unite del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) per far pressione sui governi mondiali per ridurre le emissioni di biossido di carbonio.

Fonte: http://www.dailymail.co.uk/news/article-1250872/Climategate-U-turn-Astonishment-scientist-centre-global-warming-email-row-admits-data-organised.html?ITO=1490

Io non mi sento di aggiungere altro…

Simon

Hatena Bookmark - Il dottor Phil Jones ammette: Nessun riscaldamento Globale dal 1995, mentre stranamente sono spariti i dati della mazza da hockey…
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

87 pensieri su “Il dottor Phil Jones ammette: Nessun riscaldamento Globale dal 1995, mentre stranamente sono spariti i dati della mazza da hockey…

  1. complimenti a tutti discussioni serie e pacate. solo una considerazione io penso che succederà qualcosa di grosso con l’allineamento dei giganti gassosi. non dimentichiamoci che giove è una stella mancata quindi immaginiamoci che campo magnetico ha . secondo me quando si avvicinerà al sole qualche danno al suo campo lo provvocherà bisogna vedere se ci sarà l’aborto del ciclo 24.

      (Quote)  (Reply)

  2. Ma come fai a dire che sono stati trovati resti romani in messico!?!?
    quando è stata scoperta l’america l’impero romano era già caduto da mille anni, è impossibile che ci siano resti romani in messico!

      (Quote)  (Reply)

  3. Sono sconcertato … 🙁

    Questa faccenda del Climate Gate … é una brutta storia per la scienza e gli scienziati … anni di lavoro e rilievi sono stati buttati alle ortiche … dati persi … cosa vuol dire?
    Di quanti anni é il “blackout” … come ricollegare i dati in modo che abbiano un filo logico … insomma io speravo che i sostenitori dell’ AGW avessero qualcosa di più della propaganda e della pubblicità che almeno i dati raccolti potessero essere riutilizzati … non può essere che quindici anni di dati e di studi siano stati buttati nel “distruggi documenti”.

    Tutto questo deve far capire come la parte più “pallosa” della scienza … ovvero quella delle misurazioni deve sempre esser messa in primo piano perché senza le misure non c’ é scienza.

      (Quote)  (Reply)

  4. Daniele non contesta quello che diciamo. anzi sostiene le stesse cose che noi diciamo da tempo. Il clima é sempre cambiato e sempre cambierá. Noi sosteniamo che desideriamo uno sviluppo sostenibile… che peró non ci riporti al medioevo. Il progresso non si puó fermare cosí come vorrebbero fare certi integralisti ecologicamente corretti, come amano chiamarsi.
    Poi peró sono gli stessi che “ecologicamente” vengono in Amazzonia comprando terre, espulsando gli indios nativi, per sfruttare il legname pregiato e scavando nei fiumi alla ricerca dell´oro. Come avevo detto qualche giorno fa il Governo brasiliano ha da poco dovuto emanare una legge con il divieto per gruppi stranieri, ONG e ONLUS di comprare terra in tutto il compartimento amazzonico, e nello stesso il Tribunale Superiore Federale ha dichiarato che le terre amazzoniche appartengono agli indios e che solo loro possono autorizzare qualcuno ad entrare nelle foreste pluviali con il controllo e supervisione dell´IBAMA. Quando non conosci le cose per viverle quotidianamente, forse é meglio che lasci stare.
    Uno studio del paleontologo americano Peter Ward é chiaro in merito a quello che desiderano gli integralisti serristi. Il mito di GAIA é qualcosa che distruggerebbe la civiltá. Lo puoi leggere qui dove per te é giá tradotto in italiano.
    http://sandcarioca.wordpress.com/2010/02/11/attenti-a-gaia-e-come-medea/

      (Quote)  (Reply)

  5. ????

    Mica stava SOPRA i ghiacciai!!!!

    L’europa non era TUTTA COPERTA !!!!

