Sono gli Oceani, le nuvole e i raggi cosmici che guidano il clima della Terra e non la CO2.

Il Dr Noor van Andel, ha parlato all’istituto olandese di meteorologia (KNMI), e provocatoriamente in conclusione ha affermato che non vi è alcuna prova d’osservazione per l’influenza di CO2 sul clima del passato o presente. Egli ha rilasciato un set di  diapositive di alto livello. Il Dr. Noor van Andel  è l’ex capo della ricerca a Akzo Nobel.

Nel lunghissimo periodo,  vediamo che non é la  CO2 che produce il riscaldamento globale, ma invece dobbiamo porre attenzione all’aumento dell’attività deiraggi cosmici galattici e al raffreddamento globale. Non  c’è nessun modo con cui gli Uomini  possano influenzare l´attivitá dei raggi cosmici galattici, originari dai buchi neri attivi e dall´implosione delle supernove.

Essenzialmente egli utilizza dati empirici per arrivare alla conclusione che la variabilità del clima più recente  è causata dalle oscillazione decennali dell´Oceano Pacifico e dall´effetto dei raggi cosmici, come descritto da Svensmark. Questo concorda con quello che ha spiegato William Kinninmonth e descritto come essenzialmente una enorme piscina che “raccoglie il freddo”   nelle profondità abissali degli oceani, e le correnti profonde che salgono  irregolarmente verso la superficie  influenzano le temperature dell´atmosfera a contatto. Le temperature dell’aria sono alla completa mercé  di questo “freddo” beck (sì lo so freddo è semplicemente un’assenza di calore). Negli anni di El Nino quando la piscina fredda si trova  nelle profonditá oceaniche, il calore dell`irraggiamento solare si accumula sulla superficie dell´Oceano Pacifico.

Con gli oceani che coprono il 70% del pianeta e le nuvole che coprono oltre il 60% del cielo, l´acqua, nelle sue varie forme, domina il nostro clima. Gli effetti magnetici solari sono correlati con le variazioni delle nuvole. Il grafico seguente mostra l’ascesa e la caduta negli ultimi 1000 anni. Sia il periodo caldo medioevale che la  Little Ice Age (grafico superiore) corrispondono agli alti e bassi dei raggi cosmici galattici (grafico in basso).

Grafico originariamente dal libro del Jasper Kirkby – vedi pagina 3. http://APS.arXiv.org/PS_cache/arXiv/PDF/0804/0804.1938v1.PDF

La copertura nuvolosa si é ridotta del 4% dal 1984. Questo rappresenterebbe  una parte significativa del riscaldamento che si é avuto da allora. Meno luce solare in entrata viene  bloccata e riflessa fuori nello spazio.

Questa é una delle più interessanti diapositive delle radiazioni di lunghezza d’onda in uscita (OLR). Questa è aumentata di una grande quantitá negli ultimi  62 anni. Mentre il pianeta si riscalda ci aspettiamo ulteriori OLR, ma se i feedback sono positivi, non ci si aspetterbbe  un aumento di questa grandezza. Van Andel suggerisce che l’aumento è “equivalente” alla riduzione di CO2 da 800 ppm a 280 ppm — in altre parole, qualunque effetto riscaldante che  potrebbe avere la CO2 essa è  sommersa da fattori più grandi.

I modelli di umidità dovrebbero spiegare come il mondo si riscalda, fornendo la maggior parte importante del feedback positivo nei modelli climatici IPCC. E lo fa — ma solo nell’atmosfera inferiore. L’aumento dell’umidità di risalita avrebbe l’effetto di riscaldamento più grande se si verfica più in alto nella troposfera (creando così le hot spot), ma l’umidità specifica  fino a 600 mB è in calo, non in aumento — e la caduta è ancora più grande a 400 mB.

Le carote di ghiaccio

Noor van Andel sottolinea che il ritardo di 800 anni  (guidato dal ribaltamento delle correnti oceaniche di risalita) e che le carote di ghiaccio non mostrano alcuna prova di feedback positivi come si vedono nel mondo riscaldato prima dell’ultima glaciazione.

Spiegando Miskolczi

Van Andel fa qualcosa che pochi hanno fatto — egli riassume la teoria di Miskolczi (come detto da David stockwell). La presentazione ha molte diapositive e  grafici importanti  sulla teoria di Miskolczi.

Finestra a infrarossi e umidità: teoria del Miskolczi

  • Un’atmosfera senza una finestra a infrarossi ha una sensibilità di clima molto più grande del nostro con una finestra a infrarossi
  • Trenberth: Finestra di radiazioni = 40 W/m ^ 2. Misura Satellitare: 66 W/m ^ 2. Il Prof.Trenberth ha scritto che egli sa di questo. Ma mantiene il suo 40 W/m ^ 2, trascurando le misurazioni.
  • Un’atmosfera dove l` umidità specifica  aumenta con la temperatura in tutto il mondo, ha una grande   sensibilità al clima. Ha un punto di non ritorno.
  • Trenberth: l´umidità relativa è costante in tutto il mondo. Ma secondo le  misurazione satellitari l`umidità sta diminuendo. Il Prof.Trenberth  ha scritto che egli ritiene che essa è in aumento e consiglia di  leggere i rapporti dell’IPCC che sono il Vangelo climatico.
  • Miskolczi: la radiazione della finestra è exp [-1.868] o circa 1/6 della superficie verso l’alto IR;  le nuvole hanno τclear a 1.868; più CO2 è compensata con meno  vapore acqueo. L’effetto serra non è una variabile libera. È controllata dalla produzione massima di entropia. La temperatura superficiale è solo una funzione della radiazione solare assorbita.
  • Sfido chiunque a falsificare le ipotesi di Ferenc con misurazioni!

