Qualcuno riesce a spiegarmi perchè la densità protonica del vento solare è in costante diminuzione ? UPDATE N°2 … by Dr.Leif Svalgaard

Ieri ho trovato il riepilogo (media giornaliera) della densità protonica e varie misurate dal sensore SWEPAM a bordo della sonda ACE.

http://www.srl.caltech.edu/ACE/ASC/DATA/browse-plots/H_den_SWP_daily.gif

Qualcuno sa spiegarmi perchè la densità protonica del vento solare non segue la rampa del ciclo solare SC22,  SC23 o SC24, ma è in costante diminuzione a partire da gli anni 90 ?

No, perchè su wikipeda leggo …

http://it.wikipedia.org/wiki/Vento_solare

Il vento solare è un flusso di particelle cariche emesso dall’alta atmosfera del Sole: esso è generato dall’espansione continua nello spazio interplanetario della corona solare. Questo flusso è principalmente composto da elettroni e protoni con energie normalmente compresi tra 1.5 e 10 keV. Il flusso di particelle mostra temperature e velocità variabili nel tempo e con andamenti legati al ciclo undecennale dell’attività solare.

 

A seguire, curva densità protonica , velocità vento solare e flusso solare a partire dal 1980 (media su rotazione carrington).

 

Rilievo densità protonica dalla sonda ACE.

La relazione fra il vento solare e la densità protonica dello stesso mediata su unarotazione Carrington (27 days) e linea di tendenza.

In sintesi …i flare, l’esplosioni di massa coronale sono sempre presenti, il vento solare si matiene sempre sui 300-500 Km/s. ma perchè la densità sta inesorabilmente diminuendo ?

———————————————————————————————————————————————————————————————————————————

Upadate n°2 del 07/10/2012

Ho inserito l’ulteriore banca dati della densità protonica del vento solare presa dal Goddard’s Space Physics center http://omniweb.gsfc.nasa.gov/

Il risultato riportato in questa nuova traccia evidenzia un minore crollo ( ma continuo e sugli stessi valori del SC23, vedi la linea di tendenza) della densità protonica, rispetto ai dati presi dalla sonda ACE.

L’interrogativo : “Allora, quale delle due banche dati è ERRONEA ?

Grazie all’aiuto del mio amico inglese Roger  Tattersall, del blog Tallbloke’s sono riuscito a contattare il Dott. Leif Svaalgard, in riferimento al “continuo” crollo della densità protonica del vento solare registrato dal sensore SWEPAM anche in questo ciclo solare SC24 .

La risposta non tarda ad arrivare e la possiamo trovate in questa recentissima carta, pubbblicata il 2 Ottobre 2012 :

http://www.agu.org/pubs/crossref/2012/2012EO400001.shtml

Quindici anni di scienza e di studi di meteorologia spaziale

Quindici anni fa, il 25 agosto 1997, la NASA ha lanciato il veicolo spaziale  l’Advanced Composition Explorer (ACE). In funzione per più di un ciclo solare, ACE ha fornito numerosi importanti risultati scientifici e al tempo stesso è diventato una componente essenziale del sistema di monitoraggio dello spazio e una pietra miliare della flotta dei veicoli spaziali che compongono il Grande osservatorio eliofisico. ACE si trova sul lato della Terra rivolto verso il Sole , a circa 1,5 milioni di chilometri di distanza, come 4 volte la distanza dalla Terra dalla Luna. Questo mette ACE ben al di fuori della magnetosfera terrestre e in una posizione ideale per monitorare l’ambiente del vento solare “controvento” della Terra. ACE ha sei spettrometri ad alta risoluzione che misurano la elementare, isotopica, e carica ionica composizione allo stato di ioni di idrogeno al ferro, comprende anche tre particelle e monitor di campo. Uno dei nove strumenti è ormai fuori uso (Solar Energetic Particle Analyzer carica ionica (SEPICA)), e gli altri due sono parzialmente degradati (Solar Ion Composition Spectrometer vento (SWICS) e Solar Wind Electron, Proton, e Alpha Monitor (SWEPAM)); tuttavia, gli altri sei stanno funzionando bene.

La risposta è chiara,  SWEPAM non funziona più correttamente.

Conclusioni :

a) Oltre al flusso solare e il polar field abbiamo due nuovi ed importanti parametri solari : la densità e la pressione protonica forniteci da OMNI web .

b) La denstà protonica del vento solare si manitene sui valori del minimo solare (transizione fra il ciclo solare Sc23 – Sc24).

 

Michele

Hatena Bookmark - Qualcuno riesce a spiegarmi perchè la densità protonica del vento solare è in costante diminuzione ? UPDATE N°2 … by Dr.Leif Svalgaard
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

25 pensieri su “Qualcuno riesce a spiegarmi perchè la densità protonica del vento solare è in costante diminuzione ? UPDATE N°2 … by Dr.Leif Svalgaard

  1. In pratica anche se siamo in pieno massimo solare, il vento solare ha la densità tipica di un minimo. Cambia quindi solamente la velocità. Io non mi preoccuperei tanto il motivo per cui avviene questo ma che probabilmente questo accade quando ci sono cicli molto deboli. Qualche tempo fa su NIA si discuteva sull’apporto energetico del vento solare in termini di energia cinetica (meccanica) . In definitiva la terra “urta” con questo vento solare e in un modo o nell’ altro la terra riesce a deviarne il croso, in questo modo la terra assorbe una parte di questa energia meccanica che probabilmente viene trasferita agli strati superiori dell’ atmosfera. In pratica durante i cicli solari deboli l’ apporto di questa energia é inferiore rispetto a quello che accade durante durante i periodi di forte attività solare, quando il vento solare é molto più concentrato e più “pesante”. Sarebbe interessante calcolare questo apporto e calcolarne la forzante per vedere se può influenzare in qualche modo il clima almeno in teoria. 🙂

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.