Confronto tra la fine dell'inverno in Nord America e fine inverno nel Sud America

Sicuramente é un confronto che potrebbe interessare poco chi vede solo l´evoluzione del tempo in Europa, ma mi sembra che certi avvenimenti particolari tra Nord e Sud America meritano una certa attenzione.
Il confronto é fatto tra il mese di marzo 2010 con la fine dell´inverno in Nord America e il mese di Settembre 2009 con la fine dell´inverno in America del Sud.
La principale stazione climatologica di New York ha registrato il marzo 2010 piú piovoso da quando hanno avuto inizio le misurazioni nel 1869. Nel mese sono stati registrati 271,2 mm. battendo il record anteriore di 267,7 mm. del marzo del 1983. L´aeroporto internazionale Jonh Kennedy ha battuto il record precedente del 1980 e l´aeroporto La Guardia ha annotato una misura superiore al record precedente del 1953. A Boston, questo é stato il mese di marzo piú piovoso osservato fino ad oggi e il secondo mese in generale con piú pioggia in tutta la storia con 346,2 mm. Il precedente record del marzo piú piovoso era del 1953 con 279, 4 mm. e in tutta la serie storica iniziata nel 1822 ha pioviuto di piú solo nel mese di agosto del 1955 con 434 mm causati da una tempesta tropicale. A Providence, Rhode Island, non solo é stato il mese di marzo piú piovoso con 395,7 mm. ma ha anche battuto qualsiasi record dall´inizio delle osservazioni nel 1904. Portland, nel Maine, ha avuto anche il marzo piú piovoso della sua storia con 279,4 mm.


Quello che é affascinante é vedere la coincidenza tra l´inverno in America del Nord e quello che é accaduto nell´ultimo inverno in America meridionale.
I mesi di pioggia estrema nel sud del Brasile nel 2009 furono Settembre e Novembre, quando molte localitá hanno avuto i propri record di precipitazione di oltre cento anni battuti in questi mesi. Settembre é l´ultimo mese dell´inverno qui come marzo é l´ultimo mese dell´inverno nell´emisfero nord.



Questo mese di marzo piovoso nel Nordest americano avviene dopo un inverno rigoroso cosí come particolarmente freddo fu l´inverno 2009 in sud america, con un freddo quasi continuo e intenso nei mesi di giugno e luglio.
Dietro a questo freddo molto intenso nella ultima stagione in America del Sud c´era una forte oscillazione Antartica (AAO) e, nel caso del nordest dell´Amrica del Nord, il comportamento della oscillazione Artica (AO) che ha raggiunto livelli bessissimi e raramente visti.
Ma malgrado delle enormi coincidenze tra i due inverni nel Sud e Nord vi é una grande differenza.
Il periodo freddo nel sud a giugno e luglio 2009 fu abbastanza secco, e assolutamene incomune per quel periodo dell´anno, invece il periodo piú gelido dell´inverno del nordest americano é stato accompagnato da grandi nevicate che hanno battuto vari record storici.

SAND-RIO

Fonte: http://www.metsul.com/blog/

Hatena Bookmark - Confronto tra la fine dell'inverno in Nord America e fine inverno nel Sud America
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

44 pensieri su “Confronto tra la fine dell'inverno in Nord America e fine inverno nel Sud America

  1. X Fabio: e”sottinteso che il sistema climatico globale e tremendamente piu complesso.Altrimenti non staremo qui a discutere piu di nulla., Ho solo voluto sottolineare in modo un po semplicistico ma comprensibile a tutti i lettori che quanto l”ITCZ si colloca stabilmente negli anni piu a sud abbiamo come contropartita una avanzata del fronte artico e questo fenomeno e” gia stato piu volte comprovato.Ciao giorgio

      (Quote)  (Reply)

  2. Il fatto é che probabilmente la GMT é un dato che non dice assolutamente nulla.
    Questo perché dovrebbe misurare una temperatura in un pianeta composta dal 70% da acqua e il 30% di terra e di tutta la superficie marina il 70% sta nell´emisfero sud. Per riscaldare di un1° C un chilo di acqua occorre molta piú energia che riscaldare di 1° C. 1 Kg. di terra. Lo stesso vale per il raffreddamento dove la terra esaurisce molto piú rapidamente la propria energia calorica rispetto all´acqua.
    Oltretutto le correnti marine spostano tale energia oceanica dal sud a nord in massima parte. Quindi le misure della temperatura globale sono solo un indice, forse, ma allora tanto vale misurare le variazioni prendendo altri indici come l´AO o il DPO o l´indice di natalitá….. a presto un articolo proprio su questo piccolo enorme problema della inadeguatezza della GMT come misura della temperatura globale.

      (Quote)  (Reply)

  3. ho letto adesso gli interventi su l’altro articolo . signora o signorina bora su questo blog si sono sempre fatte delle ipotesi sia CHIARO . se tu credi a tutto quello che ti dicono sono affari tuoi . a me hanno insegnato ad ascoltare e poi elaborare con il mio cervello . ho gIà detto di certo ghiacciaio che non è sparito.
    io personalmente non credo a un bel niente di quello che il sistema ci rifila compresi tutti i dati che si trovano su internet è per questo che seguo nia perchè almeno ho qualcuno che mi fa capire. quindi guarda in faccia la reltà

    (l’ho Spostato qui, devo capire bene ancora come fare, per ora accontentati 😉 )

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.