L’Eresia Scientifica di Matt Ridley – Parte 1

Riporto qui un Articolo Apparso su Climate Monitor, che appeno ho incominciato a leggerlo ho subito pensato che doveva essere pubblicato anche qui, perchè veramente merita di essere divulgato.

 

http://www.climatemonitor.it/?p=20882

 

Il 31 ottobre scorso, su Bishop Hill è stato pubblicato il testo della Lectio Magistralis di Matt Ridley alla Royal Society of Arts a Edinburgo, in Scozia.

Maurizio Morabito ne ha curato la traduzione per CM.

Qui trovate l’originale, di seguito il testo in Italiano.

 

È un grande onore essere invitato come relatore per la Lettura Magistrale “Angus Millar”.

Non ho idea se Angus Millar si sia mai considerato un eretico, ma ho un debole per l’eresia. Uno dei miei antenati, Nicholas Ridley, il “martire di Oxford” [1500-1555], fu bruciato sul rogo per eresia.

Il mio tema di oggi è l’eresia scientifica. In quali circostanze hanno ragione gli eretici della scienza e in quali sono dei folli? Come si fa a capire la differenza tra scienza e pseudoscienza? Cerchiamo di vedere degli esempi, a cominciare da quelli facili.

L’astronomia è scienza, l’astrologia è pseudoscienza. L’evoluzione è scienza; il creazionismo è pseudoscienza. La biologia molecolare è scienza, l’omeopatia è pseudoscienza. La vaccinazione è scienza, la paura per il vaccino multiplo MMR è pseudoscienza. L’ossigeno è scienza, il flogisto era pseudoscienza. La chimica è scienza, l’alchimia è pseudoscienza.

Mi seguite? Altri esempi.

Che il Conte di Oxford abbia scritto le opere attribuite a Shakespeare è pseudoscienza. Così come credere che Elvis sia ancora vivo, che Lady Diana sia stata uccisa dal servizio segreto britannico MI5, che Kennedy sia stato ucciso dalla CIA, che l’11 Settembre sia stato un lavoro “interno” [fatto cioè da esponenti del Governo USA]. Così come lo sono i fantasmi, gli UFO, la telepatia, il mostro di Loch Ness e praticamente tutto quanto abbia a che fare con il paranormale. Mi dispiace dirlo il giorno di Halloween, ma questa è la mia opinione.

Tre altri esempi, più controversi.

A mio parere, la maggior parte di ciò che ha detto Freud era pseudoscienza. Stesso discorso riguardo la gran parte dei motivi addotti in favore dell’agricoltura biologica, anche se non tutti. Altrettanto, in un certo senso, e per definizione, è la fede religiosa. Essa afferma esplicitamente che ci siano verità che possono essere trovate in modi diversi dall’osservazione e dall’esperimento.

Ora arriva un esempio che mi ha aperto gli occhi come un’epifania: i Cerchi nel Grano (crop circles). Quando ho cominciato a indagare quel fenomeno, mi era parso davvero ovvio che i crop circles fossero stati probabilmente opera dell’uomo. Ne ho fatti alcuni io stesso per dimostrare quanto fossero facili da fare. Tutto ciò, molto tempo prima che Doug Bower e Dave Chorley confessassero di avere iniziato tutta la mania dei crop circles dopo una serata al pub. Ogni altra spiegazione – “linee temporanee” [supposti allineamenti tra monumenti], navi spaziali aliene, vortici di plasma, fulmini globulari – tutte sciocchezze. L’intero campo della “cereologia” è stato una pseudoscienza, come facilmente dimostrato da una minima interazione con i suoi bizzarri praticanti.

Immaginate la mia sorpresa quindi quando scoprii di essere io l’eretico e che giornalisti seri, non impiegati da giornali scandalistici, ma per la rivista Science e per una squadra documentarista del canale televisivo britannico Channel 4, si erano bevute le storie dei cereologi sulla alta improbabilità che i crop circles fossero tutti opera umana. Così ho imparato la Lezione Numero Uno: la credulità incredibile dei media. Metti una “-logia” nel nome della tua pseudoscienza e puoi fare in modo che giornalisti diventino tuoi propagandisti.

Una squadra di Channel 4 ha fatto la cosa più ovvia – hanno fatto in modo che un gruppo di studenti facessero alcuni cerchi nel grano e poi ha chiesto al cereologo se fossero “vere” o “fasulle” – vale a dire, di origine umana. Egli assicurò che i cerchi non avrebbero potuto essere stati fatti da esseri umani. Allora gli dissero che erano stati fatti la sera prima. L’uomo allibì. Fu un episodio di grande televisione. Eppure, il produttore, che in seguito divenne un sottosegretario del governo di Tony Blair, concluse il segmento del programma prendendo le parti del cereologo: “Certo, non tutti i cerchi nel grano sono fasulli”. Che cosa? Lo stesso è accaduto quando Doug e Dave hanno spiattellato tutto; chi credeva nei crop circles ha continuato a credere. E lo fa ancora.

Lezione Numero Due: debunking ([smontare le affermazioni pseudoscientifiche]) scivola via su una pseudoscienza come l’acqua sul dorso di un’anatra.

In medicina, ho iniziato a capire che la distinzione tra scienza e pseudoscienza non è sempre facile. Questo è splendidamente illustrato in uno straordinario romanzo di Rebecca Abrams, chiamato “Touching Distance”, basato sulla storia vera di un medico eretico del XVIII secolo, Alec Gordon di Aberdeen in Scozia. Gordon è stato un vero pioniere dell’idea che la febbre da parto fosse diffusa da personale medico come lui e che l’igiene ne sarebbe stata la soluzione. Arrivò a questa scoperta molto prima di Semelweiss e Lister. Ma fu ignorato. Eppure il romanzo di Abrams non lo dipinge puramente razionale, come un eroe, ma come un essere umano imperfetto, un marito negligente e un ciarlatano con alcune idee strane – come un’ossessione pericolosa per il dissanguamento dei suoi pazienti malati. È stato pseudoscienziato un minuto e scienziato il minuto successivo.

Lezione Numero Tre: tutti possiamo essere sia scienziati che pseudoscienziati. Finanche Newton era un alchimista.

Come l’antisepsi, molte verità scientifiche sono iniziate come eresie e lunghe battaglie sono state combattute prima che soppiantassero una “conoscenza” istituzionale radicata che ora appare irrazionale: la deriva dei continenti, per esempio. E Barry Marshall non era solo ignorato, ma insultato quando sosteneva che le ulcere allo stomaco siano causate da un particolare batterio. I farmaci antiacidi sono stati molto redditizi per l’industria farmaceutica. Alla fine Marshall ha vinto il premio Nobel. Proprio questo mese Daniel Shechtman ha vinto il premio Nobel per i quasicristalli, dopo aver trascorso gran parte della sua carriera ad essere diffamato ed esiliato come un ciarlatano. “Sono stato cacciato dal mio gruppo di ricerca. Hanno detto che li facevo vergognare con quello che stavo dicendo”.

Questa è Lezione Numero Quattro: l’eretico a volte è nel giusto.

Ciò che tiene in vita la pseudoscienza è il pregiudizio (bias) di conferma. Diamo il benvenuto alle prove a sostegno della nostra teoria preferita; e ignoriamo o manifestiamo dubbi sulle prove che la contraddicono. Tutti noi ci comportiamo continuamente così. Non è, come spesso assumiamo, un problema che affligge solo i nostri avversari. Io lo faccio, noi lo facciamo, ci vuole uno sforzo sovrumano per non farlo. Questo è ciò che mantiene in vita i miti, sostiene le teorie cospiratorie e blocca intere popolazioni alla mercé di strane superstizioni. Bertrand Russell ha fatto notare molti anni fa: “Se a un uomo viene offerto un fatto che va contro i suoi istinti, lui lo scruterà da vicino, e a meno che le prove non siano schiaccianti, egli si rifiuterà di credere. Se, invece, gli viene offerto qualcosa che offre una ragione per agire in accordo con il suo istinto, lui lo accetterà anche con la minima prova”.

Lezione Numero Cinque: tieni d’occhio il pregiudizio di conferma in te stesso e gli altri.

Ci sono stati alcuni ottimi libri su questo di recente: Michael Shermer “Il Cervello Che Crede”, Dan Gardner “Ciance Sul Futuro” e Tim Harford “Adattati” sono esplorazioni del potere del pregiudizio di conferma. E ciò che trovo più inquietante di tutto è la conclusione di Gardner che il sapere non sia una difesa contro di esso, anzi, più si sa, più si cade nel pregiudizio di conferma. Il sapere ti dà gli strumenti per cercare le conferme necessarie per sostenere le tue convinzioni. Gli esperti sono peggiori nel prevedere il futuro rispetto ai non esperti.

Philip Tetlock ha fatto l’esperimento definitivo. Ha raccolto un campione di 284 esperti – scienziati politici, economisti e giornalisti – e 27,450 previsioni differenti e specifiche fatte da loro sul futuro così come atteso, per vedere se si è avverato. I risultati sono stati terribili. Gli esperti non c’azzeccavano meglio di “uno scimpanzé con le freccette”.

Ecco ciò che il Club di Roma ha dichiarato sulla copertina posteriore del grande best-seller “I Limiti dello Sviluppo” nel 1972: “Sarà questo il mondo che i vostri nipoti vi ringrazieranno di aver loro lasciato? Un mondo dove la produzione industriale è scesa a zero. Dove la popolazione ha subito un declino catastrofico. Dove l’aria, mare e terra sono inquinate in modo irrecuperabile. Dove la civiltà è un lontano ricordo. Questo è il mondo secondo le previsioni al computer”.

“La scienza è il credere nell’ignoranza degli esperti”, ha detto Richard Feynman.

Lezione Numero Sei: mai contare sul consenso di esperti riguardo il futuro. Gli esperti sono degni di essere ascoltati sul passato, ma non sul futuro. La futurologia è pseudoscienza.

Sulla base di queste sei lezioni, ora mi accingo ad immergermi in un tema sul quale quasi tutti gli esperti non sono solo fiduciosi di poter predire il futuro, ma assolutamente certi che gli avversari siano pseudoscienziati. È una questione sulla quale in questo momento sono un eretico. Penso che l’opinione dell’Establishment in argomento sia infestata di pseudoscienza.

Il problema è il cambiamento climatico.

 

Fine Prima Parte

NB: Il pezzo da cui è stata tradotta la versione in Italia è un tutt’uno, ma ho preferito dividere in 2 parti, perchè come da sempre sostengo, inserire articoli troppo lunghi stanca i lettori che sono meno invogliati a leggerli.

Hatena Bookmark - L’Eresia Scientifica di Matt Ridley – Parte 1
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

10 pensieri su “L’Eresia Scientifica di Matt Ridley – Parte 1

  1. Impeccabile.
    A mio avviso, basta non perdere di vista il metodo scientifico, proposto per la prima volta da Galileo. Eretico o no, lo studioso che riesce a dimostrare quello che asserisce e a ripetere i suoi esperimenti, è perlomeno degno di attenzione.
    Gli altri, specie quelli che postulano e basta, lasciamoli perdere, le religioni esistono già ed hanno miliardi di fedeli, non occorre inventarne altre.

      (Quote)  (Reply)

  2. Mi piace molto il modo con il quale sono trattati li argomenti ed il tono usato, sono sono pienamente d’accordo su alcuni punti ma la trattazione è ottima.

    Grazie

      (Quote)  (Reply)

  3. In effetti gli eretici non si mettono più al rogo per fortuna … ma gli scienziati-eretici vengono estromessi e relegati … a prodotti di nicchia lasciati senza peer reviewing ovvero vengono bruciati professionalmente.
    Tutto ok … tranne la parte sui vaccini MMR solo per la sfiducia acquisita verso le “Big Pharma”! Infatti comincio ad essere scettico sull’ utililità di alcuni farmaci.

      (Quote)  (Reply)

  4. “Sulla base di queste sei lezioni, ora mi accingo ad immergermi in un tema sul quale quasi tutti gli esperti non sono solo fiduciosi di poter predire il futuro, ma assolutamente certi che gli avversari siano pseudoscienziati. È una questione sulla quale in questo momento sono un eretico. Penso che l’opinione dell’Establishment in argomento sia infestata di pseudoscienza.

    Il problema è il cambiamento climatico.”

    Bella lì…aspetto la seconda parte…

      (Quote)  (Reply)

  5. Scusate, di solito non commento in questo modo ma questo qui a mio parere è un idiota totale. Definire pseudoscienze tutte quelle cose che ha nominato denota la tipica supponenza di chi pensa di essere Dio mentre tutti gli altri sono coglioni. O perlomeno che la sua scienza è l’unica mentre tutte le altre sono mere superstizioni.
    Il problema è che spesso e volentieri le cosidette “pseudoscienze” funzionano molto meglio della scienza ufficiale. Io stesso ne ho avute prove al di là di qualsiasi dubbio per esperienza personale.

      (Quote)  (Reply)

  6. Ivan ora mi lincerete ma sei tu in torto se leggi il mio intervento e metti in moto i neuroni vedrai e forse capirai.
    Prima di tutto ti consiglio di rileggere per bene l’articolo e magari le definizioni di scienza e preudoscienza, dopodiche piantala di ragionare con un bambino che si sente attaccato ed attiva invece il pensiero razionale, fatto?
    Bene tutto quanto scritto nell’articolo è verissimo quelle sono pseudoscienze tutte, ma anche l’autore scrive che spesso non è la scienza a detenere lamragione e che tutti abbiamo almeno alcune credenze eretiche, nell’articolo si mette in luce che la scienza e la pseudotale si scambiano spesso di posto sul chi detiene la verita, la differenza sostanziale è che le preudoscienze non sono sviluppate con metodo scientifico serio, e questo lo dico per esperienza avendo lavorato per un po di tempo con delle persone per discorsi free energy.

    Mi sono rotto completamente degli idioti sia da una parte che da’altra della barricata, visto che non vi dovrebbe essere nessuna barricata e sopratutto i fautori delle pseudo scienze dovrebbero studiare un minimo di piu le basi comini cosi da poter svolgere i loro lavori in una modalita comune e presentarli in un linguaggio comune perche potete anche scoprire i principi primi del moto quantistico ma se non li scrivete in modo che le altre persone che studiano quel campo possano capirvi verrete ignorati e non per sufficenza ma seplicemente perche anche la controparte ha altro da fare e non puo mettersi a decifrare gli scritti.

    Scusate lo sfogo ma in questo periodo mi girano le bolas con i miei professori e anche con altre persone dell’altro lato.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.