5000BP -15000BP sotto la lente d’ingrandimento — Seconda parte —

— Le conferme del rapido congelamento dal paleomagnetismo —

C’eravamo lasciati con il seguente articolo :

5000 BP – 15000BP sotto la lente d’ingrandimento   
Variazioni magnetiche – eruzioni vulcaniche – glaciazione – macchie solari

 — Prima parte —

http://daltonsminima.altervista.org/?p=12200

Articolo nel quale, attraverso un’interessante analisi grafica metto in relazione le ricostruzioni millenarie delle macchie solari di Solanski con le varie ricostruzioni emerse dai carotaggi di ghiaccio in Groenlandia del tardo Pleistocene / Inizio Olocene. Sempre nello stesso articolo abbiamo parlato delle violente eruzioni vulcaniche registrate attraverso i rilevamenti degli areosol solfati emessi dai vulcani, delle ricostruzioni delle percentuali di Berilio e altro. Ci siamo lasciati però dando un piccolo cenno ai possibili legami esistenti fra le violente escursioni e/o inversioni magnetiche del passato i rapidi ingressi e/o uscite dalle ere glaciali. E’ giunto quindi il momento di introdurre nelle nostre ricerche queste nuova sezione di studio.

Il “Paleomagnetismo”, che come vedrete, a breve, risulterà essere un ‘importante branca della scienza,che potrà esserci di fondamentale aiuto nel comprendere una volta per tutte lo stretto legame esistente fra tutte queste dinamiche.

Il paleomagnetismo è una disciplina, facente parte della geofisica, che studia le proprietà magnetiche di rocce e sedimenti e le caratteristiche del campo geomagnetico del passato, sia in termini di intensità che direzionali. Rocce e sedimenti che contengono infatti piccole quantità di minerali ferromagnetici che, in seguito al raffreddamento del magma (quando la temperatura scende al di sotto del punto di Curie) o durante la diagenesi del sedimento, si dispongono statisticamente secondo le linee di flusso del campo magnetico terrestre presente in quel momento.

http://it.wikipedia.org/wiki/Paleomagnetismo

Adesso un breve premessa di carattere climatico. Fino a pochi decenni fa l’opinione comune è stata che tutti i cambiamenti su larga scala del clima, locale o globale si verificassero in un lasso di tempo, di molti secoli o millenni appena percettibili nel corso della vita umana. Uno dei risultati più sorprendenti nello studio della storia climatica del pianeta è stato che i cambiamenti climatici negli ultimi 150 mila anni ( Taylor ,1993) sono stati “Improvvisi”.

http://www.esd.ornl.gov/projects/qen/transit.html

In questa ricerca si accenna a 22 periodi “Interglaciali” / ”Glaciali” negli ultimi 1,8 milioni d’anni. Quello che sorprende i ricercatori è la rapidità con la quale avviene un periodo di raffreddamento. Ricercatori come un certo “Imbrie” 1984 o “Martinson” 1987 attraverso l’analisi dei carotaggi di ghiaccio concludono che la glaciazione di 110 mila anni fa è avvenuta ad una velocità incredibile. Anche un certo “Adkins” 1997 attraverso un’alta risoluzione d’analisi di un nucleo di ghiaccio nel nord atlantico afferma che questo raffreddamento ha richiesto meno di 400 anni per non parlare di decenni o forse anni !

Questi veri e propri “shock termici” vengono messi in luce anche in questa interessante ricerca:

http://www.geo.arizona.edu/palynology/geos462/8200yrevent.html

Abrupt tropical cooling ~8,000 years ago


In questa ricerca attraverso la misura degli isotopi di alcuni elementi su dei coralli, del periodo che ricopre dai 8400 ai 7600 anni prima del presente si evidenzia che la temperatura sulla superficie del mare è stata sostanzialmente costante nel periodo che va dagli 8400-8100 anni fa, mentre dagli 8100-8000 ha avuto un brusco raffreddamento di circa 3 gradi.

