NIA ci riprova, ecco il 1° conteggio alternativo al SIDC

Dopo averci provato ad Aprile eccoci qui pronti a ripartire con questo progetto.

Ci sono state delle incomprensioni con il creatore del Layman’s Count, che avrebbe voluto che usassimo il suo metodo solo nella determinazione dei giorni spotless, così abbiamo deciso di andare avanti con un nuovo metodo.

Luca Nitopi c’ha lavorato su e siamo arrivati a trovare questo sistema che prende molto più in considerazione il “colore” della macchia, cioè la sua visibilità sulla superficie solare.

Veniamo subito al dunque, visto che il resto non ci interessa.

Il conteggio si basa su 4 principali fasi:

1) Rilevazione

2) Verifica delle Macchie

3) Conteggio

4) Correzione del Numero di Wolf

Spieghiamo quindi un passo alla volta:

Rilevazione:

Data la mancanza di un telescopio ci dobbiamo basare su quello che la rete ci offre, prendiamo quindi le immagini della sonda spaziale SOHO delle Nasa come base del nostro conteggio.

Il nostro obiettivo è quello di rimanere il più fedele possibile ai dati rilevati nel 1800 e nei primi anni del 1900, anni nei quali i cicli solari erano più deboli e i minimi più profondi ( quindi cerchiamo di rifarci ai conteggi fatti nei periodi solari più simili a quelli odierni ) per fare questo ci avvaleremo di una singola rilevazione per giorno.

Gli osservatori come ben sapete fanno una singola rilevazione a giorno, e dato che nel 1800 il SIDC aveva contatti solo con i centri europei le varie rilevazioni si rifacevano praticamente tutte alla mattinata, non avendo più quindi la possibilità di cambiare un conteggio se la macchia si formava durante il tardo pomeriggio-sera ( per esempio ).

Noi però abbiamo scelto come orario indicativo quello delle 12.00UTC, orario centrale della giornata.

Ovviamente sappiamo che le immagini SOHO non è detto che aggiornino proprio alle 12.00, per cui si prende quella di orario più vicino.

Nel caso in cui non sia possibile reperire l’immagine SOHO il valore del giorno in questione non sarà considerato per calcolare l’SN mensile, come avveniva una volta in mancanza di dati

Verifica delle Macchie:

Questo passaggio è fondamentale, questa è una breve descrizione del programma scritta da Nitopi:

Il programma applica un filtro mediano bidimensionale all’immagine del sole .
Il filtro e’ tale da appiattire e da far scomparire le macchie con una dimensione inferiore a quanto impostato lavorando sul “rango”.
Successivamente viene applicata una sogliatura in modo da rendere bianche le aree individuate come “spot” e nere le aree individuate come “blank”.

ecco un’immagine dimostrativa:

(Link di riferimento dell’immagine: http://sohowww.nascom.nasa.gov//data/REPROCESSING/Completed/2010/mdiigr/20100208/20100208_1210_mdiigr_1024.jpg )

Il sistema lavora quindi su 2 diversi parametri, la grandezza, ma soprattutto la visibilità di una macchia.

esempio: una macchia con un dimensione tale da superare la soglia che si usava con il Layman’s Count se però non possiede la giusta visibilità non viene visualizzata dal sistema di Nitopi.

Quindi una volta che la macchia viene visualizzata si procede al conteggio vero e proprio

Attenzione: I giorni spotless calcolati con questo sistema non sono quelli realmente “ufficiali”, perchè diversamente dal metodo usato con il Layman’s Count non si considerano le 24h della giornata, quindi tali valori non hanno alcun tipo di valore statistico se non a comporre l’SN mensile.

Conteggio:

Il Conteggio è essenzialmente assegnare un Numero di Wolf con la formula che tutti conoscete.

Se qualcuno ha dei dubbi rimando alla pagina sulle conoscenze di base: http://daltonsminima.wordpress.com/conoscenze-base-sole/

Correzione del Numero di Wolf

Dato che il Numero di wolf da solo non sarebbe confrontabile con quello del SIDC che viene corretto con un fattore di correzione tutt’ora non completamente noto, anche noi abbiamo deciso di utilizzarne uno, il valore di K è 0.6, lo stesso che usa il centro di Locarno, quello principale del SIDC

D’ora in poi i dati saranno inseriti nella nuova pagina già dedicata a questo nuovo ed alternativo conteggio: http://daltonsminima.wordpress.com/nias-sunspot-number/

I dati del mese corrente verranno inseriti direttamente sul sito così da essere di facile lettura, ma come potete intuire dagli archivi già presenti, per ottimizzare lo spazio a mese concluso sarà tutto archiviato su file pdf.

