Perché il riscaldamento globale è una religione e non è una scienza – PARTE II

Infedeli e  apostati

Le religioni variano nel loro trattamento dei non credenti, dalla mancanza di rispetto alla derisione e estromissione dalla vita sociale fino al linciaggio. La nuova religione si basa, quando verbale, sulle diffamazioni, anche se ci sono coloro che vorrebbero andare oltre. Li chiamano  “negazionisti” gli infedeli – un riferimento a buon mercato e molto spregevole  per l’Olocausto. C’è una sostenuta campagna per vietare a coloro che negano qualsiasi tipo di piattaforma pubblica per le loro opinioni.

Gli apostati sono universalmente insultati anche più degli infedeli. Gli Apostati parziali, o eretici, sono ancora più odiati e nel corso dei secoli sono stati sottoposti a punizioni terribili. Nel caso dell ‘”ambientalista scettico” Bjorn Lomborg, egli è un credente seriale; accetta, per esempio, che mangiare sedano diminuisce il due per cento di tutti i tumori e, naturalmente, che il riscaldamento globale sia antropico, ma lui rifiuta la convinzione che occorre sacrificare l’umanità. Questo è inaccettabile! Cosa sono alcuni milioni di morti per acqua sporca, le punture di zanzara e altri pericoli, affinché le persone devono soddisfare la loro teoria? Finora é solo stato aggredito con insulti e torte in faccia.

Patrick Moore, uno dei fondatori di Greenpeace, ha rotto con il movimento a causa della sua caratteristica sempre più anti-uomo e anti-scientifica, perché in contrasto con  le loro tendenze verso l’estremismo. L’ultima goccia per lui è stata la campagna contro il cloro, non solo una componente essenziale della vita umana, ma anche la base di uno degli interventi più importanti per salvare vite umane attraverso l’igiene. A causa di questo è stato sottoposto ad una prolungata campagna di diffamazione, descritto come un eco-Giuda traditore. Ogni commentatore minore o blogger che manifesta incredulità si può aspettare di essere oggetto di abuso di sedicenti protettori del credo…. noi ne sappiamo qualcosa sugli attacchi che abbiamo subito e subiamo da alcuni sedicenti professorini che si autoproclamano salvatori dell´umanitá.

Sacrificio e rituale

E ‘parte della natura umana che non piace ammettere di aver sbagliato. Così se, ad esempio, abbiamo acquistato un dispositivo magico che per qualche misterioso effetto migliora l’efficienza del carburante della nostra macchina,  guidiamo un po ‘più tranquilli al fine di dimostrare che non abbiamo sbagliato. Le Religioni sfruttano questa debolezza come un mezzo per creare e rafforzare se stessi. Se qualcuno è indotto o costretto a fare un sacrificio deve poi avere un coinvolgimento per la causa.

I mulini a vento per energia eolica, per esempio, sono simboli del potere, il potere non è fisico, ma il potere politico e religioso. Sono come le grandi cupole di templi, statue di Saddam o del grande arco “M” di MacDonald. Mulini a vento sono brutti: essi distruggono il paesaggio e sono rumorosissimi, ma questo è il suo scopo. Fanno parte del sacrificio. Non sarebbe così male se fossero semplicemente inutili, ma è peggio di così. I mulini a vento sono lì a ricordarci del nostro impegno, piaccia o no, per la causa, sia nella tassazione eccessiva e perdita di udito e di comfort visivo.

Come per altre forme di condizionamento mentale, il rafforzamento continuo è una parte necessaria del processo ed è lì che viene il rituale. Il rituale prevede sacrifici piccoli ripetuto all’infinito. Vai in giro per casa spegnendo maniacalmente le luci  svolge la stessa funzione come il canto ripetitivo dei mantra.

Profezia e divinazione

Nel mondo reale i tentativi delle profezie non ha mai avuto   un buon  risultato, ma ora le profezie si avverano.

La divinazione è stata molto apprezzata in tutte le culture, antiche e moderne. Stelle sono stati osservate, galline ed altri animali macellati, in modo che le loro viscere fumanti potessero essere esaminate a predire il futuro, le carte sono state mescolate e sfere di cristallo sono stati consultate. Non molto tempo fa il leader della nazione più potente della terra faceva affidamento sui consigli degli astrologi. Ora si torna con la divinazione, per esempio, esaminare le viscere di alberi secolari. Anche se i metodi utilizzati non sono validi  e sono stati ampiamente dimostrati di dare risultati  fuorvianti

La principale forma di divinazione moderna, tuttavia, sono i  modelli di computer. Come TS Eliot ha detto:

Dov’è la saggezza che abbiamo perso nella conoscenza? Dov’è la conoscenza che abbiamo perduto nell’informazione?

Ora l’università, con finanziamenti generosi da dipartimenti governativi, non fanno altro che sviluppare modelli di computer, coinvolgendo le ipotesi sulle interazioni fisiche che non sono ancora spiegati dalla scienza. I loro risultati discutibili (per usare un eufemismo) sono utilizzati dal sacerdozio come notizie internazionali per spaventare la gente.

Puritani e guastafeste

Nessuno ha migliorato la definizione di Mencken sul puritanesimo: l’ossessivo timore che qualcuno da qualche parte possa essere felice. Si tratta di una spiacevole caratteristica di molte religioni e il riscaldamento globale è ben lungi dall’essere un’eccezione. Praticamente tutto ciò che ti piace ora è un peccato – le vacanze, guidare l’auto, avere una temperatura confortevole nella vostra casa, sbarazzarsi del fetore di spazzatura in decomposizione, e così via.

Si tratta di un fatto spiacevole della vita che ci sono persone che sono guidate da altre persone intorno. L’esistenza di piccoli piaceri della vita, come gustare un buon vino o un sigaro (e gli equivalenti più proletari) è intollerabile per loro. Essi sfrutteranno qualsiasi mezzo – la distorsione della scienza, la corruzione dei politici deboli, ripetendo la propaganda mendace – per raggiungere l’eliminazione delle pratiche che essi odiano. L’undicesimo comandamento da guastafeste “Non ci si può divertire”, ma il riscaldamento globale offre un bel parco giochi per loro.

Censura e angoli

Libertà di espressione e la pubblicità sono il nucleo della scienza. Anche la più stupida delle ipotesi deve essere esaminata. In gran parte della religione, è vero il contrario, tutto ciò che sfida il dogma stabilito è eresia, per il quale la pena va da ostracismo a orribili torture. Una delle maggiori ironie prodotta da successo della politica degli eco-teologi è che altro che la Royal Society ha orchestrato il tentativo di censurare qualsiasi deviazione dalle credenze stabilite.

Si tratta di una ripetizione della storia curiosa che coloro che avanzano l’ipotesi che il sole è l’elemento di controllo nei cambiamenti del clima sono vilipesi, come Galileo, per il sostegno della teoria eliocêntrica e la descrizione del sistema solare. Tuttavia, il sole è chiaramente il conducente del clima – se si ferma o si abbassa il suo splendore, la temperatura della terra scende a quasi  zero assoluto. Nel dogma stabilimento il sole è appena accennato, mentre i contributi insignificanti dell’umanità sono gratuitamente amplificati a dismisura. In un approccio scientifico al clima, una conoscenza approfondita del comportamento del motore solare da solo sarebbe il primo requisito, ma questo è rinunciato a degli interessi, in modo che i ricercatori solari sono stati privati ​​dei finanziamenti.

Uno dei modi  più utilizzati è di moltiplicare  la notizia. La notizia del clima caldo inusuale, per esempio, viene dato un sacco di copertura, mentre il freddo viene accuratamente ignorato. La primavera del 2007 è stato disastrosamente freddo in alcune parti del Nord America,  ma questo è stato tenuto segreto, tuttavia, la meravigliosa estate del mese di aprile è stato presentato come se fosse una cattiva notizia . Il fatto che la Gran Bretagna non aveva primavera  nel 2006 è stato convenientemente dimenticato, se non come base di confronto per stabilire che il 2007 è stata sostanzialmente più caldo.

