Euro Furto

Blocco del traffico a Milano e targhe alterne a Roma

Come molti sapranno, in questi giorni a Roma c’è stato il blocco del traffico. In poche parole potevano circolare autoveicoli con normativa euro 5 e i motocicli con normativa euro 3 almeno. I limiti erano prestabiliti dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 21 giovedì per le targhe dispari e il venerdì con stessi orari per le targhe pari. Multa per i trasgressori di 155 euro.

In quanto romano mi sento di fare un paio di considerazioni cercando di andare oltre frasi fatte come: “euro 5, solo per farci spendere soldi per comprare macchine nuove”, anche se alla fine il messaggio è quello. Facciamo un paio di calcoli per capire l’entità del fenomeno:
Quello che preoccupa realmente dell’inquinamento nelle grandi città come Roma, Milano, lo sappiamo, sono il monossido di carbonio CO, alcuni idrocarburi ciclici, ossidi di azoto e il temutissimo particolato, cioè varie classi di polveri sottili che a seconda della loro grandezza espressa in micron, possono stanziare nei polmoni e causare problemi respiratori ed essere cancerogeni, oppure possono penetrare nel circolo sanguigno e raggiungere diverse cellule e causare problemi più gravi ancora. Una normativa emanata nel febbraio 2010 stabilisce che questo particolato non deve superare per più di 7 volte in un anno il limite di 50 microgrammi per metro cubo, cioè 50 µg/m³. Gli ossidi di azoto invece preoccupano perché interagiscono con il ciclo fotolitico dell’ossigeno favorendo il ristagno a basse quote di ozono O3, irrespirabile, piùttosto che di ossigeno e causando il cosiddetto smog fotochimico, quello che ci regala tramonti rossi in città. Infine il monossido! di carbonio causa asfissia se in elevate quantità.
Procediamo con i numeri: Roma ha 3 milioni di abitanti circa all’interno del G.R.A. Ci sono 1 milione di motorini, la maggior parte euro 2 o inferiore, e si contano sulle 2 milioni di autovetture che sono per la maggior parte euro 2 o 3, ma poiché il calcolo risulterebbe troppo complesso, dividiamo equamente gli abitanti tra euro 2,3,4 e 5.(http://www.ecoage.it/automobili-italia.htm) Inoltre, calcoliamo che ogni abitante percorre in media 20 km al giorno, media ottenuta considerando che 1 milione di persone usano i mezzi pubblici ( anche quelli inquinano) e non un mezzo privato, e considerando che molte persone percorrono invece anche 40 km al giorno. Non è importante ottenere un numero preciso adesso perché l’importante è la differenza di inquinamento che ottengo da un giorno ordinario e un giorno con blocco delle auto.
½ milione di motorini euro 2 producono: 55 tonnellate di CO al giorno e 800 kg di particolato
½ milione di motorini euro 3 producono: 20 tonnellate di CO al giorno e 500 kg di particolato
250 mila autovetture euro 2 producono: 11 tonnellate di CO al giorno e 400 kg di particolato
250 mila autovetture euro 3 producono: 11,5 tonnellate di CO al giorno e 250 kg di particolato
250 mila autovetture euro 4 producono: 5 tonnellate di CO al giorno e 125 kg di particolato
250 mila autovetture euro 5 producono: 5 tonnellate di CO al giorno e 25 kg di particolato
http://it.wikipedia.org/wiki/Euro_5
TOTALE: in un giorno a Roma ho 107,5 tonnellate di CO al giorno e 2,1 tonnellate di particolato
*Se impedissi la circolazione per un giorno intero i veicoli inferiori a euro 5 per le macchine e a euro 3 per i motorini otterrei in un giorno 25 tonnellate di CO e 0,525 tonnellate di particolato. Un ottimo risultato.
*Con il sistema delle targhe alterne invece ottengo in un giorno 66,25 tonnellate di CO e 1,312 tonnellate di particolato, al quale però vanno aggiunte tutte le persone che si adeguano agli orari di blocco( andando al lavoro prima delle 9, come quasi tutti, e tornando prima delle 16)
In poche parole chi deve muoversi quei giorni si muove uguale, ma lo fa ad orari diversi, perciò la differenza di inquinamento che ottengo con un giorno normale è davvero minima. Il provvedimento di per se sarebbe un ottima iniziativa se fosse applicato per tutti o a targhe alterne ma almeno per 24 ore, mentre per fasce orarie sono inutili. Comincio a pensare che questi blocchi non siano fatti per salvaguardare la salute dei cittadini, e ne ho la conferma da un altro fatto. In un giorno sono state fatte 1800 multe che moltiplicate per 155 euro a testa fanno 279000 euro che vanno a rimpinguare le casse del comune. ( Specifico di NON essere uno scontento cittadino che ha subito una multa.)

Gerrard

Hatena Bookmark - Euro Furto
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

10 pensieri su “Euro Furto

  1. azz ma quando era il blocco ieri ed oggi?
    se è cosi non ho preso la multa solo perche fortunato, ma devo dire che non ho visto neanche pattuglie in giro.
    in ogni caso è vero che le fasce orarie non servono a nulla se non a far trovare più traffico nel già delicato orario compreso fra le 7:30 e le 9 appunto.
    e sicuramente se il problema fosse lo smog si agirebbe meglio sistemando i mezzi pubblici e fornendo un parcheggio serio, coincidente con il capolinea dei mezzi per le persone che fanno i pendolari.

