NON SI PUO’ ANDARE AVANTI COSI’!!!

Clicca qui per vedere l’immagine ingrandita:

http://www.ct.astro.it/sun/draw.jpg

L’osservatorio solare di Catania è un centro ultra-moderno che ormai da anni collabora col Sidc per la formulazione dell’International Sunspot Number (RI).

Più volte il centro Catanese è stato oggetto delle cronache di NIA ma anche di tanti altri siti sparsi nel mondo che come noi si occupano da vicino di questo minimo solare. Al momento Catania rappresenta di certo uno degli osservatori mondiali più all’avanguardia, capace di segnalare regioni e macchie che tutti o la stragrande maggioranza degli altri osservatori mondiali non riescono a scorgere.

La prima volta che l’ormai celebre osservatorio catanese è salito agli onori della cronaca, è stato nel corso del mese di agosto 2008, quando tutti i principali centri adibiti all’osservazione delle macchie solari avevano sentenziato un mese completamente spotless, tutti appunto tranne il centro siciliano che riuscì a scorgere una timida regione con all’interno un flebile pore.

Da allora, le cose sono andate solo peggiorando!

Numerosi osservatori dilettanti che quotidianamente scrutano i cieli alla ricerca delle macchie fantasma segnalate da Catania, rimangono delusi, le macchie catanesi restano e resteranno visibili solo ai potenti telescopi siculi e ai loro bravissimi tecnici.

Come più volte ribadito qui su NIA, nutro enorme rispetto per coloro che lavorano nel centro di Catania, sono gli unici che da quando seguo questo ciclo solare, sono sempre rimasti coerenti con se stessi, ed anche quando cambia il nome del tecnico osservatore, il risultato è il medesimo! Ovviamente stimo e rispetto il loro lavoro, pur non condividendolo, e dato che in Italia c’è ancora libertà di espressione, trovo giusto rimarcarlo, onde evitare malintesi.

Quindi come più volte affermato, ritengo che chi stia sbagliando in tutta questa storia, sono i signori del Sidc, proprio coloro che dovrebbero garantirci la continuità col passato (quante volte avrò ripetuto questa frase!), non possono più permettersi di avere tra le loro fila osservatori che usano metodiche e strumenti di conteggio non compatibili con quelli di un tempo, perchè altrimenti lo si dica prima che è giusto contare le macchie solari con i telescopi più potenti che abbiamo a disposizione oggi per andare incontro ai progressi ma che al contempo della continuità col passato, non ce ne frega più nulla!

Perchè cari signori del Sidc, come si dice dalle mie parti, non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca!

Se ammettono questo, io smetterò di rompergli le scatole con questi articoli e mi metterò l’anima in pace!

Ma purtroppo questi signori non lo diranno mai, e sapete perchè?

Perchè evidentemente a loro va bene così!

A loro va bene che 300 e passa anni di conteggi e minuziose ricostruzioni delle macchie solari, vengano tutto ad un tratto buttati nel bidone!

Non ho altre spiegazioni, perchè nonostante le numerose segnalazioni e critiche che hanno ricevuto soprattutto in questi ultimi anni, le cose non sono cambiate di una virgola, ma anzi con l’avanzare del ciclo 24, sono addirittura andate peggiorando!

Perchè io da questa immagine, un SN di 62 non lo vedo:

http://sohowww.nascom.nasa.gov//data/REPROCESSING/Completed/2010/mdiigr/20100816/20100816_1143_mdiigr_1024.jpg

A parte il fatto che nell’area cerchiata con il punto interrogativo a fianco non vi sono macchie, mentre Catania ne mostra una miriade, le altre rispettivamente contengono,come vi accorgerete cliccando sul link sopra, un pore la regione nel sud emisfero, 3 quella nel nord che sta per girare il lato visibile e 4 macchiette quella sempre nel nord emisfero, l’unica contabile anche col nia’s count!

E che SN ci mette il Sidc oggi?

38! (per la cronaca il Noaa mette 39, ed i valori del sidc sono di norma sempre 1/3 più bassi di quelli americani)

http://sidc.oma.be/html/SWAPP/dailyreport/2010/meu228

Voi capite che così, non si può proprio più andare avanti!

Il numero giusto che avrebbero dato durante il minimo di dalton sarebbe stato 9…come abbiamo messo noi col Nia’s count:

http://daltonsminima.altervista.org/?page_id=8780

E tutto ciò è ampiamente confermato dall’immenso e lodevole lavoro che sta facendo da mesi il nostro Pablito, il quale ogni giorno guarda il cielo con un telescopio di uguale potenza a quelli che si usavano 100 anni fa, e le uniche macchie che riesce a vedere sono le stesse che contiamo noi tramite il sistema di Luca Nitopi che ha permesso il Nia’s count!

