Perché si segnala falsamente un riscaldamento quando il mondo ha iniziato un periodo di raffreddamento?

Infine finalmente una persona del meteo ha menzionato la parola “blocco” quando si parla del caldo e degli incendi a Mosca.  E ‘un evento naturale come i cambiamenti globali dalla tendenza al riscaldamento degli anni 1990 a un trend di raffreddamento a partire dal 2000. La distorsione della realtà delle temperature a livello mondiale continua dando credito al riscaldamento, mentre il Nord America occidentale, la maggior parte dell’Eurasia e vaste aree dell’emisfero meridionale sono sotto le temperature normali. E ‘stata la più fredda estate  a nord del 80 ° parallelo di latitudine Nord  e la velocità di fusione del ghiaccio marino continua a diminuire.

Recentemente il governo peruviano ha dichiarato lo stato di emergenza perché  centinaia di persone sono morte per le temperature più fredde registratasi  in 50 anni. Cinquanta anni fa ci fu un trend di raffreddamento e le  temperature globali erano diminuite dal 1940 al 1980.  Durante questo  periodo di raffreddamento, la CO2 da attività umana é aumentata per  la maggior parte del tempo. Hanno cercato di risolvere il problema inserendo nei loro modellini delle variabili  fino a quando i risultati sono stati pari a quello che volevano che fosse  accaduto.  Questo non ha nulla a che fare con la realtà, ma permette loro di rivendicare che i loro modelli di lavoro riescono forse a ricreare le condizioni del passato. Cosí dovendo cercare sempre una causa umana per qualunque cambiamento climatico,  per spiegare il raffreddamento tra il  1940-1980 hanno aggiunto, nei loro modelli, i solfati.  Il problema è che con  le aggiunte costanti  di solfato la temperatura globale ha cominciato a salire anziché a scendere. I solfati sono dei raffreddanti nella atmosfera e i solfati si stanno continuando ad immettere in atmosfera ma anziché continuare a diminuire la temperatura come previsto dai loro modellini questa ha cominciato a salire. La mancata inclusione di meccanismi naturali è complicato dalla mancanza di conoscenza o comprensione del tempo e del clima dei meccanismi mediamente più coinvolti nella politica della scienza del clima. I piloti in volo con i bombardieri durante la seconda guerra mondiale sopra le isole del Pacifico, furono sorpresi di trovare forti venti ad alte quote.  Avevano scoperto la corrente a getto, un fiume enorme di vento che fa parte della circolazione noto come il vortice circumpolare. La figura sotto mostra la corrente a getto in tre dimensioni per cui é visibile  il suo rapporto con il fronte polare che separa l’aria calda e fredda. Una delle caratteristiche principali della circolazione atmosferica  fredda è il modello di vento forte in entrambi gli emisferi noto come il vortice circumpolare.  È  creato dalla differenza di temperatura in tutto il fronte polare che separa aria fredda polare e calda aria tropicale.

La figura in basso è un’altra rappresentazione del vortice che mostrano i diversi modelli di onde di pressione su una mappa. Nel 1946, Carl Gustav Rossby ha  individuate le onde più importanti nel vortice ora chiamato Rossby Wave. Esse interagiscono con le principali catene montuose come le Montagne Rocciose e le Ande.

La causa più probabile della sequenza Wave è la sinuosità o il tipo di onda sinusoidale che si sviluppa quando c’è un flusso attraverso un mezzo uniforme. Per esempio, essi si verificano nella Corrente del Golfo  mentre attraversa l’Atlantico nella parte nord. In questo caso la corrente marina é come un  fiume ed é più veloce dell` aria del Vortice che scorre sopra nell’atmosfera. Ci sono due modelli: uno Zonale con qualche onda a bassa ampiezza e l´altro Meridionale con onde di ampiezza elevata. Il numero delle  onde  varia di piú nella parte del flusso Meridionale dove l’ampiezza determina l´estensione a  nord a sud dell’onda. Questo è il modello che crea il meteo.

