Younger Dryas: Ieri come oggi?

Circa 13.000 anni fa, dopo un periodo di riscaldamento conosciuto come Bolling-Allerod, il clima europeo conobbe un nuovo periodo molto freddo: il Younger dryas. Il nome deriva dal fiore caratteristico della tundra. Tutti ormai ammettano questo periodo gelido e quindi non parleró delle prove scientifiche incontrate. Il periodo freddo arrivó “all´improvviso” e all´improvviso se ne andó… improvviso in termini geologici.


In quella epoca i nostri ancestrali umani si stavano espandendo grazie al periodo caldo e quel periodo freddo li costrinse a trovare rifugio verso sud.
L´inizio del Younger dryas non fu causato dalla diminuita insolazione come provato dai cicli di Milankovich, che anzi era maggiore che adesso.
La chiave deve stare nell´Atlantico. Si sa che durante il periodo caldo Bolling Allerod la Corrente del Golfo si debilitó. Nell´Atlantico nord le fredde acque artiche si riversarono verso sud fino alla latitudine della Spagna.
Una volta debilitata la corrente termoalina l´albedo esarcebó gli effetti raffreddanti.


All´inizio della deglaciazione nel primo periodo caldo Bolling-Allerod la prograssiva fusione del manto ghiacciato aveva formato nel suo bordo meridionale un grande lago di acqua dolce, il lago Agassiz, che aveva uno sbocco nel Mississipi e quindi nel Golfo del Messico.
Poi piú o meno improvvisamente cadde una barriera gelata che il lago aveva nel bordo orientale e le acque travasarono nel nord Atlantico attraverso il Canale di san Lorenzo. Il flusso di acqua dolce nel nord Atlantico fu enorme per decine di anni. Tale apporto produsse una forte diminuzione della salinitá e della densitá delle acque superficiali e frenó il fenomeno dell´affondamento delle acque della calda corrente del Golfo. Cosí il Nord Atlantico si trovó in un freddo periodo che duró olte 1000 anni: lo Younger Dryas!
Ma questa teoria ha un difetto, non sono state trovate le prove geologiche di erosione che un tale fiume avrebbe dovuto causare tra il lago Agassiz e il nord Atlantico.
Un´altra teoria dice che l´incremento di acqua dolce si ebbe a causa dello scioglimento dei ghiacci artici e della Groenlandia dovuto al caldo periodo detto sopra,… forse i nostri ancestrali emettevono molta CO2…


Il raffreddamento nel periodo yuonger dryas fu molto chiaro in Europa. E anche se il fenomeno non fu globale, sembra che il raffreddamento delle acque non si limitó al Nord Atlantico. Esistono moltissimi indizi che tale raffreddamento colpí anche le regioni della Patagonia alle Filippine.
Un altro indizio che tale raffreddamento non fu localizzato solo al nord si deve alla concentrazione di metano che nell´atmosfera si ridusse del 25% con gli stessi dati che si trovano sia nei ghiacci della Groenlandia che nei ghiacci antartici, al contrario la CO2 aumentó malgrado il periodo freddo.

Fino a poco tempo fa si credeva che la diminuzione del metano era dovuta alla diminuzione delle precipitazioni con conseguenza dimuzione della umiditá nelle zone tropicali, peró molto piú probabilmente la diminuzione del metano si deve cercare nelle alte latitudini causato proprio dalla diminuita attivitá biologica e con questa una minore emissioni di gas dalla tundra e dalle torbiere.
Anche il livello del mare non si abbassó ma continuó ad alzarsi di circa 3mm. all´anno a confronto dei 40mm. l´anno dell´inizio del periodo caldo Bolling-Allerod. Ció indica che i ghiacci accumulati nei continenti continuó a sciogliersi globalmente mentre i ghiacciai avanzavano solo in Europa.
Il Younger Dryas finí bruscamente cosí come era iniziato in poche decine di anni verso 11500 anni fa. La fine drastica dello Yonger Dryas si trova nei sedimenti dei ghiacci groenlandesi, nei sedimenti dei ghiacciai alpini e nei laghi europei.
In poche decine di anni le precipitazioni raddoppiarono da 100 a 200mm., il metano cominció ad aumentare da 0,50 ppm a 0,75 ppm.
In definitiva 11.500 anni fa le correnti oceaniche si adattarono piú o meno cosí come le conosciamo adesso. Le acque superficiali dell´Atlantico Nord tornarono a riscaldarsi con l´apporto delle acque della C.d.G. e le temperature in Europa tornarono ad alzarsi di vari gradi in poche decadi.
Finiva cosí il Pleistocene ed iniziava l´Olocene piú caldo, che permise che l´Homo Sapiens uscisse dalle caverne si sparpagliasse per il mondo e che si moltiplicasse. In quel periodo caldo iniziarono le prime coltivazioni agricole e l´asservimento delle piante selvatiche ai fabbisogni umani.

SAND-RIO

L´articolo originale e piú completo potete trovarlo qui in spagnolo:
http://sandcarioca.wordpress.com/2010/06/16/o-periodo-de-resfriamento-el-younger-dryas/

Hatena Bookmark - Younger Dryas: Ieri come oggi?
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

49 pensieri su “Younger Dryas: Ieri come oggi?

