L’evidenze solari bocciano l’ennesimo protocollo fuorviante dell’IPCC -1°parte-

Mi giunge notizia che la loggia dell’IPCC sta continuando a propagandare il vangelo apocrifo del “riscaldamento  globale perenne”. Quale migliore occasione quindi, per tutti quei gruppi d’informazione “main street“, che auto-copiandosi informazioni da un sito all’altro, non fanno altro che perpetrare, continuare, propagandare  il rituale pagano, sulle eccessive  emissioni di anidride carbonica.

Eccovi una fra le tante notizie in merito, ripresa dalla rete, che testimonia “ il verbo dell’ IPCC” :

http://www.3bmeteo.com/giornale-meteo/ipcc-+disastri+naturali+sempre+piu-+intensi-54945

La maggior parte di questi eventi, sottolinea il rapporto, non costituisce una semplice aberrazione climatica ma è strettamente legata agli effetti del riscaldamento globale causato dalle attività antropiche, così come predetto dai principali modelli matematici sviluppati dai ricercatori: innalzamento delle temperature atmosferiche e alla superficie degli oceani, così come del tasso di umidità nell’aria, tutti fattori favorevoli a eventi meteorologici estremi.

Secondo l’IPCC: Il rapporto definisce “praticamente certo” (con una probabilità superiore al 99%) un aumento della frequenza e dell’intensità di tali fenomeni su scala globale nel corso del XXI secolo e “assai probabile” (oltre il 90%) che durata, frequenza o intensità delle ondate di calore aumentino nella maggior parte delle regioni, con i picchi di temperatura “probabilmente” (oltre il 66% di probabilità) superiori di oltre 3 gradi alle medie del XX secolo entro il 2050 e di 5 gradi entro il 2100.

Quale migliore occasione quindi per riportare, nuovamente, dopo una moltitudini di ricerche già pubblicate dal nostro Sandr-Rio , dalla mia persona e da molti  altri utenti di questo blog, una serie di ricerche scientifiche  che realizzate da enti, ricercatori, scienziati e altre organizzazioni “no profit”, dimostrano, come l’intero assetto climatico terrestre sia modellato dalle  continue e sincroniche dinamiche astronomiche, planetario-solari.

Iniziamo parlando di uno studio condotto da scienziati dell’Osservatorio di Armagh (Irlanda) dal titolo ” L’influenza del riscaldamento del Sole è sottovalutata “,in questa ricerca si scrive che il Sole è stato il principale regista nel riscaldamento globale negli ultimi due secoli. [ http://news.bbc.co.uk/2/hi/science/nature/1045327.stm ] ” I ricercatori sottolineano che la temperatura media ad Armagh http://it.wikipedia.org/wiki/Armagh  sembra essere correlata  alla lunghezza del ciclo  dell’ attività solare.  Questo ciclo ha una media di 11 anni di durata, ma può variare di pochi anni in entrambi i casi. “Abbiamo scoperto  che diventa più fresco quando il ciclo del Sole è più lungo e che Armagh è più caldo quando il ciclo è più breve, ” ha detto il dottor Butler.  In generale,  più i raggi cosmici raggiungono la Terra, più nubi basse abbiamo. Tuttavia, una maggiore attività solare comporta una riduzione del flusso dei raggi cosmici e una riduzione delle nubi basse. Le nubi basse raffreddano la Terra riflettendo la radiazione solare più indietro nello spazio, quindi un calo della quantità di nubi basse contribuisce al riscaldamento globale.  Una nuvola alta fa il contrario e tende a scaldare la Terra riflettendo più radiazioni infrarosse di nuovo a terra. ” La figura che segue evidenzia lo studio.

