Primi 5 giorni di maggio: CONTEGGI SCANDALOSI!

Se da una parte la Nasa col suo maggiore studioso solare David Hathaway corregge nuovamente al ribasso le previsioni del massimo del ciclo 24:

Dall’altra il Noaa/SWPC nonchè lo stesso Sidc (schiavo di centri super moderni quali Catania e Locarno) questi primi 5 giorni di maggio hanno letteralmente contato anche il pulviscolo sui loro telescopi!

Daltronde si veniva da un mese molto scomodo, che aveva fermato la lancetta della già debole ripresa del ciclo 24, per cui non si poteva assolutamente correre il rischio che qualcuno potesse pensare che il sole, in realtà, sta ancora dormendo!

Meno male che esiste anche il conteggio Layman inventato ormai più di un anno fa dall’amico Geoff che rimette le cose a posto!

Ma giornali, televisioni e la maggiorparte della gente comune che si interessa al sole e che non legge NIA, ha davanti a sè i conteggi pompati dei 2 enti ufficiali, e così la farsa sul ciclo 24 continua senza sosta!

Solo un piccolo esempio:

Questo era il sole ieri quando il Noaa ha dato un SN di 70:

Queste invece le immagini del sole sempre con un SN di circa di 70 nel 1998:

Dato che un immagine vale più di mille parole, io non aggiungo altro…

Simon

Hatena Bookmark - Primi 5 giorni di maggio: CONTEGGI SCANDALOSI!
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

44 pensieri su “Primi 5 giorni di maggio: CONTEGGI SCANDALOSI!

  1. Il sole come tema di discussione è sempre affascinante, ma trattarlo da “tifosi” non è costruttivo. L’uomo è talmente lontano dal capire le dinamiche solari che non gli resta che scommetterci su, e dato il numero di scommettitori qualcuno vincerà la scommessa, ma con ciò avrà compreso il Sole? La ricerca dovrebbe aprirsi a ben più vasti campi che non l’analisi delle scommesse altrui.

      (Quote)  (Reply)

  2. grande PlayingHaarp..
    e la stessa cosa vale per il clima..
    trattarlo da “tifosi” non è costruttivo…
    L’uomo è talmente lontano dal capire le dinamiche climatiche..

    quello che mi lascia sbalordito è osservare che tanti si dividono in pro IPCC e negazionisti, insomma, o bianco o nero, quando invece la complessità dell’argomento ci dovrebbe suggerire una miriade di sfumature.

      (Quote)  (Reply)

  3. Carissimo bora, sul clima puoi anche avere il beneficio del dubbio, ma sui conteggi di questi giorni da prte del Noaa soprattutto…beh, porgiamo un bel velo pietoso!

      (Quote)  (Reply)

  4. E’ vero… il problema secondo me sta nella continuità con il passato e soprattutto ciò che i centri ufficiali trasmettono ai grandi media di informazione che a loro volta poi danno in pasto alla popolazione. Perchè quello che al massimo fanno passare come informazione ufficiale è che questo minimo e il conseguente massimo hanno meno giorni spotless se confrontato con i grandi minimi dei secoli passati… e quindi non è “nulla” di speciale… peccato che non specificano che la strumentazione di alcuni secoli fa era “LEGGERMENTE” diversa… e coloro che dovrebbe tener conto della continuità con il passato in realtà non lo fanno.
    Senza contare poi il fatto che classificare un minimo o un massimo dai soli giorni spotless è comunque riduttivo. Ma questa è un’altra questione.
    Il problema è ciò che si trasmette come informazione ufficiale, pretendendo di fare reali confronti con il passato quando questo invece non avviene.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.