30 anni di Ghiacci Marini – Parte 2

Ed Ecco la 2°Parte

Agosto

Notiamo molto bene 3 fasi distinte, la prima 1979-84 con un’estensione media di 26.1milioni di kmq, la seconda dal 1985 al 2001 con un’estensione media di 25.6milioni di kmq, poi si vede una terza fase, che presenta una variabilità decisamente superiore alla prime 2 ed arriva fino ad oggi con un’estensione media di 24.5milioni di kmq

Media 79-83: 26.2

Media 06-10: 24.4

Tempo necessario per Azzerare il Ghiaccio: 366 Anni

Settembre

In Settembre notiamo un comportamento simile a quello di Giugno, cioè con 3 fasi ben distinte di calo, crescita e di nuovo calo.

Per Giugno i punti di cambio di pendenza erano 1992, 1999 e 2006 ( incerto )

Per Settembre invece la prima fase di calo arriva fino al 1990, il periodo di crescita si ferma al 1996 mentre la 2° fase di calo arriva fino al 2010, anche se vista l’evoluzione di Giugno potremmo supporre che questo calo sia finito nel 2008 e che sia iniziata la nuova fase di ripresa dell’estensione.

Sarebe importante questa cosa perché Settembre rappresenta il periodo di minima estensione per l’artico e di massima per l’antartico, quindi un suo eventuale aumento dovrebbe in maggior parte essere dovuta alla migliore tenuta dell’artico nella fusione estiva.

Media 79-83: 26.2

Media 06-10: 24.1

Tempo necessario per Azzerare il Ghiaccio: 310 Anni

Ottobre

Ottobre risulta molto stabile per quasi tutta la serie, dopo il 2007 si vede però la difficile crisi artica nel riprendere l’estensione perduta in Settembre.

Infatti dopo il 2007 l’estensione è decisamente più bassa, e con l’antartico ancora ai massimi stagionali il fatto è da ricercare nel difficile recupero durante la formazione del ghiaccio autunnale nell’artico.

Media 79-83: 27.8

Media 06-10: 26.3

Tempo necessario per Azzerare il Ghiaccio: 473 Anni

Novembre

Dal grafico si possono valutare una miriade di possibili distinzioni, ma io opto per quella più semplice, ovvero, la prima fase 1979-1994 dove si nota una spiccata variabilità ma restando molto stabili, mentre la 2° dal 1995 fino ad adesso che risulta molto più stabile con un leggero trend di calo, perché la maggior parte della differenza tra i 2 periodi risulta essere avvuta tra il 1992 e il 1995

Media 79-83: 27.8

Media 06-10: 26.7

Tempo necessario per Azzerare il Ghiaccio: 655

Dicembre

Si vede un leggero calo come trend di fondo, ma molto mascherato dall’elevata variabilità annuale che non mostra fasi distinte o periodi particaolari su cui fare osservazioni

Media 79-83: 24.6

Media 06-10: 24.1

Tempo necessario per Azzerare il Ghiaccio: 1’301 Anni

Intero Anno nel Complesso

Si può vedere come le varia fasi distinte, i vari cicli o periodi con comportamenti particolari a livello annuale vengano tutte smussate dal comportamento generale che presenta un trend di calo costante e senza troppe variazioni di pendenza.

Notiamo però che gli ultimi 3 anni sono stati superiori rispetto al minimo registrato nel 2007, un fenomeno del genere è già capitato agli inizi degli anni 90 e fu solo una fase temporana.

Ora vediamo che il 2009 e il 2010 sono in calo rispetto al 2008 se anche il 2011 dovesse calare ancora allora avremo la prova certa che era solo una fase temporanea ( negli anni 90 durò 4 anni ) se invece dovesse chiudere con un’estensione media annuale superiore al 2010 e magari in linea con il 2008 si potrebbe pensare ad un cambio di rotta, magari non una fase di ripresa, ma una fase di stabilizzazione, cosa che è in atto nel comparto temperature.

Media 79-83: 24.4

Media 06-10: 23.2

Tempo necessario per Azzerare il Ghiaccio: 522 Anni

FABIO

Hatena Bookmark - 30 anni di Ghiacci Marini – Parte 2
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

25 pensieri su “30 anni di Ghiacci Marini – Parte 2

  1. ah ecco….bene dunque avete supposto uno scioglimento costante….ovvero lineare…ma non c’è scritto da nessuna parte che che lo sia…potrebbe essere infinite cose….bello usare i dati così come fa più comodo…parlate tanto male di altri enti ma anche voi mi sembra che sfruttiate i dati a sostegno delle vostre tesi…

      (Quote)  (Reply)

  2. non so a quali grafici ufficiali ti riferisci ma penso che non abbia alcun senso fare un ragionamento del tipo: se negli ultimi 10 anni c’è stata una diminuzione del 10% allora tra 100 anni non ci sarà più nulla…..primo perchè non conosciamo l’andamento temporale dello scioglimento, il quale può seguire qualsiasi curva….secondo perchè a fronte di dati abbastanza recenti non ha senso stimare cosa accadrà tra 600 e passa anni…
    Ciao
    Valerio

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.