NIA chiede ufficialmente scusa al Prof Bardi

Un pò me la sono cercata, nel senso che il td era polemico…ma non avrei mai pensato che sarebbero volate delle gran parolone…poi ieri sono stato fuori tutto il giorno e non potevo seguire la faccenda.

Anche se non ho mai offeso il prof Bardi, mi sento comunque in colpa per quello che è successo ieri, forse pensavo che gli utenti di NIA si sarebbero controllati…

Era più che altro un giochetto, una cosa carina, ma mi rendo cono che questa è ormai diventata una guerra ideologica tra 2 schieramenti, e come in tutte le guerre, certe espressioni poco felici possono sempre esserci.

Mi assumo la responsabilità per questa brutta giornata di NIA, e spero davvero che in futuro nn ricapitino più simili situazioni.

Contraddire è legittimo, ma nn bisogna esagerare con le parole, ricordandoci sempre che siao tutti dietro una tastiera, e sicuramente certe frasi al Prof Bardi, nessuno avrebbe il coraggio di proferirle a tu per tu.

Mi scuso con Bardi ed anche cn tutti voi!

Simon

Hatena Bookmark - NIA chiede ufficialmente scusa al Prof Bardi
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

42 pensieri su “NIA chiede ufficialmente scusa al Prof Bardi

  1. Paolo 72 :

    @ice2020
    Ma infatti stavo anche io notando che nonostante le macchie piccole o un pò più grandi,il solar flux scende piano piano!Sarà l’effetto del allineamento del 4 luglio?

    Non solo la 1101 credo che di macchiette o macchione se ne vedranno in queste settimane!
    Con noi a far da spettatori ….

    Il ciclo un decennale della attività del sole non…che il prodotto di una poderosa marea solare determinata dal periodico sommarsi degli sforzi attrattivi dei pianeti Venere, Terra e Giove. Le ben note leggi che presiedono alla produzione della marea oceanica, servono quindi egregiamente, nel nostro caso, a darci la spiegazione più esatta e rigorosa di ogni particolarità del fenomeno.

    Bendandi

    Venere-Terra-Mercurio e Giove su un lato !

      (Quote)  (Reply)

  2. CO2 E 2° PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

    Come ingegnere (e con una adeguata formazione in fisica e termodinamica), devo purtroppo notare che – al di là dei toni più o meno forti e irrispettosi usati contro Bardi, su cui si deve dissentire – non si può peraltro fare a meno di notare che molti sedicenti “esperti” sostenitori del GW antropico, non conoscono neppure le basi della fisica e della termodinamica, altrimenti non scriverebbero le assurdità che scrivono.

    Voi ultimamente avete richiamato in questo sito l’ottimo lavoro di Miskolcz, sull’equilibrio delle temperature atmosferiche, e sulla violazione del 2° principio della termodinamica nell’ipotesi del GW in un corpo solido semitrasparente in rotazione (atmosfera terrestre).

    Giusto, peraltro c’è un modo ancora più semplice (il lavoro di Miskolcz non è di facile lettura), per dimostrare che l’ipotesi che la CO2 possa da sola fare alzare le temperature atmosferiche è un’assurdità fisica e termodinamica.

    Sempre in relazione al 2° principio, noi sappiamo che – dal famoso postulato di Clausius – ” in un sistema termodinamico il calore non si trasmette mai spontaneamente da un corpo freddo ad uno più caldo, senza lavoro (calore) dall’esterno”.

    Questo significa che se voi avete una stanza alla temperatura di 20° C , nella quale c’è solo un tavolo di legno, e collocate in quella stanza una bacinella d’acqua bollente a 100° C, il calore si trasmetterà per conduzione (dalla bacinella al tavolo) e per evaporazione (dalla bacinella alla stanza) dal corpo più caldo (bacinella) a quelli più freddi (stanza e tavolo), mentre non potrà mai accadere il contrario, cioè che il tavolo o la stanza a 20°C da soli riscaldino fino a farla bollire una bacinella d’acqua. (salvo introdurre lavoro dall’esterno, cioè dando fuoco al tavolo).

    Tutto ciò è anche abbastanza intuitivo, quando voi accendete i riscaldamenti in autunno e inverno, utilizzate corpi più caldi (termosifoni, caminetti, stufe, ecc.) per innalzare il calore dei locali più freddi.