A tal proposito, lo stesso Pablito sta preparando un pezzo che spiega le differenze tecniche tra gli osservatori moderni Catania style e quelli di una volta…da non pedere, soon su NIA!

In conclusione quindi, come avevamo già immaginato, più si andrà avanti verso il massimo del ciclo 24, e più queste disparità tra conteggi moderni e passati tenderanno ad aumentare. Fintanto che il Sidc avrà tra le sue file certi osservatori moderni, ogni raffronto coi minimi importanti non avrà più senso di esistere. E’ probabile che assisteremo ad un minimo di portata eccezionale senza quasi accorgercene, se non da questo ciclo, dal prossimo.

Ho fondato NIA proprio per portare avanti questa lotta, e credo di aver fatto appassionare e sensibilizzare tanta gente. Ma mi accorgo che coloro che dovevano essere sensibilizzati per primi, e cioè gli enti preposti di Sidc e Noaa, continuano a far le orecchie da mercante!

Questa non è più scienza, ed io me ne tiro fuori!

W NIA, W il NIA’s COUNT!

Simon

Hatena Bookmark - NON SI PUO’ ANDARE AVANTI COSI’!!!
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

36 pensieri su “NON SI PUO’ ANDARE AVANTI COSI’!!!

  1. ice2020 :

    Attenzione che con oggi dovremmo ritornare spotlesscol nia’s count!!!

    Infatti alla fine anche pompando i “pore” e tirando fuori degli SN corposi … alla fine osservando il disco solare non si vede niente di niente.

    Secondo me a Catania si stanno stufando di vedere un sole così tranquillo … e stanno pensando seriamente di perdere il posto a vedere il sole “blank” … meglio aguzzare la vista e osservare e riosservare … non deve sfuggire niente !
    Siamo o non siamo vicini al massimo solare … se continua così tra due o tre anni tutta questa abbondanza di “macchie” se la sogneranno la notte!

      (Quote)  (Reply)

  2. @Sleepyhollow
    Per quanto riguarda i ghiacci antartici…. sono arrivati a 55°S… come dire… se fossero stati nell’emisfero N si sarebbero inglobati la parte alta del Canada e della Siberia (non dico la Scozia per rispetto alla CDG….)

    Volevo chiedere a Sand, visto che e’ nell’emisfero giusto 8) , quello che vedo nella parte Argentina della terra del fuoco… e’ mare ghiacciato??? o solo dati spuri?
    Non mi risultava che gelasse il mare, li…

    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  3. @Nitopi
    Infatti difficilmente gelano i mari dovuto anche alle forti correnti.
    Questa é una immagine di Ushuaia, la cittá piú a Sud della Terra.
    http://www.tierradelfuego.org.ar/webcam/ima/2010/08/20100816-007.jpg

    La cosa invece da dire é che ad ieri l´anomalia positiva di ghiaccio in Antartide é di + 1577
    http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/seaice.anomaly.antarctic.png
    e l´anomalia negativa in artico é di – 1237
    http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/seaice.anomaly.arctic.png
    Con un saldo di gelo in piú tra i due emisferi di +340

      (Quote)  (Reply)

  4. OT
    per l’inserimento di immagini nei commenti ho messo un pulsantino “inserisci Immagine”… provatelo. una volta inserito il link potete modificare le domensioni subito e un ‘anteprima vi mostra il risultato…

      (Quote)  (Reply)

  5. @Bernardo Mattiucci

    Io non penso che sia una cosa dolosa, nessuno ha reale interesse a ridurre la cultura in generale. Penso che quello che si sta verificando è questo:

    Io, ente riconoscuto con una notevole reputazione, ho fatto determinate previsioni sull’onda catastrofistica (che va tanto di moda) per attirare l’attenzione su alcuni “problemi”, e quindi ricevere finanziamenti. Ora, volenti o nolenti, abbiamo una tecnologia che non può essere confrontata con il passato, dato che darebbe soltanto un aumento generale dei valori, non perchè siano realmente aumentati, ma perchè noi adesso abbiamo una tecnologia più precisa (sono i dati passati ad essere meno “sicuri”). Ora, confrontiamo invece, così l’aumento, per chi ci finanzia, è facilmente collegabile ai “problemi” che abbiamo portato alla luce, non si tratta di manipolare i dati (ndr: non vorrei che a volte l’avessero anche fatto) ma semplicemente di copiare pari pari i dati che leggiamo, anche se sappiamo che andrebbero normalizzati per poter giustificare il confronto.

    Questa è la situazione, una situazione di comodo, che nessuno osa smuovere, perchè c’è il dio denaro che potrebbe voltargli le spalle.

