Vulcano El Hierro: eruzione effusiva o esplosiva?

Cosa sta succedendo alle Canarie? O meglio..cosa sta succedendo all’isola più piccola e più sud-occidentale delle Canarie che prende il nome di El Hierro? In questo piccolo angolo di paradiso ci abitano all’incirca 10000 persone ed è meta turistica ormai da molti anni per i suoi incantevoli posti e viste mozzafiato.

Ma qualcosa è cambiato negli ultimi tre mesi. Da metà luglio, infatti, l’isola è teatro di quella che ormai da più parti è definita come “crisi sismica”. Innumerevoli scosse, ad una profondità piuttosto elevata (circa 17 km) si sono susseguite per tutto questo tempo quasi ininterrottamente. Ciò ha persino spinto il Governo delle Isole Canarie a convocare la prima riunione (mai accaduta in passato) dello “Steering Committee and Volcanic Monitoring” (comitato direttivo preposto al monitoraggio vulcanico), che si rispecchia nella Protezione Civile di Progetto Specifico e di Emergenza per il rischio vulcanico. considerato ciò che ha descritto come ” aumento significativo della attività sismica“.

Situazione dello sciame sismico a fine agosto. Rif: http://littleclub.blog.tiscali.it/2011/08/26/canarie-il-vulcano-el-hierro-e-vicino-all%E2%80%99eruzione/

Ma, come in quasi tutte le cose, se si vuole comprendere il presente (e magari provare a prevedere il futuro) bisogna cercare nel passato. Questo discorso vale ancora di più in geologia dal momento in cui riusciamo a ricostruire con tecniche avanzate e sofisticate la storia e l’evoluzione dei vulcani sparsi su tutto il globo terrestre. Per cui cito testualmente dalla fonte: http://www.elhierro.travel/elhierro/index.php?accion=arti****&IdArti****=64&IdSeccion=65

“L’epopea Geologica di El Hierro iniziò circa 100 milioni di anni fa, quando il fondo dell’oceano cominciò a sollevarsi per l’incontenibile spinta del manto terrestre finchè la crosta finì per rompersi in un modo molto caratteristico, formando una stella a tre punte.
Dalle spaccature cominciò a fluire il magma che, per successive eruzioni e sovrapposizioni, sollevò l’edificio insulare finchè questo emerse dall’oceano formando un’imponente piramide triangolare coronata da un vulcano di più di 2000 metri di altezza.

Le crepe iniziali si trasformarono in condotti di emissione della lava creando tre  cordigliere dorsali su cui si allineano numerosi coni vulcanici. D’altro canto il magma, raffreddandosi in questi condotti, si solidificò formando giganteschi schermi verticali di basalto che costituiscono le caratteristiche dighe, tipiche dell’architettura geologica dell’isola. In seguito, appena 50.000 anni fa, nella piccola isola di El Hierro si verificò uno dei fenomeni naturali più violenti e devastanti di cui si abbia notizia: una frana di proporzioni gigantesche. In pochi secondi, probabilmente per l’effetto esplosivo di alcune scosse sismiche, si ruppe un grande pezzo dell’isola che precipitò in mare disperdendosi nel fondo dell’oceano. Come una grande ferita, apparve l’impressionante anfiteatro della Valle del Golfo. E’ difficile immaginarsi una frana di più di 300 km3, un volume corrispondente cento volte a quella del vulcano St. Helens. Si pensa che l’onda di “tsunami” prodotta dallo smottamento di El Golfo dovette superare i 100 metri di altezza ed è più che probabile che i suoi effetti abbiano interessato le coste americane. Pur essendo trascorsi più di 200 anni dall’ultima eruzione, El Hierro presenta la maggiore densità di vulcani delle Canarie, con più di 500 coni a cielo aperto ed altri 300 coperti da colate successive. Benchè le grotte ed i tubi vulcanici dell’isola debbano ancora essere studiati esaurientemente, se ne sono già potuti catalogare circa 70. Alcuni di questi sono molto significativi per la bellezza delle loro stalattiti o per la loro estensione, come nel caso della Cueva di Don Justo, una delle più lunghe al mondo, il cui insieme di gallerie supera i 6 km. Attualmente è chiusa allo scopo di proteggere un endemismo della grotta.”  Il vulcano El Hierro ha 250 crateri e non entra in eruzione dal 1793; se dovesse risvegliarsi, come ha riferito Juan Manuel Santana, capo della sicurezza delle Canarie, sara’ necessario allontanare tutti i 10 mila residenti dell’isola.

