Una Nina storica? Forse sì, forse no.

Cos’è la Nina

Da mesi, ormai, nel forum Meteo ricorre una parola: Nina. Forse non è un nome familiare a tutti: si tratta in sostanza di un’anomalia negativa di temperatura che ricorre nell’Oceano Pacifico equatoriale, appena al largo delle coste del Sudamerica, per migliaia di chilometri verso ovest, fino quasi alle coste dell’Australia e della Nuova Guinea. La seguente analisi delle anomalie di temperatura rispetto ad un periodo di riferimento, scelto opportunamente (10 anni almeno), spiega di che cosa si tratti in termini fisici:

 

 

 

Il suo opposto è il Nino, anomalia positiva. Ma ne parleremo quando si verificherà nuovamente, di solito Nino e Nina si alternano, spesso con periodicità circa annuale. Talvolta però (3 volte negli ultimi 60 anni), la periodicità cambia sostanzialmente: ad esempio, ad una Nina può seguire un’altra Nina e magari persino altre due. È proprio quello che si sta verificando ora: la Nina precedente si è conclusa la scorsa primavera e, dopo qualche mese di sostanziale neutralità, è iniziato un altro evento di Nina. In pratica, si può considerare quello in corso come un unico evento, con una breve pausa nel mezzo (primavera-estate 2011), che ha avuto inizio a Maggio 2010 e non si è ancora concluso. Questa è una ragione per cui di questa Nina si parla molto, ma non è l’unica, ce ne sono almeno altre due. Tutte e tre la rendono davvero “speciale”. La prima risiede nella sua intensità. Infatti, si osservi questo grafico:

 

 

L’unità di misura in ordinata è il MEI (Multivariate Enso Index), basato, dice letteralmente il NOAA (l’ente governativo americano di studi oceanici e climatologia) “on the six main observed variables over the tropical Pacific. These six variables are: sea-level pressure (P), zonal (U) and meridional (V) components of the surface wind, sea surface temperature (S), surface air temperature (A), and total cloudiness fraction of the sky (C)” Insomma, non si tratta semplicemente di temperatura, ma di un indice composito, i cui valori tuttavia (curiosamente) non si discostano poi molto dai valori di temperatura.

Il grafico testimonia la forza di questa Nina, rappresentata dall’ultima striscia blu sulla destra. E’ forte tanto quanto quella del 1975 e, almeno finora, poco meno quella del 1955. Ma sembra volerne condividere la durata: quei due eventi durarono ciascuno poco meno di tre anni. Il primo rappresentò in buona misura un cambiamento climatico: dopo gli anni Trenta e Quaranta, relativamente miti, negli anni cinquanta e Sessanta del Ventesimo secolo ci fu un calo delle temperature medie, accompagnato da una maggiore frequenza di inverni rigidi, anche in Europa. Quella Nina ne rappresentò una “spia” e in parte una causa. La Nina del 1975, invece, parve rappresentare il termine di quel periodo: da allora le temperature medie globali ripresero a salire.

 

Nina, PDO e sue peculiarità

Ecco, la Nina attuale è importante perché, forse, rappresenta una nuova svolta, come quella degli anni Cinquanta. Essa è stata accompagnata da un cambio di segno (da + a -) di un altro indice importante, la PDO, analoga come effetti alla Nina (raffredda anch’essa) ma operante su scale temporali ben diverse. Descrivere in dettaglio la PDO non è oggetto di questo articolo; comunque, è la coppia rosso-azzurra sopra la Nina, nell’Oceano Pacifico, nella prima figura. Tuttavia, riporto una frase significativa, riguardante la relazione tra ENSO (ovvero Nina/Nino) e PDO: “….the PDO has a modulating effect on the climate patterns resulting from ENSO. The climate signal of El Niño is likely to be stronger when the PDO is highly positive; conversely the climate signal of La Niña will be stronger when the PDO is highly negative. This does not mean that the PDO physically controls ENSO, but rather that the resulting climate patterns interact with each other.” Insomma, gli effetti della Nina attuale, nonché di quelle future, saranno probabilmente più intensi poiché la PDO è divenuta negativa qualche tempo fa

(fonte: http://ffden-2.phys.uaf.edu/645fall2003_web.dir/Jason_Amundson/enso.htm, Università di Fairbanks, Alaska, facoltà di Fisica). Almeno, questo è quanto gli studi più recenti indicano.

