E’ tornata la variabilità tutti contenti ! ….un pò meno i meteoropatici.

Quanto ci siamo lamentati in questi anni ragazzi miei. Non è vero ? Anni e anni di ondate di caldo anomalo. Stagioni storpiate, violentate  da un trentennio di cicli solari esplosivi. Eccoci quindi qui ritrovati in questo fine settimana ad affrontare, ombrello alla mano giornate dalla forte variabilità.

In certo senso questo fine settimana potrebbe essere battezzato come un vero e proprio classico fine settimana di mezza stagione, dalle forte tinte primaverili . Una bella alternanza di Sole,  nuvole e temporali pomeridiani sparsi per il mezzo stivale, come non lo si vedeva da molto tempo, tra. Vi dico solo questa, stamane appena alzato, mi sono recato in giardino,  per testare la temperatura, il cielo e cercare di capire sul come vestirmi. Panico !  😯

Con quali vestiti esco ? Cannottiera o maglietta, camicia e maglioncino sopra, solo camicia con giubotto ? Accidenti il Sole sta uscendo, devo fare dei lavori in giardino allora mi metto i pantaloncini …. Poi sudo, ghiaccio mi prendo un bel mal di testa, con raffreddore incorporato !

Aiuto !!!

Sono ancora qui . E non ho ancora deciso che cosa mettermi sopra la mia pelle !  🙂

E poi, signori miei, non oso immaginare come si sentano, in questi giorni, tutte quelle persone che soffrono di “meteropatia“.

http://www.corriere.it/salute/dizionario/meteoropatia/index_card.shtml

La parola meteoropatia è entrata ormai nell’uso comune per indicare quegli sbalzi dell’umore associati al cambio del clima. Ancor prima che questo termine fosse inventato, però, l’acutizzarsi di alcuni dolori è stato sempre associato alla modificazione delle condizioni atmosferiche. Dal punto di vista scientifico, in realtà, deve ancora essere chiarita la reale rilevanza di questo tipo di fenomeni sul nostro stato di salute anche se, per alcune patologie, il rapporto tra condizioni ambientali e sintomi fisici e psicologici è accertato. I dati diffusi dall’Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Firenze dicono che un italiano su quattro è meteoropatico con problemi come insonnia, irritabilità, ansia, depressione, malinconia, cefalea, difficoltà di concentrazione o altri disagi a carico di tutto l’organismo.

Su wikipedia troviamo scritto fra le possibili “cause” :

Indagando gli aspetti fisici della meteoropatia si è visto che la patologia è legata al funzionamento dell’epifisi [1] o dell’ipofisi [2]. Questa ghiandola o più esattamente l’adenoipofisi, il lobo anteriore dell’ipofisi, che produce gli ACTH, il cosiddetto ‘Ormone dello Stress’, non in maniera costante ma in maggiore quantità alla mattina e in minore quantità alla sera, in occasione di eventi climatici caratterizzati specialmente da una diminuzione della temperatura esterna, ne aumenta la produzione, provocando nei meteoropatici irritabilità e nervosismo.

Nello stesso tempo si verifica una diminuzione delle endorfine, le sostanze chimiche di natura organica prodotte dal cervello, dotate di proprietà analgesiche, provocando una diminuzione della sopportazione del dolore con una contemporanea ridotta capacità delle difese immunitarie.

Siamo metereopatici oppure non siamo meteropatici ? C’è il test di Gualtierotti-Tromp !

http://www.alimentazione-salute.com/Salute-e-benessere/metereopatia.html

Vediamo nel dettaglio come funziona il test Gualtierotti-Tromp: in un ambiente regolato a temperatura costante, sui 20-22 gradi, si misura preventivamente la temperatura della mano sinistra (che normalmente si aggira su i 32-34 gradi) e che con un gel refrigerante viene abbassata di circa 10 gradi. Si misura quindi quanto tempo si impiega ad acquisire la precedente temperatura con una serie ripetuta di controlli. Mentre nella norma il tempo di recupero della temperatura iniziale si aggira sui sei minuti, nei soggetti più sensibili al tempo si arriva a dieci minuti. Se, infine, dopo un quarto d’ora, i valori non sono ritornati sui 32 gradi, si è di fronte ad un vero caso di meteoropatia.

