Ghiacci Marini Artici – Situazione Ottobre 2010

Estensione:

Anomalia Concentrazione:

 

Area:

 

Trend Anomalia Estensione:

 

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 1.2milioni di kmq di estensione in meno e 1.5 in meno di area.

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 1.6milioni di kmq di estensione in meno e 1.6 in meno di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 1.8milioni di kmq di estensione in meno e 1.3 in meno di area.

 

Nonostante la crescita successiva al minimo non sia stata molto eccezionale siamo cmq sopra al 2009 e molto sopra al 2007

FABIO

Hatena Bookmark - Ghiacci Marini Artici – Situazione Ottobre 2010
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

9 pensieri su “Ghiacci Marini Artici – Situazione Ottobre 2010

  1. Bè, almeno noto con piacere che il mare di Kara quest’anno sta ghiacciando abbastanza in fretta… L’anno scorso in quella zona è stato un macello. Quello che mi dispiace è vedere invece la zona del mare di Beafurt ancora non totalmente ghiacciata,anche se è comprensibile avendo il vortice polare delocalizzato in zona russa.

      (Quote)  (Reply)

  2. Aggiungerei una considerazione importante:

    Nonostante quest’ultimo anno la configurazione barica del polo nord era simile a quella del tragico 2007, facendo pensare ad un nuovo record, l’estensione si è tenuta sopra al minimo, e anzi, non ha perso rispetto all’anno scorso.

    Questo è un ottimo segno, il trend di crescita di questi ultimi anni non solo non è stato danneggiato, ma viene confermato!

    Il polo nord non sta bene, lo sappiamo tutti, ma è in netto miglioramento.

      (Quote)  (Reply)

  3. Andreabont :

    E’ con enorme piacere che leggo che la nina sta avendo il suo effetto XD

    http://www.meteogiornale.it/notizia/19065-1-global-warming-ottobre-calo-temperature-troposfera

    si, ma aspettate a dirlo, i dati satellitari sono i primi a risentire della Nina e quest’anno invece sono stati gli ultimi, per dire, anche il NCDC ( che è del NOAA ) è calato mesi prima che lo facessero le RSS che sono sempre del NOAA

    i dati satellitari puzzano, e sono poco credibili al momento.
    andatevi a vedere i dati MEI del 2007 e i dati RSS, calavano molto prima

      (Quote)  (Reply)

  4. Fabio Nintendo :

    Andreabont :

    E’ con enorme piacere che leggo che la nina sta avendo il suo effetto XD

    http://www.meteogiornale.it/notizia/19065-1-global-warming-ottobre-calo-temperature-troposfera

    si, ma aspettate a dirlo, i dati satellitari sono i primi a risentire della Nina e quest’anno invece sono stati gli ultimi, per dire, anche il NOAA è calato mesi prima che lo facessero le RSS che sono sempre del NOAA

    i dati satellitari puzzano, e sono poco credibili al momento.
    andatevi a vedere i dati MEI del 2007 e i dati RSS, calavano molto prima

    qUOTO!

      (Quote)  (Reply)

  5. @Fabio Nintendo

    Che cosa intendi dire? Che qualcuno sta taroccando i dati, oppure che la Nina forse non ha effetti evidenti di raffreddamento?

    Peraltro ho notato un altro effetto, evidente dalle immagini SST Anomalies del NOAA: si vedono gli oceani che, negli ultimi mesi, si sono notevolmente raffreddati, in particolare il Pacifico, meno l’Atlantico. Prima o poi, quel raffreddamento si trasferirà ai continenti. Se non è ora, sarà comunque molto presto.

      (Quote)  (Reply)

  6. a mio avviso dobbiamo chiederci la precisione dei satelliti e se negli ultimi anni siano avvenuti dei cambiamneti nella troposfera come un aumento della nuvolisità che possa ritardare le letture dei satelliti e che i modelli che interpretano i dati considerino o meno.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.