  1. giorgio :

    E se lo youger dryas fosse la pura conseguenza dell”allineamento galattico del centro di massa del sistema solare che avviene appunto ogni 13000 anni?Che strana coincidenza non vi pare?

    Poiché il periodo tra le ere graciali e di circa 11500 anni noi siamo alla fine del periodo interglaciale attuale.
    http://daltonsminima.wordpress.com/2010/06/19/%E2%80%9Carriva-il-grande-freddo-appuntamento-per-il%C2%A02014%E2%80%9D/

      (Quote)  (Reply)

  2. giorgio :
    E se lo youger dryas fosse la pura conseguenza dell”allineamento galattico del centro di massa del sistema solare che avviene appunto ogni 13000 anni?Che strana coincidenza non vi pare?

    Scusa giorgio dove hai preso questo dato?

      (Quote)  (Reply)

  3. Alessio :

    giorgio :E se lo youger dryas fosse la pura conseguenza dell”allineamento galattico del centro di massa del sistema solare che avviene appunto ogni 13000 anni?Che strana coincidenza non vi pare?

    Scusa giorgio dove hai preso questo dato?

    fa parte di un articolo di Ale scritto alcuni mesi fa qui su NIA.

      (Quote)  (Reply)

  4. Giorgio :Secondo le ultime rilevazioni satellitari l’anomalia terrestre nello scorso mese di Giugno è stata pari a +0.436°C. Rispetto a maggio lo scarto si è ridotto di quasi un decimo di grado. Su tratta della seconda anomalia più alta, relativamente al mese di giugno, degli ultimi 31 anni. Il record mensile spetta al 1998, quando la temperatura terrestre rilevata dai satelliti fu di 0.562°C. Secondo l’UAH il 2010 è, fin’ora, il secondo anno più caldo dal 1978 ad oggi con un’anomalia media pari a 0.56°C, i primi 6 mesi del 1998 palesarono, invece, uno scarto pari a 0.64°C.A cura di Giulio Bettihttp://www.3bmeteo.com/flashnews_images/1278149888-UAH_LT_1979_thru_June_10.gifl’era glaciale si avvicina!!!

    Non badare ai dati satellitari.E gia stato dimostrato piu volte che sono taroccati

      (Quote)  (Reply)

  5. giorgio :

    Giorgio :Secondo le ultime rilevazioni satellitari l’anomalia terrestre nello scorso mese di Giugno è stata pari a +0.436°C. Rispetto a maggio lo scarto si è ridotto di quasi un decimo di grado. Su tratta della seconda anomalia più alta, relativamente al mese di giugno, degli ultimi 31 anni. Il record mensile spetta al 1998, quando la temperatura terrestre rilevata dai satelliti fu di 0.562°C. Secondo l’UAH il 2010 è, fin’ora, il secondo anno più caldo dal 1978 ad oggi con un’anomalia media pari a 0.56°C, i primi 6 mesi del 1998 palesarono, invece, uno scarto pari a 0.64°C.A cura di Giulio Bettihttp://www.3bmeteo.com/flashnews_images/1278149888-UAH_LT_1979_thru_June_10.gifl’era glaciale si avvicina!!!

    Non badare ai dati satellitari.E gia stato dimostrato piu volte che sono taroccati

    Non rispondetegli più, è BORA!

      (Quote)  (Reply)

  6. certo che si stanno scigliendo la manipolazione sta nella gestione dei grafici,che hanno scostamenti a livello temporale facendo peggiorare il quadro piu di quanto non lo sia realmente.per quanto riguarda i dati sulle temperature e” ststo dimostrato piu volte qui su NIA che ci sono errori madornali nella trasmissione dei dati e la loro successiva elaborazione.Sand e Ice potranno darti quache suggerimento e farti leggere alcuni articoli dei mesi passati

      (Quote)  (Reply)

  7. ice2020 :

    giorgio :

    Giorgio :Secondo le ultime rilevazioni satellitari l’anomalia terrestre nello scorso mese di Giugno è stata pari a +0.436°C. Rispetto a maggio lo scarto si è ridotto di quasi un decimo di grado. Su tratta della seconda anomalia più alta, relativamente al mese di giugno, degli ultimi 31 anni. Il record mensile spetta al 1998, quando la temperatura terrestre rilevata dai satelliti fu di 0.562°C. Secondo l’UAH il 2010 è, fin’ora, il secondo anno più caldo dal 1978 ad oggi con un’anomalia media pari a 0.56°C, i primi 6 mesi del 1998 palesarono, invece, uno scarto pari a 0.64°C.A cura di Giulio Bettihttp://www.3bmeteo.com/flashnews_images/1278149888-UAH_LT_1979_thru_June_10.gifl’era glaciale si avvicina!!!

    Non badare ai dati satellitari.E gia stato dimostrato piu volte che sono taroccati

    Non rispondetegli più, è BORA!

    Ma porca miseria usa pure il mio nome.Cazzz

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.