Guida per leggere i File pdf:

SN: indica il numero di wolf così come viene calcolato attraverso la sua formula

SN Corr. : indica il numero di wolf dopo aver subito la correzione con il fattore K per poterlo confrontare con l’RI del SIDC

Ora Rilev. : indica l’orario dell’immagine SOHO su cui si basa il conteggio

Mens. : indica i 2 valori mensili di SN

(per problemi o chiarimenti è consigliabile scrivere direttamente nella pagina che mettiamo a disposizione)

Il Conteggio sarà interamente gestito da me, prometto nel limite delle mie possibilità di essere il più professionale possibile e di essere sempre presente per aggiornare la pagina.

Se dovesse succedere che non sarà più possibile per me continuare sceglierò io stesso il sostituto.

FABIO

Hatena Bookmark - NIA ci riprova, ecco il 1° conteggio alternativo al SIDC
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

73 pensieri su “NIA ci riprova, ecco il 1° conteggio alternativo al SIDC

  1. Di ruote ne esistono diversi tipi …
    Nessuno può impedire a qualcun’ altro di puntare un cannocchiale verso il sole e verificare se le macchie esistono veramente o qualcuno se l’ é inventate e pubblicare un resoconto .

      (Quote)  (Reply)

  2. Sentite ragazzi, finiamola qui…lui è convinto che possa essere l’unico amatore nel mondo a fare conteggi alternativi, ma nessuno ci vieta di farlo anhe a noi…

    Da quando è nato questo Blog che sn alla ricerca di un metodo alternativo per ridare il giusto senso alla conta delle macchie solari ri spetto al passato!

    Mi spiace che se la sia presa e che nn vi sia possibilità alcuna di cooperazione, ma noi andiamo avanti per nostra strada!

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  3. Basta davvero,ognuno e” libero di fare cio che vuole,daltronde si sa che quando si vuole cambiare in meglio qualcosa,qualcuno e” sempre in disaccordo.Il tempo vi dara ragione e spero anche riconoscimenti da parte di enti importanti.io non sono molto esperto di conteggi pero mi sembra che con questo metodo si possano fare confronti veri con il passato.

      (Quote)  (Reply)

  4. Simon valuta la possibilitá di togliere adesso il Laym cont sostituendolo come proponeva Fabio 2 con una cartella con aggiornamenti di altri indici tipo ghiacci artici/antartici indici teleconnettivi etc.

      (Quote)  (Reply)

  5. In effetti visti i problemi con Geoff sarebbe giusto sganciare la sezione … a questo punto però é bene muoversi con “delicatezza”, perché una volta sganciata non credo che sarà possibile tornare indietro.

      (Quote)  (Reply)

  6. Prima intendevo dire che sono d’accordo con ICE.
    Ma prima di mandare a quel paese Geoff bisognerebbe dargli un po’ di tempo per smaltire la rabbia: in fondo l’idea di un “metodo alternativo” l’a avuta lui e il fatto di essere scavalcato da un altro metodo senza preavviso lo amareggia… mi pare una reazione del tutto normale.

      (Quote)  (Reply)

  7. Complimenti vivissimi a Simon e a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questo obbiettivo. Non dovete assolutamente sentirvi in colpa per ciò che dice Geoff. Il suo è un semplice tentativo di salvaguardare il suo conteggio ed eleggerlo ad unico conteggio garante di trasparenza. Classico atteggiamento di chi ha manie di protagonismo. Ha anche diffidato Simon a frequentare il suo blog. Quindi è tutto dire.
    Vai avanti per questa strada, non ti far intimorire. I tuoi fedelissimi lettori non ti gireranno le spalle certamente per questo, anzi, sono convinto che aumenteranno così come stà aumentando il prestigio di questo blog.
    Mi piacerebbe però che si applicasse il NIA’s count anche sugli archivi di immagine dei cicli passati. Lo sò che sarebbe un lavoro enorme, ma almeno considera il fatto di poterlo fare dall’inizio del minimo, 2006.
    Che ne dici Simon?

