Ciclo solare 24 lunghezza e le sue conseguenze di David Archibald

Il ciclo solare 24 è ora arrivato a tre anni e le previsioni sulla data del massimo solare si sono posizionate a metà del 2013.  Jan Janssens ha prodotto questo grafico che predice il massimo a metà del 2013,  cioè 54 mesi dopo il minimo del ciclo solare 23/24, nel dicembre del 2008:

Per tutti quelli che vogliono prevedere il clima,  l’attributo più importante da leggere nel ciclo solare è la sua lunghezza. La maggior parte della curve di proiezione realizzate dalla NASA,  posizionano il successivo minimo tra il 2020 e il 2022. Un minimo solare centrato nel dicembre 2022. Ciclo che  avrebbe una lunghezza di quattordici lunghi anni, che a sua volta renderebbero il clima alle medie latitudini,  nel prossimo ciclo Solare 25, con circa 1,0 ° C più freddo del clima nel ciclo solare 24.

La curva di proiezione della Nasa lascia molto a desiderare, riporto Archibald, ed è anche in ritardo nella progressione del Ciclo Solare 23, la curva ha quindi  una scarsa capacità predittiva.

Richard C Altrock

La curva verde realizzata da Richard C Altrock, http://www.nso.edu/staff/altrock/ sulle emissioni della corona solare suggerisce viceversa che un nuovo strumento predittivo è a nostra disposizione.  L’originale è disponibile qui:
http://www.boulder.swri.edu/ ~ deforest/SPD-sunspot-release/6_altrock_rttp.pdf

Altrock ha osservato che il massimo solare si verifica quando la “corsa ai poli” raggiunge i 76 °. Allora e solo allora i poli magnetici del Sole si invertono nel massimo solare e questa dinamica viene considerata  anche come l’inizio di un nuovo ciclo solare prolungato.
Osserviamo anche che il minimo solare negli ultimi quattro minimi si è verificato quando le emissioni si sono esaurite a 10 °. La latitudine di 10 ° è indicata come la linea rossa sul diagramma. Oltre a ciò,  gli ultimi due cicli solari mostrano che i mesi di minimo possono essere previsti tracciando una linea tra il massimo solare (il punto in cui la corsa ai poli interseca i 76 °) e il punto di esaurimento a 10 °. La maggior parte dell’attività è delimitata da questa linea.


Altrock ha notato che la “corsa ai poli” nel Ciclo Solare 24 è molto più debole e molto più lenta che nei precedenti cicli solari. La linea che ha disegnato interseca i 76 ° a metà del 2013,  in linea con le altre previsioni del massimo solare del ciclo 24.
La forma delle regioni e la loro emissioni suggeriscono anche che il ciclo solare 24 sarà abbastanza esteso. La linea blu di delimitazione del ciclo solare 23, massimo 10 ° di latitudine si incrocia nel 2026, rendendo Ciclo Solare 24 di diciotto anni.
Sarebbe un ciclo solare eccezionalmente lungo. Il ciclo più recente che si avvicinava a questa lunghezza è stato di diciassette anni, dal massimo del ciclo solare 4 al massimo del ciclo solare 5. Prima di questo,  il minimo di Maunder aveva alcuni cicli solari molto lunghi, come interpretato dai dati del C 14:

Sembra che il primo ciclo solare del minimo di Maunder fu anche diciotto anni.

Un ciclo solare di 18 anni sarebbe molto significativo, in quanto sarebbe cinque anni e mezzo più lungo del Ciclo Solare 23.  Con un rapporto esistente fra ciclo solare/ temperatura , Stati Uniti-Canada di 0,7 ° C per ogni anno di durata del ciclo solare, ci aspettiamo un raffreddamento di 3,8 ° C per il prossimo decennio.

L’evoluzione che ci viene proposta, di colore verde da Altrock , diagramma delle emissioni della corona sarà uno strumento predittivo interessante che sarà seguito con un certo interesse.

Tornando nel tema principale che riguarda le proiezioni, direi che ancora troppo presto per indicare , chiarire il trend di questo ciclo Solare 24, con quella tecnica.  Il grafico seguente mostra i dati grezzi mensili per ampiezza e il numero di macchie solari per i cicli solari 5 e 6 (minimo di Dalton) con il ciclo solare 24,  fino ad oggi allineati al mese di minimo.  Per il ciclo solare n° 5 ci sono voluti circa quattro anni per andare avanti,  prima che avesse uno scoppio improvviso e terminasse nei successivi dieci anni.

E ‘ancora un po’ troppo presto per essere certi di come il ciclo solare 24 si formerà nella sua salita.

Fonte : http://wattsupwiththat.com/2012/01/08/solar-cycle-24-length-and-its-consequences/

 

Michele

Hatena Bookmark - Ciclo solare 24 lunghezza e le sue conseguenze di David Archibald
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

12 pensieri su “Ciclo solare 24 lunghezza e le sue conseguenze di David Archibald

  1. Attenzione errore di battitura “Il ciclo solare 24 è ora arrivato HA tre anni ” Correggete e poi eliminate il mio commento altrimenti mi danno dell’arrogante…

    replay
    [thanks]

      (Quote)  (Reply)

  2. Credo che, l’altra conseguenza di un lungo ciclo è che, mentre un ciclo è più basso, forse per essere più lungo, come accade ora, rende inverni più miti , in realtà, come è stato previsto, ma solo dopo a partire dal 2020, quando sia il minimo tra i cicli 24 e 25. Che ne pensi?

      (Quote)  (Reply)

  3. @Adolfo Giurfa
    Già in altre occasioni avevo riportato il mio pensiero. Schiacciato e più lungo di sicuro.
    Il grande interrogativo è sapere quanti cicli ?
    SC25 e stop oppure anche il SC26/SC27. Ivanka Charvatova parla di 80 anni di cicli irregolari.
    Questo però non vuol dire che saranno tutti lunghi minimi.
    Difficile dirlo. Di sicuro ci becchiamo tanta irregolarità EM.

      (Quote)  (Reply)

  4. E’ da tre anni che non si registrava una doccia di protoni così sostenuta e forse oltre…

    Nettamente al di sopra dell’ evento giapponese e di El Hierro e altri…
    Siamo al secondo giorno e continua.

    Data Protons cm2 >1 MeV

    2011 03 08 1.5e+07
    2011 03 09 1.8e+07
    2011 03 10 4.5e+07
    2011 03 11 1.4e+07
    2011 03 12 1.6e+06

    ……
    ……..

    2012 01 22 1.5e+07
    2012 01 23 2.7e+08

      (Quote)  (Reply)

  5. Non dimenticare che: protoni (nuclei di idrogeno) + ozono = acqua, anche, in generale, le cariche positive cercano con passione …. cariche negative in atmosfera, in mare o terra. Con risultati diversi.

      (Quote)  (Reply)

  6. Una cosa Michele nei prossimi giorni ci sarebbe anche quindi la possibilità di fenomeni estremi specie nell’emisfero Nord associati a scariche elettriche intense e visto che siamo in inverno a rovesci o temporali nevosi forti.

    Comunque diramata l’allerta per la potente CME in arrivo sulla Terra:

    http://www.wallstreetitalia.com/article/1309289/alert/grossa-esplosione-solare-un-intensa-nube-plasma-diretta-verso-la-terra.aspx

      (Quote)  (Reply)

  7. :

    Una cosa Michele nei prossimi giorni ci sarebbe anche quindi la possibilità di fenomeni estremi associati a scariche elettriche intense e visto che siamo in inverno a rovesci o temporali nevosi forti.

    No ho dati su questa Franklyn.
    Viceversa possono verificarsi dei disturbi al vortice polare.
    IMF in rapido cambiamento !

    Ricordo la mia ricerca :
    http://daltonsminima.altervista.org/?p=13899

    @ Protoni
    Kevin di Solarham conferma e rincara la dose :

    The solar proton flux continues at high levels. After the CME impacted Earth this morning, it reached even higher (6300 pfu) and is now the largest radiation storm since October 2003.

    FabioDue :

    @danyastoria
    tant’è….magari è solo un picco negativo temporaneo. Basta aspettare qualche ora per verificarlo.

    http://www.spaceweather.gc.ca/data-donnee/sol_flux/sx-5-flux-eng.php
    http://www.spaceweather.gc.ca/data-donnee/sol_flux/sx-4-eng.php

    Aspettiamo conferma con il prossimo aggiornamento delle 22:00 UTC

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.