Indici meteo-climatici del mese di Maggio 2012

Introduzione

Di seguito si riportano i principali indici climatici e se ne discute brevemente il significato e le conseguenze sul tempo e sul clima dell’Europa e dell’Italia.

La legenda relativa ai seguenti (e molti altri) indici è disponibile al link http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3, peraltro già riportato nel forum Meteo.

Gli indici: i valori del mese

ENSO (El Niño Southern Oscillation: Niña): +0,706 (indice MEI)

PDO (Pacific Decadal Oscillation): -1,26

AMO (Atlantic Multidecadal Oscillation): 0,200

QBO30 (quasi Biennal Oscillation alla quota di 30Hpa): -22,06

QBO50 (Quasi Biennal Oscillation alla quota di 50Hpa): -1,04

MJO (Madden-Julian Oscillation): non più riportata per il semestre caldo, in quanto di dubbia interpretazione. A tale proposito, si rimanda a specifici articoli di approfondimento, di cui uno già pubblicato.

Commento indici Maggio

– La Nina (ENSO) a maggio, dopo una breve neutralità, ha decisamente cambiato segno anche in zona 3.4, mentre in zona 1+2 si assiste già ad un evento di intensità almeno moderata: http://www.osdpd.noaa.gov/data/sst/anomaly/2012/anomnight.6.25.2012.gif

– La PDO é tornata nettamente negativa, dopo una temporanea risalita. Di seguito è riportato il grafico storico della PDO: http://jisao.washington.edu/pdo/img/pdo_latest.jpeg

– L’AMO si conferma e si rafforza in territorio positivo, ad ulteriore conferma della conclusione dell’escursione in territorio negativo. Di seguito è riportato il grafico storico dell’AMO: http://wattsupwiththat.files.wordpress.com/2011/12/november_2011_amo.jpg

– La QBO30 è in ulteriore netto calo e fa segnare il nuovo minimo di questa fase negativa, avvicinandosi ai minimi storici (-25 /-26).

– La QBO50 è anch’essa calata nettamente e fa segnare il nuovo minimo di questa fase.

In base alle osservazioni ENSO NOAA è ormai presente un Nino moderato nel comparto est, come detto, mentre in quello ovest si sta affermando un Nino debole. Sussiste una certa discrepanza tra i due modelli di previsione NOAA: quello più recente (CFSv2) prospetta un evento di Nino di tutto rispetto, con anomalie persino superiori ad 1,5 gradi, in zona 3.4, nel corso del prossimo autunno; invece il modello “storico” prevede un Nino debole, con anomalie nettamente inferiori ad 1 grado. Il NOAA aveva previsto di dismettere quest’ultimo modello entro la primavera, ma per ora ha deciso di prolungarne l’utilizzo almeno fino ad ottobre. La ragione, presumibilmente risiede nella netta discrepanza con il CFSv2. Per quanto riguarda le anomaliesottosuperficiali di temperatura, il grafico al seguente link http://www.bom.gov.au/cgi-bin/wrap_fwo.pl?IDYOC007.gif , da marzo a giugno le anomalie negative si sono indebolite fino quasi a scomparire, mentre le anomalie  positive permangono, sebbene indebolite ad ovest ma rafforzate ad est. Infine,  riguardo la progressione di questo evento di Nino, occorrerà verificare il  ruolo della PDO, come detto tornata nettamente negativa, che solitamente tende  ad esaltare le fasi dello stesso segno (Nina) ma a moderare quelle di segno opposto (Nino, in questo caso).

Per quanto riguarda, invece, le anomalie di temperatura superficiale nell’Oceano Atlantico, attualmente al largo delle coste spagnole e marocchine vi sono prevalenti anomalie positive. Tuttavia, la presenza di un’anomalia negativa in pieno oceano, in posizione non molto distante da quella occupata nel 2003 (sebbene ora estesa per tutta la larghezza dell’oceano), minaccia di ripetere i “fasti” di quell’estate memorabile, sia pure in tono minore e per un periodo di tempo più limitato (allora si cominciò già all’inizio di maggio). In ogni caso, come testimoniano le vicende degli ultimi due mesi, la situazione si sta tuttora evolvendo verso un nuovo assetto delle anomalie di temperatura. Nessuna meraviglia peraltro, poco dopo il cambio di segno dell’ENSO appena verificatosi, è fisiologico un generale molteplice avvicendamento tra anomalie di segno diverso.

