I have a dream ( lo ha già detto qualcuno?)


Dunque ho un sogno; che le menti più brillanti e i politici più lungimiranti di tutte le nazioni della terra, decidessero, vista la situazione di crisi globale del nostro pianeta, di indire una conferenza mondiale per affrontare i problemi della nostra terra (fame, sete, alluvioni, inquinamento, riscaldamento, CO2, disoccupazione, e chi più ne ha più ne metta).
Giungendo alla conclusione che il problema più stringente per la sopravvivenza e lo sviluppo dell’umanità è l’individuazione di una nuova fonte di energia, possibilmente a basso costo, possibilmente pulita, che utilizzi possibilmente materie prime facilmente ed abbondantemente reperibili in qualsiasi parte del globo.
Le fonti di energia fossili sono in esaurimento e molto inquinanti, l’energia atomica da fissione è intrinsecamente molto pericolosa e produce scorie altamente radioattive per millenni, le energie alternative sono, per l’appunto, alternative e, oltre ad essere molto costose, possono essere utili solo in casi particolari e su piccola scala, ma non risolvono il problema dell’energia che deve essere disponibile nella quantità e potenza richiesta in qualsiasi momento.
Dunque sogno che le Nazioni Unite decidessero di unire le risorse umane ed economiche necessarie per cercare di realizzare il sogno della ”Fusione Nucleare” il motore che muove le stelle.
Ho letto un po’ in giro sulla rete che poi non è tanto un sogno, certo è una sfida tecnologica da fare tremare i polsi, ma che potrebbe essere vinta nel giro di 30- 40 anni se sostenuta e finanziata massicciamente a partire dalle nazioni più ricche del nostro mondo.
A quel punto nel mio sogno vedo macchine che vanno ad idrogeno, energia a basso costo per lo sviluppo delle popolazioni più povere della terra, la fine delle ”guerre del petrolio”, ecc.
Nella mia vita ho sempre fatto il ”grafico” non ho una formazione ne scientifica ne tecnica.

Sogno troppo?

Mario

Hatena Bookmark - I have a dream ( lo ha già detto qualcuno?)
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

32 pensieri su “I have a dream ( lo ha già detto qualcuno?)

  1. Mario,
    sognare non e’ mai sbagliato, ma ci si deve rendere conto di cosa si sogna e se il sogna possa o meno diventare realta’.
    Hai elencato una serie di problemi di “vitale importanza” per la nostra civilta’… ma quegli stessi problemi, di per se risolvibili in pochi anni, sono la causa stessa gli uni degli altri… e tutti insieme rappresentano il motivo stesso dell’attuale situazione di crisi che vige su tutto il pianeta.
    Alla base di tutti i problemi c’e’ la volonta’ umana di “comandare” e “conquistare”…. Non ci si accontenta mai, insomma, e pur di raggiungere il proprio sogno, che nel caso di “uno che conta” e’ quello di conquistare il mondo, si e’ disposti a tutto… anche e soprattutto ad impoverire gli altri e a renderli schiavi della loro stessa tecnologia.
    Ecco perche’ ai problemi da te elencati, ovvero fame, sete, alluvioni, inquinamento, riscaldamento, CO2, disoccupazione, ecc…, non c’e’ alcuna soluzione fattibile. Non e’ una questioen di “mancanza di soluzioni”, ma piu’ che altro una “mancanza di volontà”.
    Spesso si e’ detto che “accentrare il potere” faceva diventare piu’ forte quello stato, nazione o societa’ che sia… Ma in questo modo sono nate le “caste”, che in Italia ben conosciamo.
    E cosi’ scopriamo che la fame nel mondo e’ gestita da chi detiene anche il potere economico, nonche’ farmaceutico ed energetico. Idem per quanto riguarda la sete, il lavoro e tutto il resto.
    Le ricchezze di un intero pianeta, popolato da 7 miliardi di persone, e’ in mano ad una ventina di persone. 30 al massimo. E questo provoca non pochi problemi. Sono loro che decidono chi deve stare bene e chi deve stare male… quando, come e perche’. E non ci si puo’ fare nulla.
    In una parola tutto questo si chiama “sistema”. E farne parte ti porta a non poter fare altro che sognare una vita diversa.
    Da anni ripeto che l’unico modo di sopravvivere e’ “uscire dal sistema”… o altrimenti “diventare trasparenti” al sistema.
    Esempi banali possono essere il fatto che non facendo uso smodato di medicine anche per le piu’ semplici stronzate mediche, si evitano tutta una serie di conseguenze che normalmente portano il corpo umano ad un lento e costante deterioramento. Nel mio piccolo sono oltre 20 anni che non prendo la febbre. Sara’ una caso… ma dallo stesso tempo non prendo medicine se non in casi rarissimi. Fortuna? Non lo so… ma conosco altre decine di persone che come me non fanno uso di medicinali ed anche loro non prendono la febbre. Tutto intorno a me invece e’ un ammalarsi continuo…. chissa’ perche’! Eppoi ci sono state le prove che molte malattie e relativi vaccini non erano altro che veicoli di contagio di altre malattie ancora…. “Le case farmaceutiche”, diceva un manager di un grande colosso del settore, “non incontreranno mai crisi”! Ed e’ vero. Quando calano le richieste di medicinali, aumentano le malattie…. 🙁

    Per quanto riguarda l’energia…. Il problema non e’ produrla… ma utilizzarla.
    Come essere umano che si e’ auto-definito “intelligente”, tendiamo a percorrere sempre la via piu’ semplice… non quella piu’ economica o meno dispendiosa (dal punto di vista delle risorse).
    Io abito in Ciociaria, nella Valle del Liri. Sin dall’epoca dei romani, il fiume liri veniva utilizzato come mezzo di trasporto di tronchi d’albero. I romani utilizzavano gli alberi che crescevano nella valle di roveto per realizzare gli alberi delle loro navi. Gli abili taglialegna di Civita d’Antino li tagliavano e li gettavano nel liri, incatenati l’uno all’altro… e li facevano scendere lungo il fiume (c’e’ anche una cascata, ad Isola del Liri)… e li facevano arrivare alla foce del Liri-Garigliano dove venivano presi e trasportati via terra fino al cantiere navale dove erano stati richiesti.
    Oggi un lavoro del genere verrebbe fatto su gomma… consumando una quantita’ di risorse allucinante. E per cosa? Per guadagnare mezza giornata? O piu’ che altro per “dare lavoro” ad una filiera di persone sparse un po ovunque nel mondo? Ha senso tutto cio’?
    Cosa significa “dare lavoro”?
    te lo spiego io in 2 parole: significa fargli perdere tempo a fare un qualcosa che non lo sfama per avere in cambio un pezzo di carta che gli permetta di comprare prodotti che lo sfamano realizzati da chi non si sfama con quei prodotti.
    Ti sembra che suoni male?
    Ebbene… il Brasile e’ uno dei massimi produttori di cereali per l’Europa… ma in Brasile l’uso dei cereali e’ limitatissimo…. Vengono prodotti li’… trasportati fino ai porti, imbarcati su grosse navi, trasportati fino ai porti in Europa, ricaricati su treni e camion e trasportati fino ai centri di lavorazione dove poi il prodotto finale viene ricaricato e trasportato per la distribuzione.
    Il tutto per sfamare le varie decine di milioni di persone che ci sono in Europa.
    E l’Europa, cosi’ facendo, non e’ autosufficiente dal punto di vista alimentare (sin dagli anni ’50 circa).
    Perche’ non produrre il cibo direttamente qui in Europa? (non dico in Italia dove si preferisce cementificare tutto…)
    Perche’ qualcuno, a capo di un “cartello”, ha deciso che produrre in Brasile costa qualche centesimo di euro in meno rispetto alla corrispondente produzione europea. E cosi’ e’ meglio produrre li’. Salvo poi restare senza cibo se viene a mancare il petrolio… 🙁

    Potrei continuare all’infinito ma il concetto credo sia chiaro…

    Non sono quelli i problemi da risolvere….
    …bensi’ quello dello stile di vita…. legato ormai a doppio filo al Dio Denaro.
    Finche’ tutta la nostra vita viene regolata e gestita in base al denaro, non si potra’ mai cambiare nulla. MAI!

    ….e questo perche’, chi “manovra” le fila del Dio Denaro, non vi permettera’ di farlo!

      (Quote)  (Reply)

  2. BERNARDO MATTIUCCI FOREVER!!!! Hai elencato tutta una serie di cose esattissime che ho sempre pensato, e io nel mio piccolo, consapevole di tutto questo cerco di comportarmi di conseguenza evitando nel limite del possibile di finanziare le grandi multinazionali vere detentrici del potere economico e in buona parte politico facendo acquisti mirati, ma tutti gli altri che mi stanno intorno? E’ forse un caso vedere la gente che fa 3 ore di coda davanti ad un negozio della Apple solo per accaparrarsi l’ultima versione dell’Ipod quando basterebbe andarci 3 giorni dopo ad acquistarlo tranquillamente? E lo stesso vale in certi negozi di abbigliamento, solo perchè si tratta di un marchio noto? l’ho visto coi miei occhi, come si può pensare di cambiare le cose col popolo beota e pecorone?

      (Quote)  (Reply)

  3. il tuo sogno è un’utopia. ci sarà probabilmente la terza guerra mondiale o la fine del mondo. sempre a causa nostra.

      (Quote)  (Reply)

  4. Quel popolo, caro Dario, e’ cresciuto ed e’ stato alimentato con le inutilita’ piu’ comuni che gli hanno tolto ogni IDEALE, ogni SOGNO, ogni OBIETTIVO, ogni PERSONALITÀ, ogni IDENTITÀ… e questo e’ il risultato.
    Una volta si viveva in piccoli gruppi molto affiatati…. e tra i vari gruppi c’era cooperazione… Certo, non mancavano le guerre… e quando uno dei piccoli gruppi o anche un singolo, si trovava in difficolta’, era normale per gli altri adoperarsi affinche’ quel singolo o quel gruppo potesse risolvere i propri problemi.
    Oggi invece si e’ tutti IPER-INDIVIDUALISTI e si arriva, specie in zone come la CINA, a camminare sopra i cadaveri senza neanche curarsene… (e’ accaduto diverse volte).
    E come descrivi tu… accade che la gente arriva ad ammazzarsi per accaparrarsi quell’inutile oggetto che per loro, in quel momento, rappresenta la loro UNICA RAGIONE DI VITA.
    Questo, ovviamente, non potra’ mai consentire un rinnovamento tale da portarci alla risoluzione anche di uno solo di quei problemi di cui sopra!

    Cosa fare?
    Seminare nel piccolo…. rendendosi quanto piu’ trasparenti possibile al sistema… e attorniarsi di Amici Fidati con i quali instaurare un rapporto sincero e duraturo… Amici con i quali condividere il bello e il cattivo tempo… e con i quali, soprattutto, prepararsi al peggio.

    Arriveranno giorni in cui i genitori ammazzeranno i figli per togliere loro il cibo… o il contrario.
    Giorni in cui ci si ammazzera’ per il solo fatto di incrociarsi per strada…
    E non sto parlando di un futuro fantascientifico…
    Sto parlando di un futuro nel quale mancheranno CIBO, MEDICINALI, ENERGIA ELETTRICA, RISCALDAMENTO, PACE E TRANQUILLITA’, ecc…. Periodi che potranno “realizzarsi” gia’ nel prossimo futuro… in concomitanza con un inverno particolarmente freddo, in piena guerra e con gli oleodotti e gasdotti chiusi.

    Chi vivra’ vedra’!

      (Quote)  (Reply)

  5. Volevo ringraziare Mario che spero si accorga che il suo articolo è oggi pubblicato, perchè ricco di spunti importanti!

    Simon 😉

      (Quote)  (Reply)

  6. riki :
    appunto!vai a google attività solare, sole macchie solari attività solare oggi

    nn siamo spotless trannquillo, devono ancora ggiornare

    ciao

      (Quote)  (Reply)

  7. ice2020 ottimo articolo sopratutto per gli spunti di discorsi che pota.
    dal mio ambito posso dirti che la fusione nucleare è una brutta gatta da pelare, di esperimenti in merito ve ne sono molti e ci sono centrali sperimentali che stanno per entrare in funzione, ma purtroppo non ancora in grado di produrre sufficiente energia.
    ma sopratutto ci sono metodi molto più pratici e veloci per risolvere il problema energia, primo su tutti risparmiarla e ridurre i consumi inutili che sono il problema principale.

      (Quote)  (Reply)

  8. valerio :
    ice2020 ottimo articolo sopratutto per gli spunti di discorsi che pota.
    dal mio ambito posso dirti che la fusione nucleare è una brutta gatta da pelare, di esperimenti in merito ve ne sono molti e ci sono centrali sperimentali che stanno per entrare in funzione, ma purtroppo non ancora in grado di produrre sufficiente energia.
    ma sopratutto ci sono metodi molto più pratici e veloci per risolvere il problema energia, primo su tutti risparmiarla e ridurre i consumi inutili che sono il problema principale.

    I complimenti vanno fatti all’utente di NIA Mario…

    ciao

      (Quote)  (Reply)

  9. Igor :
    @ab2010
    visti i precedenti (vedi Petroldragon) l’avranno ingabbiato un’altra volta

    Il blog è di nuovo on line. Potrò anche sbagliarmi ma “a naso” mi sembra una buona cosa. Occorre anche considerare la presenza e gli studi del prof. Focardi.
    Nel post ho inserito anche il link allo Spiegel che ne parla criticamente. ciao

    LERN e non fusione fredda:
    http://www.italiamagazineonline.it/archives/14605/rossi-focardi-nasa-conferma

      (Quote)  (Reply)

  10. comincio a pensare che il sole ha grossi problemi,molto seri.L’unico valore che resta su livelli medi e’ il SF,mentre tutti gli altri indici rimangono continuamente bassi. http://www.persicetometeo.com/public/popup/sdo_mid_magnetogram.htm dal magnetogramma si nota uno sfaldamento totale delle AR,k index e X RAY da mesi ormai non raggiungono livelli interessanti.Il solar wind costantemente basso e l’apporto di raggi cosmici e’ altissimo,tale da farmi affermare che questo e’ un solar max solo teorico.L’impatto sul nostro clima e’ zero o quasi. http://www.persicetometeo.com/public/popup/cosmic_rays.htm Di fatto il minimo solare non si e’ mai interrotto.I prossimi mesi (primavera)saranno decisivi.

      (Quote)  (Reply)

  11. ok allora grazie a Mario.

    parlando del reattore di Rossi, è sicuramente un qualcosa costruito bene ma io sono contro l’utilizzo di cose che non si conoscono, quindi prima andrebbero fatti seri studi sul funzionamento e sul sistema migliore per realizzarlo, da quanto detto da rossi il reattore è solo frutto di molte prove e riprove non di teoria e sopratutto lui stesso dice che non si fida a costruirlo diversamente da come provato in quanto non ha idee delle conseguenze ma sopratutto quindi non ha idea di quanto il reattore stesso sia stabile.
    oltretutto si nasconde dietro il dito del brevetto e del segreto industriale per non rivelare la struttura interna ed i componenti cosa che è completamente Ascientifica.

    non metto in dubbio che funzioni almeno per quanto sperimentato, ma non se e conosce neanche il motivo e non si sono fatte tutte le prove del caso per dimostrare che non sia una reazione chimica.

    quindi in definitiva è sicuramente una scoperta importante e che apre molte possibilità ma io ci andrei con i piedi di piombo(per schermarmi da eventuali radiazioni ahahahah) e non in questo modo industriale volto solo al guadagno personale.

      (Quote)  (Reply)

  12. giorgio :

    comincio a pensare che il sole ha grossi problemi,molto seri.L’unico valore che resta su livelli medi e’ il SF,mentre tutti gli altri indici rimangono continuamente bassi. http://www.persicetometeo.com/public/popup/sdo_mid_magnetogram.htm dal magnetogramma si nota uno sfaldamento totale delle AR,k index e X RAY da mesi ormai non raggiungono livelli interessanti.Il solar wind costantemente basso e l’apporto di raggi cosmici e’ altissimo,tale da farmi affermare che questo e’ un solar max solo teorico.L’impatto sul nostro clima e’ zero o quasi. http://www.persicetometeo.com/public/popup/cosmic_rays.htm Di fatto il minimo solare non si e’ mai interrotto.I prossimi mesi (primavera)saranno decisivi.

    Sn sempre più convinto che questo è un “massimo” travestito da minimo!

    prossimi mesi decisivi come affermi te

    ciao 😉

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.