E adesso blizzard su l’Italia !

La notizia ….è tornato il vero Inverno ! 

The Great Blizzard of 12 March 1888. New York
The Great Blizzard of 12 March 1888. New York

Siamo alle porte di un nuovo, crudo e violento peggioramento meteo. La dinamica di questa nuova incursione gelida è di natura e caratteristiche pressocchè simili alle precedente.  Una breve cronaca. Nella passata serata abbiamo avuto l’ entrata franca di una veloce ed imponente massa d’aria dalla porta italica ad oriente ed in contemporanea si è formato un profondo minimo barico fra la Francia e la Liguria.

Ci troviamo quindi di fronte ad una nuova ciclo-genesi nel mediterraneo.

Quindi, in queste ore, tutti noi, ci poniamo gli stessi interrogativi :

– Quali saranno le regioni più coinvolte ?

– Le precipitazioni nevose saranno meno copiose dell’evento storico verificatosi  nella passata settimana ?

– Le località più duramente colpite saranno le medesime della passata irruzione ?

Tutti interrogativi che nelle prossime ore troverrano una risposta.

I modelli sembrano un copia-incolla della passata irruzione.  Prime spolverate di neve in Toscana, emilia-romagna e poi il vortice ruoterà per 48h. ed oltre sopra la nostra penisola. Nello sua discesa a sud, molto probabilmente, la capitale sarà nuovamente imbiancata, con accumuli, che si ipotizza, superino in alcune zone i 20cm. !

La proiezione non lascia scampo !

In pole-position in termini di accumuli nivometrici abbiamo nuovamente al primo posto l’emilia-romagna, seguita in questa occasione, sempre secondo i modelli, da tutto l’alto,medio e basso adriatico. In particolare, mi preoccupa molto, la situazione che molto probabilmente si andrà a realizzare nella sopra citata emilia-romagna.

Tutti noi abbiamo osservato tramite i servizi alla televisione o video o immagini riprese dalla rete, il metro e mezzo di neve che si è depositato in alcune province della regione. Che cosa potrà mai succedere se in tali località le precipitazioni dovessero assumere nuovamente i connotati della passata irruzione ? Non dimentichiamoci poi dell’ Umbria del nostro Silvio Cecchini , del molise, dell’abruzzo e di tutte le altre regioni coinvolte in minore o maggiore misura.

Rivolgo quindi un forte appello a tutti gli utenti di Nia per un’attiva e continua segnalazione di tutti quei dati e osservazioni, non solo di natura meteorologica, ma anche cronache di vita quotidiana.

Mi domando, perchè non riportare anche tutte quelle situazioni di pericolo che si potranno andare a verificare nelle proprie città o comuni di residenza nelle prossime ore.

Cerchiamo quindi di trasformiamo Nia in una vera e propria piattaforma di segnalazione e informazione di tutte quelle possibili situazioni di pericolo.

Ed inoltre, questo nuovo ed estremo evento meteo cade in un fine settimana, evitiamo quindi inutili RISCHI o situazioni di PERICOLO, riducendo al minimo gli spostamenti e prendiamo viceversa questa situazione, nel vero senso della parola, come un’ottima occasione per ritrovarsi tutti uniti in famiglia, magari vicino ad un bel camino.

Prima di lasciarvi alle vostre osservazioni e cronache di questo evento, leggo che questa nuova bomba gelida non sarà comunque l’ultima,  infatti i vari modelli stanno già inquadrando una nuova discesa gelida,  artico-marittima a metà della prossima settimana.

Avremo comunque modo e tempo, per sviscerare e analizzare questa ulteriore dinamica, la prossima settimana.

Mi vogliate scusare per la semplicità e la scarsa quantità di dati tecnici riportati in questo post.

Questo è un breve e semplice post che ha il solo scopo di fare da trampolino di lancio alle vostre osservazioni, commenti e cronache locali.

Avanti popolo di Nia, che questo nuovo nowcasting abbia inizio !

 

Michele

Hatena Bookmark - E adesso blizzard su l’Italia !
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

191 pensieri su “E adesso blizzard su l’Italia !

  1. FabioDue :

    @Michele
    In settimana però, ti faccio sapere

    E io che pensavo che tu lo avessi chiesto a me…per la traduzione…
    😆
    Fabio sono 4 paginette e poi immagini e formule.
    In settimana ci sentiamo….Possiamo fare 2 paginette a testa ?

      (Quote)  (Reply)

  2. riguardo ad un ipotetico articolo sul Febbraio 2012 io solo a fine mese sarei libero per poterlo fare.
    però io aspetterei mese finito per farlo.
    altrimenti se lo vuole fare qualcun’altro, io posso dare un mano

      (Quote)  (Reply)

  3. Fabio Nintendo :riguardo ad un ipotetico articolo sul Febbraio 2012 io solo a fine mese sarei libero per poterlo fare.però io aspetterei mese finito per farlo.altrimenti se lo vuole fare qualcun’altro, io posso dare un mano

    Mi sembra giusto, un mese intero.
    Io penso potrei ma il prossimo weekend.

      (Quote)  (Reply)

  4. Non ricordo chi altri disse che intorno al 2015 sarebbe iniziato il lungo periodo di sole spotless. Secondo questo studio, il minimo profondo si toccherebbe nel decennio del 2040. Una ricerca da studiare e approfondire, sicuramente.

      (Quote)  (Reply)

  5. Ho provato a tradurre con Google l’articolo postato da Adolfo Giurfa e sinceramente la traduzione fa un pò schifo. Comunque qualcosa ho capito e i grafici sono molto eloquenti: certo, se c’è qualcuno bravo in inglese che riesce a tradurlo decentemente credo ci farebbe un grande favore, perchè l’articolo mi sembra decisamente interessante oltrechè basato su rilevazioni serie.
    Fra l’altro conferma altre predizioni di un profondo minimo intorno al 2030-2040, basato su altre teorie: vedi minimo di Gleissberg:

    http://www.meteoscienze.it/new-little-ice-age/179-previsione-di-un-profondo-minimo-di-gleissberg-e-raffreddamento-climatico-attorno-al-2030-e-2200
    Per rispondere a Luke73, erano Livingston e Penn che hanno previsto che le macchie solari spariranno entro il 2015!

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.