    La nasa aveva previsto una tempesta solare potentissima nel 2012, che interesse hanno ad ammettere pubblicamente che hanno sbagliato completamente? Tentando di nascondersi dietro i numeri, per quanto possono. Tanto quando l’utente del TG sente “tempesta solare più forte degli ultimi anni” si spaventa lo stesso, non sa che è una cosa perfettamente normale per il sole.

    E così via, siamo sempre lì, a nessuno interessa plagiare le menti delle persone, ma per il denaro si arriva a tutto, persino ad insabbiare alcuni eventi scomodi.

    Non credo nemmeno che il sole possa scatenare in così poco tempo una era glaciale, massimo si raffreddano e medie, come è già successo, il pianeta, e la specie umana, ne ha vissute tante, anche peggiori di quelle che potrebbero accadere sia se si verificasse il GW sia che si verificasse il GC.

    Alla fine, mi ritengo fortunato come osservatore, ma non mi aggancierò mai a inutili allarmismi giornalistici che nascono e muoiono il giorno stesso in cui vengono scritti.

      (Quote)  (Reply)

  6. Solo un appunto circa gli ultimi post del blog precedente: il movimento termico circolare si chiama convezione e non convenzione.

      (Quote)  (Reply)

  7. @Bernardo Mattiucci

    Molto molto interessante questa cosa che dici. La contesto su tutta la linea, la cosa che mi interesserebbe è capire cosa sai delle onde elettromagnetiche ad alta frequenza. Cosa c’era prima del 1945 che oggi sarebbe celato?
    Mi fai qualche esempio?

    ciaoo

      (Quote)  (Reply)

  8. @anto3
    Riguarda principalmente il “cosa” si sapeva… e il “cosa” non si sapeva «a causa della mancanza di dati».
    Se conosci bene l’argomento… e per bene intendo sia il cosa c’era prima… sia il cosa c’e’ ora… allora accetto la contestazione. Altrimenti mi spiace… prima devi controllare.

    Le ricerche di Tesla… e dei suoi vari “allievi”, sono state lo spunto per celare all’opinione pubblica le grandi potenzialita’ dell’elettromagnetismo ad alta frequenza. Questo semplicemente perche’ si era capito che erano un’arma molto, troppo, esageratamente potente nelle mani di chiunque. Sia che essi fossero i “buoni” che i “cattivi”. Semplicemente bisognava impedire alla gente comune di utilizzare la “conoscenza” e le “basi dell’elettromagnetismo ad alta frequenza”, per “bypassare” le grandi holding del potere mondiale. ovvero quelle che si occupano di energia.

    Il resto del discorso purtroppo e’ OT in questo blog e non vorrei attirare l’attenzione di chi non ha altro da fare che ostacolare la libera diffusione delle notizie e delle fonti di sapere.

    @Andreabont
    Il mio consiglio spassionato e’ quello di cercare informazioni sul NWO (New World Order) e di non fermarti alle apparenze, alle notizie casuali o alle disinformazioni celate sotto forma di articoli chiarificatori. Quello che c’e’ in ballo e’ molto piu’ di un semplicistico controllo globale…. E non e’ solo il Dio Denaro… che e’ una sorta di istituzione/entita’ che riguarda solo noi poveri mortali… perche’ ai grandi “capi” della Terra non interessa il denaro. Loro fanno e basta. Ordinano. Pretendono. Ecc… Chi paga le conseguenze siamo solo noi.

    Ed e’ in quest’ambito che l’operato amatoriale di gente come Voi, riuniti in questo blog, e’ di vitale importanza per il proseguimento culturare del genere umano.
    Monopolizzare il sapere e’ parte integrante del processo di riduzione culturale in atto da secoli… e terminera’ con la sottomissione psicologica di ogni essere vivente.

    Catania sta sbagliando? Cazzi loro!
    Il Nia’s Count dice tutt’altro. Chi lo gestisce ha la Coscienza pulita. E al di la’ di una passeggera incazzatura… semplicemente se ne fotte che ai piani alti dicono che tanto la Terra brucera’ e verra’ inondata. La realta’ e’ quella che si vede ogni mattina aprendo la finestra e OSSERVANDO la natura. Non quella riportata sulle riviste scientifiche o in televisione.

    Tenetelo bene a mente questo: La realta’ e’ quella che si vede ogni mattina aprendo la finestra e OSSERVANDO la natura.

      (Quote)  (Reply)

  9. The Solar Flux is no better today than last February.
    http://www.robertb.darkhorizons.org/TempGr/uSC24vs13_14.GIF
    And neither is the Sunspot Area.
    But today, the spots are faded out, and we are once again spotless. Only cheaters continue to pile up useless Sunspot Numbers.
    Take the area, divide it up into 30 pieces, and you cannot see them any more.
    The spots are too small and too weak.
    So, why the flux rolls back down the hill, roll Catania down the hill with it.

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine