L´industria dell´apocalisse climatica

Durante le ultime decadi gli allarmisti del clima hanno cercato di terrorizzarci con storie orribili di catastrofi imminenti: l´apocalisse climatica che sta arrivando!

A causa del Riscaldamento Globale (Riscaldamento Globale si scrive con lettere maiuscole perché é la norma principale della Bibbia Climatica) terre fertili agricole diventeranno aride e sterili, mentre aree del deserto avranno esperienze di piogge torrenziali e inondazioni incontrollabili. Le foreste  tropicali seccheranno nel caldo che piú caldo non si puó e il ghiaccio dei poli si scioglierá come un gelato infornato. Le zone costiere e le isole coralline spariranno inondate dal mare sempre piú alto, le grandi cittá del mondo cercheranno di proteggersi dietro enormi pareti e dighe per evitare le inondazioni. La furia della Natura porterá miliardi di rifugiati a migrare verso terre meno arruginite, inseguiti da malattie conosciute e sconosciute, peste, colera e guerre. A caua dell´arroganza umana la nostra civiltá entrerá in collasso, come é accaduto tante volte nel passato. O FORSE NO….Una rivoluzione silenziosa tra antropologie e archeologi ha distrutto il DOGMA SCIENTIFICO su quanto riguarda come crollarono le antiche civilizzazioni, con alcune lezioni per coloro che attualmente pregano ardentemente nella nuova chiesa evangelica dell´AGW affinché sorga l´ultima purificatrice e apocalittica CATASTROFE CLIMATICA.

Le storie delle antiche civiltá sono state anche  uno dei temi favoriti da scienziati e cineasti di Hollywood. Nulla é piú tragico della storia di una grande civiltá che, per ignoranza o orgoglio, abusó del mondo naturale attorno a loro fino a che un  disastro ambientale li porta alla loro  autodistruzione. La lista di queste civiltá é lunga: lantico impero egiziano, l´impero accadiano in Mesopotamia, i Maya, gli Anasazi, Angkor Wat, e anche la leggendaria Atlantide.

Film epici e molte carriere accademiche si basarono nel romanticizzare l´ascensione e la caduta inevitabile delle antiche civilizzazioni. Roma cadde e Atlandide affondó sotto le onde di film catastrofistici, e la nostra moderna civiltá raccoglie grandi guadagni iniziando dalla distruzione in massa.


 Le rovine di  Angkor Wat,i n Cambogia.

Poul Holm, uno storico del  Trinity College Dublin, ha descritto questa ossessione sulle cadute delle civilizzazioni che influenza le religioni, le Universitá e Hollywood, come una industria dell´Apocalisse. In un interessante articolo del 12 Novembre sulla rivista Science , Andrew Lawler descrive il lavoro di Holm e altri studiosi che rigettano questa Industria dell´Apocalisse, per lo meno nel campo scientifico. Negli articoli, “Collapse? What Collapse? Societal Change Revisited,” comincia la sua discussione sul collasso della Societá con una riunione di archeologi nel Regno Unito:

Un gruppo eclettico di specialisti che si riunirono recentemente nella Universitá di Cambridge, allega che il vero collasso sociale e in realtá molto raro.  Loro dicono che i nuovi dati dimostrano che gli esempi classici di massiccio collasso, come la disintegrazione dell´Antico Impero egiziano, la fine del periodo classico dei Maia e la sparizione delle societá pre-colombiane del Sudest degli Stati Uniti, non furono né repentini né disastrosi per tutti i segmenti delle sue  popolazioni.

Gli archeologi stanno collocando una nuova enfasi nella riduzione e trasformazione anziché della mancanza bruta e collasso. Secondo Lawler, questo rappresenta una specie di rezione contro una recente onda di rivendicazioni secondo cui i disastri ambientali, naturalie creati dall´uomo, sono i veri colpati dietro dei molti antichi collassi sociali. L´archeologo Harvey Weiss dell´Universitá di yale, per esempio, in un articolo pubblicato su Science nel 1993, ha indicato una siccitá regionale come la ragione che causó il collasso dell´Impero Accadiano della Mesopotamia.

Il geografo Jared Diamond della UCLA, che ha fatto una carriera con le cronache del fracasso delle antiche societá, nel suo libro Collapse: How Societies Choose to Fail or Succeed. del 2005 cita vari esempi delle cattive decisioni prese in ecosistemi fragili che portarono al disastro,

Diamond ha pubblicato vari libri che coprono differenti periodi e differenti popoli. Mentre i suoi discepoli non hanno dubbi e i suoi libri sono abbastanza chiarificatori, ci sono quelli che discordano con il suo costante tema che la deviazione ecologica porta al collasso.  In  Guns, Germs, and Steel, forse la sua opera piú popolare, Diamond argomenta contro le tradizionali spiegazioni storiche sul fracasso delle societá passate e si concentra sul fattore ecologico. Tra le societá che furono esaminate ci sono i nordici della Groenlandia, i Maia, gli Anasazi, il popolo indigeno di Rapa Nui (Isola di Pasqua), il Giappone, Haiti, la Repubblica Dominicana e infine il moderno Montana. La descrizione di Diamond sulla scomparsa degli abitanti dell´Isola di Pasqua e particolarmente spaventosa.