Entriamo nel vivo della trattazione. Parliamo di Younger Dryas e delle analisi paleomagnetiche. Ecco che qui di seguito riporto due (fra le tante) ricerche che ho trovato in rete e che sembrano evidenziare degli improvvisi cambi di direzione ed intensità geomagnetica sulla Terra proprio a cavallo dei due precedenti periodi sopra esposti, entrata ed uscita dallo YD.

(Ho evidenziato con un’ellisse di colore verde i periodi incriminati). Stesso intervallo di tempo, ma luoghi differenti, Alaska e Giappone.

Environmental magnetic record and paleosecular variation data for the last 40 kyrs from the Lake Biwa sediments, Central Japan

http://tor9.big.ous.ac.jp/People/torii/PDF/Hayashida07.pdf


A Holocene–Late Pleistocene geomagnetic inclination record

from Grandfather Lake, SW Alaska

http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.150.1128&rep=rep1&type=pdf


Adesso invece vi propongo alcune interessanti ricerche che ricostruiscono l’orientazione del campo magnetico terrestre attraverso l’esame di campioni di lava dei vulcani del passato remoto.

Questi veri e propri cali d’intensità o cambi di direzione, improvvisi, violenti e bruschi ci vengono confermati da questa ricerca scientifica:

Is the geodynamo process intrinsically unstable?K. Zhang, David Gubbins

http://eprints.whiterose.ac.uk/416/1/gubbinsd4.pdf

There is recent data that indicates the geomagnetic field spends 20% of its time in a weak, non-dipole state…The geomagnetic field changes correlate with abrupt drops in planetary temperature. What is causing the periodic geomagnetic field changes?Recent palaeomagnetic studies suggest that excursions of the geomagnetic field, during which the intensity drops suddenly by a factor of 5-10 and the local direction changes dramatically, are more common than previously expected. The `normal’ state of the geomagnetic field, dominated by an axial dipole, seems to be interrupted every 30-100 kyr; it may not therefore be as stable as we thought.

Da studi paleomagnetici si riscontra che il campo geomagnetico trascorre il 20% del suo tempo in uno stato di non dipolo e che questi crolli si correlano con dei bruschi abbassamenti di temperatura! E non solo ! Sembra che lo stato di dipolo del nostro campo magnetico si interrompa con una certa ciclicità !

Oppure troviamo ricerche coma la seguente :

http://www.springerlink.com/content/k6x20160542j846q/  

Paleomagnetic excursions recorded in the Yanchi Playa in middle hexi corridor, NW China since the last interglacial

Every magnetic excursion event corresponds to paleointensity minima, anteceding those established abrupt paleoclimatic change events, such as the Younger Drays and the Heinrich Events (H1–H6). Here, we tentatively propose that these geomagnetic excursions/reversals can be viewed as precursors to climate abruptness.

Che la risposta sia proprio da ricercarsi nelle “improvvise” variazioni del campo magnetico terrestre! Apriamo adesso il capitolo Vulcani e le le corrispondenti ricostruzioni paleomagnetiche :

Geomagnetic excursion captured by multiple volcanoes in a monogenetic field

http://www.agu.org/pubs/crossref/2006/2006GL027284.shtml

Five monogenetic volcanoes within the Quaternary Auckland volcanic field are shown to have recorded a virtually identical but anomalous paleomagnetic direction (mean inclination and declination of 61.7° and 351.0°, respectively), consistent with the capture of a geomagnetic excursion. Based on documented rates of change of paleomagnetic field direction during excursions this implies that the volcanoes may have all formed within a period of only 50–100 years or less. These temporally linked volcanoes are widespread throughout the field and appear not to be structurally related. However, the general paradigm for the reawakening of monogenetic fields is that only a single new volcano or group of closely spaced vents is created, typically at intervals of several hundred years or more. Therefore, the results presented show that for any monogenetic field the impact of renewed eruptive activity may be significantly under-estimated, especially for potentially affected population centres and the siting of sensitive facilities.

