Terremoto M6.7 Vanuatu…. centrata nuovamente la previsione nelle 24h – Update previsione del 10 -

 

Ieri il nostro utente ab2010 scriveva :

http://daltonsminima.altervista.org/?page_id=9506#comment-90515

Se domani si dovesse verificare qualcosa, non penso che si sfioreranno quelle magnitudini perché la Luna non sarà così ‘collaboratrice’. Il 12 lo sarà di più ma le profondità saranno rilevanti (è solo un’ipotesi). Periodi ipotizzati critici: mattino UTC del 09.03.2012; mattino UTC del 10.03.2012; ultime ore UTC dell’11.03.2012; tutte le ore del 12.03.2012. Se domani non si dovesse verificare niente fuori la media allora grande sarà la delusione perché tutti i fattori sono in gioco in questi giorni. @ ab2010 – Update delle ore 21:30 il mattino del 10.03.2012 non è da considerarsi una data particolarmente significativa -.

 

Adesso terremoto a Vanuatu ! Prima magnitudo superiore alla 7 in questo 2012 .

( Update delle ore 10:00 , revisione magnitudo a 6.7 )

http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/usb0008e4z.php

 

Magnitude 7.1 – VANUATU

Questa è Nia dopo tre anni di studio delle correlazioni geologico-astronomiche.  Che gli studi vedano avanti !

Concludiamo questo breve post con l’omaggio al grande lavoro di Raffaele Bendandi.  Al seguente indirizzo web, trovate un vecchio articolo scritto dal nostro Andrea B , su questo straordinario personaggio :

http://daltonsminima.altervista.org/?p=8621

Faenza, 17 ottobre 1893 – Faenza, 3 novembre 1979

Faenza, 17 ottobre 1893 – Faenza, 3 novembre 1979

Michele

 

Hatena Bookmark - Terremoto M6.7 Vanuatu…. centrata nuovamente la previsione nelle 24h – Update previsione del 10 -
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

70 pensieri su “Terremoto M6.7 Vanuatu…. centrata nuovamente la previsione nelle 24h – Update previsione del 10 -

  1. Kjai :
    @John Carter
    La magnitudo è una scala logaritmica per l’energia (http:// it. wikipedia. org/wiki/Scala_di_magnitudo_del_momento_sismico), quindi l’energia di un 6.7 è circa 20 volte l’energia sommata di un 5.6, 5.3 e di 10 terremoti 4.9 (ho fatto un conto a muzzo tanto per avere un’idea). Sempre che la magnitudo che danno su earthquake. usgs. gov sia la magnitudo del momento sismico… Ma anche contando una scala nel logaritmo dell’energia verrebbe che il 6.7 è 4 volte più energetico di quegli altri sommati.
    Quindi credo che il discorso energetico che tu proponi non funzioni…
    ciao
    Kjai

    Grazie Kjai, mi sembra proprio che hai ragione sulla potenza sprigionata! Qualcuno conosce un modo per calcolare con precisione questa energia sprigionata? Sarebbe un riferimento più preciso per valutare il polso sismico del nostro pianeta.

  2. John Carter :

    Kjai :
    @John Carter
    La magnitudo è una scala logaritmica per l’energia (http:// it. wikipedia. org/wiki/Scala_di_magnitudo_del_momento_sismico), quindi l’energia di un 6.7 è circa 20 volte l’energia sommata di un 5.6, 5.3 e di 10 terremoti 4.9 (ho fatto un conto a muzzo tanto per avere un’idea). Sempre che la magnitudo che danno su earthquake. usgs. gov sia la magnitudo del momento sismico… Ma anche contando una scala nel logaritmo dell’energia verrebbe che il 6.7 è 4 volte più energetico di quegli altri sommati.
    Quindi credo che il discorso energetico che tu proponi non funzioni…
    ciao
    Kjai

    Grazie Kjai, mi sembra proprio che hai ragione sulla potenza sprigionata! Qualcuno conosce un modo per calcolare con precisione questa energia sprigionata? Sarebbe un riferimento più preciso per valutare il polso sismico del nostro pianeta.

    La magnitudo esprime l’energia massima.Per quantificare l’energia totale bisognerebbe basarsi sulle letture dei sismografi e convertire le variazioni di ampiezza del grafico in energia.Volendo si potrebbe fare ma non ha tanto senso per avere un “polso sismico” del pianeta, perchè dovresti farlo con tutti i terremoti, anche quelli di magnitudo bassa.
    Comunque parliamo di energie abnormi.
    Il terremoto del 11 marzo in giappone ha liberato una quantità di energia di qualche ordine di grandezza maggiore dell’energia ottenibile dal più potente ordigno nucleare mai realizzato.

  3. Grazie Kjai, mi sembra proprio che hai ragione sulla potenza sprigionata! Qualcuno conosce un modo per calcolare con precisione questa energia sprigionata? Sarebbe un riferimento più preciso per valutare il polso sismico del nostro pianeta.

    Forse non sarà un metodo correttissimo, comunque per valutare l’energia rilasciata nella giornata (nel foglio Excel che conosci) recupero le magnitudo dei dai sismi dal sito USGS (esempio dati dal ’73 al 31/12/2011: http://neic.usgs.gov/cgi-bin/epic/epic.cgi?SEARCHMETHOD=1&FILEFORMAT=6&SEARCHRANGE=HH&SYEAR=1973&SMONTH=1&SDAY=1&EYEAR=2011&EMONTH=12&EDAY=31&LMAG=6&UMAG=10&NDEP1=0&NDEP2=1000&IO1=&IO2=&CLAT=0.0&CLON=0.0&CRAD=0.0&SUBMIT=Submit+Search)

    Poi per ogni giorno sommo i KgTNT equivalenti calcolati a partire da ogni magnitudo con questa formuletta: =(10^MagnitudoSismaX)^(3/2)
    Ciao
    Orfmia

  4. Con la formula (10^magnitudo)^(3/2) suggerita da Orfmia lo scenario viene completamente ribaltato!

    10 marzo ——–>540.076.507 KgTNT
    9 marzo——->11.558.237.061 KgTNT
    8 marzo———->813.608.850 KgTNT
    7 marzo———->878.454.057 KgTNT
    6 marzo———->417.207.732 KgTNT
    5 marzo——–>1.945.925.402 KgTNT
    4 marzo———->765.590.718 KgTNT

    Ciao Orfmia e grazie per avermi rinfrescato la memoria!
    :D

  5. @John Carter

    @Orfmia

    Se posso dire la mia,state facendo un errore metodologico.
    Non si ricava l’energia semplicemente dalla magnitudo.
    Innanzii tutto la magnitudo esprime l’intensità massima del sisma ma tale intensità và scemando durante l’evento.
    Un sisma di magnitudo 4,5 che dura 30 secondi non significa che per 30 secondi sprigioni l’equivalente energia in maniera continua.
    Dovete considerare tutto l’evento e le variazioni della sua intensità.
    Se un terremoto di magnitudo 4,5 dura 30 secondi è capace che liberi più energia di un sisma di magnitudo 5 che dura 3 secondi.

  6. @Fabiox86x

    Hai perfettamente ragione!
    Mi riferivo proprio a questo quando parlavo di limitata correttezza del metodo.
    Il problema è legato all’indisponibilità delle informazioni “a buon mercato” relative alla durata e della magnitudo nel tempo dell’evento.
    Tuttavia in prima aprossimazione ci permette di avere un’idea…..

  7. Orfmia :
    @Fabiox86x
    Hai perfettamente ragione!
    Mi riferivo proprio a questo quando parlavo di limitata correttezza del metodo.
    Il problema è legato all’indisponibilità delle informazioni “a buon mercato” relative alla durata e della magnitudo nel tempo dell’evento.
    Tuttavia in prima aprossimazione ci permette di avere un’idea…..

    ciao Orfmia, puoi dare un’occhiata ai dati che ho postato nella sez. vulcani e terremoti?

  8. 6.8 2012/03/14 09:08:38 40.899 144.923 26.6
    OFF THE EAST COAST OF HONSHU, JAPAN

    Credo che il calcolo dell’energia totale , anche se corretto , non sia necessario e si possa formulare una correlazione dalla semplice analisi dei picchi.. In condizioni normali infatti gli eventi di magnitudo superiore al grado 5 si contano sulle dita di una mano. Il criterio può essere quello che se si superano i 5 o 6 per giorno (meglio se una decina) o se si ha un picco superiore a 6 si può considerare l’evento indicativo.

    Riguardo al picco del 12 III (foglio 4) siamo due giorni oltre. Ma è indubbio che la configurazione planetaria sia stata oggetto di attenzione da chi ha scritto quegli appunti.

I commenti sono chiusi.