CONOSCENZE BASE DEL SOLE 1) Caratteristiche generali.

Proprietá globali

Il Sole é la stella piú vicina a noi ed é delle centinaia di migliaia che esistono nella nostra Galassia. Il Sole “costituisce il “centro” del nostro Sistema Solare intorno al quale girano tutti i pianeti che lo costituiscono, inclusa la Terra, comete e asteroidi. Il Sole, non solo governa questi movimenti orbitali come, data la sua vicinanza, é il responsabile per la vita sulla Terra, che senza l´astro, sarebbe manifestamente impossibile.

IL SOLE

Occupando una posizione media in un braccio della spirale, con circa 8,5 mil persecs (30 mila anni luce) dal centro galattico, il Sole ha come vicina piú prossima, ad una distanza di 4,3 anni luce la stella Próxima Centauri, con cui partecipa nel movimento di rotazione di rotazione delle stelle attorno alla Galassia: ad una velocitá di 250 km/s, completa una rivoluzione in circa 200 milioni di anni.
Il Sole nel sistema solare in una rappresentazione artistica

Localizzazione del Sole nella Galassia in una rappresentazione artistica mostrando la posizione del Sole nella Via Lattea con differenti viste

Dovuto alla sua situazione nella Galassia, alla sua fase di evoluzione, alle sue dimensioni e luminositá, il Sole si presenta come una normalissima stella con dimensioni medie e con circa 4,5 miliardi di anni di “vecchiaia” (circa la metá del suo tempo previsto di vita), essendo classificata come una stella nana di classe spettrale G2 e le cui caratteristiche sono le seguenti:

Massa: M = 1,989 x 10^30 kg

Raggio equatoriale: R = 695 000 km

Densitá média: r = 1409 kg/m3

Densitá al centro: r = 160 000 kg/m3

Distânza dalla Terra: 1 UA = 1,496 x 10^8 km

Luminositá: L=3,9×10^26watts=
=3,9×1033 ergs/s

Temperatura efettiva: Tef = 5785 K

Temperatura al centro: Tc = 15 000 000 K

Magnitudine assoluta bolométrica: Mbol = 4,72

Magnitudine assoluta visuale: MV = 4,79

Tipo spettrale e classe di luminositá: G2 V

Índici dei colori: B-V=0,62
U-B=0,10

Composizione chimica principalel: (% nº)
Idrogéno = 92,1 %
Elio = 7,8 %
Ossigéno = 0,061 %
Carbonio = 0,030 %

Composizione chimica principale (% massa):
Idrogéno » 73 %
Elio » 25 %
elementi piú pesanti » 2%

Período rotazionale: all´equatore 25 giorni
nei poli 36 giorni
all´interno 27 giorni

Per avere piú concreta delle dimensioni del Sole, il diametro equatoriale del Sole (1.392.400 km) equivale a circa 109 volte il diametro della Terra e il suo volume 1,41 x 1027 m3 é di 332.830 terre.

Dimensione comparativa del Sole con le altre stelle conosciute. Questa immagine comparativa delle dimesioni del Sole con le altre stelle conosciute, permette di farci precepire perché il Sole é classificata come una stella Nana.

Dala sua nascita, quasi la metá dell´idrogeno esistente nel suo nucleo giá é stato consumato nella produzione di energia che irradia.

Dimensioni relative del Sole e della Terra. In questo montaggio. approssimativamente in scala, é possibile comparare le dimensioni realative del Sole e della Terra.

Per essere una stella di caratteristiche medie, ci vorrà altrettanto tempo (4,5 miliardi di anni) per trasformare il restante idrogeno in elio, dopo passerá per radicali cambiamenti con un grande aumento della temperatura e una diminuzione della luminositá, con conseguente distruzione della Terra e la formazione di una nebulosa planetaria.l

La nebulosa planetária "Occhio di gatto" - NGC 6543 La morte di una stella di massa identica a quella del Sole risulta nella formazione di una nebulosa planetaria.

SAND-RIO

Hatena Bookmark - CONOSCENZE BASE DEL SOLE 1) Caratteristiche generali.
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

50 pensieri su “CONOSCENZE BASE DEL SOLE 1) Caratteristiche generali.