Vulcani che si formano in un minimo periodo di 50/100 anni e che riportano differenti inclinazioni e declinazioni magnetiche !

New evidence for extraordinarily rapid change of the geomagnetic field during a reversal.

R. S. Coe et al, Nature, April 2002

http://www.nature.com/nature/journal/v374/n6524/abs/374687a0.html

Palaeomagnetic results from lava flows recording a geomagnetic polarity reversal at Steens Mountain, Oregon suggest the occurrence of brief episodes of astonishingly rapid field change of six degrees per day. The evidence is large, systematic variations in the direction of remanent magnetization as a function of the temperature of thermal demagnetization and of vertical position within a single flow, which are most simply explained by the hypothesis that the field was changing direction as the flow cooled.

Cambiamenti “velocissimi” d’inversione della polarità geomagnetica registrati nel raffreddamento dei flussi di lava delle montagne “Steens” Oregon. Lo studio parla di cambiamenti dell’ ordine di 6 gradi al giorno.

Abbiamo inoltre quest’ulteriore studio a titolo :

The tectonic and geomagnetic significance of paleomagnetic observations from volcanic rocks from central Afar, Africa” Gary D. Acton et al. Earth and Planetary Science Letters (2000)

http://paleomag.ucdavis.edu/research/acton/Publications/2000_Acton_Afar_EPSL.pdf

In questa ricerca redatta da Gary D.Acton si discute un’anomalia paleomagnetica registrata in una colata di lava ad Afar in Africa. Le registrazioni magnetiche nei minerali rilevano che la configurazione geomagnetica del campo terrestre sembra avar saltato da un’emisfero all’altro in un paio di giorni.

In pratica, come nei precedenti casi, il fenomeno sembra essersi verificato nel tempo necessario al flusso di lava per raffreddarsi.

Che la Terra sia soggetta ad un continuo alternarsi di escursioni magnetiche / eruzioni vulcaniche / violente glaciazioni non è più quindi un’interrogativo ma una certezza.

Are there connections between Earth’s magnetic field and climate?

 http://geosci.uchicago.edu/~rtp1/BardPapers/responseCourtillotEPSL07.pdf

Una breve passo :

Recent high-resolution paleomagnetic records (e.g. Snowball and Sandgren, 2004; St-Onge et al.,2003) and global geomagnetic field modeling (Korte and Constable, 2006) support the idea that part of the centennial-scale fluctuations in 14C production may have been influenced by previously unmodeled rapid dipole field variations. In any case, the relationship between climate, the Sun and the geomagnetic field could be more complex than previously imagined. And the previous points allow the possibility for some connection between the geomagnetic field and climate over these time scales.

Conclusioni :

Nell’evento Younger Dryas c’è una escursione geomagnetica. Ci sono molte altre escursioni geomagnetiche che si correlano con molti altri predenti periodi di raffreddamento e questi eventi sembrano verificarsi con una certa periodicità.

L’indizi in nostro possesso ci portano molto probabilmente a fattori di natura celeste (dinamiche astronomiche). Come i cicli di Milankovitch che regolano l’eccentricità orbitale e l’inclinazione assiale dell’orbita terrestre.

TIME VARIATIONS IN GEOMAGNETIC INTENSITY

 http://ssn.dgf.uchile.cl/informes/2001RG000104b.pdf

The geomagnetic field change pattern is a very rapid drop, roughly every 40 kyr years, when the earth is at minimum obliquity, with a gradual recovery and then another rapid drop when the earth is again at its minimum obliquity.


Ma i maggiori indiziati sono sicuramente i cicli e sotto cicli solari (vedi i cicli di Scafetta di 60 anni oppure il ciclo di 2500 di Charvàtovà ect..ect..)

