La natura non segue i grafici colororati rosso fuoco dei centri pro-IPCC!

Dopo che sono usciti i dati globali GISS per il trimestre invernale dicembre-febbraio, ci si chiede: come possiamo avere temperature al di sopra del normale in Artico ed Antartico e continuare ad aumentare il trend di crescita globale di ghiaccio marino? Dopo tutto ci è stato anche detto dai racconti dei media che sia l’Artico che l’Antartico continuano a sciogliersi a un ritmo frenetico. Ma sembra che anche quest’anno vedremo un altro recupero nei ghiacci artici, come abbiamo visto nel 2008 e nel 2009.

Qualcuno si pone delle domande anche sull’aggiustamento dei dati GISS! I dati GISS infatti sembrano essersi bloccati con un’anomalia positiva nell’Artico, ma il ghiaccio marino non sembra seguire tale anamento. Naturalmente, il solo fatto che si ha un’anomalia positiva di temperatura non vuol dire che i ghiacci si devono per forza sciogliere, ma i cittadini che sono meno esperti, e che guardano i grafici colorati di rosso caldo come fa il GISS, di solito non riescono a capire la differenza.

Ecco qui un primo grafico con le anomalie globali superficiali di dicembre-febbraio 2010:

(clicca per ingrandire )
Si noti che nei luoghi più caldi dell’Artico secondo GISS, ci sono pochi, se non alcun, termometro:
( clicca per ingrandire ) Sopra: la mappa delle stazioni di terra GHCN2

Se si guarda la sezione dei dati GISS, la maggior parte del caldo è nell’ Artico dove non ci sono termometri. L’Antartide viene al secondo posto, anche se ha un qualche termometro sul perimetro del continente, più un paio vicino alla sua area centrale.

Gli effetti di interpolazione diventano più chiari quando si fa una mappa di 250 km invece che di 1.200 km:

(clicca per ingrandire )

Notate come all’improvviso il gran caldo coi colori rossi fuoco scompare! Scompare perché al polo nord ci sono pochissimi termometri.

È interessante notare che l’anomalia della superficile globale cali da 0,80 °C con un’interpolazione dei dati di 1.200 chilometri a 0,77 ° C con una interpolazione di 250 km.

Inoltre un’altra cosa che viene crticata al GISS è l’uso come loro periodo di riferimento del periodo 1951-1980. Questo periodo comprende molti di anni freddi, quindi le anomalie rilevate ora se paragonate con tale riferimento appaiono per forza molto più calde!

Questo famoso grafico GISS delle temperature superficiali globali si basa sul periodo 1951-1980:

Guardate ora cosa succede quando si usa lo stesso periodo di base dei dati dei satelliti il UAH, che è quello 1979-2009. L’anomalia globale con i dati di interpolazione da 1200 km (dicembre-febbraio 2010) cala più della metà, fino a +0.38°C invece che +0.80°!

Ed ecco la presentazione di 250 km, notare che la temperatura superficiale globale scende a 0,34 ° C

Questo numero vi sembra cos’ allarmante ora?

Quindi è chiaro, che con i grafici GISS , è possibile guardare in molti modi diversi, e ottenere molte risposte diverse. Ma chi decide quali mappe e grafici e con quali periodi di riferimento ed interpolazione vengano poi spediti nei comunicati stampa?

Per avere la risposta più semplice basta guardare alla Home page del GISS: http://data.giss.nasa.gov/gistemp/

Ecco un anteprima della home page, e la versione a grandezza naturale del secondo grafico dall’alto, nota la didascalia sulla parte superiore del grafico:

Chiaramente, preferiscono il periodo di riferimento 1951-1980 come periodo predefinito di base per la presentazione al pubblico [nonché con interpolazione da 1200 km], ma scegliendo quella, i risultati GISS appaiono molto più allarmanti di quello che potrebbe essere se venissero usati altri periodi di riferimento come il periodo 1979-2009 utilizzato da UAH e RSS.

Le anomalie possono mostrare tutto quello che vuoi, basta di scegliere il più giusto periodo di riferimento. Ad esempio, se scegliamo un periodo base di base di 11.000 anni fa, durante l’ultima glaciazione, e plottiamo le mappe e i grafici delle temperature di oggi nei confronti di tale periodo di riferimento.Quanto rosso vedremmo?

Ecco un grafico che mostra le temperature ricostruite nell’ emisfero settentrionale alla fine dell’ultima era glaciale 11 mila anni fa, quando faceva circa 4,5 ° C più freddo di oggi.