    Lo spiegava anche Piero Angela 8)

    L’unica “cultura” che vive (viveva…) sui ghiacci, a mia conoscenza, e’ quella Eschimese (Inuit) , e neppure tutta… solo una piccola percentuale di gruppi familiari “svernava” sul pack … gran parte stavano sulle coste…
    E non indossavano mantelli di fieno come otsi, ma pellicce di pelle di foca e di orso bianco…. Ed erano adattati (ho letto che avevano il metabolismo parecchio accelerato… il che gli consentiva di “abitare” negli igloo – temperatura interna sugli zero gradi – ma che portava il sopraggiungere della vecchiaia ai 35-40 anni….)

    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  6. allora vedi se trovi una funzione “cita” …. io riesco a farlo ma devo scrivere il messaggio e poi modificarlo mettendo in grassetto la citazione…. un po’ laborioso…

    Luca

    p.s.
    ooops ho usato il replica 8)
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  7. Ragazzi dobbiamo risolvere ….l’arcano….
    C’è stato un nuovo intervento …un certo mister “B.” in merito al “Centro galattico”…
    andatevi a leggere il suo commento…..nel precedente articolo (alla fine)
    Insiste….non 10500a.c. ma con numeri molto ma molto più grandi!
    E quindi dobbiam richiamare …Ale….
    ……

      (Quote)  (Reply)

  8. Di quanti anni é il “blackout” … come ricollegare i dati in modo che abbiano un filo logico …

    … Spero che non li avesse tuttti in copia unica cartacea….
    Probabilmente le varie stazioni hanno archivi…

    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  9. Ho letto il tuo riferimento SAND…

    Più che Gaia e Medea… direi che non ha senso personificare…
    Sei mai andato per mare, magari in barca a vela?
    Be. Se si allora puoi capire cosa intendo…La Terra non e’ pro ne contro… E’ (nel senso che esiste) e ti passa sopra…Perche’ e’ piu’ grossa… ha un raggio di 6000Km… ma non se ne accorge mica….

    Che poi ci sia gente che pensi di far ritornare l’umanita’ allo stato primitivo… fa un po’ rabbrividire…

    Io sono per la decrescita lenta della popolazione …. in capo ad un paio di secoli tornare a essere sotto il miliardo… Ma tecnologicamente avanzatissimi e TUTTI alla pari…
    Bel sogno, ne’…
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  10. Fino a che guardi ogni minima oscillazione passeremo da un giorno all’altro a dire prima che si sta scaldando e dopo che si sta raffreddando.

    Devi guardare la tendenza, poi in natura è naturale vedere certe oscillazioni.

    Dal 1995 le oscillazioni sono state stazionarie , come puoi notare sono tutte racchiuse tra 0 e 0.6, mentre nel periodo precedente non oscillavano entro un range preciso, ma erano in continua crescita.

    Se fai una media noterai dunque che la curva tende a stabilizzarsi dopo il 1995.

    Bingo.

      (Quote)  (Reply)

  11. ognuno puo pensare come vuole pero la vicenda del Dott,Phil Jones e veramente una butta storia.Un pessimo momento per la scienza che studia climatologia.Un danno per la comunita planetaria, un brusco arretramento di credibilita.E proprio grazie a questi oscuri episodi che si crea una sorta di indifferenza e diffidenza verso tutto e tutti e cosi non ci si fida piu di niente e nessuno.Tutto cade nella piu assoluta apatia e grazie a tutti questi episodi il risultato finale e solo caos caos e caos.Guardate vi giuro che preferirei dire “Bora 71 ho sbagiato e tu sei nel giusto” che leggere ogni giorno questo marciume di notizie.La correttezza e la verita devono stare al di sopra di ogni cosa.in questo modo perdiamo tutti.