Ad integrazione del comportamento delle anomalie oceaniche di temperatura, si segnala il decorso prima (Maggio) del tutto normale dell’ITCZ http://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/fews/ITCZ/itcz.jpg, che ha visto una netta risalita sopra la media storica. Ciò, unito al comportamento delle anomalie oceaniche in Atlantico, per il momento non lascia molto spazio alle illusioni: nei prossimi giorni e nelle prossime settimane saranno favorite ripetute risalite di aria calda africana.

Infine, il Sole ha tentato una ripartenza ad aprile e nella prima metà di maggio, reiterata all’inizio di giugno, ma ora completamente abortita, fino ad una pressochè totale assenza di macchie (spotless), fatto davvero clamoroso in prossimità del culmine (almeno presunto) del ciclo, ben tre anni e mezzo dopo il suo minimo. Dunque ora più che mai la numerosità, l’attività delle macchie e gli altri parametri di attività solare continuano a non essere davvero consoni ad una fase di massimo o post-massimo.

Prospettive meteo-climatiche – estate

Il passaggio da Nina a Nino ha contribuito inizialmente (prima parte di giugno) a reiterare l’influenza delle perturbazioni atlantiche sull’Europa Occidentale e sull’Italia. Da una decina di giorni, però, lo scenario è cambiato: masse d’aria africana, decisamente calde, si sono fatte strada sul Mediterraneo, verso la Spagna ed anche verso l’Italia, specie al Centro-Sud. Si è trattato della prima vera avvezione africana, che ha segnato un ingresso in grande stile dell’estate tipica degli ultimi 10-15 anni, quando l’anticiclone africano ha spesso sostituito quello delle Azzorre.

Le indicazioni di massima dei principali modelli per le prossime settimane disegnano un quadro non certo rassicurante: ancora molto caldo, in una prima fase (7-10 giorni), anche a causa di un affondo depressionario atlantico verso sud, ad ovest della Spagna, che richiamerà correnti calde verso il Mediterraneo. Poi, forse, l’Anticiclone delle Azzorre prenderà l’iniziativa per ricacciare la depressione verso nord e l’avvezione calda verso sud, portando (forse) almeno qualche scampolo di estate mediterranea “classica”. Ma a questo punto, stando ai modelli, ci troveremmo tra la metà e la fine della prima decade di luglio. Infine, occorre notare una perdurante discrepanza tra GFS ed ECMWF riguardo l’intensità dell’ondata di caldo: il modello americano vede isoterme importanti ma non certo eccezionali; più severa la previsione del modello europeo, che disegna un avvio di luglio davvero rovente per tutta la nostra Penisola.

E dopo? Che cosa dovremmo attenderci? Un’annata del genere non sembra avere precedenti storici perfettamente “calzanti”, almeno negli ultimi 30 anni, in termini di indici teleconnettivi (ENSO, PDO, QBO, ecc.). Tuttavia, un precedente simile (estate 1982) lascia intravvedere la possibilità di un’estate piuttosto calda nella sua prima metà (fino a buona parte del mese di luglio), seguita da un lento e progressivo declino della stagione. Sarà così anche questa volta?

FabioDue

Hatena Bookmark - Indici meteo-climatici del mese di Maggio 2012
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

33 pensieri su “Indici meteo-climatici del mese di Maggio 2012

  1. Riccardo :Comunque consentitemi di fare ancora una volta i complimenti a Fabio per la sua rubrica meteo molto chiara ed efficiente…….

    Grazie 🙂
    Attendo con curiosità (e trepidazione) la prossima puntata della tua serie di articoli sull’estate.

      (Quote)  (Reply)