Per la fisica planetaria

La  fisica giusta a mio parere: abbiamo un clima fortemente controllato. La costante solare e le proprietà fisiche dell’acqua ci tengono sotto controllo.

  • Il trasferimento di calore dalla superficie verso lo spazio utilizza due meccanismi in serie: convezione nell’atmosfera inferiore, radiazioni IR nell’atmosfera superiore.
  • Quanto il caldo diventa maggiore  andando dal polo all’equatore, tanto  piú importante diventa la  convezione. All’altezza in cui il flusso di  radiazioni diventa più grande del flusso di convezione, l´inizio della convezione si alza.
  • Piú convezione  significa una maggiore tropopausa, la temperatura della parte superiore della nube si abbassa con l´effetto di avere una maggiore efficienza di condensazione e in questo modo una  “essiccazione”  della  troposfera superiore.
  • Questi due effetti: una parte alta  di convezione superiore e un essiccatoio della troposfera superiore, entrambi aumentano le radiazioni  in uscita. Questo parametro controlla la temperatura.

Il sistema di raffreddamento planetario

Questa sottosezione è dal libro  CO2 e  clima del 17-1-2011

È  dimostrato che il raffreddamento dei tropici, e  i venti alisei, è di profonda convezione, cioè  poche migliaia di  temporali tropicali  portano concentrato tutto il ragionevole  calore sensibile e latente  e sono travolti dai venti alisei su tutte le strade verso la tropopausa.

L’andamento della temperatura nell’alta atmosfera nell’ultimo mezzo secolo è molto negativo, a partire da questa altezza dove arriva  la convezione. Questo significa che più CO2 ha un effetto di raffreddamento, piuttosto che un effetto di riscaldamento. La parte superiore delle  nubi  irradiano molto più  dell´ aria rarefatta a questa altezza.

Questa è la causa dietro il raffreddamento, l´ aumento del le emissioni di CO2.

Il trend di raffreddamento è abbastanza in discordanza con il comandamento e la teoria del “gas-serra indotto–riscaldamento globale” ma è abbastanza in accordo con l’aumento della convezione profonda. L’adeguamento di tali misurazioni di temperatura per renderle più in linea con i modelli climatici conduce a processi e a condizioni non-fisiche, cioé impossibili.

Conclusioni

  • L´aumento della radiazione a onde lunghe in uscita con più di 3,7 W/m ^ 2 º C SST non può essere l’effetto di aumento della CO2 o dell’aumento di altri gas “serra”. L´aumento OLR/SST con 8.6 W/m ^ 2 K significa che l’atmosfera è diventata più trasparente alle radiazioni IR negli ultimi 60 anni. L “effetto serra” è diventato meno´importante.
  • La piú o meno costante solare e le proprietà dell’acqua determinano il nostro clima
  • L´aumento della temperatura superficiale è strettamente controllato, aumentando la convezione umida e la concomitante  essiccazione della troposfera superiore
  • Non esiste nessuna prova d’osservazione per influenza della CO2 sui cambiamenti climatici del passato o del presente o del futuro.
  • La forte correlazione d’osservazione dell’attività magnetica solare con le temperature del clima, presumibilmente attraverso la nucleazione delle nubi e loro  condensazione  e albedo

Il discorso di Noor van Andel é stato  apparentemente molto bene accolto e ha attirato molta attenzione:

“Il mio discorso di ieri per l’Istituto meteorologico olandese è stato un grande successo. C’erano molti più addetti di quanto poteva  contenere la  loro più grande sala di conferenza,  gli interventi sulla discussione era intenso e talvolta anche emotivo, ma sempre corretto, perché Hein Haak ha esercitato il suo potere in modo efficiente per mantenerlo in questo modo.
I direttori  della KNMI, Hein Haak e Remco den Besten mi hanno invitato a scrivere o venire al KNMI ogni volta che voglio, e ottenere il loro sostegno al fine di continuare la discussione che è stata iniziata ieri é stato molto bello e molto olandese.

SAND-RIO

Diapositiva completo impostato. di Noor van Andel

Il più recente libro “CO2 e clima”.

Il killer breve riepilogo: Il manuale di scettici. Punto più mortale: The Missing Hot Spot.

Articolo tratto da

http://joannenova.com.au/2011/02/the-oceans-clouds-and-cosmic-rays-drive-the-climate-not-co2/

Hatena Bookmark - Sono gli Oceani, le nuvole e i raggi cosmici che guidano il clima della Terra e non la CO2.
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

24 pensieri su “Sono gli Oceani, le nuvole e i raggi cosmici che guidano il clima della Terra e non la CO2.

  1. Fabio Due :
    Questa teoria della CO2 e dell’effetto serra sarà dura a morire, richiede una prova inconfutabile.
    E al momento ne vedo una sola che sarebbe realmente efficace: un raffreddamento globale duraturo, a dispetto della CO2. Che sia proprio il momento giusto?

    Sono d’accordo con te, Fabio…solo un raffreddamento duraturo potrà combattere tale teoria. Certo, ammenochè qualcuno non se ne esca sostenendo che è stato l’AGW a portare al GC…visto che già oggi per qualunque fenomeno meteo che capita nel mondo si tira in ballo la CO2, non mi meraviglierei che ciò possa accadere perché, in fondo, sta già accadendo!

      (Quote)  (Reply)

  2. in più ripeto, se la fonte prima di infrarossi è il sole, la co2 ha un effetto rinfrescante, come dicono i numerosi articoli che si possono trovare su internet, senza poi mettere in ballo altri parametri fisici come la capacità termica specifica, li si che verrebbe fuori la verità

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.