Quantificare il declino della temperatura del ciclo solare 24 di David Archibald

Tre ricercatori norvegesi, Jan-Erik Solheim, Kjell Stordahl e Ole Humlum , hanno appena pubblicato un articolo intitolato  “Il lungo ciclo delle macchie solari 23 prevede una significativa diminuzione della temperatura nel ciclo solare 24“.

Il lavoro è disponibile al seguente indirizzo : http://arxiv.org/pdf/1202.1954v1.pdf

Gli autori hanno scoperto una variazioni della temperatura dell’emisfero settentrionale pari a 0,21 ° C per ogni anno di durata del ciclo solare. La più grande risposta nella serie delle temperature che hanno trovato nei loro esami è stata a Svalbard e corrisponde a 1,09 ° C per ogni anno di durata del ciclo solare. Gli autori hanno perfino accreditato me di tale scoperta (riferisce Archibald), identificando questo studio come una nuova branca della scienza. A pagina 6 infatti affermano che Archibald nel 2008 fu il primo a rendersi conto che la lunghezza del precedente ciclo di macchie solari (PSCL) ha un potere predittivo per la temperatura nel prossimo ciclo di macchie solari.

Archibald afferma : “Ho deciso di chiamare questa nuova branca della scienza climatologia solare”, egli afferma, è simile alla cosmo-climatologia di  Svensmark, ma molto più facilmente quantificabile.

Quello che intendiamo per climatologia solare  è quello di prevedere il clima futuro. Il professor Solheim e i suoi co-autori hanno calcolato che il Ciclo Solare 24 durerà circa fino al 2026. Utilizzando il diagramma verde di Altrock della corona delle emissioni, possiamo andare oltre,  a circa il 2040:

http://wattsupwiththat.com/2012/01/08/solar-cycle-24-length-and-its-consequences

L’emissione verde della corona ci dice che il ciclo Solare 24 sarà lungo 17 anni e quindi 4,5 anni in più rispetto al ciclo Solare 23. Utilizzando la relazione trovata da Solheim  e i suoi co-autori. Ciò significa che il declino di 0,63 ° C, per l’emisfero settentrionale, lungo il ciclo solare 24 sarà seguito da un ulteriore calo di 0,95 ° C nel ciclo solare 25. Questo è graficamente indicato, utilizzando la figura 19 dalla carta Solheim :

L’ultima volta che abbiamo assistito a qualcosa di simile era nel decennio 1690-1700. I cattivi raccolti causati dal freddo hanno causato la morte del 10% della popolazione, in Francia, Norvegia e Svezia, il 20% della popolazione di Estonia e un terzo della popolazione della Finlandia.

Come è scritto sopra, il rapporto alle Svalbard è di 1,09 ° C per ogni anno di durata del ciclo solare. Ciò significa che è a capo di una caduta totale della temperatura di 8,2 ° C. La produzione agricola delle Svalbard e il resto dell’isola di Spitsbergen, non saranno però interessate perché non c’è significativa produzione. Il più grande effetto avverrà su alcune delle terre agricole più produttive del Mondo. La lunghezza del ciclo solare in relazione alle temperatura per alcune località negli Stati Uniti nord-est è di 0.7 ° C gradi per anno, che è un buon indicatore per la latitudine degli stati uniti – confine canadese e quindi la cintura del grano nordamericana. Newman nel 1980 ha rilevato che la zona dei cereali si sposta di 144 km per 1,0 ° C di variazione di temperatura. Con la diminuzione di temperatura 5,2 ° C, la zona dei cereali si sposterà 750 km a sud, zona del sole, come illustrato di seguito:

Le prospettive per l’agricoltura canadese è un po ‘più terribile. Mi aspetto che l’agricoltura canadese sarà ridotta alla cattura dei castori, come nel 17 ° secolo.

Solheim e i suoi co-autori notano che  (come si vede nelle figure 6 e 7) la temperatura norvegese e le temperature medie in sessanta stazioni europee, hanno già iniziato a declinare sui valori predetti per il ciclo solare SC24”.

Riferimenti:

Newman, J. E. (1980). Impatti dei cambiamenti climatici sulla stagione di crescita dei cereali nel Nord America. Biometeorologia, 7 (2), 128-142. Supplemento alla International Journal of Biometeorologia, 24 (dicembre 1980).

Fonte : http://wattsupwiththat.com/2012/02/11/quantifying-the-solar-cycle-24-temperature-decline/

Michele

Hatena Bookmark - Quantificare il declino della temperatura del ciclo solare 24 di David Archibald
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

21 pensieri su “Quantificare il declino della temperatura del ciclo solare 24 di David Archibald

  1. Io penso:

    2007-12: primo lieve calo termico rispetto al quinquennio precedente (2002-07)
    2013-15: massimo solare e nuovo evento di Nino…difficilmente le T caleranno..anzi, probabilmente torneranno ad aumentare leggermente
    2015 circa (anno più anno meno): nuovo minimo solare, PDO negativa, AMO in calo…inizio del GC…inizialmente lento, poi più deciso a partire dal 2020 circa

    Il decennio 2011-20 sarà ancora un decennio caldo, anche se a livelli leggermente inferiori del 2001-10…dal 2020 poi calo termico più marcato e intorno al 2030 mi aspetto di tornare in piena media 1971-2000. Se poi si dovesse incorrere in un Maunder si potrà pensare di scendere ancora più in basso

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.