      (Quote)  (Reply)

  12. Semplice! Sono stati portati dai conquistatori spagnoli, così come le monete in questione potrebbero essere state portate in altri periodo storici e non dai romani. Monete romane sono state trovate un po’ dappertutto e questo non vuole dire che i romani hanno conquistato il mondo.

      (Quote)  (Reply)

  13. Allora l’Europa centrale assomigliava alla siberia, se ti può bastare! E poi questo è quello che aveva con se:
    1)alcuni pezzi di legno di larice e nocciolo che si ritiene formassero lo scheletro di una gerla.
    2)una prugnola con tanto di polpa
    3) i resti di due contenitori realizzati con corteccia di betulla. Uno di questi contenitori sembra fosse adibito al trasporto della brace poiché sono stati ritrovati resti di materiale carbonioso in mezzo a foglie di acero ancora verdi le quali fungevano da materiale isolante
    4) un piccolo pugnale, composto da un manico di frassino.
    Come vedi tutti alberi tropicali! Ed infine vestiva:
    un berretto, i resti di una veste a forma di mantellina, i resti di due gambali (primitivi pantaloni), i resti di un pesante mantello, i resti di un grembiule (un indumento utilizzato tutt’ora per la protezione degli organi genitali) e ciò che resta di un paio di primitive calzature. Come vedi non proprio nudo!

      (Quote)  (Reply)

  14. Ma quale progresso? E’ questo che non ho capito. Il progresso dell’aumento esponenziale dello sfruttamento delle risorse della terra? Del Consumismo selvaggio che crea sempre nuovi bisogni inutili? Sempre più aerei in cielo, auto e camion sulle strade? Viaggi e vacanze “obbligatorie” per tutti o ti senti un frustrato? Televisori sempre più “nuovi” per programmi, sempre quelli e sempre da schifo? telefonini che fanno sempre più cose anche se fra poco non serviranno più a telefonare? Io non voglio tornare al medioevo scientifico ma vorrei vivere una vita più a misura d’uomo e meno a misura delle multinazionali. Secondo me c’è progresso e progresso e quello giusto è quello che ti permette di fermarti per pensare a quello che stai facendo. Il progresso che ci propinano ora è solo una pazza corsa verso il nulla e la nostra distruzione per riempire le tasche chi chi non ha mai abbastanza. E’ più che giusto, è sacrosanto che la foresta sia degli indios e che vengano cacciati fuori tutti quelli che la vogliono distruggere solo per essere ancora più ricchi (europei, americani o altri). La globalizzazione finora è stata solo un modo per far diventare più poveri i poveri e più ricchi i ricchi. Diceva un capo pellerossa alla fine dell’800′: la terra non appartiene all’uomo ma è l’uomo che appartiene alla terra …il suo insaziabile appetito divorerà la terra e lascierà dietro di se solo un deserto ..e poi che razza di vita è se l’uomo non potrà più ascoltare il solitario grido di un airone o la discussione notturna delle rane intorno alla laguna? Ecco, per me queste sono le più belle parole che abbia mai sentito. Io sento la terra scorrere in me come una madre e non posso pensare che non ci sia una via diversa per continuare a vivere su questo pianeta. Ci stiamo staccando dalla natura per il progresso, ma è vero progresso questo? Scusa temi se mi sono dilungato.

      (Quote)  (Reply)

  15. Il fatto che i baroni della CRU abbiano “perso” i dati, dopo averli nascosti per anni, è imperdonabile.
    Si sono fatti dare miliardi di euro x costruire un megacomputer che consuma tanta energia quanto una città, per far girare i loro fantomatici modelli numerici, quando con pochi spiccioli andavano al Bricocenter e compravano un po’ di scaffali x archiviare i faldoni in cantina, e qualche pacco di CD x archiviare i file.
    E questi sarebbero scienziati? è come se Galileo avesse vietato ai Tolemaici di guardare nel suo telescopio, e alla fine l’avesse rotto pur di impedirglielo!