Il numero e la struttura delle onde è importante per determinare il tipo di condizioni meteorologiche nelle medie latitudini (35 ° a 65 °). L’aria fredda è più densa dell’aria calda, il che significa che determina ciò che accade a queste latitudini. L’aria fredda avanza spingendo l’aria calda fuori  e l´aria calda si muove con i ritiri di aria fredda. Il flusso zonale prevede meno variabilitá del tempo, ci sono meno venti di nord e sud, e in genere sono più prevedibili i venti dominanti e quindi le previsioni meteo.  Il  flusso Meridionale ha molto  più variabilitá del tempo, i venti da nord e da sud sono generalmente meno prevedibili e tutto il sistema meteo é di piú difficile previsione.  Sembra che il modello cambia quando il mondo si sta raffreddando. Sappiamo che le  Rossby Waves si spostano  da ovest verso est in genere ad una velocità relativamente costante. Come mostrano i risultati  in una qualsiasi stazione a queste latitudini, in genere  il cambiamento del clima  é associato con l´avere aria tiepida o fredda per circa ogni 4-6 settimane. Sappiamo che quando le onde hanno una  grande ampiezza di blocco si verifica che le condizioni meteorologiche anziché della durata di 4-6 settimane possono avere una durata doppia per 8-12 settimane. La gente diventa molto “nervosa” quando le condizioni  come la siccità, pioggia, caldo o freddo  persistono per molto tempo.  Questo è stato il modello per tutto il 2010.  Questi sistemi di blocco  sono chiamati Omega Blocks perché sembra che formino il disegno Ω della lettera greca omega sulla mappa meteo.

Vedere  il modello delle regioni calde e fredde nella Figura, che era la situazione in tutta l’Eurasia dal 20-27 luglio, con la figura della mappa in basso a destra nella seconda figura (1978). Si vede che c´é  un modello estremo Meridionale, ma la maggior parte della superficie appare  “fresca”. Il modello di blocco ha provocato che aria più calda e persistentea sia rimasta per piú tempo  nel Nord America orientale, in Europa occidentale e poi ultimamente in Europa centrale e  Russia. Questo modello di blocco è fondamentale per l’affermazione costante che DOBBIAMO avere un  caldo record nel 2010. La figura sotto mostra la distribuzione delle stazioni meteorologiche utilizzate per stabilire la media della temperatura globale. La concentrazione di stazioni nelle medie latitudini dell’emisfero settentrionale è del 69% del totale. Le stazioni che vengono scelte sottolineano la distorsione. Per esempio, utilizzare una stazione meteo in una  isola di calore urbana in una cittá del NEPAL compromette tutta la misurazione delle temperature in quel paese. Sovrapporre un modello Meridionale di onde di Rossby in modo che le zone calde comprendano le aree  dell´America nord orientale e dell’ Europa occidentale fa evidenziare  la distorsione della temperatura media globale.

Siccome l’aria fredda spinge verso l’equatore quando viene a contatto con l’aria caldo umida tropicale questo attiva il maltempo e anche temporali, trombe d’aria e pioggia molto pesante. Il modello comincia  a cambiare se si cambia  il modello Wave. Noi continueremo a sentir parlare di estremi climatici  come prova del riscaldamento.  In realtà esistono anche le prove di raffreddamento globale  e tutti li abbiamo cominciato a vedere da qualche anno,   ma noi sosteniamo che il tutto ha una  causalità naturale e non andiamo dietro alla causa umana.  Quando si affronteranno i fatti e non le fantasie di certi pseudoscienziati climatologi?

L´ossessione per trovare cause umane nei cambiamenti climatici,  significa ignorare ciò che sappiamo circa i meccanismi naturali e l´influenza del Sole sul clima terrestre.

SAND-RIO

Hatena Bookmark - Perché si segnala falsamente un riscaldamento quando il mondo ha iniziato un periodo di raffreddamento?
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

35 pensieri su “Perché si segnala falsamente un riscaldamento quando il mondo ha iniziato un periodo di raffreddamento?

  1. È la stessa storia che stanno raccontando sulla fine dei Mammut 15.000 anni fa e dei grandi carnivori 50.000 anni fa… tutta colpa del RISCALDAMENTO GLOBALE e proprio cosí scrivono i ricercatori. Perché se metti la parola magica “riscaldamento globale” in qualsiasi studio tutti i giornali ne parlano, se scrivi invece cambiamenti climatici naturali… nessuno ti ca…fa caso al tuo lavoro.

      (Quote)  (Reply)

  2. L’ho visto anche io, praticamente hanno detto che oltre alla CO2 l’aumento delle temperature dell’oceano, lo scioglimento del permafrost rilascerebbe un quantità altissima di metano.

    Giovanni Micalizzi :
    Ieri ho seguito su National Geographic channel un documentario che parlava anche del Sole e delle macchie ma si è detto, riporto brevemente un cenno di un discorso, che anche se il Sole calasse la sua attività al minimo per decenni, l’uomo con i suoi gas serra farebbe aumentare lo stesso la temperatura e anche se si è ormai visto che i cicli solari e le sue attività portano cambiamenti climatici, esso non potrebbe reggere il confronto con i gas serra che l’uomo sta emanando….Ridicoli!!!!!!

