Proposta di lettera al NOAA

Ho pensato di scrivere questa proposta di lettera al NOAA, in considerazione della forza dell’attuale evento di Nina e, soprattutto, delle previsioni NOAA davvero impressionanti: la Nina promette di stracciare tutti i record passati noti (dal 1950) ed anche di durare ben più di un anno e chissà cos’altro. Ma queste promesse hanno una buona probabilità di essere mantenute, oppure ad oggi non si può dire granchè? Io lo chiederei a chi fa le previsioni.

In fondo il SIDC ci aveva risposto, perchè non tentare anche col NOAA?

Dunque il testo della lettera è una proposta. Se avete proposte di modifica, integrazione (nuove questioni oltre a quelle già inserite), scrivetele senz’altro. Poi provvederò a tradurla e ad inviarla ad un indirizzo di contatto che ho trovato in uno dei vari siti NOAA sul tema.

———————————–

Buongiorno,

siamo un gruppo di appassionati di meteorologia, climatologia ed astronomia solare. In particolare, stiamo seguendo con grande interesse l’evoluzione dell’attuale evento di Nina, tramite il blog daltonsminima.altervista.org, grazie anche e soprattutto alle informazioni riportate sui siti NOAA.

Siamo molto colpiti dalla sua intensità e, ancora di più, dalle attuali previsioni NOAA, che indicano nei prossimi mesi una Nina ancora più intensa di oggi, fino a raggiungere un record storico, almeno per quanto riguarda gli ultimi 60 anni.

 Ci chiediamo e quindi vi chiediamo

  1. quali possano essere le conseguenze climatiche di un simile evento, se le previsioni NWS/NCEP per i prossimi mesi saranno sostanzialmente confermate;
  2. quali possano essere le conseguenze se l’evento di Nina dovesse prolungarsi fino alla prossima estate, o addirittura anche oltre, come accaduto agli eventi del 1955 e del 1974,
  3. se sia possibile (e in quale misura) che l’attuale evento di Nina possa essere il segnale di una svolta climatica, dopo un periodo (dalla seconda metà degli anni ’70 fino quasi ad oggi) caratterizzato da eventi di Nino complessivamente più intensi di quelli di Nina; cioè se sia ragionevole prevedere un nuovo periodo (come in quello dal 1950 al 1975) caratterizzato da una prevalenza di eventi di Nina;
  4. inoltre quali potrebbero essere, a vostro parere, le cause principali di tali variabilità e ciclicità (se confermate);
  5. infine, se vi siano correlazioni evidenti tra la “forza” e la durata di un evento di Nina (e di Nino) e l’andamento dei minimi e dei massimi solari e se, a periodi di minimi solari prolungati (come quello appena trascorso), possano corrispondere più episodi di Nina che di Nino.

Vi ringraziamo in anticipo per la cortese risposta che potrete inviarci e continuiamo a seguire con sempre maggiore interesse la vostra attività di indagine e previsione.

Saluti

NIA

———–

a voi la parola…….

FabioDue

Hatena Bookmark - Proposta di lettera al NOAA
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

32 pensieri su “Proposta di lettera al NOAA

  1. Come la canzone:
    Femmena, sí tu peggio ‘e na vipera
    m’e ‘ntussecata l’anema
    nun pozzo cchiú campá
    Femmena, sí ddoce comme ‘o zucchero
    peró sta faccia d’angelo te serve pe ‘nganná

      (Quote)  (Reply)

  2. ice2020 :

    Intanto faccio notare che è il terzo giorno che il Soho continum nn aggiorna, quindi il conteggio del nia’s si ferma a 6.2:

    http://daltonsminima.altervista.org/?page_id=8780

    queste sn le regole del conteggio daltronde…

    In generale, diciamolo in silenzio, il sole sembra riessersi dato una calmata, col solar flux che alle 18 già era calato ad 83!

    strano, uno stop troppo lungo, non vorrei che incidesse sul valore finale

      (Quote)  (Reply)

  3. @Fabio Nintendo

    se ti rivai a vedere i dati del 1800, c’erano dei mesi che in cui erano contati solo pochi giorni…stiamo seguendo quelle regole…i blackout del soho sn comparabili cn le problematiche degli osservatori del tempo…ti posso anche dire che ad occhio usando l’SDO che invece funziona, ad oggi saremo stati introno agli 8 SN col nia’s…

    ma ripeto noi dobbiamo usare le regole stabilite all’inizio…

      (Quote)  (Reply)

  4. ice2020 :

    @Fabio Nintendo

    se ti rivai a vedere i dati del 1800, c’erano dei mesi che in cui erano contati solo pochi giorni…stiamo seguendo quelle regole…i blackout del soho sn comparabili cn le problematiche degli osservatori del tempo…ti posso anche dire che ad occhio usando l’SDO che invece funziona, ad oggi saremo stati introno agli 8 SN col nia’s…

    ma ripeto noi dobbiamo usare le regole stabilite all’inizio…

    lo so, però se sono troppi forse una soluzione si può trovare

      (Quote)  (Reply)

  5. Fabio Nintendo :

    ice2020 :

    @Fabio Nintendo

    se ti rivai a vedere i dati del 1800, c’erano dei mesi che in cui erano contati solo pochi giorni…stiamo seguendo quelle regole…i blackout del soho sn comparabili cn le problematiche degli osservatori del tempo…ti posso anche dire che ad occhio usando l’SDO che invece funziona, ad oggi saremo stati introno agli 8 SN col nia’s…

    ma ripeto noi dobbiamo usare le regole stabilite all’inizio…

    lo so, però se sono troppi forse una soluzione si può trovare

    nn ci sn altre soluzioni…mancavano delle intere settimane nel famoso minimo di dalton, e mesi che magari dovevano finire cn un SN di 4, finivano a 0.4…è il primo esempio che mi viene in mente…noi dobbiamo seguire lo stesso sistema…infine nn si possono cambiare le carte in tavola, ormai è quasi un anno che adottiamo il nia’s, abbiamo iniziato così e finiremo così…

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  6. A me sembra che la lettera sia a posto, anche a me interesserebbe sapere il loro pensiero su certi fenomeni e su certe ipotesi a cui molti stanno pensando (non solo noi).

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.