Che i media sanno che stanno vendendo falsità è dimostrato da questi trucchi. Se fossero sicuri della verità dei fatti non ci sarebbe bisogno di nascondere altre notizie. Sono stati spesso scoperti nelle falsitá dei loro numeri e grafici, e solo pochi  conoscono la verità su di loro. Se pensi di avere un buon caso, ci si può permettere di presentare entrambi i lati, ma non è così. La stragrande maggioranza della popolazione non hanno idea che ci sia una visione alternativa. Questa non è scienza, è la religione.

Fine II parte

SAND-RIO

Hatena Bookmark - Perché il riscaldamento globale è una religione e non è una scienza – PARTE II
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

25 pensieri su “Perché il riscaldamento globale è una religione e non è una scienza – PARTE II

  1. sand-rio :

    Spero che Simon pubblichi presto la 3ª e ultima parte dell´articolo molto presto, perché é difficile separare un lungo articolo unico in 3 parti senza che se ne perdi il senso generale.
    Ringrazio tutti per i commenti e in special modo l´amico Ruggero con cui ci unisce la passione per la religiositá. Nel senso che lui é ben informato su tutti gli aspetti religiosi umani mentre io sono un felicisssimo ateo che ha studiato nel lontano passato le correlazioni tra le varie religioni.
    Ora sorge quella che iha preso a prestito dalle religioni i loro metodi divulgativi e che in pochi anni é diventata una… chiamiamola pseudoreligione.
    Il grande problema é che attualmente le opinioni opposte a questa “credenza – fede” del riscaldamento globale antropogenico si trova solo su internet su alcuni blog come NIA, mentre sui giornali, televisioni e altri mezzi di comunicazione non se ne parla mai se non per diffondere sempre piú il culto che stiamo andando arrosto.
    Noi “negazionisti/settici” siamo come i carbonari, una setta con idee strampalate come quella che é il Sole che comanda il clima della Terra e della nostra galassia.

    Innanzitutto ancora complimenti Sandro per questi tuoi ultimi pezzi, sempre molto sarcastici e pungenti al punto giusto come ormai ci hai abituato…l’ultima parte sarà pubblicata lunedì…

    ciao Big 😉

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  2. Bravo Sand-Rio, articoli che sarebbe auspicabile venissero letti dal maggior numero di persone possibile, fosse anche solo per provare ad aprire la mente e gli occhi di coloro che non dubitano MAI di quanto gli viene detto.
    Bruno

      (Quote)  (Reply)

  3. sand-rio :

    Spero che Simon pubblichi presto la 3ª e ultima parte dell´articolo molto presto, perché é difficile separare un lungo articolo unico in 3 parti senza che se ne perdi il senso generale.
    Ringrazio tutti per i commenti e in special modo l´amico Ruggero con cui ci unisce la passione per la religiositá. Nel senso che lui é ben informato su tutti gli aspetti religiosi umani mentre io sono un felicisssimo ateo che ha studiato nel lontano passato le correlazioni tra le varie religioni.
    Ora sorge quella che iha preso a prestito dalle religioni i loro metodi divulgativi e che in pochi anni é diventata una… chiamiamola pseudoreligione.
    Il grande problema é che attualmente le opinioni opposte a questa “credenza – fede” del riscaldamento globale antropogenico si trova solo su internet su alcuni blog come NIA, mentre sui giornali, televisioni e altri mezzi di comunicazione non se ne parla mai se non per diffondere sempre piú il culto che stiamo andando arrosto.
    Noi “negazionisti/settici” siamo come i carbonari, una setta con idee strampalate come quella che é il Sole che comanda il clima della Terra e della nostra galassia.

    Grazie di tutto il lavoro Sand
    questi articoli sono veramente molto belli e sono proprio quello che io avrei voluto scrivere su questo argomento, ma non sono mai riuscito a farlo.

    riguardo alle 3 diverse parti, questo genere di articolo vive di vita propria, fidati che anche se passa un po’ di tempo non perdono il loro significato

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.