    Ora, perfino l’IPCC (oltre che gli scienziati contrari al GW antropico) è d’accordo nel ritenere che l’atmosfera terrestre (composta da azoto per il 78% + ossigeno 20%, più tracce di gas come CO2 0.03% neon, argo, metano, ozono, ecc., più umidità (= molecole di H2O)) contribuisce ad alzare le temperature della superficie terrestre di circa 33-34° C.

    Questo significa che tutti siamo daccordo sul fatto che – senza atmosfera – la Terra sarebbe più fredda di circa 33-34° C.

    Tuttavia, secondo i contrari all’effetto serra da CO2 (io tra questi), la CO2, che è presente nell’atmosfera solo per 385-390 ppm (parti per milione = 3-4 molecole ogni 10.000) contribuisce al riscaldamento solo per 1 /10000 di grado, o giù di lì, poichè le molecole di CO2 riescono a trattenere solo l’8% delle radiazioni infrarosse (IR) che ricevono, mentre lasciano passare tutte le altre radiazioni solari (gamma, x, ultraviolette).

    Tuttavia le molecole di acqua (umidità) che sono presenti mediamente in quantità 30 volte maggiori della CO2 nell’atmosfera, e assorbono 3 volte tanto le radiazioni IR, hanno un potere di trattenere il calore 100 volte maggiore della CO2, e dunque il 95% dell'”effetto serra” è dovuto all’evaporazione delle acque oceaniche nell’atmosfera, non certo alla CO2.

    Mentre invece l’IPCC (e persone come Bardi) sostiene (esibendo dati totalmente errati sull’assorbimento dei raggi IR) che la CO2 contribuirebbe al riscaldamento per ben 7.2° C, quindi di qui a fine XXI secolo, dopo gli 0.6° C (presunti) di aumento delle temperature del XX secolo da CO2, le temperature saliranno di ben 5-6° C!

    Ma tutto ciò – anche ammettendo che la CO2 contribuisca per ben 7.2° C al riscaldamento dell’atmosfera – è impossibile proprio in base al 2° principio, perchè comunque l’atmosfera (anche togliendo per assurdo tutta la CO2) sarebbe 3.58 volte più calda della CO2 stessa (33° – 7.2°C = 25.8°: 7.2 = 3.58).

    Quindi è impossibile che la CO2 dell’atmosfera, da sola, riscaldi ulteriormente l’atmosfera in cui è contenuta, che è più calda di ben 3 volte e mezzo!

    L’unica cosa che la CO2 e gli altri gas serra (tra cui il vapore) possono fare è RALLENTARE il ritmo di raffreddamento naturale che ogni giorno si verifica, dal passaggio dal giorno alla notte, e dal passaggio dall’estate all’inverno.

    http://hockeyschtick.blogspot.com/2010/07/why-greenhouse-theory-violates-2nd-law.html

    Questo significa che – anzichè passare (esempio) da 28° C di max ai 21° di minima a giugno a Milano in 10 ore, dalle 17 alle 3 del mattino, senza CO2 (ipotesi teorica) ci impieghereste 10 secondi (dico un numero a caso) in meno, ma le temperature scenderebbero comunque.

    Mentre invece, anche se ci fosse 10 volte la CO2 che avete, non si potrebbe fare alzare le temperature atmosferiche, oltre i 28° C, proprio perchè la CO2 è più fredda dell’atmosfera in cui è contenuta, per fare salire oltre i 28° C avreste bisogno di un corpo più caldo di 28° C, almeno di 28,1° C.

    Quindi, ogni aumento delle temperature non può che essere causato da un fattore esterno al sistema termodinamico “atmosfera-CO2”, e cioè dall’attività del Sole, che introduce nuovo calore nel sistema, in quantità variabili in funzione dei suoi cicli.

    Ma c’è un altro concetto fondamentale, per i “serristi”, ma che è privo di qualsiasi base scientifica e fisica, ed è quello di “backradiation”.

    In pratica loro sostengono che le molecole di CO2 in alta quota bloccano e respingono le radiazioni IR che provengono dalla superficie terrestre, e misteriosamente ne “amplificano” l’intensità, quindi rimandano più calore di quello ricevuto. (????)

    Tutto ciò è pura assurdità, come ha osservato anche lo scienziato tedesco Heinz Thieme, che insieme a 130 colleghi ha scritto alla Merkel per invitarla a non dare ascolto alle assurdità sulla CO2 e il GW antropico, sprecando denaro.
    http://realplanet.eu/backrad.htm

    Se ciò fosse vero, avremmo scoperto il modo di creare senza lavoro più calore di quanto ricevuto in un sistema termodinamico, cioè avremmo scoperto il moto perpetuo, violando il 2° principio della termodinamica, e le leggi sull’entropia.

    E’ infatti evidente che più si sale in quota, più le temperature scendono (di circa 0.7 C ogni 100 mt), quindi in alta quota le pochissime molecole di CO2 lì presenti hanno temperature di -60° C -80° C!

    Ora, sostenere che delle molecole di CO2 a -80° C in alta quota, potrebbero rimandare a Terra le radiazioni IR ricevute dalla superficie terrestre, addirittura amplificandole, è come sostenere che aprendo in estate le porte del vostro freezer la stanza in cui siete si riscalderebbe e passerebbe da 28° C a 35° C!!

    Una pura assurdità esilarante, eppure è quanto sostengono i fanatici del GW da CO2!

    Giustamente il prof. Thieme afferma che la sola “backradiation” che si può osservare è quella che incredibilmente ha portato in questi anni a pubblicare queste farneticazioni senza alcun fondamento nelle leggi basilari della fisica in testi liceali o addirittura universitari.

      (Quote)  (Reply)

  3. @Ilikec02, puoi inserire il link all’articolo originale che ora non lo ritrovo?

    @Fausto… quello che molto spesso viene (deliberatamente) omesso, e’ il contesto. Quando si parla di Global Warming e di pianeta Terra… non si deve intendere un corpo “ideale” posto in un ambiente “ideale”… ma un corpo FISICO REALE posto in un ambiente (lo spazio) posto a temperature BASSISSIME.
    Ecco quindi che per mantenere in temperatura un corpo… che per il 2° principio della termodinamica tenderebbe ad equilibrare la propria temperatura con quella dello spazio circostante, c’e’ bisogno di una quantita’ spropositata di energia… che solo la stella Sole puo’ fornire. E purtroppo… sempre come conseguenza di tutto cio’… bastano infinitesime variazioni dell’energia in entrata per provocare sensibili e consistenti variazioni della temperatura sul pianeta Terra.

    Se qualche astronomo o astrofico vuole obiettare su questo punto… e’ libero di farlo… ma poi non deve incazzarsi se io gli diro’ che deve tornare all’asilo!

      (Quote)  (Reply)

  4. spiegazione davvero impeccabile, quella dell’Ing. “Ilikeco2”, semplice e chiara ! Sarebbe un ottimo acquisto per NIA, se potesse collaborare con la pubblicazione di qualche articolo.

      (Quote)  (Reply)

  5. @ Mattiucci: ma tu stai cercando il link all’articolo su Miskolczi, per caso?

    L’articolo comparso qui, a giugno, era questo:

    http://daltonsminima.wordpress.com/2010/06/11/ex-scienziato-della-nasa-dimostra-che-non-esiste-l%C2%B4effetto%C2%A0serra/

    Tutto vero, ovviamente, quello che scrivi, ancora non riusciamo a stabilire quanto i cicli di Milankovitch e le variazioni orbitali e della rotazione dell’asse terrestre influiscono sulle ere geologiche e sull’alternanza di periodi caldi e freddi.

    E oltre alle infinitesime variazioni di energia solare – i cui effetti sono assolutamente difficili da calcolare – bisogna anche tenere conto delle enormi energie sprigionate e immagazzinate dagli oceani, anch’esse di difficilissima valutazione, e previsione.

    E oltre a ciò vogliamo dimenticare i meccanismi della grande circolazione atmosferica, del vortice polare, delle onde di Rossby, ecc.? (che con ogni probabilità hanno influito nelle recentissime alluvioni monsoniche in Pakistan e nell’imprevista ondata di calore di qualche settimana in Russia).

    Quindi, deprimente che vengano ancora fuori i Bardi, o Luca Mercalli, o Tozzi, o i soliti personaggi che imperversano nei media, per la solita litania avvilente sulla povera CO2.

    Grazie Carmelo, in effetti avrei in mente un articolo, per dimostrare come le temperature rilevate dai notiziari meteo che vanno per la maggiore, in tv e sui giornali, sono sovrastimate, e sulle motivazioni (anche commerciali) per cui ciò avviene.

    Ma per inserire un articolo (non un post) come si deve fare?

    Da quel che vedo si riesce solo a postare, ma dove e come si inserisce un articolo?

      (Quote)  (Reply)

  6. @Ilikec02
    Mi riferivo ovviamente al tuo precedente commento.
    ho riletto il pezzo. Effettivamente non e’ quello che ricordavo io… 🙂 scusa… e complimenti! 😀
    Avevo letto qualcosa di analogo su meteolive.

    Per postare un articolo devi chiedere l’autorizzazione ai big di NIA! 🙂

      (Quote)  (Reply)

  7. Certo sarebbe bello riuscire a spiegare in modo comprensibile perché il “riscaldamento globale” non é causato dalle emissioni dei gas serra, ma da cause che ancora sono per lo più sconosciute.
    Ci sono molte ipotesi, ma la realtà é che “brancoliamo nel buio”.
    Io farei un elenco veloce:

    Cause astronomiche :
    Variazione della Radiazione Solare
    Variazioni orbitali della terra (milankovic)
    Variazioni climatiche indotte dal ridotto vento solare come aumento delle precipitazioni durante i minimi solari.

    Cause antropiche:
    Deforestazione
    Modifica idrografia (bonifica aree palustri, prosciugamento laghi etc. sbarramenti e formazione di invasi artificiali)
    Urbanizzazione
    Agricoltura e allevamento intensivo
    Emissione gas serra
    Industrializzazione e consumismo … (… qui si va sul politico)

    Cause Geologiche:
    Attività Vulcanica
    Deriva dei continenti
    Attività Dorsali oceaniche

    Cause Oceaniche:
    Variazione delle correnti

    Cause Meteo:
    Vortici Polari
    Correnti a getto
    e chissà cos’altro

    Sentire la solita tiritera che i gas serra prodotti dall’uomo stanno provocando il riscaldamento globale é veramente deprimente.

      (Quote)  (Reply)

  8. Ilikec02 ti faccio i miei complimenti.
    Bel commento ma sopratutto facile da capire.
    E per chi non è molto introdotto nei meccanismi scientifici come mè è stato molto facile poi fare altre ricerche sull’argomento.
    Grazie ciao un salutissimo a tutti

    Luigi

      (Quote)  (Reply)

  9. Si ma purtroppo i likeco2 si scorda quando dice che la co2 al massimo rallenta il processo di raffreddamento che la temperatura media è proprio frutto di una media delle temperature registrate in una giornata, quindi il fatto che una temp minima duri per meno tempo in una giornata,significa che la media tende sempre più verso la temperatura massima, e cioè che anche non avendo creato più energia di quella che riceviamo dal sole la temperatura può aumentare comunque. Come qualcuno su qualche sito fa notare, se aggiungo un cappotto alla felpa non creo più energia ma ho comunque più caldo

      (Quote)  (Reply)

  10. gerrard8 :

    Si ma purtroppo i likeco2 si scorda quando dice che la co2 al massimo rallenta il processo di raffreddamento che la temperatura media è proprio frutto di una media delle temperature registrate in una giornata, ……… Come qualcuno su qualche sito fa notare, se aggiungo un cappotto alla felpa non creo più energia ma ho comunque più caldo

    Sì ma la co2 é così poca che come “isolante” e “volano termico” fa abbastanza pena … comunque ci sono gli oceani che hanno una capacità termica infinita rispetto all’ atmosfera … io credo che il calore prodotto dagli idrocarburi e carbon fossile sia superiore di almeno un ordine grandezza.

      (Quote)  (Reply)

  11. Per la cronaca su ogni metro quadro della nostra terra grava un colonna atmosferica di circa 10 tonnellate su 10 tonnellate d’aria la CO2 é solamente 6kg … ora mi spieghi come fanno 6 kg a spostare di 1 grado 10 tonnellate ?

      (Quote)  (Reply)

  12. gerrard8 :
    Come qualcuno su qualche sito fa notare, se aggiungo un cappotto alla felpa non creo più energia ma ho comunque più caldo

    Il cappotto fa diminuire la dispersione del calore che il tuo corpo produce bruciando zuccheri. Non dimenticartelo questo!

      (Quote)  (Reply)

  13. Pur non accettando la teoria dell’agw devo dire che è ugualmnete sbagliato dire che la co2 non influenza la temperatura tirando in ballo il secondo principio della termodinamica. se la Terra deve eliminare una certa quantità di calore X , aggiungendo co2 non faccio altro che impedirne l’uscita sempre più. Questo causa un innalzamento, insignificante, minimo, forse nemmeno misurabile sono daccordo, però c’è e bisogna riconoscere che questa violazione della seconda legge della termodinamica è una bufala tanto grande quanto quella dell’agw

      (Quote)  (Reply)

  14. e poi non scordiamoci nemmeno che di tutti quei gas: azoto ossigeno argon ecc, soltanto una piccolissima parte garantisce una temperatura 33°C superiore a quella che ci sarebbe senza di loro, e che la co2 ha un potere di assorbimento dell’IR leggermente superiore a quello dell’acqua ( che ovviamente è molta di più), ma l’influenza totale della co2 non può di certo essere considerata nell’ordine di 1/10000 di grado, semmai io direi che almeno 1°C o anche 1,5°C di quei 33 glielo si può attribuire, detto questo posto un interessante articolo proprio a sfavore dell’agw che mostra ome vari lo spettro di assorbimento della co2 al suo aumentare http://www.meteodolomiti.it/serviziometeo/pubblicazioni/Alcuni%20dubbi%20sull%20AGW.pdf

      (Quote)  (Reply)

  15. Gerrard8, hai scritto una cosa errata, e scusa se te lo dico, ma non hai capito proprio nulla nè del 2° principio, nè dell’effetto atmosfera (impropriamente detto effetto serra)

    La CO2 non solo non può essere paragonata al cappotto (semmai sarebbe come vestirsi con una carta velina dello spessore di 0.00001 mm.!, altro che cappotto), ma scrivere – come fai tu – che la temperatura “media tende sempre più alla temperatura massima”, mi dimostra che non hai neppure capito come funziona l’atmosfera, e i meccanismi termodinamici che la regolano, e hai le idee molto confuse.

    Leggiti ad esempio questo calcolo, effettuato dal fisico Timothy Casey, su questo sito:

    http://greenhouse.geologist-1011.net/

    Ad un certo punto scrive:

    In reality, a 10,000ppm increase in carbon dioxide could, at most, reduce the conductivity of air by 1%. Given the actual difference between the thermal conductivities of carbon dioxide (0.0168) and zero grade air (0.0260), a 10,000ppm increase in carbon dioxide would lower the thermal conductivity of zero grade air by 0.36%. That would represent a 0.36% increase in thermal gradient, or a surface warming of 0.18% and a ceiling cooling of 0.18% of the total difference in temperature between the top and bottom of the affected air mass. In the case of a tropospheric carbon dioxide increase of 10,000ppm, that would correspond to a warming of 0.125ºC, or one eighth of a degree Celsius at the earth’s surface, offset by a cooling of 0.125ºC at the tropopause. On the scale of doubling the troposphere’s carbon dioxide, the surface warming predicted by this simple and materialistic thermodynamic approach is on the order of 0.004ºC. ”

    Se non conosci l’inglese te lo traduco.

    Anche se la CO2 aumentasse di oltre 25 volte, ciò corrisponderebbe ad un “riscaldamento” della superficie terrestre di soli 0.125° C, cui farebbe riscontro un “raffreddamento” di soli 0.125° della troposfera (a 6 km. sopra di noi), quindi non cambierebbe proprio nulla, proprio perchè non la CO2 non può creare da sola nuova energia termica in un sistema termodinamico più caldo, e ci sarebbe un riequilibrio nell’atmosfera della insignificante crescita di 0.1° C di aumento della superficie o, per meglio dire, un aumento del tempo di “raffreddamento” di 0.0001 secondi.

    Casey ha calcolato che perfino RADDOPPIANDO la CO2 prodotta sulla Terra, “l’aumento” delle temperature sarebbe di soli 0.004° C.

    Ma c’è dell’altro!