      (Quote)  (Reply)

  8. Davide M. :

    Complimenti vivissimi a Simon e a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questo obbiettivo. Non dovete assolutamente sentirvi in colpa per ciò che dice Geoff. Il suo è un semplice tentativo di salvaguardare il suo conteggio ed eleggerlo ad unico conteggio garante di trasparenza. Classico atteggiamento di chi ha manie di protagonismo. Ha anche diffidato Simon a frequentare il suo blog. Quindi è tutto dire.
    Vai avanti per questa strada, non ti far intimorire. I tuoi fedelissimi lettori non ti gireranno le spalle certamente per questo, anzi, sono convinto che aumenteranno così come stà aumentando il prestigio di questo blog.
    Mi piacerebbe però che si applicasse il NIA’s count anche sugli archivi di immagine dei cicli passati. Lo sò che sarebbe un lavoro enorme, ma almeno considera il fatto di poterlo fare dall’inizio del minimo, 2006.
    Che ne dici Simon?

    Bisona parlarne cn Fabio, è lui che gestisce il tutto…

    Per Karlo:

    Io è 3 anni che voglio fare un conteggio alternativo e che mi batto per la trasprenza della continuità col passato, Geoff ha inventato il Layman, ma nn l’idea del conteggio alternativo, che tutti, in tutto il mondo, se vogliono, possono fare!

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  9. ice2020 :

    Davide M. :
    Complimenti vivissimi a Simon e a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questo obbiettivo. Non dovete assolutamente sentirvi in colpa per ciò che dice Geoff. Il suo è un semplice tentativo di salvaguardare il suo conteggio ed eleggerlo ad unico conteggio garante di trasparenza. Classico atteggiamento di chi ha manie di protagonismo. Ha anche diffidato Simon a frequentare il suo blog. Quindi è tutto dire.Vai avanti per questa strada, non ti far intimorire. I tuoi fedelissimi lettori non ti gireranno le spalle certamente per questo, anzi, sono convinto che aumenteranno così come stà aumentando il prestigio di questo blog.Mi piacerebbe però che si applicasse il NIA’s count anche sugli archivi di immagine dei cicli passati. Lo sò che sarebbe un lavoro enorme, ma almeno considera il fatto di poterlo fare dall’inizio del minimo, 2006.Che ne dici Simon?

    Bisona parlarne cn Fabio, è lui che gestisce il tutto…
    Per Karlo:
    Io è 3 anni che voglio fare un conteggio alternativo e che mi batto per la trasprenza della continuità col passato, Geoff ha inventato il Layman, ma nn l’idea del conteggio alternativo, che tutti, in tutto il mondo, se vogliono, possono fare!
    Simon

    Mi autocorreggo per quanto ho scritto nel mio post precedente, intendevo dal 2004 e non dal 2006 in quanto i primi giorni spotless iniziano in quell’anno.

    ———————–

    X FABIO NINTENDO

    Ciao Fabio, ti prego di considerare quanto ho proposto nel mio post precedente, dicci almeno se è fattibile o quanto meno realizzabile dividendo l’enorme mole di lavoro su più persone di questo blog. Mi rendo conto che quanto propongo è alquanto mastodontico, però credo che, con la collaborazione di un certo numero di blogger, la cosa sia fattibile.
    Saluti

      (Quote)  (Reply)

  10. ice2020 :

    Fabio2 :
    Solo una domanda: al posto dell’immagine SOHO non è possibile utilizzare l’immagine GONG ? Oppure non è abbastanza dettagliata per le esigenze di conteggio ?

    No!
    Il programma di Nitopi è tarato sul Soho molto più precisa del gong.
    Il problema semmai sarebbe più avanti se dovesse subentrare l’sdo…allora dovremmo rifare un altro programma.

    Modifiche minime… L’algoritmo e’ generale, basta variare il “rtank” per definire la nuova diemnsione minima. Ci vorra’ piuttosto uno “zoom” per visualizzare in modo decente le img 4000×4000.
    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.