In conclusione tante ipotesi scientifiche, tante teorie di sicuro c’è solo una cosa come da più anni sto cercando di trasmettervi : ” Siamo più interconnessi con tutto quello che ci circonda di quanto noi possiamo immaginare ! “

Chiudiamo comunque questo breve capitolo climatico per passare brevemente al nostro sistema solare. Allora cari utenti di Nia, questo fine settimana c’è veramente poco da riportare sotto l’aspetto solare.  I vari link per il monitoraggio dell’attività nel suo complesso le conosciete benissimo tutti quanti. Fronte Terra troviamo tante piccole Ar posizionate in quà ed in là per la nostra stella. I vari indicatori e parametri solari parlano chiaro, non ci sono grosse variazioni da più settimane.

Uno dei più conosciuti e chiaccherati qui su Nia,  il SF, oscilla sistematicamente, fra i 100 e i 130 da più settimane. In conclusione l’attività EM è nel suo complesso è ancora più da minimo che da massimo. Naturalmente troviamo nuovamente l’emisfero sud ancora in netto ritardo rispetto al nord.

Se sinceramente, dobbiamo scrivere o riportare qualcosa possiamo parlare della nuova Ar, posizionata nell’emisfero sud e che sta per affacciarsi fronte Terra ed un’interessante buco coronale (per dimensione e posizione, quasi equatoriale) che a breve girerà fronte Terra. Connessione con la Ch, che inaugurerà una nuova fase scaldante, con la logica e prevedibile tempesta geomagnetica ed a seguire e le possibile ripercussioni geologiche.

Per il resto ( vedi titolo di questo post) tanta e modesta variabilità sia solare che climatica con nessuna fenomenologia significativa da riportare.

Vi auguro quindi signori  miei un sereno fine settimana da trascorrere con fazzoletti alla mano, emicrane, stress, stati emozionali agli estremi e salti d’umore continui .

🙂

P.S.

Dimenticavo….una novità a breve ci sarà …. Venere !. Ho preparato un lavoro diviso in due parti. In settimana il primo capitolo.

Michele

Hatena Bookmark - E’ tornata la variabilità tutti contenti ! ….un pò meno i meteoropatici.
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

29 pensieri su “E’ tornata la variabilità tutti contenti ! ….un pò meno i meteoropatici.

  1. Anch’io sono in mezzo a risaie zanzare e caldo umido che ti attanagliano fin dal mattino abitando nel vercellese non potrebbe essere diverso e non vedo l’ora che torni l’inverno, l’estate mi soffoca in tutti i sensi tant’è che in ferie andrò in Lapponia e chissà che non ne esca qualcosa di interessante dal mio viaggio 🙂

    E poi mi spiegate una cosa com’è possibile che con una +10 sopra la testa si arrivi a 30° e più??

    Ciao e buona domenica a tutti

      (Quote)  (Reply)

  2. Oggi i principali modelli meteo confermano la discesa artica verso l’Europa centrale e le Alpi, tra giovedì e sabato prossimi, ma continuano ad indicare una difficoltà dell’aria fredda a superare la barriera alpina. Vedremo……

      (Quote)  (Reply)

  3. andrew :Anch’io sono in mezzo a risaie zanzare e caldo umido che ti attanagliano fin dal mattino abitando nel vercellese non potrebbe essere diverso e non vedo l’ora che torni l’inverno, l’estate mi soffoca in tutti i sensi tant’è che in ferie andrò in Lapponia e chissà che non ne esca qualcosa di interessante dal mio viaggio
    E poi mi spiegate una cosa com’è possibile che con una +10 sopra la testa si arrivi a 30° e più??
    Ciao e buona domenica a tutti

    Con una +10 ad 850Hpa si può arrivare a 30 gradi se il gradiente termico è molto elevato, cioè se la massa d’aria calda, molto asciutta, presenta notevoli differenze di temperatura con la quota, oppure (forse più frequente) la situazione anticiclonica induca una compressione dell’aria verso i bassi strati, provocando un riscaldamento a livello del suolo.

      (Quote)  (Reply)

  4. danyastoria :

    OT: scusate ma qualcuno sa il motivo di questa nuova fasce scaldante iniziata stamattina?abbiamo raggiunto il livello S1 di tempesta geomagnetica. è passato mica qualche buco coronale nei giorni scorsi?

    Si è originata una CME con onda protonica associata da l’Ar 1492.

      (Quote)  (Reply)

  5. Cmq tornando su l’argomento di questo post, credo che la scienza abbia ancora molte cose da capire ( è chissà se mai le capirà 🙂 ) circa il collegamento volontà-mente-corpo.

    In questi anni di ricerche ho scoperto persone che sono in grado di anticipare (prevedere) sistematicamente i cambiamenti del meteo, oppure persone come Win Hof che gestiscono la termoregolazione del loro corpo a loro piacimento.

    Testate..testate..
    🙂

      (Quote)  (Reply)

  6. Un grande saluto a tutti voi di NIA….volevo introdurre un argomento di cui senz’altro ne avrete sentito parlare e siccome volevo capire se quello che mi è capitato di leggere su un blog fossero enormi strafalcioni oppure no chiedo a voi cosa ne pensate….Il tema al riguardo si chiama HAARP…, sarebbe vero che questo generatore di energia sarebbe in grado di modificare il clima del nostro pianeta e addirittura causare terremoti e tsunami? Ho letto delle cose davvero sconcertanti e mi risulta un pò difficile credere a certe cose pilotate considerando che vengono fatte delle dichiarazioni un pò inquietanti, una specie di macchina da guerra….se qualcuno di voi sa qualcosa in merito…

      (Quote)  (Reply)

  7. Flash di neutroni può prevedere terremoti – Jim
    Berkland supportati
    http://physicsweb.org/article/ne ws/5/2/4
    2-6-1
    Nota – I russi stanno imparando cosa Geologo Jim Berkland scoperto circa 20 anni fa. Ascolta l’intervista più recente di Jim sul 1-30-01 con Jeff nei nostri archivi di programmi per ascoltare l’intero meccanismo spiegato. Sito terremoto eccezionale Jim è http://www.syzygyjob.com

    Terremoti può essere preannunciata da esplosioni di neutroni dalla superficie della Terra e potrebbe anche essere legato al ciclo lunare, secondo i fisici russi. Nikolaj Volodichev e Mikhail Panasjuk Skobeltsyn di Ricerca dell’Istituto di Fisica Nucleare a Mosca notato che il flusso di neutroni dalla crosta terrestre sono aumentati notevolmente durante la luna nuova e la luna piena. Questo è quando le forze di marea che agiscono sulla Terra sono al loro più forte, che potrebbe innescare attività sismica. I ricercatori sono ottimisti che la loro scoperta potrebbe costituire la base di un nuovo sistema per la previsione dei terremoti.

    Volodichev e Panasjuk misurato i livelli di emissione di neutroni nelle montagne del Pamir in Tagikistan – una regione sismicamente attiva, in cui l’indiano e placche tettoniche eurasiatica incontrare – e ha scoperto che hanno avuto un picco a dodici intervalli di un’ora. I ricercatori hanno notato che la variazione di flusso neutronico ha coinciso con le fluttuazioni giornaliere di attrazione gravitazionale della luna. Ciò ha indotto a studiare le raffiche di neutroni quando queste forze di marea sono al loro più grande – cioè, quando il Sole, la Terra e la luna line up – al momento di una luna nuova o luna piena. Volodichev e Panasjuk scoperto che il flusso di neutroni durante questi periodi era di circa dodici volte superiore al livello di fondo. Questo li ha portati a credere che lo stress marea sulla crosta terrestre si apre fessure attraverso le quali i gas radioattivi e le particelle possono sfuggire. Il materiale radioattivo decade rapidamente, le particelle alfa emettitori che contengono neutroni.

    Per sostenere la loro teoria, i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti in 28 anni da ‘anello di fuoco’ del Pacifico – una regione di intensa attività sismica. Hanno scoperto che i terremoti più gravi ha avuto luogo intorno al tempo di una luna nuova o luna piena. “Il nostro lavoro suggerisce che lampi di neutroni e un aumento dell’attività sismica sono strettamente correlate, e sono vincolati dalle forze di marea”, ha detto Volodichev. “La previsione dei terremoti da lampi di neutroni è ancora in fase di sviluppo ma è molto promettente”.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.