Eruzione del vulcano Grímsvötn in Islanda

Una nuova conferma della correlazioni fra attività geologica e le dinamiche solari e planetarie del nostro sistema solare.

Sono appena rientrato dalla conferenza su Bendandi , accendo il Pc e scopro leggendo i commenti nella sezione Vulcani&Terremoti che l’attività geologica in Islanda è tornata in auge con l’eruzione del vulcano Grimsvotn.

Alcune informazioni sul vulcano le trovate al seguente indirizzo:

http://www.volcano.si.edu/world/volcano.cfm?vnum=1703-01=

La nube vulcanica sembra essere in rapido aumento, attualmente si parla di 3000-4000 metri.

Una delle prime immagini della nube.

Adesso un rapido sguardo alla configurazione planetaria di queste ore :

Allineamento Marte-Venere-Mercurio-Terra

Ricordiamo inoltre cosa era successo una decina di giorni fra l’undici e il dodici Maggio 2011

Scossa di magnitudo M5.2 in Murcia (Spagna) ed eruzione del nostro Etna (Italia).

Allineamento Giove-Venere-Mercurio-Terra

Per concludere una piccola provocazione….

ma queste configurazioni mi ricordano un’interruttore elettrico….


Welcome to the electric universe !

Aggiornamento del 22 maggio 2011 ore 11:30

In breve leggendo i commenti sul blog di Jon Frimann sembra che questa eruzione sia molto più intensa di quella del

Eyjafjallajökull nel 2010. Gli esperti sono però letteralmente “sbigottiti” dalla rapidità e la violenza con la quale è avvenuta.

Da sottolineare questo commento di Jon :

“But what is unusual is that there have been few earthquake swarm after that in Grímsfjall volcano. I do not know what it means or why this is happening.”

Confermata l’altezza della colonna che ha raggiunto i 20km. e il suo spostamento verso ovest.

In precedenza vi ho parlato di elettricità, dell’ipotesi che alla base di questi fenomeni ci siano  delle caratteristiche  molto “simili” a dei veri e propri

circuiti elettrici.

Ecco che di seguito vi riporto traccia dei tremori registrati nell’area prima della grande eruzione :

Una nuova provocazione…

Spesso ci viene detto che con la tecnologia in nostro possesso siamo in grado di prevedere con circa 48h. una possibile eruzione di un vulcano…

Ne siamo proprio sicuri ?

Proprio adesso conferma è la più grande eruzione del Grimsvotn degli ultimi 100 anni !

http://www.ruv.is/frett/staersta-gos-i-grimsvotnum-i-100-ar

Breve aggiornamento del 23 maggio 2011 ore 00.50

I tremori si mantengono alti ma l’eruzione sembra momentaneamente rallentare… ci sono quindi ancora molti punti interrogativi da sciogliere sul prossimo futuro di questa eruzione !
Attualmente la colonna di fumo arriva a 10km. e gran parte dell’Islanda è coperta .
Sul blog eruption sto leggendo che la cenere sembra essere di composizione basaltica, più pesante della cenere emessa dal vulcano Eyjafjallajökull e sembra contenere basse quantità di fluoro che in alte dosi possono causare la morte del bestiame.

Un’immagine molto particolare ripresa da MODIS questa mattina.

Al momento non ci sono ulteriori notizie significative da riportare.

Hatena Bookmark - Eruzione del vulcano Grímsvötn in Islanda
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

148 pensieri su “Eruzione del vulcano Grímsvötn in Islanda

  1. Iniziano le prime cancellazioni di voli

    Vulcano, Klm cancella sei voli
    Stop ad aerei per Scozia e Inghilterra

    22:05 – Le ceneri del vulcano islandese Grimsvoetn hanno costretto la Klm a cancellare sei voli tra l’Aja, la Scozia e l’Inghilterra settentrionale. Lo ha reso noto la compagnia di bandiera olandese. Nelle prossime ore, inoltre, potrebbe essere chiuso lo spazio aereo sulla Scozia.

    http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/1010381/vulcano-klm-cancella-sei-voli.shtml

      (Quote)  (Reply)

  2. http://www.ruv.is/frett/ekkert-akvedid-um-folksflutninga

    According to the article, 2000 tons are being ejected every second. That’s approximately 700 cu m per second, 2,500,000 per hour and 60,000,000 per day. A guesstimate based on this would be a total of about 150,000,000 – 200,000,000 cu m (0,15 – 0,20 cu km), a comfortable VEI 4 and more than the entire output of Eyjafjallajökull in a little over 48 hours.

      (Quote)  (Reply)

  3. Ragazzi 2 vulcani nel giro di 2 anni in Europa di grosso spessore di cui questo ultimo di circa 10 volte + forte rispetto al suo collega islandese e con opzione di essere la + forte dopo il Pinatubo causerà effetti climatici anche evidenti…
    Fate conto che anche un calo di 0.1°C potrebbero localmente in ambito emisferico produrre effetti climatici su scala locale anche importanti nei prossimi mesi….