Dunque ora conosciamo almeno quattro ragioni per cui questa Nina è assolutamente degna di nota:

 

1)           è composta da (almeno) due eventi di Nina consecutivi, come nel 1973-1976 e nel 1954-1957;

2)           è intensa come quella degli anni Settanta e poco meno (finora) di quella degli anni Cinquanta;

3)           il ciclo PDO condiziona il ciclo ENSO, ovvero lo modula, come studi recenti hanno evidenziato; in sintesi, in fase PDO+ gli eventi di Nino risultano più intensi; viceversa, durante una fase PDO- gli eventi di Nina risultano a loro volta più intensi;

4)           il ciclo PDO ha una durata piu’ o meno decennale, pertanto è ragionevole supporre che da oggi al 2020 si verificheranno più eventi di Nina e mediamente più intensi rispetto al recente passato, con conseguente riduzione progressiva delle temperature globali.

 

Ma c’è almeno un’altra ragione, per ora solo probabile, per la quale questa Nina potrebbe divenire “storica”: le previsioni NOAA (in passato rivelatesi le più attendibili, sebbene un po’ approssimate per eccesso) per i prossimi mesi disegnano scenari da record.

A tale proposito, si osservino i seguenti due grafici:

Il primo è il più recente modello di previsione del NOAA, il secondo è quello “storico”. Entrambi si riferiscono alla zona 3.4, il cuore dell’ENSO (della Nina, in tal caso), nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico.

La linea nera continua testimonia le anomalie effettive di temperatura, quella tratteggiata le previsioni. Le altre linee costituiscono i vari “membri” previsionali. Si tratta infatti di una “ensemble”, ovvero la linea tratteggiata in grassetto è il risultato di una “famiglia” di previsioni, ciascuna ottenuta cambiando leggermente i  parametri in gioco.

In ogni caso, entrambi i modelli testimoniano di un evento di Nina che potrebbe essere epocale.

 

Gli effetti della Nina 

Un possibile evento epocale, dunque, mai visto negli ultimi 60 anni e forse persino oltre. Roba da brividi, e letteralmente da brividi, visto che l’effetto più noto della Nina è quello di abbassare le temperature del nostro pianeta. Va bene, ma di quanto? Beh, la prima parte della Nina attuale, quella conclusa la scorsa primavera, ha ridotto le temperature di circa mezzo grado. Questa seconda parte potrebbe fare persino di più.

La Nina però ha anche effetti specifici, diversi in zone diverse del nostro pianeta: ad esempio compatta e rafforza il Vortice Polare, ma favorisce lo spostamento dell’anticiclone delle Aleutine a ridosso delle coste nordamericane dell’Oceano Pacifico, rendendo probabili discese fredde sul suo bordo orientale, in inverno. In Europa produce quello che stiamo osservando da molti mesi ormai, perlomeno dal mese di gennaio: ostinata persistenza dell’alta pressione, estrema difficoltà da parte delle perturbazioni atlantiche di aprirsi la strada verso il Mediterraneo. Dunque siccità, anche temperature sopramedia ma soprattutto forti escursioni termiche man mano che la stagione avanza e le notti si allungano. E poi, man mano che la Nina (come pare) crescerà, che cosa dovremo attenderci? L’abbiamo già visto in un articolo pubblicato qualche giorno addietro, qui: http://daltonsminima.altervista.org/?p=16413 non aggiungo altro, è già tutto scritto, sono conclusioni tratte dalla storia degli eventi di Nina dei decenni passati.

 

Per concludere, quanto detto a proposito delle previsioni NOAA sottintende che queste siano sostanzialmente corrette. L’anno scorso, come accennato prima, sovrastimarono un po l’intensità della Nina al suo massimo. Ma sarà così anche stavolta? Lo vedremo, mese dopo mese. Non perdetevi il prossimo aggiornamento!

 

Infine, un doveroso ringraziamento a Giorgio per aver rivisto attentamente l’articolo ed avermi segnalato errori e possibili miglioramenti di merito.

 

FabioDue

Hatena Bookmark - Una Nina storica? Forse sì, forse no.
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

68 pensieri su “Una Nina storica? Forse sì, forse no.

  1. ice2020 :http://forum.meteogiornale.it/showthread.php?t=65798

    In realtà, a mio avviso, non sappiamo ancora come sarà: ritengo che il “tenore” del prossimo inverno dipenda così tanto dalla forza della Nina che fare previsioni ora, anche di massima, sia un azzardo. Per questo condivido pienamente la scelta di Giorgio, cioè rimandare a dicembre l’articolo con le previsioni per l’inverno. Occorre che prima la situazione della Nina, ma non solo, si chiarisca un po.

    Con una Nina forte o fortissima, in linea quindi con le previsioni NOAA, ci becchiamo un inverno molto asciutto, soleggiato (quindi con massime probabilmente sopra la media, tranne forse in Pianura Padana) e freddo di notte.

    Invece, se la Nina si facesse beffe delle previsioni (è possibile) e restasse debole, allora le cose sarebbero ben diverse, dovremmo attenderci un inverno decisamente più dinamico, magari anche nevoso (bisogna vedere la combinazione QBO-vento solare, che per ora è sfavorevole).

      (Quote)  (Reply)

  2. @giorgio
    Però a dicembre o gennaio, se l’evento epocale fosse confermato, potremmo fare noi un po di grancassa: una letterina al NOAA, interventi nei principali forum e blog meteo-climatici, interventi nei quotidiani online, qualora ci fossero articoli che è possibile commentare.
    Basta organizzarsi :-)

      (Quote)  (Reply)

  3. @FabioDue
    Questo ritardo nel progredire della NINA non puo’ far altro che bene,poiche’ rimarrebbe valida la previsione per il mese di dicembre fatta poco tempo fa sul nostro articolo che era esclusivamente riferita a novembre.Il protrarsi del blocco iberico man mano che prosegue la stagione e si avvicina l’inverno ci potrebbe regalare bordate artiche con eventi nevosi a quote bassissime se non adirittura in pianura.Quindi direi che questa prima fase e’ senza dubbio molto favorevole.Mi fermo qui amici perche’ penso che chiunque provi a fare previsioni per l’intero inverno rischia di beccarsi una bella fregata.Questo per 3 motivi: 1: non conosciamo ancora la vera identita’ della NINA.2 non sappiamo nemmeno in quale momento possa partire decisa.3:non sappiamo se e quando la QB0 a 50 hpa cambiera’ segno.Quindi chi fa previsoni lo fa a suo rischio e pericolo.Per ora mi limito a prevedere che novebre e prima parte di dicembre saranno senzaltro favorevoli e potrebbero regalarci bellissime sorprese di stampo puramente invernale.

      (Quote)  (Reply)

  4. Pensi sia possibile per il nord ovest tipo zona Monte Rosa?

    giorgio :
    @FabioDue
    Questo ritardo nel progredire della NINA non puo’ far altro che bene,poiche’ rimarrebbe valida la previsione per il mese di dicembre fatta poco tempo fa sul nostro articolo che era esclusivamente riferita a novembre.Il protrarsi del blocco iberico man mano che prosegue la stagione e si avvicina l’inverno ci potrebbe regalare bordate artiche con eventi nevosi a quote bassissime se non adirittura in pianura.Quindi direi che questa prima fase e’ senza dubbio molto favorevole.Mi fermo qui amici perche’ penso che chiunque provi a fare previsioni per l’intero inverno rischia di beccarsi una bella fregata.Questo per 3 motivi: 1: non conosciamo ancora la vera identita’ della NINA.2 non sappiamo nemmeno in quale momento possa partire decisa.3:non sappiamo se e quando la QB0 a 50 hpa cambiera’ segno.Quindi chi fa previsoni lo fa a suo rischio e pericolo.Per ora mi limito a prevedere che novebre e prima parte di dicembre saranno senzaltro favorevoli e potrebbero regalarci bellissime sorprese di stampo puramente invernale.

      (Quote)  (Reply)

  5. @Gianluigi
    i piu’ favoriti saranno il nord est e le adriatiche, il motivo e’ che quando il blocco iberico spancera’ chiudera’ la porta di ingresso alle bordate partendo ovviamente da ovest.Anche se con probabilita’ piu’ basse non escludo eventi pure al nord ovest.Ciao

      (Quote)  (Reply)

  6. giorgio :@Gianluigi i piu’ favoriti saranno il nord est e le adriatiche, il motivo e’ che quando il blocco iberico spancera’ chiudera’ la porta di ingresso alle bordate partendo ovviamente da ovest.Anche se con probabilita’ piu’ basse non escludo eventi pure al nord ovest.Ciao

    Esatto concordo 😉

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine