L´uomo e i cambiamenti climatici

Il paleontilogo Ulf Büntgen, dell´Istituto Svizzero federale di ricerche sulle foreste, neve e paesaggio, ha pubblicato sulla rivista Science uno studio sugli effetti dei cambiamenti climatici in Europa sugli ultimi 2500 anni.

Il lavoro coinvolge importanti fatti storici. Secondo lui, le variazioni nel clima hanno influenzato l’ascesa e la caduta dell’Impero romano e anche lo scoppio nel peste nera nel XIV secolo e che  uccise 25 milioni di persone.

Büntgen ha disegnato le sue conclusioni in base all’analisi degli anelli degli alberi — linee circolari che possono essere viste quando il legno è affettato.

Questi anelli sono in crescita più grandi e più distanti gli uni dagli altri in climi caldi e umidi. Clima secco e freddo formano anelli più vicini l´uno con l´altro.

Analizzando questi segni  si può accertare la temperatura e la quantità di acqua disponibile nella posizione in cui l’albero è cresciuto.

Büngten ha studiato le sezioni di 9 mila di anelli di tronchi d’albero in Europa centrale e ha trovato che le fluttuazioni di temperatura e precipitazioni influenzarono la produzione agricola, la diffusione della malattia e il livello dei conflitti sociali.

Constatazione è la prima prova, senza la necessità di complicate analisi, per chi opera in agricoltura.

Ma lo studio ha permesso agli scienziati di commentare questa base di dati e trarre conclusioni sensate e logiche con solido avallo scientifico.

E la realtà della natura visto con buon senso rovina l’ambientalismo…

Ad esempio, lo storico João Vicente Dias, dell´Università Federale del Paraná (UFPR), ha osservato che le comunità umane hanno la capacità di superare le difficoltà e gli ostacoli che impone l’ambiente.

“Esempi sono gli Inuit (eschimesi che vivono nella regione artica del Canada, Alaska e Groenlandia), che convivono con temperature minime all’estremità nord del continente americano e il beduino nel deserto del Sahara, adattato per l’aridità del clima di quel luogo”, ha sottolineato.

Per Dias, le societá non sono ostaggi dei cambiamenti nell´ habitat in cui vivono. “Un periodo di clima può avere alimentato la crescita dell’Impero romano, ma non credo che è stato condizionato a questa espansione, che principalmente dipendeva dalla possibilità del élite di Roma di creare nuove soluzioni economiche, sociali, culturali e politiche”, esemplifica.

Quando il Tamigi congeló. iniziò la festa!

Egli assicura che più importante che il clima, è la capacità di un gruppo di mantenersi  coeso  per prepararsi e resistere alle avversità.

Per Expedito Rebello, capo della divisione della ricerca applicata della variabilità del clima all´Instituto Nacional de Meteorologia (Inmet), la variabilitá climatica  non sarebbe un fattore chiave per provocare trasformazioni sociali.

“I fenomeni dello studio sono responsabili per le siccità, inondazioni, inverni più freddi, ma nulla che cambia drammaticamente la vita della popolazione,” dice.

Si evidenzia che le variazioni di temperatura e la quantità di pioggia sono comuni durante tutto l’anno. I fenomeni di El Niño e La Niña, ad esempio, si verificano ogni 12 o 18 mesi.

L’autore dello studio pubblicato su Science dice che la sua scoperta non permette di affermare che il clima determina gli eventi storici ma  solo che possono influenzarli.

Slitta: adattamento dell’uomo e … “realizzazione” di cani

“Noi non vogliamo che le persone pensino in ” determinismo climatico’, perché non ci sono prove concrete per farlo. Se le condizioni di igiene in quel periodo (Medioevo) fossero state  notevolmente migliori, è possibile che la malattia della peste non sarebbe diventata un’epidemia e migliaia di vite sarebbero state salvate “, esemplifica.

Il catastrofismo e l´ambientalismo da salotto chic sfruttano la negazione della capacità dell’uomo di adattarsi alle mutevoli condizioni del clima nel corso della storia.

E questi predicatori da strapazzo predicono disastri per l´umanitá seduti comodamente davanti ai loro  super-computer avvolti dal´fresco dell´aria condizionata in estate o col riscaldamento acceso a tutta forza in inverno , dimenticandosi della  storia dell´uomo,  della natura e dell’ingegno umano.

SAND-RIO

Hatena Bookmark - L´uomo e i cambiamenti climatici
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

23 pensieri su “L´uomo e i cambiamenti climatici

  1. @ riki
    forse sono OT, ma riki mi incoraggia a dirlo: da alcuni giorni le macchie solari sembra che stiano diminuendo notevolmente. Date un’occhiata qui:
    http://sdo.gsfc.nasa.gov/assets/img/latest/latest_2048_HMII.jpg
    e guardate il behind:
    http://www.solarham.com/stereobehind.htm
    Non mi sembra azzardato dire che saremo spotless tra qualche giorno…sarà forse presto per dire che il massimo è già avvenuto, però questo ciclo 24 non finisce di stupire…

      (Quote)  (Reply)

  2. Mi son dimenticato….SFI=94 e Solar Wind (in questo momento) a 338!! E scusate se è poco…cioè nel senso che è VERAMENTE basso

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.