Quindi, se paragono gli ultimi 30 anni di temperatura con quella di 11000 anni fa, la nostra mappa GISTEMP sarebbe simile a questa:

Ovviamente la mappa sopra non è una rappresentazione accurata, solo una stima approssimativa visiva. Ma illustra come le scelte dei colori e dei periodi di riferimento possono avere un effetto distinto sul piano visivo finale. Utilizzando un periodo freddo basale nel passato (in questo caso 4,5 ° C a livello mondiale più fresco di quello attuale) rende più evidente l’aspetto caldo bollente.

Le anomalie di temperatura dipendono dalle scelte effettuate dalle persone. La natura va per conto suo, non segue questi grafici colorati. In generale, la gente non le sa queste cose. La gente non sa nemmeno la differenza tra temp registrate ed anomalie! Il miglior modo per confonderli (per non dire altro) è quello di mettere dei bellissimi grafici tutti colorati rosso fuoco! E vissero tutti felici e contenti!

Ma a noi spetta il difficile compito qui sulla rete di raccontare anche l’altra faccia della medaglia…e se dopo aver letto quest’articolo utenti come bora 71 la smettessero di prendere per oro colato o comunque inziassero anche loro ad avere almeno qualche dubbio sui dati Giss et ect ect, vorrà dire che tanto sforzo da parte di NIA sta iniziando a dare i suoi frutti!

Fonte: http://wattsupwiththat.com/2010/03/23/why-joe-bastardi-see-red-a-look-at-sea-ice-and-gistemp-and-starting-choices/

Simon

Hatena Bookmark - La natura non segue i grafici colororati rosso fuoco dei centri pro-IPCC!
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

29 pensieri su “La natura non segue i grafici colororati rosso fuoco dei centri pro-IPCC!

  1. ho letto l’articolo..lo trovo interessante,faro’ copia incolla anche per altri lidi se mi date il permesso..ma sicuramente i miei dubbi rimangono..non possiamo avere certezze..nessuno le ha..
    probabile che i dati non siano esatti,ma comunque non si puo’ negare che l’aumento di temperatura ci sia stato..

    ma siete d’accordo su quello che ho scritto?
    che il GW non si valuta con degli episodi?
    che dove abbiamo avuto continue discese di aria gelida..dall’altra parte abbiamo avuto ovviamente continue risalite molto calde..
    l’inverno Europeo e quello del Medio Oriente ne sono la prova..
    siete d’accordo che anche nella PEG ci sono state ondate molto calde in giro per il mondo..cosi’ come ci sono state e ci sono ondate di gelo in periodo GW??..

      (Quote)  (Reply)

  2. Beh allora che male c’è ad essere d’accordo cn ciò che dici?

    ciò che conta infatti è la tendenza…ma se nn ci si può fidare di come raccolgono i dati (ed anche tu la pensavi così mi sembra), diventa tuttopiù complicato!

      (Quote)  (Reply)

  3. Da ignorante mi spiegate il perchè ,della temperatura media del pianeta in aumento,
    dei record di temperature basse ,e dell’aumento dei ghiacci artici e antartici,ma sono io che non lo capisco oppure qualche cosa non quadra………scusate la mia ignoranza

      (Quote)  (Reply)

  4. allora Luigi..
    nel mondo attualmente non ci sono solo record di temperature fredde..
    ma anche record di temperature calde..basta informarsi..
    forse quando fa freddo fa piu’ notizia..
    poi per l’aumento dei ghiacci artici dobbiamo essere cauti..potrebbe essere una cosa temporanea..non basta un mese di aumento
    aspettiamo agosto e settembre..e’ li’ che si vede…

      (Quote)  (Reply)

  5. l’aumento dei ghiacci artici è in corso ormai da quasi 3 anni, sarà anche una fase temporanea, ma non la si può ignorare come stai facendo te.

      (Quote)  (Reply)

  6. Tornando all’aumento dei ghiacci io ricordo ,ho ancora i grafici ben in vista , sempre se sono esatte le misurazioni che , l’Antartico è in aumento la superfice media dal 1980 , per l’Artico invece solo negli ultimi due anni.
    Ora essendo io molto delicato con le temperature alte,nel 2005 mi sono trasferito in Puglia , a Bari e le estati 2005 e 2006 ricordo anche quanto uso del condizionatore io abbia fatto in quei due anni, poi un 2007 ancora di sofferenza , e finalmente 2008 2009 dove di notte potevo anche farne a meno , ora potrebbe essere che mi sono abiutato ,oppure come vedo dalle rilevazioni delle temperature degli ultimi dieci anni siamo in calo.
    Comunque vi ringrazio tutti c’è sempre da imparare mi aiutate a capire sto mistero del sole che se non capitavo da ste parti che ne sapevo io del ciclo….ciao
    un abbraccio.
    Luigi

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.