Secondo IGN, che ha eseguito le misurazioni con i dispositivi GPS, l’isola si è “gonfiata” di 4 pollici (10 cm) dall’inizio della crisi sismica, che viene interpretato come un’ulteriore prova che la lava sta salendo in superficie, in espansione al suolo. Ha anche aumentato la quantità di anidride carbonica nell’atmosfera de El Hierro. In particolar modo quello che sembra più sollecitato al momento pare essere il fianco S-SW del vulcano.

Fig.: Composizione di un cono vulcanico dell’isola. Rif.: http://i1234.photobucket.com/albums/ff408/shoopconil/volcanesdecanarias.jpg

Di conseguenza, ho deciso di fare 3 grafici per comprendere meglio il fenomeno che sta accadendo attorno all’isola di El Hierro. I dati vanno dal 29 settembre scorso ad oggi. Ho effettuato semplicemente la media aritmetica di entrambe le variabili che ho preso in considerazione, proprio per cercare di analizzare al meglio il movimento del magma nel sottosuolo.

Il primo grafico è relativo alla profondità delle scosse:

Il secondo, invece, tratta la magnitudo delle scosse:

Il terzo infine, che deve essere analizzato assieme al grafico relativo alla magnitudo, rappresenta la frequenza o meglio il numero delle scosse nello stesso lasso temporale:

Come si nota dai grafici, la situazione ha preso una piega diversa proprio dal 6 ottobre in avanti quando la profondità delle scosse è cominciata a scendere in modo costante, mentre negli ultimi 2 giorni abbiamo avuto un numero sempre inferiore di scosse. Inoltre è interessante vedere come il 9 ottobre la profondità delle scosse è calata drasticamente, indice di nuovi colpi di scena. Per di più l’8 ottobre alle 20:34 UTC c’è stata una scossa di particolare intensità (Mw 4.0) a 13 km di profondità, risultando, quindi, essere la scossa più forte dall’inizio della crisi. Questo terremoto probabilmente ha aperto un piccolo spiraglio nel cono vulcanico. Prova di tutto ciò è stata la mattinata odierna in cui sono aumentati i tremori armonici, indice evidente del fatto che c’era magma e gas prodotto da essa in risalita vicino alla superficie. E’ stato da poco ufficializzato anche dal governo delle Canarie una fuoriuscita di gas e fluidi a circa 7 km dalla costa e a 1 km circa di profondità.

Fig.: Tremori armonici in sensibile aumento. Rif.: http://2.bp.blogspot.com/-CXbGx9noPls/TpMHFsbMl4I/AAAAAAAAAsM/6J_0TnoOdxg/s320/CHIE_2011-10-10.jpg

Al momento non è ancora certo se c’è stata o meno una vera e propria eruzione sottomarina, infatti nell’ultimo sorvolo degli elicotteri di controllo ad infrarossi ed altre attrezzature , non risulta ancora nulla. Probabilmente si tratta di una fessura di sfogo, il che potrebbe anche essere un “bene” in quanto potrebbe far sfogare la pressione in maniera graduale ed evitare così un’esplosione nella caldera dell’isola. Al momento, quindi, tutte queste sono solo congetture. Certamente la paura che ci possa essere un mix di acqua e lava (per capirci in stile Krakatoa) è forte. Ovviamente nei prossimi giorni ne sapremo molto di più di questo temibile vulcano.

Daniele Gallo

Fonti:

http://cafedehumanite.blogspot.com/2011/07/el-hierro-canarie-720-terremoti-in-1.html

http://www.elhierro.travel/elhierro/index.php?accion=arti****&IdArti****=64&IdSeccion=65

http://www.01.ign.es/ign/layoutIn/sismoListadoTerremotos.do?zona=1&cantidad_dias=10

Hatena Bookmark - Vulcano El Hierro: eruzione effusiva o esplosiva?
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

67 pensieri su “Vulcano El Hierro: eruzione effusiva o esplosiva?