      (Quote)  (Reply)

  2. Vorrei fare una precisazione: il numero di giorni massimi in cui è previsto lo sforamento delle polveri sottili è di 35 giorni in un anno e non solo 7.
    Abito a Bologna e il problema delle polveri sottili è stato affrontato nello stesso modo, o addirittura peggio, di Roma. Attualmente è previsto il solo blocco totale del traffico il giovedì dal 9 gennaio al 31 marzo, provvedimento in atto da diversi anni che non ha portato alcun risultato. Vorrei inoltre far presente che in questo articolo non vengono considerate le polveri emesse dai riscaldamenti, che a Bologna incidono assai più del traffico cittadino sul problema (infatti il provvedimento non a caso è in vigore nel periodo invernale). E anche su questo ci sarebbe molto da dire..(uffici pubblici con 23° e finestre aperte,ospedali idem,per non parlare dei condomini con il riscaldamento centralizzato..ecc.).
    Vorrei concludere facendo presente che le aministrazioni pubbliche non fanno altro che prendere in giro i cittadini (mi trattengo dall’esprimermi in modo più adeguato..), per esempio mentre a Bologna si fanno questi inutili blocchi del traffico, nella stessa città vengono spesi soldi pubblici per tenerla pulita, addirittura ci sono piccoli camioncini dell’Hera (multiutility aggiudicatrice dell’appalto per la pulizia strade e immondizia) che girano spazzolando l’asfalto, nell’intento di filtrare le polveri sottili (così è scritto a caratteri cubitali sulla carrozzeria), peccato che gli stessi addetti alla pulizia strade per pulirle da cartacce varie e affini al posto di usare la scopa come si dovrebbe, usino i soffiatori, con sollevamento imponente (fino ed oltre i quinti piani dei palazzi,e ciò si vede bene nelle strade alberate dove la luce solare filtra tra i rami sotto forma di fasci luminosi in un contesto di ombra) di tutte le polveri sottili e veleni depositati al suolo,e per di più paghiamo tasse salate per tutto ciò. Inutile ogni ultertiore comento.
    Scusate la disarticolazione di questo commento, ma parlare di eurofurto è come scoprire l’acqua fredda (nemeno la calda) non vuole essere un offesa ad un articolo comunque valido ma una sveglia per chi ancora non si è reso conto che in Italia siamo messi davvero male.
    Cordiali saluti a tutti

      (Quote)  (Reply)

  3. Caro Simon.

    E´l´ennesima volta che Michele chiude i commenti di un articolo, solamente quando chi commenta é totalmente in disaccordo con lui e la sua tanto osannata cono”scienza”.

    Il tutto permettendosi di dire che il mio commento é un “DELIRIO DI ONNIPOTENZA”.

    Mi piacerebbe sapere chi tra i due si crede piú onnipotente, dato che a me non é permesso né di cancellare i suoi messaggi né tantomeno di bloccare quello che lui puó scrivere.

    Ora mi chiedo. Questo é un blog giusto? Dove tutti possono scrivere quello che vogliono. Normalmente si potrebbe essere bannati, bloccati o cancellati solamente se il discorso va fuori tema.

    Ma é veramente incivile, pericoloso e permettemi, fascista fare censura in questa maniera.
    Mi dispiace dirlo nuovamente. Ma il blog é diventato uno schifo.

    Distinti saluti.

    Lorenzo

      (Quote)  (Reply)

  4. Quoto Lorenzo.
    In passato mi astenevo dal commentare tali articoli ma si stava un pò tanto sforando la decenza…
    Penso che mi prenderò un lungo periodo di vacanza… diciamo qualche annetto (tanto i cicli solari e il raffredadmento non aspettano certo me 😉 )

    Come ultima segnalazione…
    Andatevi a vedere dove sono arrivati i ghiacci marini attorno alla groenlandia…

    vi allego un paio di link…

    http://www.dmi.dk/dmi/en/chart3_2012-01-11-22-50_colour.pdf

    http://www.dmi.dk/dmi/en/index/gronland/iskort/iskort_-_ostgronland.htm

    http://ocean.dmi.dk/satellite/index.uk.php

    Arrivederci a fra … qualche anno…

    Ciao
    Luca Nitopi

      (Quote)  (Reply)

  5. si come il filtro antiparticolato, che dovrebbe trattenere le particelle inquuinanti più piccole e quindi dannose, ma a quanto sembra funziona “tanto al kilo” .. il suddetto filtro trattiene si le particelle, ma dopo circa 500 Km è saturo e tutto quello che aveva trattenuto viene rilasciato tutto insieme, provocando un forte rilascio di particelle pericolose tutte in una volta e in quantità elevate. Assurdo come si pensi di progettare una roba del genere e approvare il suo utilizzo, solo per vendere e far credere di avere una vettura che rispetti l’ambiente…

      (Quote)  (Reply)

  6. Sinceramente sono un tantino perplesso per la situazione …. Simon è dal 7 che non si sente più e speriamo che non gli sia successo niente, come giustamente osservato da Michele nel post di chiusura dell’articolo precedente….
    Credo che il provvedimento in questione sia stato eccessivo (non volermene Michele 😀 ) anche perchè la discussione, per quanto “calda” non ha mai superato il limite, non ci sono state offese personali o quantomeno io non ne ho rilevate e c’è sempre stato rispetto reciproco tra gli utenti (mio personale punto di vista).
    Non entro nel merito della diatriba anche perchè non sono così ferrato in materia ma invito tutti quanti a riflettere qualche secondo prima di scrivere in risposta al post di qualcun’altro: si può pensarla anche in due modi diametralmente opposti ma credo che sia necessario nutrire lo stesso rispetto per i due punti di vista, che sia il nostro piuttosto che quello del nostro “avversario” nella discussione, giusti o sbagliati che siano…
    Bruno

      (Quote)  (Reply)

  7. O.T. Quando si pubblicano articoli che evocano il caos … é ovvio che poi un pò di caos viene fuori !!
    Meglio sdrammatizzare e non farne un dramma 🙂

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.