Durata del ciclo solare e le temperature a Armagh

La figura seguente mette a confronto le temperature medie annuali degli Stati Uniti con la lunghezza del ciclo solare. [ http://www.uoguelph.ca/ ~ rmckitri / ricerca / intellicast.essay.pdf ]

Lunghezza del ciclo solare e temperatura media degli Stati Uniti

La figura seguente viene da uno studio del 2004 ” Attività insolite del Sole negli ultimi decenni rispetto al precedenti 11 mila anni”, SK Solanki, IG Usoskin, B. Kromer, M. Schüssler, e J. Beer, (Max-Planck-Institut für Sonnensystemforschung  Germania, Osservatorio Geofisico Sodankylä, Finlandia, Heidelberger Akademie der Wissenschaften, Germania,) – (Nature, vol. 431, n. 7012, pp 1084-1087, 28 Ottobre 2004) [ http://www.ncdc.noaa.gov/paleo/pubs/solanki2004/solanki2004.html ] in cui gli autori affermano che ” il livello dell’attività solare nel corso degli ultimi 70 anni è eccezionale  e il periodo precedente dell’attività altrettanto elevato si è verificato più di 8.000 anni fa.  Troviamo quindi che nel corso degli ultimi 11400 anni il Sole  ha evidenziato un livello d’attività magnetica così elevato solo il 10% del suo tempo  e quasi tutti i precedenti,  ad alta attività,  sono stati dei periodi più brevi rispetto a l’episodio attuale.

SSN per la ricostruzione del passato 11.000 anni (blu) con i recenti Misurazioni macchie SSN (rosso)

Uno studio del 2005 sugli effetti della radiazione solare sulle temperature artiche (Presto, WH, “Irraggiamento solare variabile come agente plausibile delle variazioni multidecadali nell’artico a livello di record di temperature superficiali dell’aria, del passato -130 anni-“  Geophysical Research Letters, vol. 32, 2005 [ http://www.agu.org/pubs/crossref/2005/2005GL023429.shtml ] ha dimostrato che esiste una correlazione molto forte tra temperatura e l’irraggiamento solare che con la CO2, come mostrato nella figura seguente.

Correlazione delle temperature artiche con l’irradianze solare (a sinistra) e CO2 (a destra)


 

 

 

 

 

 

 

La figura che segue è stata ripresa da uno studio recente intitolato : ”  Il riscaldamento della superficie del ciclo solare, come rivelato dalla proiezione composita differenzale media” (Charles D. Camp e Ka Tung Kit, Dipartimento di Matematica Applicata, Università di Washington, Geophysical Research Letters, vol. 34, 2007) [ http://www.amath.washington.edu/~cdcamp/Pub/Camp_Tung_GRL_2007b.pdf ] questa ricerca mostra una forte correlazione tra l’irraggiamento solare e la temperatura.  Gli autori affermano:  “la correlazione osservata fra la temperatura superficiale spazialmente filtrata con il ciclo di 11 anni solare è statisticamente significativa e il livello di confidenza è del 99,8%”.  In basso, la figura a destra,  mette a confronto le misure globali di CO2 (al centro) ed a sinistra. La figura, illustra la relativa mancanza di correlazione tra CO2 e temperatura.

 

 

 

 

Anche se il ciclo delle macchie solari è di circa 11 anni,  varia ed è stato generalmente sempre più breve nel corso  dell’ultimo secolo. La  figura seguente mostra le variazioni della temperatura dell’aria sulla terra nell’emisfero nord (linea continua) che sono in forma strettamente legate ai cambiamenti nella durata del ciclo delle macchie solari (linea tratteggiata).  Brevi cicli di macchie solari sono associati a temperature maggiori ed a una più intensa attività solare. Questo suggerisce che l’attività solare è almeno in parte responsabile dell’aumento della temperatura globale nel corso dell’ultimo secolo “(Prof. Kenneth R. Lang, Tufts University [ http://ase.tufts.edu/cosmos/view_picture.asp?id=116 ])

TAVOLA DI CONCORDANZA C di variazione di temperatura per la durata del ciclo delle macchie solari

Il fatto che la correlazione della temperatura con il sole è migliore che con la CO2 indica le carenze dei modelli in essere in grado di spiegare l’influenza solare.  Brevi cicli delle macchie solari generano alti valori massimi,  mentre i lunghi cicli,  sono caratterizzati da deboli attività delle macchie solari. Friis-Christensen e Lassen hanno dimostrato che la stretta correlazione risale al 16 ° secolo [Lassen, K. & Friis-Christensen, E.: ” La  variabilità della lunghezza del ciclo solare nel corso degli ultimi cinque secoli e l’associazione apparente con clima terrestre” , Giornale di Fisica dell’Atmosfera e terrestre, 57 (1995)].

La pagina web del NOAA chiamato “La connessione Sole-Clima”  fornisce la seguente figura (sotto). [ http://www.research.noaa.gov/spotlite/archive/spot_sunclimate.html ] Uno studio condotto da G. Tsiropoula (Osservatorio nazionale di Atene, Istituto per le Applicazioni Spaziali e Telerilevamento, Atene, Grecia) – ” La firma della  variabilità dell’attività solare nei parametri meteorologici “(Journal of Atmospheric e Solar-Terrestrial Physics 65 (2003) 469 – 482) [ ~ http://zeus.nascom.nasa.gov/ bfleck / jastp_publ.pdf ] fornisce un’ulteriore correlazioni regionale tra il sole e SST come mostrato nella figura in basso a destra.  Egli fa l’affermazione ” i processi fisici e / o meccanismi di collegamento per questa associazione non sono ancora chiare … simulazioni GCM attuali non attribuiscono un ruolo speciale alle variazioni d’ingresso solari sui cambiamenti climatici del 20 ° secolo”.  Entrambe queste fonti di riferimento “Reid 1999″, “Reid, GC, 1999 si riferiscono a ‘Variabilità solare e le sue implicazioni per l’ambiente umano’. (. Journal of Atmospheric e Solar Terrestrial Physics 61, 3-14) ” L’andamento della temperatura media globale della superficie del mare e il numero delle macchie solari sono stati quindi riportate di seguito  (Reid, 1999).  Sia il numero delle macchie solari che la lunghezza del ciclo solare sono degli indicatori della quantità di energia solare che la Terra riceve.

La somiglianza di queste curve è la prova che il sole ha influenzato il clima degli ultimi 150 anni

Michele

Hatena Bookmark - L’evidenze solari bocciano l’ennesimo protocollo fuorviante dell’IPCC -1°parte-
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

43 pensieri su “L’evidenze solari bocciano l’ennesimo protocollo fuorviante dell’IPCC -1°parte-

  1. @enzor
    Purtroppo è così, sappiamo come funzionano certe cose nel nostro Paese e non solo da noi.
    Ma dai tempo alla Nina ed alla bassa attività solare di fare il loro lavoro.
    Dai tempo ai ghiacci artici di recuperare estensione e spessore.

    Intanto, rinfrancati con questo:
    http://www.esrl.noaa.gov/psd/enso/mei/ts.gif
    ma soprattutto con questo
    http://www.esrl.noaa.gov/psd/enso/mei.ext/ext.ts.jpg

    in cui si vede come, a periodi relativamente miti (anni 30 e anni 40 del Ventesimo secolo) hanno corrisposto eventi di Nina più deboli e di Nino più forti, seguiti negli anni 50, 60 e metà dei 70 da prevalenza di Nina; da allora hanno prevalso gli eventi di Nino (due in particolare). Ora probabilmente siamo ad una nuova svolta. Ma occorre un po di tempo.

    Pazienta almeno un decennio, spero tu sia abbastanza giovane da potertelo permettere, ma i cambiamenti climatici si avvertono su scala come minimo decadale. A quel punto mi immagino le arrampicate sugli specchi di chi predicava il caldo e si è ritrovato in condizioni diverse.
    Già mi immagino le risate che prevedo ci faremo.

      (Quote)  (Reply)

  2. @sbergonz
    Come dicevo appena sopra, diamo tempo ai veri motori climatici ormai noti (Sole ed ENSO) di fare il loro lavoro. Occorre un po di tempo per apprezzarne gli effetti sulle temperature globali. Dieci anni e poi prevedo che gli autori di quelle email dovranno inventarne di scuse…..

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine