Movimenti di truppe solari …. non dimentichiamoci di monitorare i buchi coronali

Giornalmente il suddetto e credo anche la maggior parte degli utenti di Nia, è abituata a visionare, controllare l’evolversi di questo anomalo ciclo solare SC24, monitorando costantemente posizione e/o nascita delle macchie solari in relazione all’equatore solare. Mi domando invece, quanti di noi osservano la dimensione, la posizione e il movimento dei buchi coronali ? Pochi credo….
Ecco quindi che l’osservazione che di seguito vi riporto è stata registrata, dal qui presente e dal nostro utente Bruno, “apuano 70“.

In primis, una breve parentesi sulla genesi/evoluzione del ciclo solare ripresa dal nostro e buon vecchio ALE (due suoi vecchi articoli ) e di fondamentale importanza per identificare le future e possibili dinamiche d’inversione di polarità. Ingresso nel ciclo solare SC25.

 http://daltonsminima.wordpress.com/2009/04/14/buchi-coronali-e-ciclo-solare-ce-qualcosa-di-molto-strano-proprio-come-durante-il-minimo-di-maunder/

Le CHs durante i periodi di minimo solare sono generalmente ben confinate sui poli geografici del Sole, solamente in prossimità del massimo solare, quando sta per avvenire l’inversione dei poli del sole, queste si distaccano dai loro poli di origine e iniziano a scendere di latitudine fino a divenire “trans equatoriali” dando vita a un sistema quadripolare per poi proseguire verso il polo di opposto segno.

Ed inoltre : http://daltonsminima.altervista.org/?p=2373

Un ciclo completo di GMF è dunque composto da due cicli di Schwabe. Generalmente il “Sun’s polars Flip” (Ref: “http://science.nasa.gov/headlines/y2001/ast15feb_1.htm“) avviene in coincidenza del massimo del ciclo solare undecennale (di Schwabe), è uno dei punti più delicati del ciclo stesso in quanto il GMF nell’approcciarlo passa da una situazione di dipolo (minimo) a quadrupolo (a poco più di un anno dal massimo) e poi octapolo, il GMF quindi si disgrega definitivamente, uno dei due poli magnetici inverte il segno. Siamo ora nel momento più delicato, la stella ha i due poli geografici con il medesimo segno, entro alcuni mesi l’astro deve necessariamente invertire la polarità dell’altro polo altrimenti il GMF assume una struttura profondamente sbilanciata:

In questa situazione sia l’omega-effect, responsabile dell’interazione elettromagnetica interplanetaria e quindi dell’estensione e della forza dell’eliosfera, sia l’alfa-effect dal quale dipendono le sunspot come durata, grandezza e magnitudo, risultano assai indeboliti: “great minimum arrive”; affermano gli autori.
In  breve, abbiamo osservato una “presunta ed anomala” posizione trans-equatoriale del buco coronale Ch 493, il 13 Gennaio 2012. Vedi immagine sotto riportata :

 

Bruno mi scrive una mail nella quale dice : ” Il nostro ALE credeva che questo fosse il sintomo, tentativo di inversione da parte di uno dei poli che se seguito relativamente a breve dall’altro avrebbe portato all’octapolo e quindi al massimo solare.
A vedere le attuali immagini del sole mi pare di notare più di una somiglianza con il caso descritto ma adesso, a quasi tre anni di distanza, dovremmo essere effettivamente molto più prossimi al massimo anche per la “scienza ufficiale”.
Tutto questo mi porta a pensare che ci troviamo di fronte ad un bivio: o siamo effettivamente in procinto del massimo oppure questo ciclo sta cercando di uscire da una situazione di stallo magnetico che perdura ormai da diverso tempo e le evidenze appena descritte ne rappresenterebbero la prova…”

Sembrerebbe infatti da l’immagine sopra riportata che la Ch 493 abbia tentato di trasferirsi dalla posizione non attiva del Sole (Sud) alla posizione attiva del Sole (Nord). I primi tentativi di inversione ? Immagine del 13 Gennaio 2011, Ch 493

Questa invece è la posizione del buco coronale Ch496 in data 25 Gennaio 2012. Buchi coronali che comunque sembrerebbero innalzarsi sempre di più verso l’equatore solare. Indice di una continua evoluzione di questo ciclo solare SC24.

Da notare che le CH prese in considerazione risultano avere polarità opposte e attualmente dividono il sole in due semisfere praticamente identiche: 0/180° = blu +         180/360° = rosso –


rif:   ftp://solis.nso.edu/synoptic/level3/vsm/www_images/chsm.jpg
Nello specifico in questo grafico è rappresentato  l’andamento della polarità del solar wind  nel corso dell’ultima rotazione,  praticamente in corrispondenza con le CH di cui sopra ( la linea tratteggiata rappresenta il giorno attuale): la cosa interessante è che il sole sembra essere spaccato a metà e che entrambi  i poli hanno invertito la solar wind polarity per ben due volte nel corso dell’ultimo mese….
In conclusione quello che vogliamo dirvi io e Bruno è di monitorare, non solo gli spostamenti delle macchie solari verso l’equatore, ma anche i probabili futuri spostamenti dei buchi coronali.