      (Quote)  (Reply)

  4. Per quanto riguarda le conseguenze dell’eruzione sul traffico aereo si possono fare le seguenti considerazioni, in riferimeno alle proiezioni della nube:
    le più penalizzate saranno le rotte che attraversano l’atlantico, per andare dall’Europa agli Usa, gli aerei fanno una rotta che appare curva sulle carte di proiezione (il percorso più breve, poichè la terra è sferica) che grosso modo parte dall’Irlanda, passa a sud dell’Islanda, taglia la parte sud della Groenlandia e scende negli Usa attraverso il Canada.

    Le quota più convenienti sono oltre FL300 (quindi il tratteggio verde o blu)

    Le regole prevedono che devono rimanere entro una certa distanza da aeroporti in caso di problemi (da una a tre ore di volo a seconda degli aerei). Questo potrebbe seriamente precludere l’attraversamento se la nube si sposterà sud dell’Islanda e sopra la parte sud della Groenlandia, poichè non si potrebbero usare quegli aeroporti.

    Per quanto riguarda i cieli in Europa siamo ancora ben lontani dalla situazione del 2010:
    http://www.metoffice.gov.uk/aviation/vaac/data/VAG_1271655426.png

    Ciao

      (Quote)  (Reply)

  5. Intanto già da domani sera il jet stream inizierà a lambire le coste ovest dell’Islanda; da giovedì le correnti a 300 hPa scenderanno dall’isola sino alla Francia per poi risalire verso Germania e nord Europa. Vediamo se ciò comporterà un aggravamento delle condizioni di volo per gli aerei.

      (Quote)  (Reply)

  6. Direi che forse siamo agli sgoccioli..

    L’eruzione del Grimsvotn continua. La notte scorsa il pennacchio di cenere era inferiore nei giorni precedenti, a 3-6 km, e il vulcano è vomitando meno materiale (tephra). Ash continua a scendere Sud e Sud-Est dell ‘eruzione, ma secondo quanto riferito dalla zona, è inferiore nei giorni precedenti.

    La strada da Vik in Myrdal a Freysnes ad est è ancora chiuso, ma sarà probabilmente aperto più tardi oggi. Voli di linea a partire per Glasgow da Keflavík questa mattina sono state ritardate, ma di volo è previsto per l’esecuzione secondo il calendario previsto per la maggior parte delle destinazioni in nel pomeriggio, anche se alcuni ritardi possono verificarsi fare per arretrati. I viaggiatori sono invitati a controllare per gli ultimi aggiornamenti sui loro voli.

    http://www.iceland.is/

      (Quote)  (Reply)

  7. Non sarei così sicuro che l’eruzione sta terminando, i vulcani islandesi sono conosciuti anche perchè l’attività durante la fase eruttiva passa da momenti di apparente calma a momenti più potenti, accadde così anche con il vulcano dell’anno scorso se ricordate bene.

      (Quote)  (Reply)

  8. E’ l’ennesimo nulla di fatto per vedere qualcosa occorrerebbe un vei 5-6-7 e soprattutto protratto nel tempo questi fanno solo un gran botto e poi basta come un petardo in una lattina

      (Quote)  (Reply)

  9. Islanda intensità vulcano diminuisce velocemente

    L’eruzione del vulcano Grimsvotn a sud-est dell’Islanda è sempre più debole da ieri. Il pennacchio di cenere sta ora raggiungendo un altezza di tre a cinque chilometri e la produzione di materiale vulcanico è massicciamente inferiore a quello durante il fine settimana. Un vento molto forte da nord è ancora soffia nella zona, che si sta cenere a sud, ma la velocità del vento si prevede un calo più tardi di oggi, secondo l’islandese Met Office.

    Ogni secondo, 100 tonnellate di cenere vulcanica, lava, gas e vapore sono prodotte dal vulcano Grimsvotn. Ieri sera questa cifra era pari a 1.000 tonnellate al secondo. E il vulcano stava producendo 10-20.000 tonnellate di materiale al secondo di Domenica. Attività all’interno del cratere stesso non è diminuita, tuttavia.

    Non ci sono stati terremoti profondi o alleggerimento intorno al vulcano a partire dalla metà di ieri. Il pennacchio di cenere ora è ridotto a tre a cinque chilometri alto, rispetto a otto al tempo stesso, ieri, i rapporti Visir.is.

    Geomorfologo Magnus Gudmundsson Tumi dice che c’è abbastanza ghiaccio nel ghiacciaio Vatnajokull per evitare la formazione di un nuovo sfogo visibile e che, mentre il flusso di lava, non si può escludere del tutto, sembra più probabile che rimarrà una eruzione puramente cenere dappertutto.

    I vulcani sono estremamente difficili da prevedere, ma Grimsvotn è nota per il suo inizio esplosivo. Si ritiene possibile che quasi tutti gli effetti negativi del vulcano saranno finiti per i residenti e passeggeri delle compagnie aeree sia molto presto, ma che la stessa eruzione non sarà dichiarato nel corso di diversi mesi. E ‘quindi possibile che l’eruzione potrebbe diventare una attrazione turistica di sorta. E ‘tuttavia impossibile prevedere con precisione che cosa accadrà in questa fase.

    http://www.icenews.is/index.php/2011/05/24/iceland-volcano-intensity-dropping-fast/#ixzz1NHZpsy00

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.