    Al di là di questi calcoli, che dimostrano che tirare il ballo il cappotto parlando di CO2 è come paragonare un virus ad elefante, c’è il fatto – su cui tu sorvoli elegantemente, che nessun sostenitore del c.d “effetto serra” ha mai spiegato come potrebbe la CO2 in alta quota, quelle pochissime molecole a -60°/-80° C a 8-10 km. sopra di noi, innalzare le temperature medie della superficie terrestre, che sono di +15° C, rimandando i raggi infrarossi ricevuti da terra e addirittura “amplificandoli”.

    Cioè facendo passare senza lavoro calore da un corpo freddo verso uno più caldo, appunto come vedere una bacinella d’cqua bollire da sola a 100° C in una stanza a 20° C di temperatura!

    Tutto ciò significherebbe, e questa è la violazione del 2° principio, cioè delle leggi fisiche elementari, creare dal nulla nuova energia termica, una cosa che tutti vorremmo, perchè basterebbe fare adeguata scorta di CO2, e faremmo a meno di benzina, impianti di riscaldamento ecc.

    Purtroppo mi rendo conto che quando si parla con voi fanatici del “serrismo” , ciò che emerge è la vostra disonestà, oltre che ignoranza becera.

    Voi riuscite solo a tirare in ballo immagini suggestive, buone per gabbare i gonzi, come quella del cappotto, o della serra, o della “backradiation”, ma quando viene qualcuno che – calcoli e leggi fisiche alla mano – vi dimostra che queste sono solo fesserie, fate finta di nulla, anche perchè non avete le basi scientifiche per discutere, non sapete cos’è un gradiente termico, cos’è la conduzione, la capacità termica, le leggi che regolano l’espansione dei gas, ecc.

    Hai scritto anche una solenne fesseria dicendo che “la CO2 ha un potere di assorbimento dell’IR leggermente superiore a quello dell’acqua”.

    Ma dove?
    Ma quando?

    Tu verresti bocciato su due piedi in qualsiasi esame di fisica, poichè la CO2 assorbe radiazioni IR solo sulla banda 14.8 micron, cioè al massimo sull’8% dello spettro, mentre l’acqua assorbe 3 volte di più frequenze, e soprattutto l’acqua è presente nell’atmosfera in quantità almeno 30 volte più elevate della CO2.

    Il punto è che voi sapete solo fare discorsi generici, ed esibire cifre fasulle, o taroccare perfino i principi della fisica.

    Lo spettro di assorbimento della CO2 NON può aumentare la variare della quantità, perchè perfino su Marte, dove il 95% dell’atmosfera è CO2, lo spettro è UGUALE a quello terrestre.

    La vostra è solo ideologia da due soldi, e – mi spiace dirlo – ma comprendo perchè l’amico Bernardo Mattiucci ha usato toni molto accesi, perchè è impossibile discutere con gente disonesta e fanatica, voi fate uscire la gente dai gangheri, questa è la verità.

      (Quote)  (Reply)

