Effetti del minimo solare sul clima e global warming: tutto quello che c’è da sapere ma che nessuno dice… (Prima Parte)

Il clima, un altro argomento su cui molti dibattono ma tutto propende molto irrealisticamente verso un global warming inarrestabile e senza ombra di dubbio senza alcuna via d’uscita.

Io in questo mi dissocio completamente perché non solo non stiamo andando verso un riscaldamento inarrestabile ma forse addirittura stiamo andando verso un raffreddamento globale che potrebbe concretizzarsi nel giro di pochi anni.

Usciamo da un anno dove il nino ha spadroneggiato facendo schizzare letteralmente verso l’alto le temperature e non dico che questo sia falso ma quantomeno non del tutto veritiero perché sappiamo tutti o quasi che solo due anni fa con la nina tutti gridavano già ad un rallentamento del global warming perché le temperature non aumentavano più.

Ho sempre sostenuto che un aumento delle temperature dovuto al nino sarebbe stato da mettere in conto ma non da far gridare ad alcuni enti governativi che il clima della terra sarebbe andato verso un aumento esponenziale delle temperature, con lo scioglimento dei ghiacci mondiali e il conseguente aumento del livello del mare come molti di questi signori sostengono.

Adesso voglio parlare dei dati satellitari; ma siamo proprio sicuri che questi dati che ci propinano ogni giorno siano reali, veritieri e che rispecchino realmente la situazione attuale delle temperature?

Qui vi posto le anomalie dei mari e l’andamento degli ultimi anni:

Bene da questi grafici cosa ne emerge?

Che la temperatura degli oceani non è così drammatica come vogliono farci credere, considerando le anomalie portate dal nino, e che le temperature degli oceani di fatto non sono più aumentate dal 1998 quando si raggiunse il picco storico di riscaldamento.

Poi guardate le pesanti anomalie negative del nord pacifico e della zona centrale atlantica che ormai si protraggono da anni

Gli inglesi del Met Office continuano a parlare di anno più caldo della storia e ogni anno ci dicono che questo sarà davvero bollente ma nessuno ha il coraggio di dire che questi signori stanno facendo errori su errori non hanno un minimo di umiltà di dire è vero abbiamo sbagliato ma continuano per la loro strada!

L’hanno scorso avevano previsto che sarebbe stata l’estate più calda della storia per poi rivelarsi una delle più fresche e delle più piovose della storia e adesso, per questo 2010, prevedono un anno terribile addirittura più caldo della storia!

Ma siamo proprio sicuri che sarà davvero il più caldo?

Il nino è terminato e addirittura stanno uscendo le prime anomalie negative nel pacifico equatoriale indice di una nina incombente e che nei prossimi mesi potrebbe rivelarsi anche forte condizionando così tutti i fattori climatici mondiali con un brusco abbassamento delle temperature.

Fine prima parte

Andrew

Hatena Bookmark - Effetti del minimo solare sul clima e global warming: tutto quello che c’è da sapere ma che nessuno dice… (Prima Parte)
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

57 pensieri su “Effetti del minimo solare sul clima e global warming: tutto quello che c’è da sapere ma che nessuno dice… (Prima Parte)

  1. Alla NASA si sentono come DIO! Dopo 2000 anni quando qualcuno moltiplicó i pani e i pesci, loro tentano la moltiplicazione della AR e delle sunspot!
    Qualcuno li crocifiggerá?

      (Quote)  (Reply)

  2. Non è che il sidc con i suoi 19 sia andato molto lontano, infatti anche catania segnala 3 regioni…

    insomma, w la continuità col passato!

    Questo minimo è molto più importante di quello che vogliono farci credere e lo capisco ogni giorno sempre di più!

      (Quote)  (Reply)

  3. Credo anche col layman, ma cn questo metodo sai benissimo che devo aspettare fino a domani…con l’ultimo aggionamento soho è spotless cmq…

      (Quote)  (Reply)

  4. Facciamo i conti della massaia… gli ineffabili scienziati(?) del NOAA/NASA stanno dicendo che oggi ci sono 3 nuove aree, essendo che la vecchia 1072 non c´è piú. Le tre AR sono (secondo la numerazione di CT) la 76 a 12° N, la 77 a 18°S ed una terza area che non é visibile con l´ultimo SOHO ma che dovrebbe essere apparsa per pochi minuti o ore? nell´emisfero Nord nella parte estrema orientale dove esiste una zona magneticamente attiva con orientamento nord/sud.
    http://sohowww.nascom.nasa.gov/data/realtime/mdi_igr/1024/latest.html
    http://gong2.nso.edu/dailyimages/img/jpg/bqa/201005/bbbqa100529/bbbqa100529t1844.jpg

    Queste 3 zone hanno una dimensione totale di 50 con 13 sunspot!
    Dividendo 50 per i 13 sunspot abbiamo che ogni sunspot dovrenne avere una dimensione di 3,85!!! Ma se diciamo benevolmente che la sunspot maggiore nel lato sud ha una area di 10 per le restanti 12 sunspot resta un área di 40 cioé di 3,33 cadauna!!! Che non dovrebbe mai essere contata perché non é una sunspot ma un quasi nulla.
    CIOÈ 0 ZERO! Non stanno vedendo nulla! Inventano tutto!
    Grazie al NIA´S sunspot number noi possiamo sapere la veritá sugli imbrogli innominabili di questi pseudoscienziati in embrione.

      (Quote)  (Reply)

  5. paolo 72 :

    Ciao!ma perchè si stanno comportando così?

    Rispondo per l´ultima volta perché lo abbiamo detto decine di volte. Tutti i satelliti, le navicelle spaziali, tutte le aparecchiature elettroniche degli enti spaziali etc ec pagano milioni di premi per le societá assicuratrici per i possibili danni che potessero essere causati da anomalie megnetiche del Sole quali tempeste magnetiche, emissioni di raggi x e gamma. Se le societa assicuratrici vedono che il Sole é in fase di calma potrebbero abbassare il montante da pagare per una eventualitá simile che non si verificherá durante una fase di quiete. Ma siccome gli scienziati sanno che una tempesta magnetica é possibile anche durante un minimo (Come l´evento di Carrington) vogliono mostrare alle compagnie assicuratrici che é tutto normale anche pagando un poco piú il premio ma assicurandosi un eventuale rimborso che possa coprire tutti i possibili danni da un evento non prevedibile. Un sole normale é piú tranquillo di un Sole che evidenzia una attivitá anormal, minimo prolungato che sia.
    I soldi in ballo sono MILIARDI di dollari!! Non bruscolini.

      (Quote)  (Reply)

  6. Immagina cosa succederebbe se si verificasse un nuovo evento di Carrington adesso!
    L´evento si verificó nel 1859 durante una fase di minimo solare, duró appena 5 minuti ma produsse gravi danni. Se si verificasse adesso le conseguenze sarebbe quasi catastrofiche basti pensare a tutti i satelliti di telecomunicazione che permettono che io sia in contatto con l´Italia dal mio PC proprio attraverso un satellite. Immagina cosa succederebbe se alcuni satelliti, non tutti andassero in tilt quali sarebbero le ripercussioni. Le societá assicuratrici fanno i loro calcoli dei premi e rimborsi proprio dalle previsioni dei fisici solari sui prossimi cicli. E le societá assicuratrici, come la borsa valori, non amano gli imprevisti, quali essi possani essere.!

      (Quote)  (Reply)

  7. vA ANCHE DETTO CHE FORUNATAMENTE I DATI DEL NOAA NN SERVONO A NIenTE, PERCHè LA STORIA SI BASA SUI DATI SIDC.

    Servono quindi solo alle assicuzioni come ha detto Sand-rio.

    aspettiamo di vedere come si comporterà il sole domani e che RI darà il sidc per oggi (oggi ha messo provvisoriamente 19)

      (Quote)  (Reply)

  8. x Simon:
    Come già fatto qualche mese fa per un articolo sui raggi cosmici, ne ho trovato mercoledì uno interessante sul giornale “La Stampa”. Lo ho messo in bozze, dai un’occhiata se può interessare 😉

      (Quote)  (Reply)

  9. Stefano Riccio :

    Jacopo :

    Michele :
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/index2.php
    Un pò troppi questi colori giallo/arancio !

    michele, tu che sei pratico di inglese ed io un pò meno, mi spieghi cosa significa “eruption is ongoing”??? Sta già eruttando od è un segnale di eruzione imminente?
    Grazie in anticipo

    Eruption is ongoing significa eruzione in corso, quindi quando vedi scritto così vuol dire che il vulcano in questione sta già eruttando.

    grazie 1000 a bernardo e stefano

      (Quote)  (Reply)

  10. Fabio2 :Andrew, mi permetto solo di suggerirti di argomentare maggiormente le affermazioni che fai.In un articolo non basta esporre, anche efficacemente come fai tu, la propria convinzione personale. Occorre illustrare in modo convincente gli elementi a favore delle tesi che vuoi esporre.
    Non prenderla come una critica alle tue tesi, anche io ho forti dubbi circa il “dogma” del Global Warming, non fosse altro perchè appunto viene propagandato come dogma, anche a dispetto di indizi che dicono il contrario. Prendilo solo come un suggerimento.

    Ciao Fabio sul fatto di argomentare meglio le cose che dico sono daccordo ma purtroppo stavo preparando l’articolo quando ne è stato scritto uno molto simile quindi ho dovuto cercare di cambiarlo un pò per non essere ripetitivo 🙂

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.