  2. @ stefano e giacomo
    Io ho provato una sola volta ad accennare alla geoingegneria e mi son ritrovato i commenti cancellati, alla faccia della libera informazione; poi il bello è che ti rispondono persone come federico che non hanno la minima preparazione su quella che è una scienza applicata, applicata! Che c’è di più scientifico di una scienza applicata? E’ evidente che non hanno mai cercato l’infinità di documenti accademici a riguardo, nè le numerose società di tecnologie meteorologiche che vendono servizi di geoingegneria ai governi, nè hanno mai consultato un’enciclopedia militare, nè i trattati che ha firmato l’Italia su queste sperimentazioni e rispondono con assurdità tipo quella del serbatoio grande come un lago non avendo la minima preparazione chimica e fisica, perchè secondo quel genio per creare una scia di quel volume occorrerebbe immettere una quantità di sostanze di un lago ……. Qua se credi che la geoingegneria possa essere uno dei tanti parametri che vanno ad influenzare certe situazioni sei solo un complottista.
    Vorrei che gli scettici scrivessero ai seguenti professionisti: Weather Modification Inc. • 3802 20th Street North, Fargo, ND 58102 • phone: 1-701-235-5500 • fax: 1-701-235-9717 (c’è pure il sito)
    Provate a dirgli che vendono ai governi qualcosa che non esiste 😀 Che poi non siete neanche scettici, perchè uno scettico è dubbioso e fa controlli e verifiche.

      (Quote)  (Reply)

  3. L’articolo è comunque ben fatto. Anche se non nego che mi piacerebbe che una volta fosse trattato seriamente l’argomento tabù e la sua eventuale incidenza su alcune dinamiche meteo.

    PS geologico
    Chi trattò la situazione de El Hierro? Michele? Avete la possibilità di fare un bel articolo previsionale prima che ci sia l’eruzione, e chissà che eruzione. C’è una veloce evoluzione degli eventi, l’allerta è già stata spostata sul giallo. In 3 giorni si dovrebbero superare le 600 scosse, ed i satelliti hanno rilevato un repentino rigonfiamento dell’isola, sia a nord che a sud. Potrebbe essere la volta del Tanganasoca? (spero di no).

      (Quote)  (Reply)

  4. scienzaobsoleta :
    non ho nessun dubbio che queste manipolazioni siano all’ordine del giorno, le vedo quotidianamente in azione, tutto quello che dovrebbe arrivare dall’atlantico viene sistematicamente bloccato e non mi pare abbiamo intenzione di smetterla. Cercare di prevedere il tempo senza tener conto di questi fattori è inutile.

      (Quote)  (Reply)

  5. @scienzaobsoleta
    Se hai uno specifico interesse per un tema, ti invito caldamente a stendere un articolo, completo di riferimenti ed argomentazioni, e chiedere agli amministratori di NIA di pubblicarlo.
    Per quanto riguarda il tema in questione, sinceramente non ne ho alcuna conoscenza, per questo ho evitato di trattarlo. Mi sono limitato ad una trattazione “classica” del meteo e degli indici.
    Lo scopo della rubrica mensile non è quello di approfondire i temi trattati, ma di presentarli e, in un certo senso, “alzare la palla” a chi poi scriverà un testo di approfondimento.

      (Quote)  (Reply)

  6. @Simone
    Scusa Simone, non ti avevo nemmeno risposto.
    Ti ringrazio, troppo buono 🙂
    Spero di fare meglio in futuro, in particolare nel commentare l’andamento degli indici in modo più rigoroso.

      (Quote)  (Reply)

  7. @FabioDue
    C’e’ un bel PDO negativo che lo tiene bene a freno.La zona west e centrale faranno una gran fatica a progredire.E non escludo nemmeno un cambio di segno,anche se difficile.Diciamo Fabio che sara’ probabilmente un autunno-inverno a cavallo tra il neutrale e il NINO debole.Il NINO EST comunque e’ poco favorevole per eventi gelidi in europa.C’e’ tempo comunque….

      (Quote)  (Reply)

  8. giorgio :@FabioDue C’e’ un bel PDO negativo che lo tiene bene a freno.La zona west e centrale faranno una gran fatica a progredire.E non escludo nemmeno un cambio di segno,anche se difficile.Diciamo Fabio che sara’ probabilmente un autunno-inverno a cavallo tra il neutrale e il NINO debole.Il NINO EST comunque e’ poco favorevole per eventi gelidi in europa.C’e’ tempo comunque….

    In realtà è quello che mi aspetto anch’io e che, in un certo senso, ho indicato in rubrica: il NOAA ha prolungato la vita del modello vecchio di previsione (pensavano di dismetterlo in primavera, poi a giugno, ora forse a ottobre). A mio avviso è un segnale che il modello nuovo non da ancora garanzie di affidabilità. Inoltre, concordo con te sul ruolo, noto, della PDO, l’avevo in effetti accennato in rubrica.
    E, guarda caso, quello vecchio vede un Nino debole, quello nuovo uno moderato/forte.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.