  16. Ilikec02 :Gerrard8, hai scritto una cosa errata, e scusa se te lo dico, ma non hai capito proprio nulla nè del 2° principio, nè dell’effetto atmosfera (impropriamente detto effetto serra)
    La CO2 non solo non può essere paragonata al cappotto (semmai sarebbe come vestirsi con una carta velina dello spessore di 0.00001 mm.!, altro che cappotto), ma scrivere – come fai tu – che la temperatura “media tende sempre più alla temperatura massima”, mi dimostra che non hai neppure capito come funziona l’atmosfera, e i meccanismi termodinamici che la regolano, e hai le idee molto confuse.
    Leggiti ad esempio questo calcolo, effettuato dal fisico Timothy Casey, su questo sito:
    http://greenhouse.geologist-1011.net/
    Ad un certo punto scrive:”In reality, a 10,000ppm increase in carbon dioxide could, at most, reduce the conductivity of air by 1%. Given the actual difference between the thermal conductivities of carbon dioxide (0.0168) and zero grade air (0.0260), a 10,000ppm increase in carbon dioxide would lower the thermal conductivity of zero grade air by 0.36%. That would represent a 0.36% increase in thermal gradient, or a surface warming of 0.18% and a ceiling cooling of 0.18% of the total difference in temperature between the top and bottom of the affected air mass. In the case of a tropospheric carbon dioxide increase of 10,000ppm, that would correspond to a warming of 0.125ºC, or one eighth of a degree Celsius at the earth’s surface, offset by a cooling of 0.125ºC at the tropopause. On the scale of doubling the troposphere’s carbon dioxide, the surface warming predicted by this simple and materialistic thermodynamic approach is on the order of 0.004ºC. ”
    Se non conosci l’inglese te lo traduco.
    Anche se la CO2 aumentasse di oltre 25 volte, ciò corrisponderebbe ad un “riscaldamento” della superficie terrestre di soli 0.125° C, cui farebbe riscontro un “raffreddamento” di soli 0.125° della troposfera (a 6 km. sopra di noi), quindi non cambierebbe proprio nulla, proprio perchè non la CO2 non può creare da sola nuova energia termica in un sistema termodinamico più caldo, e ci sarebbe un riequilibrio nell’atmosfera della insignificante crescita di 0.1° C di aumento della superficie o, per meglio dire, un aumento del tempo di “raffreddamento” di 0.0001 secondi.
    Casey ha calcolato che perfino RADDOPPIANDO la CO2 prodotta sulla Terra, “l’aumento” delle temperature sarebbe di soli 0.004° C.
    Ma c’è dell’altro!
    Al di là di questi calcoli, che dimostrano che tirare il ballo il cappotto parlando di CO2 è come paragonare un virus ad elefante, c’è il fatto – su cui tu sorvoli elegantemente, che nessun sostenitore del c.d “effetto serra” ha mai spiegato come potrebbe la CO2 in alta quota, quelle pochissime molecole a -60°/-80° C a 8-10 km. sopra di noi, innalzare le temperature medie della superficie terrestre, che sono di +15° C, rimandando i raggi infrarossi ricevuti da terra e addirittura “amplificandoli”.
    Cioè facendo passare senza lavoro calore da un corpo freddo verso uno più caldo, appunto come vedere una bacinella d’cqua bollire da sola a 100° C in una stanza a 20° C di temperatura!
    Tutto ciò significherebbe, e questa è la violazione del 2° principio, cioè delle leggi fisiche elementari, creare dal nulla nuova energia termica, una cosa che tutti vorremmo, perchè basterebbe fare adeguata scorta di CO2, e faremmo a meno di benzina, impianti di riscaldamento ecc.
    Purtroppo mi rendo conto che quando si parla con voi fanatici del “serrismo” , ciò che emerge è la vostra disonestà, oltre che ignoranza becera.
    Voi riuscite solo a tirare in ballo immagini suggestive, buone per gabbare i gonzi, come quella del cappotto, o della serra, o della “backradiation”, ma quando viene qualcuno che – calcoli e leggi fisiche alla mano – vi dimostra che queste sono solo fesserie, fate finta di nulla, anche perchè non avete le basi scientifiche per discutere, non sapete cos’è un gradiente termico, cos’è la conduzione, la capacità termica, le leggi che regolano l’espansione dei gas, ecc.
    Hai scritto anche una solenne fesseria dicendo che “la CO2 ha un potere di assorbimento dell’IR leggermente superiore a quello dell’acqua”.
    Ma dove?Ma quando?
    Tu verresti bocciato su due piedi in qualsiasi esame di fisica, poichè la CO2 assorbe radiazioni IR solo sulla banda 14.8 micron, cioè al massimo sull’8% dello spettro, mentre l’acqua assorbe 3 volte di più frequenze, e soprattutto l’acqua è presente nell’atmosfera in quantità almeno 30 volte più elevate della CO2.
    Il punto è che voi sapete solo fare discorsi generici, ed esibire cifre fasulle, o taroccare perfino i principi della fisica.
    Lo spettro di assorbimento della CO2 NON può aumentare la variare della quantità, perchè perfino su Marte, dove il 95% dell’atmosfera è CO2, lo spettro è UGUALE a quello terrestre.
    La vostra è solo ideologia da due soldi, e – mi spiace dirlo – ma comprendo perchè l’amico Bernardo Mattiucci ha usato toni molto accesi, perchè è impossibile discutere con gente disonesta e fanatica, voi fate uscire la gente dai gangheri, questa è la verità.

    Straquoto !! Però, Ilikeco2, usa toni più pacati! Oltretutto Gerrard8 non è nemmeno un sostenitore dell’AGW.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.