Michele & Bruno

Hatena Bookmark - Movimenti di truppe solari …. non dimentichiamoci di monitorare i buchi coronali
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

40 pensieri su “Movimenti di truppe solari …. non dimentichiamoci di monitorare i buchi coronali

  1. Bell’articolo anche se un pò difficile per un profano come me…comunque sempre più prove che portano questo sc 24 ad essere qualcosa di veramente nuovo(per noi).

      (Quote)  (Reply)

  2. Grandi i nostri amici Bruno e Michele.Io resto sempre della mia opininione e cioe’ che il Max e’ stato raggiunto in agosto 2011 e non vi e’ stata inversone magnetica quindi non ci resta che attendere… http://daltonsminima.altervista.org/?p=15470&cpage=5#comments questo e’ stato il mio articolo piu’ impegnativo di tutta la storia della mia vita.Spero tanto di averci anche beccato.Comunque il tempo passa e tutto gioca a favore di un grande minimo.

      (Quote)  (Reply)

  3. Approfitto per chiedere se qualcuno ha un link dove si può vedere il solar flux da fine 2008 ad oggi. Del conteggio sunspot non fido per niente…Nia docet

      (Quote)  (Reply)

  4. CharlyNonFasurf :
    Approfitto per chiedere se qualcuno ha un link dove si può vedere il solar flux da fine 2008 ad oggi. Del conteggio sunspot non fido per niente…Nia docet

    il più importante è il solar flux aggiustato che tiene conto della distanza fra sole e terra che varia da inverno e estate penultima riga partendo da sinistra
    ftp://ftp.geolab.nrcan.gc.ca/data/solar_flux/daily_flux_values/fluxtable.txt
    Delle quattro misurazioni ufficiali solo quella delle 20:00 è archiviata come giornaliera.
    delle varie misurazioni a livello globale segui quella di Penticton/Ottawa 2800 MHz Solar Flux
    se sei curioso di dati come me

    ftp://ftp.ngdc.noaa.gov/STP/SOLAR_DATA/

    ftp://ftp.ngdc.noaa.gov/STP/SOLAR_DATA/SOLAR_RADIO/FLUX/Penticton_Adjusted/

      (Quote)  (Reply)

  5. @Andrea B nel primo link ci sono alcune misure sballate come nel 7 marzo 2011 e il 27 gennaio 2012,tutte e tre le colonne…
    Adolfo invece mi salva in corner direttamente coi grafici…altrimenti avrei dovuto mettere i dati in excel….aaaarghhh
    Grazie a tutti !! 😉

      (Quote)  (Reply)

  6. Scusate la domanda forse stupida, non esiste un modo per verificare la posizione e la quantità di CH al tempo del min di maunder?, sarebbe una bella verifica delle possibilità che si hanno sul SC 24

      (Quote)  (Reply)

  7. @fabste2008
    Ciao fabste2008, Le CH sono una scoperta relativamente recente, non si potevano vedere con i semplici telescopi usati nel 1700. Sarebbe stato comunque molto interessante poter fare dei paragoni….. non so se poi sia possibile, magari attraverso altri dati, si può arrivare a ricostruire i dati del passato di questo come di altri indici (ad es. solar flux) che all’epoca non erano misurabili direttamente.
    Bruno

      (Quote)  (Reply)

  8. Un ciclo solare è composto di due cicli di Schwabe.
    Il il polo sud con il suo south coronal hole si sta muovendo verso nord ed ha assunto una forma triangolare (piu o meno) dal polo sino all’equatore.
    Avete presente l’immagine che usa il prof. Hathaway nel suo sc24 prediction?
    Ecco, in quella foto il buco coronale nord polare ha piu o meno la stessa forma che ha quello sud in questo momento.
    E se creare questi buchi coronali triangolari fosse una caratteristica magnetica di quel polo magnetico che costituiva il nord nel sc23 e nel sc24 è il sud.
    Beh alllora, considerato che la foto in questione pare che risalga al periodo di solar max del sc23(primavera 2000) e la somiglianza con la forma del polo sud attuale, ALLORA SAREMMO NEL MASSIMO

      (Quote)  (Reply)

  9. @marcello
    esistono le immagini relative alle CH di quei anni?, tanto per darci una sbirciata?, sarebbe anche bello valutare nei minimi come si comportano i buchi coronali

      (Quote)  (Reply)

  10. fabste2008 :
    @marcello
    esistono le immagini relative alle CH di quei anni?, tanto per darci una sbirciata?, sarebbe anche bello valutare nei minimi come si comportano i buchi coronali

    Purtroppo non lo so, non riesco ad esserti d’aiuto.
    Che la foto in questione risalga a quel periodo lo avevo letto qui su NIA molto tempo fa.

      (Quote)  (Reply)

  11. fabste2008 :
    @marcello
    esistono le immagini relative alle CH di quei anni?, tanto per darci una sbirciata?, sarebbe anche bello valutare nei minimi come si comportano i buchi coronali

    si esistono degli archivi fotografici ad esempio puoi usare il link http://spaceweather.com/
    diciti la data che ti rimanda alla situazione solare del giorno
    credo che anche solen abbia qualcosa di simile partono dal 2001 le prime foto soho credo

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.