  1. scusatemi, ma qualcosa non mi torna….
    Sta eruzione sottomarina é completamente spostata + a sud est rispetto alla media di tutti i terremoti dell´ultimo mese….

      (Quote)  (Reply)

  2. E’ OT.
    per Adolfo:
    1) non sai cosa sia un’onda…i warp dell’onda come li chiami tu, sono le creste e si trovano tutti alla stessa distanza…appunto la lunghezza d’onda. se vuoi introdurre il fatto che le creste d’onda abbiano una distanza diversa tra loro nel propagarsi, tu consiglio di non tirar fuori fantasie tipo dipolo, bensì di studiare un po’ di analisi armonica di fourier, e descrivere il tutto come un pacchetto d’onda e realtiva velocità di gruppo.
    2) non puoi cambiare le costanti come ti piace a te! è semplicemente assurdo! per altro, è la cosa che sostieni, le costanti sono invarianti al variare del sistema di riferimento! sono appunto costanti! e, addirittura, sono costanti per sistemi non inerziali (einstein docet). la h di plank non ha niente di speciale, particolare o strano. semplicemente fa funzionare il modello, che è indubitamilmente corretto sino a prova contraria. la g è relativa alla terra, non puoi tirarla in ballo e aggiustarla a piacimento. con un ragionamento per assurdo capiresti che non puoi farlo.

    a bernardo: capisco il vostro punto di vista, ma non è supportato da dati. personalmente non ci credo, ma è solo una sensazione. ho cercato qualche articolo circa l’interazione sole terremoti e chiesto ad un fisico che lavora in ambito geologico presso l’ETH di Zurigo. ci sono circa 5 pubblicazioni ogni 10 anni, autoreferenziali, con pochissimo seguito. le ipotesi sostenute sono poco supportate da dati.

    sull’unificazione dei campi.
    l’unificazione della gravità con la forza elettrodebole si realizzerebbe a energie elevatissime, circa pari a quelle in gioco nel big bang o in qualche quasar remota. parliamo di singolarità.
    immediatamente da ciò ne consegue che le forze in gioco nel sistema solare, o nel sistema galattico, sono insufficienti a renderle unificabili.

    ciaoo

      (Quote)  (Reply)

  3. antonio da studente di fisica posso dirti che stai esagerando un pochino a crede ciecamente alla fisica, le teorie non sono mai “indubbiamente corrette” ma sono semplici modelli che funzionano.
    le costanti fisiche sono costanti in quanto fa comodo a noi ma anche qui dipende da come vengono estrapolate: L’h di plank è una costante che esce fuori da conti e funziona mentre per esempio mu e epsilon nell’elettromagnetismo sono costanti misurate e non propriamente calcolate da formule quindi fino a che non sapremo da cosa derivano tali costanti non sapremo se possono variare o no, tanto per chiarire mu e epsilon sono nel vuoto poi c’è un termine moltiplicativo adimensionale nel caso di EM nei materiali, bene magari le nostre costanti non sono costanti e variano dal vuoto ad i materiali, il modello funzionano nello stesso modo sia in un caso che nell’altro ma la fisica di fondo cambierebbe anche di molto.

    la fisica oggi si deve occupare del perche profondo delle cose ed iniziare a rispondere a domande molto profonde prima fra tutti che cosa è la massa e perche c’è l’inerzia, o perche la luce ha una velocità limite nel vuoto, e tante altre.
    il problema delle teorie di molte persone si queste cose è che chi le fa non ha conoscenze fisiche reali e si basa solo su libri di divulgazione quindi magari da la sua interpretazione logica ma senza un briciolo di matematica coerente o senza preoccuparsi di far funzionare le cose, ma non per questo le idee di fondo sono necessariamente errate.

      (Quote)  (Reply)

  4. antonio… quando venne presentata l’idea dell’aeroplano, costruito in metallo, tutti si affrettarono a dire che non avrebbe mai preso il volo perche’, semplicemente, era assurdo che un corpo piu’ pesante dell’aria potesse volare. Le conclusioni traile da te…

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.