      (Quote)  (Reply)

  3. sand-rio :È la stessa storia che stanno raccontando sulla fine dei Mammut 15.000 anni fa e dei grandi carnivori 50.000 anni fa… tutta colpa del RISCALDAMENTO GLOBALE e proprio cosí scrivono i ricercatori. Perché se metti la parola magica “riscaldamento globale” in qualsiasi studio tutti i giornali ne parlano, se scrivi invece cambiamenti climatici naturali… nessuno ti ca…fa caso al tuo lavoro.

    E’ come il sesso, nella nostra società fa sempre vendere. Gli argomenti seri e scientificamente documentati sono spesso complessi (non è facile renderli interessanti) e noiosi.
    Per NIA questa è una sfida: parlare di scienza, anche non ufficiale e anche di temi complessi, in modo comprensibile ai più, pensando ad un pubblico più vasto di noi pochi appassionati.

      (Quote)  (Reply)

  4. FabioDue :

    sand-rio :È la stessa storia che stanno raccontando sulla fine dei Mammut 15.000 anni fa e dei grandi carnivori 50.000 anni fa… tutta colpa del RISCALDAMENTO GLOBALE e proprio cosí scrivono i ricercatori. Perché se metti la parola magica “riscaldamento globale” in qualsiasi studio tutti i giornali ne parlano, se scrivi invece cambiamenti climatici naturali… nessuno ti ca…fa caso al tuo lavoro.

    E’ come il sesso, nella nostra società fa sempre vendere. Gli argomenti seri e scientificamente documentati sono spesso complessi (non è facile renderli interessanti) e noiosi.
    Per NIA questa è una sfida: parlare di scienza, anche non ufficiale e anche di temi complessi, in modo comprensibile ai più, pensando ad un pubblico più vasto di noi pochi appassionati.

    Noi ce lamettiamo tutta Fabio2!

    io nn finirò mai di ringraziare tutti i collaboratori NIA, Sand-rio su tutti…senza il vostro aiuto, NIA nn sarebbe mai arrivata qui!

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  5. Vabbe’… ma ci vuole tanto a chiedere a Dio di scendere dal suo trono? Tanto ormai sappiamo fare molto meglio di Lui….!!!!
    A che serve il Sole se possiamo farne a meno?
    Tanto con la CO2 ci riscaldiamo ugualmente.
    E non mi venissero a dire che il moto permetuo non esiste… altroche’… basta credere al Global Warming Antropogenico ed il gioco e’ fatto!

    Ma non mi faccino ridere!
    Se questi sono scienziati io sono il Padreterno!

    Saluti
    Dio 2

      (Quote)  (Reply)

  6. @Bernardo Mattiucci
    Quello della CO2 prodotta dall’attività umana è secondo me il solito problema del postulato non dimostrato. Non mi è finora capitato di incontrare alcuna dimostrazione degli effetti pratici di una maggiore concentrazione di CO2, nelle proporzioni che si osservano nell’atmosfera terrestre.
    Qualcuno ne conosce e può segnalarmi dei link in proposito?

    Un’argomentazione che ho letto diverse volte suona più o meno così: siccome tanti scienziati concordano nell’attribuire alla CO2 questo effetto di riscaldamento, allora è vero e tu come osi dubitare?!

    Questa storia somiglia a quella di uno studioso medievale (mi pare fosse Alberto Magno, grande studioso del XIII secolo), il quale affermava che la mosca aveva 8 zampe (e non 6) perchè lo aveva detto Aristotele, senza mai prendersi la briga di controllare (allora il metodo scientifico non era ancora divenuto di uso comune tra gli studiosi).

      (Quote)  (Reply)

  7. bellissimo articolo Sand-ri! secondo voi le situazioni di blocco saranno lunghe in tutti i prossimi anni? oppure si alterneranno anni con blocchi lunghi e anni con blocchi meno lunghi?

      (Quote)  (Reply)

  8. Ma è una vergogna come questi “scienziati ” parlino di GW.
    Cioè,si sono accorti che negli ultimi tempi le loro prove stanno andando affievolendosi e cosa fanno adesso?
    Se le inventano,ogni anomalia o stranezza la attribuiscono al Riscaldamento Globale,anche quelle che proprio non hanno alcuna attinenza con ciò basti guardare una donna morta morta per shock anafilattico colpa:Riscaldamento Globale:
    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/08/25/visualizza_new.html_1790034063.html
    Ogni scusa è buona.
    Qui poi http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=113372&sez=HOME_INITALIA
    Al mondo ogni anno si scoprono migliaia di specie di animali nuovi,tra acquatici e terrestri,e se non si sa quante specie animali al mondo ci sono come si può fare simili stime?

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.