  1. roberto forlì :
    Ciao a tutti sono roberto e vi seguo tutti i giorni con grande interesse. Vi ringrazio per la costante informazione che fate e che non ha equivalenti in altr siti (che almenom conosco io). Vorrei fare un paio di considerazioni in ordine sparso a riassunto degli ultimi giorni.
    Forse Bora così come me non conosce fonti alternative a quelle ufficiali a cui attingere ed è questo il motivo del suo elencare i record di caldo del pianeta (dappertutto non si parla di altro e se non ci foste voi non avrei saputo nemmeno dell’eccezionale ondata di gelo del sudamerica)
    Oltretutto mi dispiace di non conoscere lo spagnole perchè non ho potuto leggere i link postati da sand rio. (complimenti per ituoi articoli e la tua cultura che trasuda da tutto quello che scrivi. Ti ringrazio vivamente)
    Ora volevo dire a bora che visto il nome (non so se è un’abbreviazione, il vero cognome o un nick) sarebbe più logico parlasse di freddo altrimeti cambialo in scirocco….naturalmente scherzo…
    Anche se bora è un po’ polemico lasciatelo scrivere …siete un fantastico sito libero e democratico e per questo vi apprezzo…per la pluralità di idee e posizioni quindi non istituzionalizzatevi…siete belli così
    Finisco con una mia considerazione che è solo di tipo locale e senza numeri..
    per capire il clima io mi guardo intorno osservo le piante l’erba, gli alberi i fossi…ebbene a memoria non ricordo a forlì una vegetazione così rigogliosa e verde come in questa estate che pure ha avuto due/tre settimane di caldo accentuato…come dite voi il clima ha bisogno di tempi enormi per essere compreso e studiato e infatti un’ondata di caldo non ha messo in crisi l’eredità di un inverno nevoso e di una primavera piovosa (ora è anche freddom per essere luglio. non ricordo nemmeno un periodo perturbato così lungo all’interno del mese estivom per eccellenza)
    e quanto a bora che propone dati e numeri e contesta che fa previsione volevo ricordagli (e questo senza alcuna polemica) che questo è un sito dove si discute, si fanno ipotesi e che è questo il suo bello. I numeri non hanno anima e la statistica in fondo rispetto al presente è storia…qui c’è curiosità di conoscere di confrontarsi ed è quindi giusto comunque con una vbase di dati sottomano fare ipotesi congetture e previsioni senza avere l’arroganza della verità in tasca.
    Una la faccio anch’io…credo che andremo incontro ad un severo raffreddamento climatico non tanto per i picchi minimi e massimi di temperatura locali registrari ma perchè la durata media degli inverni si sta allungando e quella delle estati bollenti si sta restringendo. Vedremo.
    Un grazie a tutti! Siete fortissimi!

    Scaricati GOOGLE CHROME che ha il traduttore integrato. Traduce un’infinità di lingue, oltre ad essere più veloce.
    Ciao
    Pelly

      (Quote)  (Reply)

  2. NUOVA RAPPORTO SUL CLIMA DEL NOAA, l’uomo responsabile dei cambiamenti

    Sabato, 31 luglio 2010 ore 15:12

    Lo studio condotto dal NOAA contiene le informazioni non incluse nel rapporto dell’IPCC del 2007, recentemente soggetto a fortissimi attacchi da parte degli scettici sui cambiamenti climatici. 7 degli 11 indicatori climatici considerati (temperatura dell’aria sulla terra, la temperatura della superficie del mare, la temperatura dell’aria sopra il mare, i livelli del mare, il calore degli oceani, umidità e temperatura della troposfera) hanno mostrato variazioni in aumento sostanziali. Ciò, secondo gli studiosi, sarebbe la prova inequivocabile dell’influenza dei gas serra.
    meteogiornale

    meditate gente..meditate!

      (Quote)  (Reply)

  3. Io a Bora71 chiedo solo una cosa: se sei veramente convinto di quello che scrivi, perche’ non mi dici, anche in privato se vuoi, come ti chiami e dove abiti?
    Tranquillo… non voglio farti niente… ma se dovessero verificarsi gli scenari che noi ipotizziamo, io personalmente verro’ a cercarti in capo al mondo per denudarti e farti morire dal freddo fino a quando non chiederai scusa al mondo per le stronzate alle quali credi e che stai tanto veementemente riportando senza sapere neanche di cosa parlano!
    E’ una cosa che ho promesso ad altre 2 persone seriamente convinte che il mondo continuera’ a riscaldarsi all’infinito…

      (Quote)  (Reply)

  4. bora71 :

    NUOVA RAPPORTO SUL CLIMA DEL NOAA, l’uomo responsabile dei cambiamenti

    Sabato, 31 luglio 2010 ore 15:12

    Lo studio condotto dal NOAA contiene le informazioni non incluse nel rapporto dell’IPCC del 2007, recentemente soggetto a fortissimi attacchi da parte degli scettici sui cambiamenti climatici. 7 degli 11 indicatori climatici considerati (temperatura dell’aria sulla terra, la temperatura della superficie del mare, la temperatura dell’aria sopra il mare, i livelli del mare, il calore degli oceani, umidità e temperatura della troposfera) hanno mostrato variazioni in aumento sostanziali. Ciò, secondo gli studiosi, sarebbe la prova inequivocabile dell’influenza dei gas serra.
    meteogiornale

    meditate gente..meditate!

    Non mancar domani che i tuoi amici truffaldini e compagni di merende del Noaa saranno sputtanati una volta per tutte… 😆

      (Quote)  (Reply)

  5. ragazzi io ho un idea non so se è praticabile,anche sul nuovo blog, inserire un tasto con cui ogni utente puo’ bannare da se il nickname indesiderato cosi da non leggerlo più nelle varie discussioni, così pure se scrive se le legge da solo le sue considerazioni.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.