Celestial Climate Driver: A Perspective from Four Billion Years of the Carbon Cycle

 http://etc.hil.unb.ca/ojs/index.php/GC/article/download/2691/3114

Tornando per un’attimo ad analizzare il grafico che ricostruisce sotto vari aspetti (dinamiche) lo “Younger Dryas” :

http://img257.imageshack.us/img257/9056/graficon1bis.jpg

E’ “folle” ipotizzare che il ciclo magnetico solare si sia interrotto e successivamente si sia verificata una violenta ripartenza ? Oppure quando ci troviamo ai minimi valori del campo magnetico dell’eliosfera siamo più soggetti a vere e proprie “infiltrazioni elettromagnetiche esterne” sconosciute ?

Riporto un vecchio post del nostro caro “Ale” che diceva :

Un’altro fattore che però non trattai al tempo è l’allineamento con il Centro Galattico, infatti dal 1998 il nostro Sistema Solare sta entrando in quella zona detta “Eclittica del Centro Galattico” dove il campo magnetico del Supermassive Black Hole nel centro della Via Lattea si fa più sentire!!!!

La strada è aperta, speriamo che la vera scienza pulita e priva di egoismi ed interessi personali non faccia l’errore di trascurare le strette relazioni esistenti fra le dinamiche astronomiche/magnetiche dell’eliosfera con le dinamiche del campo magnetico terrestre, l’ eruzioni vulcaniche e i cambiamenti climatici del nostro pianeta !

Non mi resta che dire a me sembra TUTTO COLLEGATO !

Michele

 

Hatena Bookmark - 5000BP -15000BP sotto la lente d’ingrandimento — Seconda parte —
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

19 pensieri su “5000BP -15000BP sotto la lente d’ingrandimento — Seconda parte —

  1. Negli articoli di Michele trapela una passione incredibile!

    Davvero una fiamma ardente di conoscenza e di continua ricerca della “verità”!

    Complimenti per l’impegno e la passione che ci metti!

    Simon 😉

      (Quote)  (Reply)

  2. io che sono fatto degli stessi materiali della terra e vivo grazie ad essi mi sembra di avere un’intelligenza, di poter decidere in ogni istante un’azione.
    la terra che e’ anch’essa un organismo intelligente (solo molto piu’ grande di noi) puo’ anch’essa decidere di cambiare rapidamente in certe occasioni che vanno al di la’ della fisica ma che rientrano tra le relazioni dei pianeti cosi’ come le mie azioni sono correlate a quelle degli altri umani.

      (Quote)  (Reply)

  3. ice2020 :
    Negli articoli di Michele trapela una passione incredibile!
    Davvero una fiamma ardente di conoscenza e di continua ricerca della “verità”!
    Complimenti per l’impegno e la passione che ci metti!
    Simon

    quoto, e questa è la cosa più bella aggiungo io 🙂

    per il resto, purtroppo non sono in grado di capire tutto quanto viene detto nell’articolo, specie per quanto riguarda le parti in inglese…ma se non ho capito male Michele sostiene che le variazioni climatiche e quelle del campo magnetico terrestre siano collegate (e quest’ultime siano influenzate dalle variazioni nell’attività solare)

    beh, se riesci a dimostrare una cosa del genere, ti becchi un Nobel penso…come minimo 😛
    (e io te lo auguro anche, se devo essere sincero…non mi piacciono le teorie che considerano una scienza come “separata” dalle altre tipo compartimento stagno, mi piacciono molto invece le teorie multidisciplinari, che cercano di abbracciare tutte le scienze per spiegare una determinata fenomenologia :D)

      (Quote)  (Reply)

  4. Intanto la Conferenza di Cancun é morta prima di cominciare.
    Solo 30 tra capi di stato e primi ministri saranno presenti e questi sono solo i rappresentati di quei mini stati del Pacifico che chiedono solo tanti $$$$ da questa farsa del AGW causata dalla CO2.

      (Quote)  (Reply)

  5. @Garbino:
    …se devo essere sincero…non mi piacciono le teorie che considerano una scienza come “separata” dalle altre tipo compartimento stagno, mi piacciono molto invece le teorie multidisciplinari, che cercano di abbracciare tutte le scienze per spiegare una determinata fenomenologia
    Questo e vero!

      (Quote)  (Reply)

  6. complimenti a Michele
    il tuo approccio euristico e multidisciplinare dovrebbe essere preso in considerazione da molti scienziati che invece si limitano, in modo alquanto miope, a guardare solo la propria disciplina, dimenticando che il tutto è sempre qualcosa in più rispetto alla somma dei singoli elementi.

      (Quote)  (Reply)

  7. Ottimo articolo 🙂 mi spaventa però l’idea che la terra a quel tempo nel giro di pochi anni si sia trasformata così radicalmente, una società complessa come la nostra non riuscirebbe mai a reggere uno sconvolgimento climatico così repentino, ancora complimenti per l’articolo

      (Quote)  (Reply)

  8. molto bello il tuo articolo, e mi sembra anche ben documentato l’ho visto solo ora perchè ero via x lavoro.
    Sei hai tempo e voglia continua cosi!

      (Quote)  (Reply)

  9. Bravo Michele, l’unica cosa non documentata (sarà una mia fissa) è quella dell’allineamento del sistema solare con l’eclittica della Via lattea. :
    ” Un’altro fattore che però non trattai al tempo è l’allineamento con il Centro Galattico, infatti dal 1998 il nostro Sistema Solare sta entrando in quella zona detta “Eclittica del Centro Galattico” dove il campo magnetico del Supermassive Black Hole nel centro della Via Lattea si fa più sentire!!!! ”
    Nello studio che avevo letto e che ti avevo spedito c’era scritto che il sole sarebbe anni luce oltre l’immaginario piano galattico (cioè della zona con maggiore concentrazione di astri). Ma forse anche le conoscenze non sono sufficenti per dire con una certa esattezza dove siamo, e se c’è una differenza (magnetica o altro), tra un lato e l’altro del disco galattico.

      (Quote)  (Reply)

  10. Buen día

    ¿Está buscando la compañía de préstamo genuino que ofrece préstamo a una
    tasa de interés asequible procesado dentro de 3 a 6 días laborables. Tener
    ¿Ha sido rechazado constantemente por sus bancos y otras instituciones financieras
    instituciones? Escuchar: Obtener un préstamo legítimo siempre es un problema de
    personas que necesitan ayuda financiera. El tema del crédito y la garantía es
    algo que los clientes están preocupados de combate en la búsqueda de un préstamo de un
    prestamista legítimo. Sin embargo, digno de confianza … FINANZAS había hecho diferente
    en la industria de préstamos. Organizamos préstamo de la gama de $ 5.000. a
    $ 500.000.000 millones y también en libras, euros y Rand.

    Nuestros servicios incluyen los siguientes:
    Consolidación de la deuda
    Segunda hipoteca
    Préstamos comerciales
    Préstamos personales
    Los préstamos internacionales

    Sin seguridad social ni verificación de crédito, 100% de garantía. Todo lo que usted tiene
    hacer es hacernos saber exactamente lo que quiere y seguramente vamos a hacer
    tu sueño se hace realidad. Digno de confianza … FINANZAS dice sí, cuando su
    Los bancos dicen NO. Por último, financiamos pequeña escala firma del préstamo, intermediarios,
    instituciones financieras en pequeña escala para que tengan capital ilimitado. por
    más detalles ir sobre la adquisición de un préstamo contacto con nosotros ahora
    E-mail: [email protected].

    Esperamos saber de usted y creemos que con estos,
    será capaz de prestarle su préstamo, y proceder con los términos del préstamo.
    Sin todo esto, no podemos seguir adelante.

    En espera …

    Gracias por elegir esta firma

    Atentamente.
    El Sr. Morgan Zarat
    El Consultor general

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.