Ghiacci Marini Artici – Situazione Gennaio 2012

Estensione:

 

 

Anomalia Concentrazione:

 

 

Area:

 

 

Trend Anomalia Estensione:

 

 

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 0.7milioni di kmq di estensione in meno e 0.4 in meno di area.

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 1.0milioni di kmq di estensione in meno e 0.9 in meno di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 1.6milioni di kmq di estensione in meno e 0.3 in meno di area.

 

 

FABIO

Hatena Bookmark - Ghiacci Marini Artici – Situazione Gennaio 2012
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

21 pensieri su “Ghiacci Marini Artici – Situazione Gennaio 2012

  1. FabioDue :
    Calma signori, calma.
    Non occorre litigare per la scienza.
    Le carte che hai postato, Riccardo, indicano in effetti una Corrente del Golfo messa mica tanto bene rispetto ad immagini di qualche anno fa, anzi.
    Tuttavia, qui su NIA se ne era già parlato, l’effetto di un indebolimento della Corrente del Golfo (che è già nei fatti) non è probabilmente così devastante come alcuni pensano. Lo riassumerei come segue:
    1) le correnti, al suolo e in quota, su Canada, Atlantico centro-settentrionale, Europa centro-occidentale, sono in prevalenza da ovest verso est, non a causa della CdG, e anche con una CdG più debole questo difficilmente cambierebbe;
    2) un effetto stimato, ricordo ne avevamo parlato, sarebbe quello di un minore apporto piovoso delle perturbazioni atlantiche, a causa del minore carico di umidità prelevato proprio dalla CdG, più calda dell’Atlantico circostante;
    3) probabile un irrigidimento degli inverni norvegesi, inglesi, irlandesi e francesi dell’ovest, a causa del minore apporto mitigatore della GdG.
    Non ho parlato volutamente di blocco della CdG in quanto si tratta di un tema delicato e tutto da verificare, come faceva notare Riccardo, che attiene alla circolazione oceanica e più in generale agli scambi termici tra tropici e alte latitudini. Insomma, è un po come se la circolazione atmosferica nell’Emisfero Nord divenisse puramente occidentale, senza più risalite calde verso nord e discese fredde verso sud. Andiamoci piano, dunque…..

    per quanto posso capirne, quindi veramente poco, una osservazione la posso fare, l’acqua dolce si congela meglio dell’ acqua salata, se la corrente del golfo porta meno acqua calda verso il polo qualcosa potrebbe anche accadere, non vediamola solo come corrente che mitiga l’aria, ma anche che mitiga l’acqua degli oceani, tutto e in equilibrio da come la vedo, io, certo che da rallentare a bloccarsi ce ne passa

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.