Tra le civiltá scomparse, una delle piú misteriose è quella della societá dell´Isola di Pasqua che é la piú isolata del mondo, lontana dalle terre abitabili. Con una area di appena 64 Km2, si trova nell´Oceano Pacifico a piú di 2000 km a ovest dell´America del Sud e 1400 Km dall´isola piú vicina abitabile (Pitcairn). Ha un clima ameno sub tropicale ed é un vero paradiso con un fertile suolo vulcanico, una vera e propria mimiatura, isolata dai problemi del mondo.

Gli esploratori polinesiani incontrarono l´isola circa nel 400 D.C. e lá fiorí con un picco attorno al 1200 D.C.  Ma subito dopo la societá dell´Isola di Pasqua entró in una spirale discendente da cui non si recuperó mai piú. Durante alcuni secoli, il popolo dell´Isola di Pasqua liquidò le sue foreste, portò le piante e gli animali all´estinzione, e vide la sua societá complessa scendere nel caos e nel cannibalismo. Loro lasciarono le gigantesche statue di pietra, enigmaticamente sparse nel paesaggio desolante di quell´isola desolata che una volta fu prospera.

Ma l´Isola di Pasqua puó essere una eccezione dal contesto delle civiltá collassate, perché é un piccolo punto di terra isolato con riserve limitate e nessuna via di figa in tempi difficili. Di fatto, molti degli esempi indicati come precauzione contro l´eccesso di allarmi  ecologici sono cosí. I Vichinghi della groenlandia e dell´America del Nord furono certamente isolati e fuori di qualsiasi aiuto delle loro terre natali. Altri, come i Maia e Hohokom, non essendo chiusi in territori geograficamente isolati, possono essersi semplicemente trasferiti verso terre e pascoli piú verdi.  ” I collassi sono forse piú apparenti che reali” afferma l´archeologo Colin Renfrew di Cambridge.

La fine del periodo piú classico, intorno al 900 A.D. é stato per molto tempo un poster del collasso. “Grandi cittá nelle montagne del nord furono abbandonate, le monumentali architetture finirono” scrive Lawler, “Línvasione straniera, le epidemie, la rivolta sociale e il collasso del commercio sono stai identificati come fattori chiave”.


Rovine Maia invase dalla foresta.

Ma un archeologo,  Elizabeth Graham, dellaa Universitá College London, concordacon le spiegazioni tradizionali sul declino Maia. Graham, che lavora nelle basse terre del Belize, dice che “Non esiste una risposta” nella occupazione delle aree dei Maya che lei ha scavato lungo la costa. Oltretutto lei é convinta che piú aree abitazionali esistettero durante e dopo la fine del periodo classico. Nei siti archeologi che ha scavato non ci sono segni di crisi alla fine del periodo classico. Di nuovo come ha scritto da Lawler:

Gli scheletri non mostrano nessuno stress alimentare, le popolazioni sembrano essere numericamente costanti, i terrazzamenti e le dighe continuano ad essere mantenute, e la ceramica sofisticata continua ad essere fabbricata. La siccitá del clima non sembra aver provocato alcuna rottura sociale. “Queste nuove conclusioni sono incredibilmente importanti” dice Norman Yoffee, un archeologo della Universitá del Michigan. Queste nuove rilevazioni e studi sfidano molte delle idee catastrofistiche di Diamond.

I Maya non sono le uniche popolazioni di cui la scomparsa viene adesso rivista in base a nuovi é piú approfonditi studi. I popoli Hohokam occupavano una vasta area dell´attuale Arizona vicino alla frontiera col Messico. Loro furono immaginati originalmente come un popolo che aveva migrato verso il nord uscendo dal Messico nel periodo del 300 A.C. circa. Loro costruirono vasti sistemi di irrigazione con estesi canali e villaggi con tribune per il gioco della palla, piazze, e monti piattaforma. Era una societá complessa che durá fino al 1450D.C. circ. Intanto la popolazione sparí, i canali furono dimenticati, e anche le aree periferiche furono abbandonate. L´abbandono sembró totale.


Gli Hohokam canali complessi e villaggi.

La spigazione tradizionale sul collasso di Hohokam é che inondazioni improvvise distrussero i canali e in piú apportarono una salinizzazione delle terre agricole e una sovrapopolazione. Altri vedono le malattie che gli europei portarono con le invasioni del 1500 come il colpevole finale per la scomparsa di queste antiche civiltá. Ma l´archeologo Randall McGuire della Universitá di Binghamton a Neu York, difende l´idea che i dati non confermano nessuna di queste teorie. Come scritto nell´articolo su Science:

“lui (McGuire) dice che la mancanza della permanenza dopo il 1450 ha reso insostenibile l´idea della malattia e che non c´é nessuna evidenza per la distruzione dei canali. Basandosi su dati del Centro Archeologico del deserto di Tucson (Arizona) lui immagina la scomparsa degli Hohokam con il cambiamento piú ampio che avvenne in tutto il Sudest verso il 1250 e il 1450 D.C. quando la popolazione diminuí di un 75%. Questo non é un evento catastrofico, ma un processo lento, di 150 anni o anche piú. E certamente gli Hohokam non erano coscienti che si trattava di un “collasso”.