    Tornando al MWP, noto con piacere la citazione dei lavori di Pfister, Luterbacher & C.; li trovate citati a dismisura in “Canicules et glacieres” di LeRoi Ladurie, che fu tra i primi a dare vita alla climatologia storica nel lontano 1967 con il suo “Storia del clima dopo l’anno 1000”, uscito poi con il significativo titolo di “Tempo di festa, tempo di carestia”.
    E provate a immaginare a cosa corrispondono le carestie, se al clima caldo (mite, dico io) o a quello freddo.
    Non a caso, a conclusione del 1° vol. di “Canicules et glacieres” Ladurie fa una sintesi di tutte le carestie e crisi alimentari (roba da MILIONI di vittime) verificatesi in Europa dal 1300 al 1740 (periodo coperto dal 1° volume della sua ponderosa opera), e ne viene fuori che x almeno 3/4 sono state dovute a episodi di clima FREDDO, non di clima caldo.
    E andate a vedere tutte le ponderose ricerche fatte dai ricercatori del CNR IRPI (Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica) qui di Torino, che hanno evidenziato le catastrofi idrogeologiche che hanno caratterizzato la PEG.

    E’ così difficile e sconvolgente, da un punto di vista psicologico e culturale, ammettere che le oscillazioni naturali del clima sono di entità almeno pari a quelle di possibile influenza antropica?
    O, all’opposto, che l’impatto umano sull’ambiente (non solo in termini di clima) è inferiore di un ordine di grandezza (come insegnava il prof. Carraro, docente di Geologia del Quaternario) all’entità dei cicli e dei fenomeni naturali?
    In parole povere, l’impatto dell’uomo sui fenomeni naturali (quando c’è) è dell’ordine del +/- 10%?

    Just my 2 cents

      (Quote)  (Reply)

  16. Scusa ma secondo te uno SCIENZIATO a capo di una struttura che ha sempre spinto sulla causa antropogenica del GW, che sente il bisogno di fare certe confessioni e smentite SOLO dopo l’inopportuna divulgazione di mail compromettenti per la suddetta struttura, si comporta in modo eticamente professionale????
    Io direi di no; certi voltafaccia dovrebbero essere ammessi solo per i politici.
    Non per chi dovrebbe fare ricerca pura.
    Non si tratta di prezzolamento… si tratta di onestà intellettuale e coerenza.
    E casualmente hanno perso anche i dati incriminati? Proprio mentre sono in corso inchieste del governo inglese… ma guarda un po’ che curiosa coincidenza….
    A pensare male spesso ci si prende…

      (Quote)  (Reply)

  17. Personalmente ritengo che un conto sia affrontare ilt ema delal riduzione degli inquinanti, un altro sia quello di attribuire all’uomo le cause del riscaldamento globale.
    Cambiare il modello di sviluppo attuale si può fare, ma ciò non vuol dire necessariamente dover
    La filosofia ecologista di cui tu parli potrebbe affrontare certi temi in modo più approfondito…e l’impressione mia è invece quella che si voglia fare di tutt’erba un fascio.
    Per esempio non limitandosi a dire che la foresta amazzonica si sta riducendo, ma magari citando anche il fatto che in altre parti del mondo altre foreste stanno crescendo di dimensioni: persino in Italia sembra che negli ultimi cinquant’anni la superficie boschiva sia notevolmente incrementata…
    Questo solo per dire che le crociate non servono a nessuno, e tantomeno servono scienziati in combutta con politici, imprenditori e pseudo-ambientalisti….

      (Quote)  (Reply)

  18. Si è estinto solo perchè ha trovato un competitore dotato di maggiore intelligenza che ha saputo adattarsi meglio all’ambiente. Informati!

      (Quote)  (Reply)

  19. Dipende dalle zone! Dove già piove poco, se diminuiscono le piogge allora si genererà una carestia.Ricorda che in passato il mondo era più o meno la sola europa!

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.