Rubrica attività solare – Febbraio 2012 + Nowcasting impatto CME

Con questo articolo ha inizio la rubrica mensile dedicata all’attività solare. Sarà pubblicata entro i primi 7-10 giorni di ogni mese, per aggiornarvi sull’andamento del ciclo attuale in termini di solar flux e sunspot number, sul comportamento delle macchie in termini di estensione ed intensità e sulle possibili prospettive del ciclo in corso. Si seguirà un approccio lineare e si spera facilmente comprensibile ai più.

 

Introduzione

Confermando e rafforzando la frenata che ha avuto inizio lo scorso dicembre, dopo il massimo (per ora assoluto) di novembre, a febbraio l’attività solare è tornata stabilmente ai livelli dello scorso mese di agosto. Si è dunque del tutto concluso il periodo di maggiore attività autunnale.

 

Solar flux

Il grafico seguente testimonia la brusca frenata in modo inequivocabile.

 

 

In termini generali, il grafico conferma la peculiarità del ciclo 24, rispetto a quelli immediatamente precedenti: è un ciclo “pigro”, con le “marce lunghe”, è l’unico dal ciclo 19 che non sia ancora riuscito a raggiungere la soglia di 200, ampiamente superata da tutti quelli precedenti. Inoltre, negli ultimi mesi si osserva chiaramente la brusca frenata.

Più in dettaglio, nell’ultimo mese la “forbice” tra il valore minimo e quello massimo del solar flux aggiustato è rimasta compresa tra 94,6 (ore 20 del 08/02) e 115,1 (ore 18 del 02/02); negli ultimi dieci giorni la media è stata pari a 103,54 (valori delle ore 20); sembra quindi continuare la tendenza al ribasso!

Sunspot number

Di seguito sono riportati altri due grafici molto eloquenti, relativi rispettivamente al sunspot number mensile (SN) ed al smoothed sunspot number (media mobile del SN su 13 mesi).

 

Nel grafico del SN è evidente il tracollo degli ultimi mesi (il dato del NIA’s è riportato fino a Gennaio 2012).

 

 

Anche la curva del SSN sembrerebbe essere arrivata al culmine dell’ascesa. (anche in questo grafico i dati del NIA’s sono disponibili fino allo scorso mese di Gennaio).

Altri diagrammi

Il cosiddetto “butterfly diagram”, per quanto ancora incompleto nella rappresentazione del ciclo 24 disegna un quadro del tutto coerente a quello tratteggiato sopra: http://solarscience.msfc.nasa.gov/images/bfly.gif

Il ciclo 24 appare già ora vistosamente inferiore a quelli immediatamente precedenti, sia come numerosità che come estensione delle macchie. Attualmente appare paragonabile a cicli come il 12, o addirittura lievemente inferiore.

Per quanto concerne lo stato di avanzamento dell’inversione dei poli solari (o, per meglio dire, il tentativo di inversione http://wso.stanford.edu/Polar.html#latest , si osserva come l’inversione attesa non sia tuttora avvenuta e non appaia nemmeno imminente.

Infine, le immagini “Stereo Behind” attualmente indicano come il lato nascosto del Sole non proponga granchè in termini di regioni attive, perlopiù concentrate nell’emisfero meridionale. Ciò lascia supporre che nel prossimo futuro il grado di attività si manterrà ben distante dai livelli raggiunti lo scorso autunno.

 

Conclusioni

Questo ciclo aveva fornito una parvenza di “normalità” lo scorso autunno, quando la progressione era parsa netta e, per la prima volta dal minimo, continua per qualche mese consecutivo. A febbraio si è tornati esattamente alla condizione precedente. Ciò fa ritenere che il massimo raggiunto a novembre possa addirittura essere quello del ciclo, oppure uno dei due massimi che spesso si sono verificati nei cicli precedenti, tipicamente a distanza di 18-24 mesi. In tal caso, ci può ragionevolmente attendere un periodo relativamente lungo di attività non particolarmente elevata, fino ad un eventuale secondo picco, seguito da un progressivo declino.

Il prossimo mese di maggio si realizzerà una configurazione planetaria che potrebbe stimolare una ripresa dell’attività solare. Per ulteriori dettagli, si rimanda ad un recente articolo di Michele.

Restate sintonizzati per i prossimi aggiornamenti!

 

FabioDue e Apuano70

Hatena Bookmark - Rubrica attività solare – Febbraio 2012 + Nowcasting impatto CME
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

48 pensieri su “Rubrica attività solare – Febbraio 2012 + Nowcasting impatto CME

  1. Simone :

    Questo è il messaggio che ho appena scritto nella sezione Vulcani & Terremoti, ho pensato di postarlo anche qui:

    Buon giorno ragazzi

    Mi collego adesso per vedere gli sviluppi e da segnalare trovo un 7.1 a Vanuatu appena accaduto.

    Fonte EMSC:

    2012-03-09 07:09:55.016min ago 19.08 S 169.72 E 53 7.1 VANUATU

    Michele che ne pensi????

    La risposta sismica non si é fatta attendere, avevo già notato i molti eventi intorno a Mag 5 sempre su EMSC

      (Quote)  (Reply)

  2. Come immaginavo, ieri il vento solare, poco prima di mezzogiorno, è schizzato da circa 470 km/sec sino a 800 km/sec; la densità dei protoni ha superato le 30 unità per cm3…purtroppo tutti i grafici “live” erano fuori uso. Meno male che si è visto dai grafici di SOHO…

      (Quote)  (Reply)

  3. alessandro :

    FabioDue :
    Altri segnali forti sono: la Nina più forte dal 1975, il cambio di segno qualche anno fa della PDO da positivo a negativo.Sono indizi di un probabile cambiamento di scenario, analogo a quello che si verifico negli anni 40, dopo un ventennio relativamente mite.Ma stavolta, a differenza di allora, pare non ci sarà una forte attività solare a frenare il calo delle temperature, anche perchè è terminata da pochi anni…….

    ma se negli anni 40 non c’era il sole al minimo a raffreddare.. chi ha raffreddato quei anni?

    Il raffreddamento fu dovuto, parrebbe, a ragioni “terrestri”: una Nina forte, insieme al cambio di segno della PDO. Peraltro si trattò di un raffreddamento di entità piuttosto modesta, se vedi il grafico NOAA relativo.
    Da ora ai prossimi decenni potremmo assistere a qualcosa di ben più consistente. Molto dipende dal Sole: se è vero che il ciclo 24 è ormai pressochè al suo massimo o addirittura l’ha superato e se è vero che i prossimi cicli saranno ancora più deboli……trai tu le conclusioni 🙂

      (Quote)  (Reply)

  4. @Michele
    appena la 1429 girerà nella parte non visibile, ci sarà un ritorno alla situazione precedente. le due macchie che stanno emergendo da sinistra si stanno gia ridimensionando

      (Quote)  (Reply)

  5. Questo e’ solo l’inizio di un trimeste di ferro e fuoco.Una breve pausa di qualche giorno e poi ripeteranno flares sempre piu’ potenti.In questi tre mesi ci sara’ da aspettarsi di tutto e di piu’.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.