 


L´ Europa riuscí a sopravvivere alla fame, alla peste e alla guerra senza entrare in collasso.

Lá rticolo di Science enumera una serie di altri esempi sui disputati collassi. ” la raritá di un collasso dovuto alla resistenza delle popolazioni ai cambiamenti ambientali o alle malattie é considerevole” dice lo storiografo di Cambridge, Jonh Hatcher, che studia la Peste Nera. Tanto nell´ Europa medioevale che l´Asia furono devastate da questa piaga. Molti paesi perdettero 1/3 della sua popolazione, ma gli ordini sociali non furono abbattuti.  Jonh Baines dell´Universitá di Oxford, dice che la transizione piú graduale é piú o meno un consenso nei nostri giorni. Vi sono molte lezioni da apprendere con questa interpretazione evolutiva del passato.

Primo, gli esseri umani sono molto piú resistenti di quanto si pensava. In veritá l´adattabilitá é indiscitibile nell´Homo Sapiens. Gli esseri umani si sparpagliarono in tutti i posti del mondo proprio perché é adattabile. La nostra specie ha sofferto con la peste, la fame, le guerre, con le catastrofi naturali e anche con i cambiamenti climatici, come abbiamo visto anche in precedenti articoli pubblicati qui su NIA. Intanto ancora siamo qui e sempre piú numerosi. Secondo, il clima non cambia tanto rapidamente che non possiamo costruire dighe e trasferirci verso l´interno. La pioggia e l´uso della terra possono cambiare da una regione all´altra, ma non tanto rapidamente che le altre aree non possno essere trasformate in terre agricole. Intanto se il clima cambia rapidamente potremo addattarci anche noi piú rapidamente, oppure dobbiamo lasciare il nostro posto nel mondo ai nostri successori evolutivi.

Infine osserviamo quello che é cambiato nel consenso nel campo dell´archeologia. è cambiato perché migliori informazioni sono diventate disponibili, la scienza é migliorata e le vecchie risposte si sono dimostrate imprecise se non addirittura sbagliate. In veritá, poiché la scienza sta costantemente cercando nuove teorie e raffinando le antiche, la visione di un consenso in un determinato momento é GARANTITO che tra qualche tempo sará provato che é errata.  Ricordatevi di questo quando qualche giornalista o scienziato o qualche accademico pedante di qualche Universitá che anche noi di NIA conosciamo, tenterá usare l´argomento “CONSENSO” per dire che tutte le storie di orrore in relazione al riscaldamento globale antropogenico sono VERE e la scienza é CONFERMATA!

La scienza mai é finita e il consenso é un argomento per gli idioti fatta per chi é intellettualemnte pregiudicato o inferiore. RIVENDICAZIONI DI UN IMMINENTE APOCALISSE CLIMATICA NON HANNO NESSUNA BASE NELLA SCIENZA O NELLA STORIA. Queste esistono solo per impaurire i disinformati in conformitá, in una soggezione politica, di quelli che vorrebbero rifare il mondo secondo i loro propri desideri egoisti. È l´ora di collocare una volta per tutte il clima fuori dall´industria dell´apocalisse, degli affari puliti o sporchi, dai finanziamenti per ricerche inutili, fuori dal mondo di quei professori universitari che si sentono chissá che solo perché sono arrivati (chissá come?) a insegnare qualcosa senza neanche capire cosa dicono o che non si informano, quei professorini che hanno invidia dei veri scienziati che umilmente dicono: queste sono le conclusioni dei miei studi ma voglio ricevere dai miei colleghi critiche piuttosto che consensi.

Non credete che esiste una industria dell´apocalisse climatica anche per le piccole cose?  Il pacco sopra: “Guardate l´effetto del Riscaldamento Globale! Comprate questo prodotto e con una buona bevanda potrete vedere come la massa terrestre e le coste scompaiono davanti ai vostri occhi con un aumento di 100 metri del livello dei mari!!!”

Insomma, una buona apocalisse non deve essere perduta e allora approfittiamone…. vendiamo qualsiasi cosa col marchio AGW.

Fonte: http://theresilientearth.com/?q=content/climate-apocalypse-industry

SAND-RIO

Hatena Bookmark - L´industria dell´apocalisse climatica
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

23 pensieri su “L´industria dell´apocalisse climatica

  1. @ Marco

    questo libro è molto affascinante sul tema

    http://www.amazon.com/Chilling-Stars-Theory-Climate-Change/dp/1840468157

    devi sapere anche che sono in atto degli esperimenti a CERN di Ginevra per capire il ruolo dei raggi cosmici sulla formazione dei CN di condensazione e quindi sui CNN cioè i nuclei di condensazione delle nubi come spiegato in un articolo recente qui

    http://www.climatemonitor.it/?p=14814

    troverai molti articoli sui raggi cosmici anche qui su NIA

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine